Connect with us
Pubblicità

Trento

Palazzo Assessorile a Cles affollatissimo per l’inaugurazione della mostra “La montagna di Eugenio Dalla Fior. Dialogo con l’arte di Mauro Larcher e Gianluigi Rocca”

Pubblicato

-

E’ stata inaugurata sabato 13 “La montagna di Eugenio Dalla Fior. Dialogo con l’arte di Mauro Larcher e Gianluigi Rocca” a Palazzo Assessorile di Cles davanti ad un pubblico numerosissimo, dopo la presentazione avvenuta il 5 aprile scorso (qui l’articolo Presentata a Cles la mostra “La montagna di Eugenio Dalla Fior”)

Aprono la serata gli “Armonici Cantori Solandri” con la rivisitazione di ‘El Notambulo’, canzone ironica del grande cantautore clesiano Carlo Piz, e a seguire un tipico brano di montagna ‘La Pastora’, “Il primo per omaggiare un personaggio molto caro a Cles, ed il secondo in tema con la mostra riguardante la montagna” commenta il capo coro.

Ad accogliere i presenti l’Assessore alla Cultura Avv. Vito Apuzzo, che anticipa un progetto importante riguardante la mostra su Cles che si terrà l’anno prossimo, e ricorda le precedenti mostre a Palazzo Assessorile. Per non dimenticarsi del territorio, la mostra in oggetto, fortemente voluta dal Sindaco di Cles Arch. Ruggero Mucchi, nonchè da tutto l’Assessorato alla Cultura, è rivolta alla montagna, ed al suo cittadino Eugenio Dalla Fior, alla quale venne dedicata la ‘via che va dalla nuova stazione fino a Maiano’ come scritto nel documento recuperato proprio da Vito Apuzzo, che illustra:Dalla Fior visse a Cles dal 1920 fino al 1950 circa, in un’epoca in cui la gente non aveva la pretesa di sapere tutto, come oggi, ma si rivolgeva a figure di riferimento, come il medico, appunto Dalla Fior. Oltre che medico fu una figura importante per l’alpinismo e per l’urbanistica, ed attraverso la sua documentazione fotografica riteniamo sia compito dei giovani portare avanti il ricordo di questo personaggio”.

Pubblicità
Pubblicità

Lucia Barison, curatrice della mostra, aiutata dalla collaboratrice Laura Paternoster dell’Ufficio Cultura del Comune di Cles, ricorda che Dalla Fior fu anche uno dei fondatori della Susat, la sezione universitaria della Sat, nonchè uno dei primi fotoreporter della montagna. “La mostra è stata allestita come una passeggiata in montagna con vari dislivelli; al pianterreno ad introduzione alcune foto di Dalla Fior, che proseguono al 1° piano con oggetti e documenti dell’epoca; al 2° piano le opere di Mauro Larcher e Gianluigi Rocca, che danno un’interpretazione della montagna materica e personale. Al 3° piano la sessione predisposta da Marcello Nebl, con quadri che vanno da metà dell’ottocento fino agli anni ’50, insieme alle foto di Dalla Fior, dove si possono comparare in particolare alcune vedute di Cles e il loro cambiamento nel corso del tempo” questo il suo commento.

Presente anche Mauro Grazioli, autore, insieme a Cesarino Mutti, del catalogo della mostra e del libro ‘Alpinismo. La montagna di Eugenio Dalla Fior’, il quale spiega il lavoro di collaborazione con la Sat Trentino e la Sat di Riva del Garda, dove Dalla Fior si trasferì per motivi di salute, e dove venne creato e custodito l’archivio dal quale sono estrapolate le foto esposte.

Pubblicità
Pubblicità

Ricorda ai presenti di come la mostra sia un modo per apprezzare il territorio, la splendide Valli di Non e Sole e le montagne del Trentino, ma soprattutto per valorizzare la figura di Dalla Fior.

Pubblicità
Pubblicità

Breve intervento di Stella Fava, dell’Associazione ‘Il Sommolago’ di Arco, portavoce del Presidente Prof. Romano Turrini, che sottolinea l’importanza di condividere, fare rete, che significa ‘fare cultura’, come avvenuto in questo caso con la condivisione della documentazione inerente Dalla Fior.

Anche il Dott. Silvio Mucchi, Presidente della Cassa Rurale Val di Non, che ha cortesemente prestato alla mostra il quadro di Gsur, apprezza come il Comune di Cles organizzi sempre eventi di alta qualità, quali la mostra di Dalla Fior, Larcher e Rocca e le loro opere.

Incisive le parole del Sindaco Ruggero Mucchi: “Da tempo il Comune di Cles prova ad investire nella cultura, e le migliaia di presenze collezionate in anni di eventi, dimostra che è stata la scelta giusta. La mostra su Dalla Fior era doverosa. Abbiamo trovato alcune persone che lo hanno conosciuto, e ne sono scaturiti racconti di umanità. Lui ha fatto del bene, ed era amato da tutti. Essere medico allora significava soprattutto tempestività, disponibilità, giorno e notte, in special modo con i bambini, spesso malnutriti, e lui ne era a conoscenza, perciò quando andava a visitarne qualcuno, portava con sè sempre qualcosa da mangiare, e spesso voleva dire salvargli la vita. Ha lasciato un buon ricordo anche per la sua passione per le montagne di tutto il Trentino, ed ha dimostrato questa passione attraverso le fotografie, che oggi ci consentono di vedere quello che lui stava guardando in quel momento. Questa mostra più che commemorazione è l’esempio di amore per la montagna e per i suoi artisti”.

L’artista Gianluigi Rocca esprime il suo apprezzamento verso Palazzo Assessorile: “Adesso, in particolare ai giovani artisti, servono spazi, e questo luogo è speciale, una forte realtà espositiva“.

L’opinione del pittore Mauro Larcher: “Solitamente una mostra personale è quella che più conta per un artista, ma stavolta è diverso, questa per me è una mostra molto speciale. E’ davvero un grande onore esporre i propri lavori a fianco delle opere di Rocca, delle foto di Dalla Fior, ai quadri di Nebl, Bezzi, Perghem Gelmi, Bonacina, Cappello, Wacyk, Gsur”.

Mauro Larcher, Ruggero Mucchi e Gianluigi Rocca

Osserva il coordinatore Marcello Nebl: “All’ultimo piano abbiamo installato opere di proprietà del Comune e di privati che ritraggono Cles, insieme alle foto di Dalla Fior, scatti importanti che dimostrano il cambiamento del paese nel tempo. Con le sue immagini ha documentato cose che non esistono più, come ad esempio il ponte di legno sul Noce che collegava Cles alla Terza Sponda. Castel Cles era preposto a difendere questo attraversamento, ma ha perso il ruolo che aveva legato al ponte. Ecco quindi le immagini di Castel Cles, come i panorami e gli squarci del paese. Cose perse e cambiate, come nei quadri degli artisti bellici della grande guerra Wacyk e Gsur e le fotografie di Dalla Fior che immortalano gli stessi luoghi, ma a distanza di due/tre anni”.

Conclude il Sindaco Mucchi: “Per le esposizioni a Palazzo Assessorile occorre strategia, ma anche ovvietà, come il cercare collaborazioni, tipo per la mostra precedente, ‘Intrecci di seta’, con il Museo Diocesano di Trento, o con il Museo Antropologico dell’Università di Padova per ‘Imago Animi’; ora per la prima volta abbiamo collaborato con la Sat, e la Presidente Anna Facchini ci ha dato subito il suo benestare. Il quadro di Bartolomeo Bezzi è stata una recente acquisizione del Comune, ed è esposto per la prima volta al terzo piano, nell’ambito di questa mostra. La famiglia che lo ha ceduto, sicuramente poteva ricavare molto di più vendendo questo dipinto, ma ha voluto che l’opera fosse del comune, e quindi anche della cittadinanza, ed ora è patrimonio dei clesiani. In merito al pezzo ‘Signore delle Cime’, cantato dagli Armonici Cantori Solandi, è stato composto da Bepi de Marzi, cittadino onorario di Cles, del quale conserviamo lo spartito con dedica che ci ha donato l’anno scorso per il 50° anniversario della creazione del brano. Tornando a Dalla Fior, voglio ricordare che, anche se passò i suoi ultimi anni di vita a Riva del Garda, è sepolto a Cles. Anche Luigi de Campi, altro illustre cittadino, si trasferì a Riva, e anticipo che prossimamente ci sarà una mostra a lui dedicata“.

Tra i presenti ci sono alcuni discendenti del Dott. Dalla Fior, ed il pronipote Giancarlo Dalla Fior (Eugenio, che non aveva avuto figli, era il prozio, cioè fratello del nonno), ringrazia tutti gli organizzatori della mostra per averlo omaggiato con questa mostra.

 

Si ricordano due eventi collaterali a Palazzo Assessorile:

Giovedì 2 maggio ad ore 20,30 presentazione del libro ‘Luciano Debiasi – Il camoscio del Peller: storie e aneddoti della carriera di un nostro campione sportivo’ a cura di Walter Corradini – Serata condotta da Massimiliano Debiasi

Venerdì 31 maggio ad ore 20,30 incontro con Mauro Grazioli, Lucia Barison e Marcello Nebl.

Orari della mostra ed informazioni sul sito del Comune di Cles

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Al via il progetto di ricerca “CareGenius”, la tecnologia digitale al servizio della sanità

Pubblicato

-

Si chiama “CareGenius” ed è un progetto di ricerca che ha l’obiettivo di applicare tecnologie di Natural Language Processing e Intelligenza Artificiale per la realizzazione di strumenti di supporto alle attività sanitarie.

Attraverso l’analisi dei testi della documentazione clinica sarà possibile estrarre informazioni su patologie, diagnosi, terapie e misure biometriche ed impiegarle per fornire al personale medico informazioni sintetiche sulla storia clinica del paziente e sui percorsi clinici applicabili.

E’ al centro di un accordo negoziale sottoscritto venerdì in Provincia fra l’assessore allo sviluppo economico, Achille Spinelli, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e Paolo Stofella, manager della società Exprivia, un gruppo internazionale, con una sede a Trento, specializzato in Information and Communication Technology, ovvero nello sviluppo delle tecnologie digitali.

Pubblicità
Pubblicità

Con l’accordo, che prevede un finanziamento da parte della Provincia pari 1.398.328 euro, la società si impegna a mantenere l’unità operativa produttiva in Trentino per un periodo di 10 anni dalla data di ultimazione del progetto di ricerca, ad utilizzare i risultati ottenuti, nonché gli impianti prototipali nell’unità operativa trentina e a svolgere in provincia di Trento l’attività produttiva di beni o servizi connessi allo stesso progetto fino a cinque anni dalla sua conclusione.

Sul fronte occupazionale, Exprivia si impegna a portare il numero di dipendenti (ULA) della sede di Trento dagli attuali 18 a 23 entro il 2021 e a mantenere tale livello fino al 31 dicembre 2023.

I risultati della ricerca verranno, inoltre, messi disposizione del Servizio sanitario provinciale (Dipartimento Salute e politiche sociali della Provincia e APSS) a supportare le funzioni di governo e di analisi epidemiologica e di ricerca coerentemente con le strategie provinciali in materia. Infine, Exprivia si impegna garantire entro il 2022, il tutoraggio e l’ospitalità di almeno 6 tirocinanti, nell’ambito del programma “Garanzia Giovani”.

Il progetto prevede la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione dell’Università di Trento e della Fondazione Bruno Kessler per gli ambiti di ricerca tecnologica, del Dipartimento Salute e Politiche Sociali e di APSS per gli aspetti clinico-sanitari.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Comparto pubblico: in settimana confronto con i sindacati confederali

Pubblicato

-

È stato fissato per questa settimana un incontro in Provincia con le organizzazioni sindacali confederali con le quali si affronterà il tema del rinnovo dei contratti per il periodo 2019-2021 dei comparti del pubblico impiego provinciale (autonomie locali, scuola, sanità e ricerca). Nella stessa logica si affronterà anche il settore trasporti.

Nell’annunciarlo, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti spiega che l’incontro è finalizzato alla condivisione di un percorso che, iniziando nel 2019, possa, nel medio periodo, superando la logica della vacanza contrattuale, garantire la salvaguardia del potere di acquisto dei lavoratori il cui ruolo viene riconosciuto importante nelle dinamiche sempre più complesse che l’intero sistema trentino è chiamato ad affrontare per vincere le sfide della competitività e dello sviluppo del nostro territorio.

L’ultima stagione di rinnovo contrattuale si riferisce, per il comparto delle autonomie locali e della scuola, al periodo 2016-2018, dopo un blocco dovuto alle politiche di contenimento della spesa pubblica che si è protratto dal 2009 al 2015. Alla richiesta dei sindacati di procedere subito all’apertura della trattativa la Giunta risponde con la disponibilità a valutare i meccanismi con cui affrontare tale esigenza in coerenza con le attuali disponibilità finanziarie, chiuse le “code” ancora aperte sull’appena trascorso triennio contrattuale.

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Disabilità e riabilitazione: la giunta incrementa le risorse con altri 623 mila euro

Pubblicato

-

Rafforzare e rendere più efficaci i servizi socio sanitari nelle aree della disabilità, della riabilitazione e della salute mentale.

Questo l’intento di una delibera approvata dalla Giunta provinciale su proposta dell’assessore Stefania Segnana con la quale vengono apportate alcune modifiche ai servizi offerti dalle strutture sul territorio.

“L’azione di vigilanza e di monitoraggio – commenta l’assessore Segnana – ha fatto emergere la necessità di apportare alcuni accorgimenti che ci permettano di migliorare l’offerta proposta, tenendo in considerazione i bisogni dei pazienti e delle famiglie, in un settore estremamente importante per la sanità trentina, viste le sue forti implicazioni sociali”.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco, in sintesi, quanto stabilito dal provvedimento:

Centri residenziali per disabili – Vengono incrementate le tariffe riconosciute dalla Provincia ai tre centri (Nuova Casa Serena, Villa Maria, APSP Levico Curae), per i servizi residenziale e sollievo, rimaste pressoché invariate dal 2011, definendo i seguenti obiettivi:

– valorizzare attraverso percorsi formativi ed incrementare le risorse umane presenti nelle strutture

– implementare a favore degli ospiti azioni di tipo terapeutico-occupazionale (ad esempio attività di agricoltura sociale) volte al soddisfacimento di bisogni come la riabilitazione e l’inserimento lavorativo rivolto a persone in particolari situazioni di svantaggio e difficoltà.

Pubblicità
Pubblicità

Al riguardo, il finanziamento della Provincia viene incrementato di euro 622.526 portandolo complessivamente a 13.003.526 euro.

Centri socio riabilitativi – Con il provvedimento si riconoscono alla struttura “Il Quadrifoglio”, un nuovo nucleo specialistico gestito da Anffas Trentino onlus per bambini e ragazzi in età scolare con grave disabilità, le spese riconducibili alla fase di avvio del centro, compreso il costo del personale, per un importo massimo pari a euro 229.000. Ciò in conseguenza del fatto che nel corso del 2018 sono emerse alcune problematiche impreviste che hanno rallentato l’inizio delle attività.

Nell’ottica di un miglioramento continuo del sistema di erogazione di prestazioni di specialistica ambulatoriale in ambito riabilitativo, vengono modificate le voci del nomenclatore tariffario provinciale in relazione all’attività svolta dalla Cooperativa Sociale AbC IriFor del Trentino, relative alla branca “Oculistica”. In particolare, vengono modificate le voci delle prestazioni codificate nel nomenclatore tariffario relative ai tempi di erogazione da parte dei singoli professionisti e al numero di prestazioni ripetibili in corso d’anno. Ciò rende la descrizione delle attività previste per ogni singola voce aggiornata a quanto effettivamente erogato dall’ente accreditato.

Strutture psichiatriche, terapeutiche e riabilitative – Vengono definite le tariffe di remunerazione dei servizi erogati dalle due strutture di Pergine Valsugana gestite dalla Fondazione Opera S. Camillo. Nel corso del corrente anno si è  registrato da parte di APSS un aumento di fabbisogno, che ha portato a raggiungere livelli di occupazione molto elevati. Considerato che il finanziamento è stato definito tenendo conto dei tassi di occupazione in linea con gli anni passati, si propone di riconoscere alla due strutture, qualora il trend degli invii venisse confermato, un importo massimo pari a euro 43.600.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza