Connect with us
Pubblicità

Trento

Palazzo Assessorile a Cles affollatissimo per l’inaugurazione della mostra “La montagna di Eugenio Dalla Fior. Dialogo con l’arte di Mauro Larcher e Gianluigi Rocca”

Pubblicato

-

E’ stata inaugurata sabato 13 “La montagna di Eugenio Dalla Fior. Dialogo con l’arte di Mauro Larcher e Gianluigi Rocca” a Palazzo Assessorile di Cles davanti ad un pubblico numerosissimo, dopo la presentazione avvenuta il 5 aprile scorso (qui l’articolo Presentata a Cles la mostra “La montagna di Eugenio Dalla Fior”)

Aprono la serata gli “Armonici Cantori Solandri” con la rivisitazione di ‘El Notambulo’, canzone ironica del grande cantautore clesiano Carlo Piz, e a seguire un tipico brano di montagna ‘La Pastora’, “Il primo per omaggiare un personaggio molto caro a Cles, ed il secondo in tema con la mostra riguardante la montagna” commenta il capo coro.

Ad accogliere i presenti l’Assessore alla Cultura Avv. Vito Apuzzo, che anticipa un progetto importante riguardante la mostra su Cles che si terrà l’anno prossimo, e ricorda le precedenti mostre a Palazzo Assessorile. Per non dimenticarsi del territorio, la mostra in oggetto, fortemente voluta dal Sindaco di Cles Arch. Ruggero Mucchi, nonchè da tutto l’Assessorato alla Cultura, è rivolta alla montagna, ed al suo cittadino Eugenio Dalla Fior, alla quale venne dedicata la ‘via che va dalla nuova stazione fino a Maiano’ come scritto nel documento recuperato proprio da Vito Apuzzo, che illustra:Dalla Fior visse a Cles dal 1920 fino al 1950 circa, in un’epoca in cui la gente non aveva la pretesa di sapere tutto, come oggi, ma si rivolgeva a figure di riferimento, come il medico, appunto Dalla Fior. Oltre che medico fu una figura importante per l’alpinismo e per l’urbanistica, ed attraverso la sua documentazione fotografica riteniamo sia compito dei giovani portare avanti il ricordo di questo personaggio”.

PubblicitàPubblicità

Lucia Barison, curatrice della mostra, aiutata dalla collaboratrice Laura Paternoster dell’Ufficio Cultura del Comune di Cles, ricorda che Dalla Fior fu anche uno dei fondatori della Susat, la sezione universitaria della Sat, nonchè uno dei primi fotoreporter della montagna. “La mostra è stata allestita come una passeggiata in montagna con vari dislivelli; al pianterreno ad introduzione alcune foto di Dalla Fior, che proseguono al 1° piano con oggetti e documenti dell’epoca; al 2° piano le opere di Mauro Larcher e Gianluigi Rocca, che danno un’interpretazione della montagna materica e personale. Al 3° piano la sessione predisposta da Marcello Nebl, con quadri che vanno da metà dell’ottocento fino agli anni ’50, insieme alle foto di Dalla Fior, dove si possono comparare in particolare alcune vedute di Cles e il loro cambiamento nel corso del tempo” questo il suo commento.

Presente anche Mauro Grazioli, autore, insieme a Cesarino Mutti, del catalogo della mostra e del libro ‘Alpinismo. La montagna di Eugenio Dalla Fior’, il quale spiega il lavoro di collaborazione con la Sat Trentino e la Sat di Riva del Garda, dove Dalla Fior si trasferì per motivi di salute, e dove venne creato e custodito l’archivio dal quale sono estrapolate le foto esposte.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Ricorda ai presenti di come la mostra sia un modo per apprezzare il territorio, la splendide Valli di Non e Sole e le montagne del Trentino, ma soprattutto per valorizzare la figura di Dalla Fior.

Breve intervento di Stella Fava, dell’Associazione ‘Il Sommolago’ di Arco, portavoce del Presidente Prof. Romano Turrini, che sottolinea l’importanza di condividere, fare rete, che significa ‘fare cultura’, come avvenuto in questo caso con la condivisione della documentazione inerente Dalla Fior.

Anche il Dott. Silvio Mucchi, Presidente della Cassa Rurale Val di Non, che ha cortesemente prestato alla mostra il quadro di Gsur, apprezza come il Comune di Cles organizzi sempre eventi di alta qualità, quali la mostra di Dalla Fior, Larcher e Rocca e le loro opere.

Incisive le parole del Sindaco Ruggero Mucchi: “Da tempo il Comune di Cles prova ad investire nella cultura, e le migliaia di presenze collezionate in anni di eventi, dimostra che è stata la scelta giusta. La mostra su Dalla Fior era doverosa. Abbiamo trovato alcune persone che lo hanno conosciuto, e ne sono scaturiti racconti di umanità. Lui ha fatto del bene, ed era amato da tutti. Essere medico allora significava soprattutto tempestività, disponibilità, giorno e notte, in special modo con i bambini, spesso malnutriti, e lui ne era a conoscenza, perciò quando andava a visitarne qualcuno, portava con sè sempre qualcosa da mangiare, e spesso voleva dire salvargli la vita. Ha lasciato un buon ricordo anche per la sua passione per le montagne di tutto il Trentino, ed ha dimostrato questa passione attraverso le fotografie, che oggi ci consentono di vedere quello che lui stava guardando in quel momento. Questa mostra più che commemorazione è l’esempio di amore per la montagna e per i suoi artisti”.

L’artista Gianluigi Rocca esprime il suo apprezzamento verso Palazzo Assessorile: “Adesso, in particolare ai giovani artisti, servono spazi, e questo luogo è speciale, una forte realtà espositiva“.

L’opinione del pittore Mauro Larcher: “Solitamente una mostra personale è quella che più conta per un artista, ma stavolta è diverso, questa per me è una mostra molto speciale. E’ davvero un grande onore esporre i propri lavori a fianco delle opere di Rocca, delle foto di Dalla Fior, ai quadri di Nebl, Bezzi, Perghem Gelmi, Bonacina, Cappello, Wacyk, Gsur”.

Mauro Larcher, Ruggero Mucchi e Gianluigi Rocca

Osserva il coordinatore Marcello Nebl: “All’ultimo piano abbiamo installato opere di proprietà del Comune e di privati che ritraggono Cles, insieme alle foto di Dalla Fior, scatti importanti che dimostrano il cambiamento del paese nel tempo. Con le sue immagini ha documentato cose che non esistono più, come ad esempio il ponte di legno sul Noce che collegava Cles alla Terza Sponda. Castel Cles era preposto a difendere questo attraversamento, ma ha perso il ruolo che aveva legato al ponte. Ecco quindi le immagini di Castel Cles, come i panorami e gli squarci del paese. Cose perse e cambiate, come nei quadri degli artisti bellici della grande guerra Wacyk e Gsur e le fotografie di Dalla Fior che immortalano gli stessi luoghi, ma a distanza di due/tre anni”.

Conclude il Sindaco Mucchi: “Per le esposizioni a Palazzo Assessorile occorre strategia, ma anche ovvietà, come il cercare collaborazioni, tipo per la mostra precedente, ‘Intrecci di seta’, con il Museo Diocesano di Trento, o con il Museo Antropologico dell’Università di Padova per ‘Imago Animi’; ora per la prima volta abbiamo collaborato con la Sat, e la Presidente Anna Facchini ci ha dato subito il suo benestare. Il quadro di Bartolomeo Bezzi è stata una recente acquisizione del Comune, ed è esposto per la prima volta al terzo piano, nell’ambito di questa mostra. La famiglia che lo ha ceduto, sicuramente poteva ricavare molto di più vendendo questo dipinto, ma ha voluto che l’opera fosse del comune, e quindi anche della cittadinanza, ed ora è patrimonio dei clesiani. In merito al pezzo ‘Signore delle Cime’, cantato dagli Armonici Cantori Solandi, è stato composto da Bepi de Marzi, cittadino onorario di Cles, del quale conserviamo lo spartito con dedica che ci ha donato l’anno scorso per il 50° anniversario della creazione del brano. Tornando a Dalla Fior, voglio ricordare che, anche se passò i suoi ultimi anni di vita a Riva del Garda, è sepolto a Cles. Anche Luigi de Campi, altro illustre cittadino, si trasferì a Riva, e anticipo che prossimamente ci sarà una mostra a lui dedicata“.

Tra i presenti ci sono alcuni discendenti del Dott. Dalla Fior, ed il pronipote Giancarlo Dalla Fior (Eugenio, che non aveva avuto figli, era il prozio, cioè fratello del nonno), ringrazia tutti gli organizzatori della mostra per averlo omaggiato con questa mostra.

 

Si ricordano due eventi collaterali a Palazzo Assessorile:

Giovedì 2 maggio ad ore 20,30 presentazione del libro ‘Luciano Debiasi – Il camoscio del Peller: storie e aneddoti della carriera di un nostro campione sportivo’ a cura di Walter Corradini – Serata condotta da Massimiliano Debiasi

Venerdì 31 maggio ad ore 20,30 incontro con Mauro Grazioli, Lucia Barison e Marcello Nebl.

Orari della mostra ed informazioni sul sito del Comune di Cles

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza