Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Liceo Rosmini Rovereto: «Corti Collettivi» diventa un libro

Pubblicato

-

I racconti Corti collettivi nascono da una idea semplice, ovvero si può scrivere insieme, a più mani, dentro la propria scuola, senza che un racconto sia associato necessariamente ad una identità o ad una storia autobiografica.

Si può scrivere facendo convergere, e il più delle volte divergere, gusti di letture passate e presenti, sensibilità estetiche, immaginazioni estemporanee, frammenti di parole rubate anche all’immediato istante prima di cominciare la discussione collettiva.

Gran parte della scrittura è nata, infatti, da riflessioni animate, e sempre comuni, tra i componenti dei Corti, su una parola che non rendeva l’immagine voluta, sull’incomprensione siderale che un passaggio suscitava negli ascoltatori, molto più spesso sul destino dei personaggi creati.

Pubblicità
Pubblicità

«E adesso, come andare avanti?». Una volta creati lo sfondo operativo della discussione e lo spirito collettivo adatto alla scrittura, insomma, dato il via all’immaginazione, i Corti si sono affezionati ai loro personaggi, agli oggetti e agli ambienti che lentamente prendevano corpo.

Scrivere questi racconti ha richiesto ai ragazzi di due classi del Liceo Rosmini di Rovereto spirito di condivisione, precisione, empatia con i segni dell’universo letterario, nonché una buona dose di fatica e coraggio.

Pubblicità
Pubblicità

I sette racconti sono tutti legati da alcune parole o espressioni ricorrenti, che il lettore accorto non tarderà a sentire e che il logo creato per la copertina prova a sintetizzare; una sorta di ritornello evocativo che li attraversa tra le righe e prova a legarli, riproducendo in questo modo il gesto da cui sono nati.

Pubblicità
Pubblicità

Un gesto che porta con sé l’amore per la parola, la cura che ad essa va dedicata, che non smette di cercare solo le parole giuste, per l’atto di creazione di un universo ricco e fervente di idee comuni.

Corti Collettivi, serie 0/2018, nasce da un’idea della prof.ssa Elisa Gelmini, con il sostegno della Commissione Biblioteca del Liceo A. Rosmini.

Potete sfogliare il volume, che i ragazzi hanno presentato stamattina a scuola, nella biblioteca del Liceo o consultarlo in versione online sul sito del liceo 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Trovato senza vita dopo un volo di 120 metri l’escursionista disperso sul Pasubio

Pubblicato

-

È stato ritrovato senza vita l’escursionista disperso da ieri sul Pasubio.

Ieri l’allarme era scattato dopo le 17, lanciato dai compagni di escursione che, dopo averlo perso di vista lungo la Strada delle gallerie, erano rientrati alle auto dove però lui non c’era.

Partiti da Bocchetta Campiglia in mattinata, sei amici avevano iniziato a risalire l’itinerario.

PubblicitàPubblicità

Arrivati all’altezza della 19a galleria si erano fermati a cercare gli occhiali che uno di loro aveva perso, mentre l’uomo di 67 anni, di Bagnacavallo (RA), aveva proseguito da solo.

Raggiunto il Rifugio Papa, dove c’era anche il gestore, e non avendolo trovato, i compagni avevano pensato fosse già sceso e hanno imboccato la Strada degli Scarubbi verso valle.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta alla macchina alle 17 circa però l’uomo non c’era, il cellulare risultava spento.

L’ultimo contatto risaliva alle 12, quando l’escursionista era stato al telefono con la moglie, finché non era caduta la linea. Le squadre hanno perlustrato a piedi fino a notte fonda la Strada delle Gallerie, almeno quattro volte, e con i mezzi la Strada degli Scarubbi.

Pubblicità
Pubblicità

I Vigili del fuoco hanno percorso la Strada degli eroi.

Questa mattina alle 6 le ricerche sono riprese e l’elicottero del Nucleo Carabinieri di Belluno ha trasportato sulle creste sopra le gallerie tre soccorritori e li ha sbarcati in hovering, mentre le altre squadre si distribuivano nei vari tratti e sentieri. Attorno alle 9, all’uscita della 43a galleria, sotto un salto di un paio di metri sono stati individuati due bastoncini e un orologio e una squadra che stava seguendo un vecchissimo sentiero di guerra che passa sotto i canali ha trovato sulla verticale il corpo senza vita dell’uomo, precipitato per 120 metri.

La salma, ricomposta e imbarellata, è stata sollevata per contrappeso dai soccorritori di un centinaio di metri, in un punto dove è stato possibile il recupero da parte dell’elicottero di Verona emergenza, che era prima riuscito a sbarcare sul posto il tecnico di elisoccorso, ostacolato poi nel successivo avvicinamento dalle nubi basse.

La salma è stata quindi trasportata a Bocchetta Campiglia e affidata ai carabinieri e al carro funebre.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Mori: sbanda dopo la galleria di Tierno e finisce contro il guardarail

Pubblicato

-

All’uscita della galleria di Tierno a Mori un uomo ha perso il controllo della sua auto, probabilmente a causa del terreno viscido per la pioggia, finendo contro il guard rail.

L’incidente è avvenuto all’uscita dalla galleria in direzione della rotatoria a Rovereto sud.

Non sono stati coinvolti altri veicoli e nonostante la macchina si sia danneggiata in modo irreparabile, l’uomo non ha subito gravi conseguenze fisiche.

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Prolungamento Valdastico: la «balotazione» per i comuni di Terragnolo, Trambileno e Vallarsa

Pubblicato

-

Il 24 novembre sarà referendum popolare per i residenti dei comuni di Terragnolo, Trambileno e Vallarsa che saranno chiamati ad esprimere la loro opinione sul progetto di prolungamento della A 31 Valdastico, fino a Rovereto.

La decisione è stata deliberata all’unanimità dai tre Consigli Comunali in riunione congiunta.

Il parere della popolazione arriverà più che da un vero e proprio referendum, da un antico sistema di voto in uso nella comunità della Valle del Pasubio: la “balotazione”.

PubblicitàPubblicità

Per esprimere il proprio voto gli elettori utilizzeranno delle palline bianche e nere alle quali saranno abbinate, dopo un sorteggio, le opinioni contrarie o favorevoli al progetto.

Il risultato avrà ovviamente il valore di un parere per nulla vincolante, ma la votazione servirà anche per riproporre un’antica tradizione popolare, in uso quando quando tutto era molto più semplice e la vita scorreva senza tanti vincoli burocratici, ma era all’insegna del buon senso.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza