Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

UniTrento: Il campus del futuro si disegna a Trento.

Pubblicato

-

UniTrento: il campus del futuro si disegna a Trento.

L’Ateneo entra nella rete ECIU delle università ad alto tasso di innovazione

L’Università di Trento entra a far parte del consorzio europeo ECIU (The European Consortium of Innovative Universities), una rete che collega tredici università giovani e ad alta intensità di ricerca, accomunate dalla dimensione (medio-piccola), dall’apertura internazionale, dalla qualità e dalla didattica aperta all’innovazione, dall’avere ICT e scienze sociali come punti di forza, dalla connessione con il mondo imprenditoriale.

PubblicitàPubblicità

Si tratta di una rete relativamente giovane – è stata fondata nel 1997 – ma che già si sta accreditando, soprattutto in ambito europeo, per la sua capacità di proporsi come laboratorio di sperimentazione sull’innovazione applicata all’alta formazione e alla ricerca.

Del resto, proprio la posizione periferica ha da sempre spinto questi atenei nella capacità di stringere alleanze a livello territoriale e li ha stimolati a investire nell’innovazione e in progetti pilota per sperimentare buone pratiche. Più dinamici e capaci di fare rete rispetto agli atenei di stampo tradizionale e di dimensioni maggiori, le università della rete ECIU si sono dimostrati capaci di influenzare positivamente il dibattito europeo portando idee e progetti all’avanguardia.

Le università della rete ECIU hanno in comune le dimensioni, la marcata apertura internazionale, la qualità e l’innovazione nella didattica, la forza della ricerca e della didattica nel settore delle ICT e delle scienze sociali, l’innovazione e la connessione con il mondo imprenditoriale.

Fanno parte della rete: Aalborg University (Danimarca), Dublin City University (Irlanda), Hamburg University of Technology (Germania), Kaunas University of Technology (Lituania), Linköping University (Svezia), Tampere University (Finlandia), Tecnológico de Monterrey (Messico, unica realtà extraeuropea), The University of Nottingham (Inghilterra), Universitat Autònoma de Barcelona (Spagna), University of Aveiro (Portogallo), University of Stavanger (Norvegia), University of Trento (Italia), University of Twente (Paesi Bassi).

L’Università di Trento, ultima ad entrare in questa rete, ha accolto in questi giorni una serie di riunioni di un tavolo di lavoro specifico sull’alta formazione.

Ma il clou della visita è stata tra ieri e oggi, quando proprio in Rettorato è in corso la riunione annuale (Executive Board meeting) del consorzio.

Una quarantina gli ospiti da tutta Europa, in rappresentanza delle tredici università, che stanno partecipando all’incontro di programmazione e di visione, nel quale saranno prese le decisioni più importanti.

A margine dei lavori è stata organizzata una conferenza stampa con il rettore dell’Ateneo di Trento, Paolo Collini, il prorettore allo sviluppo internazionale Maurizio Marchese e il presidente di ECIU, Victor van der Chijs, presidente dell’Università di Twente (Paesi Bassi). Durante l’incontro il rettore ha illustrato le motivazioni che hanno portato l’Università di Trento a fare parte del consorzio e annunciare le prime attività in programma che riguardano anche Trento.

L’obiettivo principale del consorzio è cambiare il modo di pensare convenzionale in tre ambiti. ECIU intende, innanzitutto, innovare la formazione e la didattica con proposte mirate all’acquisizione di competenze e allo sviluppo di percorsi di alta qualità.

Un altro campo d’azione è l’imprenditorialità: il consorzio vuole aumentare l’impatto della ricerca sulla società e favorire una maggiore interazione con l’industria sviluppando una didattica più rispondente ai bisogni dei portatori d’interesse. Terzo ambito: ECIU vuole intervenire nella policy europea e nella ricerca ovvero promuovere azioni congiunte non solo per partecipare a bandi europei per il finanziamento di progetti di ricerca, ma anche per portare il punto di vista delle università nelle istituzioni europee.

Il consorzio opera attraverso una struttura articolata che vede, in ogni ateneo partner, molti gruppi al lavoro su temi specifici, tra personale docente e tecnico-amministrativo. È previsto un potenziamento della mobilità di tutte le componenti (studentesca, docente e tecnica-amministrativa) con la definizione di programmi in grado di rispondere alle particolari esigenze di scambio, anche per brevi periodi, tra le tredici istituzioni.

L’obiettivo è chiaro: realizzare uno Spazio europeo dell’Istruzione entro il 2025.

Comincia con l’adesione a un progetto ambizioso la partecipazione dell’Università di Trento alla rete ECIU. Il progetto prevede la costituzione di un campus europeo dove studenti, ricercatori e accademici possano studiare, lavorare, fare ricerca in lingue diverse, in stati diversi, su temi interdisciplinari.

La sfida proposta da ECIU si inserisce nell’ambito di un maxi programma pilota finanziato dalla Commissione europea con 60 milioni complessivi, che punta a favorire lo sviluppo di alleanze tra atenei. Per costruire questa “rete europea delle università” sono state presentate 54 proposte da vari Paesi, tra cu quella del consorzio ECIU. Gli esiti della selezione saranno resi noti in estate, ma le aspettative sono alte. Tutte le proposte dovevano orientarsi attorno a uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile identificati dalle Nazioni Unite. Gli atenei di ECIU hanno scelto come focus l’obiettivo 11: città e comunità sostenibili. Un tema ritenuto strategico e che caratterizza molto i territori in cui sono inserite le università.

Dalla proposta ECIU emergono i punti di forza della nuova Università europea: l’orientamento ai bisogni della società e del mondo imprenditoriale, la forte interdisciplinarietà, la durata variabile del percorso formativo, la mobilità come requisito necessario e percorsi di formazione e ricerca innovativa. La proposta ECIU si articola in primi passi concreti: il disegno di un’offerta formativa non aggregata e strutturata a «microcrediti»; l’istituzione di una piattaforma europea nella quale gli studenti e i ricercatori, in interazione con le istituzioni, le aziende e la cittadinanza, collaborano alla creazione di soluzioni innovative; la creazione di laboratori pop-up per sperimentare e innovare la didattica e la ricerca; l’impulso alla mobilità sia fisica sia virtuale tra atenei. Sono stati inoltre identificati tre Challenge Innovation Hubs (nord: Linkoping, centro: Amburgo, sud: Barcellona) per facilitare l’interazione tra Paesi.

«Il campus europeo interuniversitario si avvicina molto alla nostra idea di università del futuro» spiega il rettore Collini. «È una struttura complessa che richiede ampie intese a livello internazionale, ma gli atenei del consorzio ECIU hanno le dimensioni e la collocazione strategica ideale per fare rete e proporsi come laboratorio per un progetto come questo. Di questa rete di atenei ci ha colpito molto l’impegno nelle relazioni con il territorio e con le comunità. Un tema che ci è caro e su cui vogliamo fare ancora di più e meglio».

«Gli ingredienti per costruire questo progetto sono tanti» aggiunge il prorettore allo sviluppo internazionale Maurizio Marchese. «Occorre lavorare a diversi livelli a un curriculum europeo personalizzato per ogni studente, che sia innovativo nell’approccio pedagogico e che preveda una mobilità intereuropea strutturata. Mobilità stabile e rafforzata che deve riguardare anche il personale delle università»

 

Pubblicità
Pubblicità

Telescopio Universitario

Cina: UniTrento rinsalda il legame con la Jilin University

Pubblicato

-

L’Università di Trento rinsalda la collaborazione con la Jilin University, sua storica partner cinese in vari progetti internazionali.

Il legame, instaurato ancora nel 2006, nel corso degli anni ha portato a sviluppare insieme numerose attività di didattica e di ricerca.

Oggi in Rettorato è stato firmato un nuovo accordo bilaterale. A sottoscriverlo sono stati Maurizio Marchese (prorettore allo sviluppo internazionale dell’Università di Trento) e Weitao Zheng (vicepresidente della Jilin University).

Pubblicità
Pubblicità

La finalità dell’accordo bilaterale, valido 5 anni e rinnovabile, è incentivare la cooperazione culturale, didattica e scientifica tra i due atenei. Nello specifico, si vogliono incoraggiare gli scambi tra le istituzioni partner di studenti e studentesse, dottorandi e dottorande, personale docente, tecnico e amministrativo e lo sviluppo di iniziative comuni nel campo della formazione e della ricerca. Partendo dai dipartimenti di Ingegneria e Scienza dell’Informazione, di Ingegneria industriale e di Matematica, l’accordo intende coinvolgere tutte le strutture accademiche di ateneo.

La firma è avvenuta durante la visita di una delegazione della Jilin University all’Università di Trento.

La visita, oltre a consolidare la collaborazione in corso, è stata anche l’occasione per discutere di futuri progetti, quali joint workshops, percorsi doppia laurea (a livello di laurea magistrale), co-tutele di tesi di dottorato soprattutto in area Ict, Economia e Management e Ingegneria industriale, e la possibilità di istituire un centro congiunto di ricerca sull’intelligenza artificiale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Università Trento: ecco le dieci regole per la sicurezza

Pubblicato

-

L’Università di Trento, oggi in una conferenza nazionale, ha lanciato l’Istituto di scienze della sicurezza. «Vogliamo investire sulla razionalità, sulla robustezza della scienza, sulla ricerca di qualità per capire e poi intervenire, per fornire risposte ai bisogni del Paese nei più disparati campi della sicurezza» ha dichiarato Andrea Di Nicola, referente del progetto.

Analisi dei dati, approfondimento delle cause e approccio multi/interdisciplinare per strategie di lungo periodo.

Un progetto unico in Italia e tra i primi in Europa che coinvolge oltre 70 docenti di 10 dipartimenti e centri dell’Ateneo

Pubblicità
Pubblicità

Un progetto unico in Italia e tra i primi in Europa per affrontare le sfide della sicurezza e rispondere a bisogni reali di istituzioni, aziende, cittadinanza.

L’Università di Trento, oggi in una conferenza nazionale, ha lanciato l’Istituto di scienze della sicurezza, laboratorio che coinvolge oltre 70 docenti di 10 dipartimenti e centri dell’Ateneo e che mette le competenze a servizio del sistema Paese.

Alla conferenza di lancio, in corso fino al pomeriggio al Polo Ferrari 1 di Povo, si discute con nomi di primo piano di tutela del made in Italy e della proprietà intellettuale; sicurezza nella città del futuro; cyber security e sicurezza nazionale; rischio idrogeologico e sismico di strutture e infrastrutture; criminalità organizzata nazionale e transnazionale. Ogni sessione approfondisce le risposte che le scienze della sicurezza possono dare a bisogni specifici.

Andrea Di Nicola, referente per l’Istituto di scienze della sicurezza, ha spiegato: «Con questa iniziativa vogliamo investire sulla razionalità, sulla robustezza della scienza, sulla ricerca multi/interdisciplinare di qualità per capire e poi intervenire, per fornire risposte ai bisogni del Paese nei più disparati campi della sicurezza. È un’esperienza di ricerca e formazione avanzata che raccoglie un insieme di discipline scientifiche diverse (diritto, criminologia, sociologia, psicologia, statistica, matematica, scienze dell’informazione, ingegneria, economia, biologia, studi internazionali, scienze ambientali e altre ancora)».

Tra le strategie dell’Istituto di scienze della sicurezza quello di fare sistema: «Vogliamo contribuire a costruire una rete tra ricerca e formazione di qualità, da una parte, e istituzioni pubbliche della sicurezza, aziende nazionali, e cittadini, dall’altra. Stiamo tendendo una mano alle istituzioni e alle grandi aziende per contribuire alla sicurezza del Paese in modo concreto. Vogliamo anche contribuire a costruire una classe di professionisti della sicurezza che possa affrontare le sfide della sicurezza del futuro con conoscenze e strumenti nuovi».

Le ragioni dell’impegno si trovano nella visione di sicurezza dell’Istituto, per il quale «Sicurezza è: #01 proteggere i diritti, nei limiti del diritto; #02 usare competenza e metodo, perché è una scienza; #03 proteggere anche dai rischi di cui non si è consapevoli; #04 ricercare le cause dei fenomeni per strategie di lungo periodo; #05 affrontare problemi complessi con interventi multidisciplinari; #06 fare ciascuno la propria parte nell’interesse di tutti; #07 occuparsi dei contesti e delle persone più vulnerabili; #08 essere protetti e sentirsi protetti; #09 gestire problemi, anche locali, in una rete globale; #10 ottimizzare le risorse e migliorare la qualità della vita».

«Formazione e ricerca sulla sicurezza sono da sempre priorità dell’Università di Trento» ha ricordato il rettore Paolo Collini all’apertura della conferenza. «In Ateneo lavorano infatti alcuni tra i laboratori e i gruppi di ricerca del settore più riconosciuti a livello nazionale e internazionale, tra cui eCrime, CryptoLabTN – Laboratorio di Matematica industriale e Crittografia, Multimedia Signal Processing and Understanding, Security Research Group».

Ora il salto di qualità: «L’Istituto di scienze della sicurezza, avviato dall’Ateneo trentino, è un unicum nel panorama nazionale e internazionale.  Il suo obiettivo è mettere la didattica e la ricerca scientifica sulla sicurezza multi/interdisciplinare a servizio del Paese».

Apprezzamento per il lavoro di ricerca svolto dall’Università di Trento sui temi della sicurezza è stato espresso anche dal sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, e dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti.

Per il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, «il problema della criminalità invade la quotidianità e tocca l’intimità delle persone. Se ne parla molto per strada, ma anche nella rete. Una recente indagine del Sole 24 Ore ha mostrato come l’84% degli italiani ritenga il numero di omicidi non diminuito dal 2000 a oggi, la realtà invece è che c’è stato un calo del 39%. Eurispes ci ricorda poi che per gli italiani la popolazione sarebbe composta tra il 16 e il 25% da persone immigrate, mentre i dati riferiscono una presenza dell’8% e al massimo del 10 in città».

Ha concluso: «Se vogliamo studiare contromisure eque per constatare la criminalità, non bisogna alterare la realtà, ma partire dai dati e confrontarli. E dobbiamo ricordare che la criminalità cresce dove ci sono disagio sociale, marginalità e disperazione e quindi, per favorire la sicurezza, è fondamentale lavorare sull’integrazione».

«La Provincia vede con interesse e con favore iniziative come questa – ha detto il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti – perché complementari a una vastità di azioni messe in campo prima di tutto dalle forze dell’ordine non solo per contrastare la criminalità ma anche per aumentare la “percezione” della sicurezza, fattore che, lo sappiamo, segue proprie dinamiche indipendentemente dalle statistiche sui reati». Fugatti, che ha colto l’occasione per ringraziare le forze dell’ordine per l’arresto del responsabile di una recente aggressione a un commerciante di Trento, ha sottolineato che notizie come questa contribuiscono a rassicurare i cittadini. «Ma al tempo stesso – ha aggiunto – esistono forme di criminalità che richiedono un continuo investimento anche in innovazione, ricerca e studio per un’efficace azione di contrasto. E ringraziamo l’università per l’impegno che ha deciso di dedicare anche in questo settore».

Il valore dell’Istituto di scienze della sicurezza è stato sottolineato da Angelo Tofalo, sottosegretario al Ministero della difesa. A margine della conferenza, dov’è tra i relatori, ha commentato: «Ottima questa iniziativa dell’Università di Trento, spero che anche altre università seguano questo esempio». Ha proseguito: «Credo che la sicurezza sia un dossier da affrontare e anche un’opportunità per i giovani di domani. Puntare sulla formazione in un settore, del quale spesso si parla in maniera non appropriata, è importante per formare nuove generazioni con la cultura della sicurezza. La diffusione della cultura della difesa della sicurezza nazionale dev’essere una stella polare per le istituzioni».

La conferenza di lancio dell’Istituto di scienze della sicurezza dell’Università di Trento vede la partecipazione di numerosi nomi di spicco del settore, a livello nazionale e internazionale.

Con loro, per tutta la giornata, si parla delle sfide della sicurezza e della formazione e la ricerca scientifica multi/interdisciplinare a servizio del sistema Paese. Cinque le sessioni: Tutela del made in Italy e della proprietà intellettuale; Sicurezza nella città del futuro; Cyber security e sicurezza nazionale; Rischio idrogeologico e sismico di strutture e infrastrutture; Criminalità organizzata nazionale e transnazionale.

Questa mattina hanno portato il loro contributo sulla contraffazione, tra gli altri, Stefano Vaccari (Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo), Claudio Bergonzi (Indicam), Ivano Maccani (Guardia di Finanza) e Olga Bussinello (Consorzio Vini Valpolicella). Sulla sicurezza urbana, tra i vari interventi, ci sono quelli di Gian Guido Nobili (Forum italiano per la sicurezza urbana) e Stefano De Capitani (Municipia). Mentre su Cyber security e sicurezza nazionale prenderanno la parola, tra gli altri, Angelo Tofalo (sottosegretario al Ministero della difesa) e Andrea Chittaro (Associazione italiana professionisti security aziendale).

Nel pomeriggio si proseguirà con gli ultimi due panel. Sul rischio idrogeologico e sismico tra gli interventi ci saranno quelli di Paolo Clemente (Enea) e Francesco Baruffi (Autorità di bacino distrettuale delle Alpi Orientali), mentre sulla criminalità organizzata si potranno ascoltare anche le voci di Antonio Laudati (sostituto procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo) e Giuseppina Maddaluno (Unicri)

SCHEDA – L’Istituto di scienze della sicurezza, parte del piano strategico dell’Università 2017/2021, è un grande laboratorio che riunisce oltre 70 docenti di 10 dipartimenti e centri dell’Ateneo. Il progetto si sviluppa sulla base di un approccio fortemente multi/interdisciplinare alla sicurezza e alle sue sfide globali crescenti.
In Europa è uno dei primi laboratori di questo tipo assieme a un istituto (Institute of Security and Crime Sciences) di Londra. Mentre in Italia non esiste alcuna esperienza di ricerca e formazione così avanzata che raccoglie tutte le discipline scientifiche rappresentate nell’Istituto (diritto, criminologia, sociologia, psicologia, statistica, matematica, scienze dell’informazione, ingegneria, economia, biologia, studi internazionali, scienze ambientali e altre).

Si occupa di formazione di alto livello e coordina progetti di ricerca applicata. L’attività ruota attorno a un patto, nuovo e virtuoso, tra mondo della ricerca e della formazione universitarie, mondo delle istituzioni pubbliche e delle aziende e cittadinanza. In questo modo l’Università di Trento è certa di poter dare un contributo importante nella lotta alla delinquenza e nell’innalzamento dei livelli di legalità e sicurezza in Italia.

L’Istituto ha un comitato di indirizzo composto da alti rappresentanti del mondo della sicurezza pubblica e privata e delle organizzazioni internazionali. Attraverso protocolli di intesa può, inoltre, stringere rapporti stabili con istituzioni pubbliche e grandi aziende/società italiane e straniere.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Telescopio Universitario

Laurea triennale e Alta formazione: due titoli post diploma in 4 anni

Pubblicato

-

Due titoli di studio in quattro anni: per chi, dopo il diploma, desidera specializzarsi in grafica multicanale, interfacce e tecnologie della comunicazione c’è in Trentino un nuovo percorso formativo.

Unico in Italia, somma i vantaggi di un diploma superiore biennale di Alta formazione professionale – da subito molto appetibile dal mercato del lavoro – a una laurea triennale, essenziale per accedere a incarichi di crescente responsabilità e sviluppare la propria carriera nel tempo. Si tratta del percorso formativo lanciato in questi giorni e attivo già con il prossimo anno accademico 2019/20, nato dalla collaborazione tra l’Istituto Artigianelli di Trento e il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Ateneo trentino.

Il corso di laurea in Interfacce e Tecnologie della Comunicazione (ITC) e il biennio di alta formazione in Tecnico Superiore Grafico per la Comunicazione Multicanale (TAG) hanno fatto squadra per integrare i rispettivi ordinamenti didattici e riconoscere a vicenda molti crediti. Il risultato è particolarmente appetibile per i diplomati TAG, a cui vengono riconosciuti 81 crediti in entrata nel corso di laurea triennale: oltre un terzo dei 180 necessari per laurearsi, equivalente a uno sconto di circa un anno.

Pubblicità
Pubblicità

Ma è conveniente anche per i laureati triennali ITC che vedono riconosciuti ben 66 crediti sui 120 necessari a ottenere il diploma superiore TAG, anche in questo caso, con una riduzione di circa un anno.

«Il vantaggio principale sta nell’integrazione di modelli diversi, a beneficio dell’occupabilità» spiega Marco Franceschini, responsabile del TAG dell’istituto Artigianelli. «Proseguire la propria formazione con il corso di laurea ITC permette di allargare la prospettiva rispetto alla forte specializzazione ricevuta durante il biennio di alta formazione. Consente di ottenere un titolo universitario che garantirà di accedere ad ambiti lavorativi in cui è richiesta la laurea, come il settore pubblico, ma anche di sviluppare la propria carriera in ambito universitario o nella ricerca. Una prospettiva teorica e disciplinare diversa e assolutamente complementare apre decisamente gli orizzonti professionali».

«Di fatto, aggiungere un anno al termine della laurea triennale è un impegno relativamente contenuto rispetto ai vantaggi che offre questa scelta» sottolinea Paola Venuti, direttrice del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive. «È la scelta ideale per chi sente la necessità di specializzarsi sul campo, sviluppare e testare quanto appreso nella pratica con l’obiettivo di accorciare le distanze verso l’inserimento lavorativo, approfittando della possibilità di lavorare su progetti concreti, commissionati dai privati, che sono un grande punto di forza del percorso di alta formazione TAG».

I destinatari sono gli studenti e le studentesse che nell’anno 2019/20 si iscriveranno al primo anno del diploma superiore TAG e gli studenti che si iscrivono al primo anno della laurea in ITC che avranno l’occasione di portare a termine un percorso nella grafica multicanale e nelle interfacce di comunicazione, più completo e integrato tra alta formazione e università.

Proprio l’integrazione e la complementarietà dei due percorsi – alta formazione e laurea triennale – rappresenta un caso unico, in Trentino ma anche in Italia. Uno sforzo congiunto a cui l’Istituto Artigianelli di Trento e il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Ateneo trentino hanno lavorato con grande convinzione. Un esempio di collaborazione che ha portato a disegnare una proposta molto efficace per gli studenti, perché completa in modo ideale la loro preparazione sfruttando l’offerta già presente a livello territoriale. Ma anche perché ha permesso ai due corsi di aprirsi al confronto e rivedere in modo critico l’offerta didattica di ciascuno. Un passaggio che ha portato a innovare dall’interno anche gli stessi percorsi base.

Inoltre, i futuri studenti del TAG e quelli della laurea triennale ITC saranno coinvolti nello sviluppo di progetti di ricerca, prodotti e servizi innovativi all’interno dei laboratori attivi all’Istituto Artigianelli e al Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive, in collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza