Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Presentato “Muro Dolomitico”, il libro che racconta i protagonisti di 10 anni gialloblù

Pubblicato

-

I caratteristici locali della Distilleria Marzadro di Nogaredo, alle porte di Rovereto, hanno fatto da cornice alla presentazione, ieri mattina, di“Muro Dolomitico”, il libro recentemente scritto da Maurilio Barozzi ed edito da Curcu Genovese.

Nelle 160 pagine vergate vengono riproposti gli ultimi dieci anni della (gloriosa) storia di Trentino Volley attraverso trentasette ritratti di protagonisti gialloblù, fuori e dentro il campo di gioco.

Accanto ai profili dei principali giocatori ed allenatori, trovano posto anche le storie più interessanti di personaggi meno appariscenti ma che hanno ugualmente contribuito a scrivere una parte importante dell’epopea gialloblù.

PubblicitàPubblicità

Fra i tanti ritratti anche quelli del Presidente Diego Mosna, dell’allenatore Angelo Lorenzetti e dell’opposto Gabriele Nelli, presenti ieri alla Distilleria Marzadro.

“Mi auguro che questo libro sia particolarmente venduto e letto da tutti gli appassionati del nostro Club – ha spiegato il massimo dirigente trentino – . La nostra è una storia importante, la definirei trasversale perché non ha toccato solo gli ambiti sportivi ma quelli legati al territorio e al sociale, regalando non solo a me tante gioie e qualche dolore. Tutte sensazioni che conserviamo volentieri”. “Muro Dolomitico racconta storie di persone che hanno condiviso la fortuna di poter far parte di Trentino Volley – ha invece spiegato l’allenatore dell’Itas Trentino – . Non ho girato molto nella mia carriera ma questo è il luogo migliore dove abitare, non solo dove lavorare, perché vengono portati avanti i valori giusti per vivere pienamente vittorie e sconfitte”. “Era da tempo che pensavo a qualcosa che potesse raccontare l’epopea di questi dieci anni di successi – ha dichiarato lo stesso Maurilio Barozzi – e che mettesse soprattutto in luce il carattere, l’umanità dei protagonisti. L’idea è nata subito dopo la vittoria del Mondiale per Club 2018 perché mi sembrava che quel successo potesse essere il sigillo perfetto per due lustri eccezionali. La recente conquista della 2019 CEV Cup di Istanbul ha però chiarito come il ciclo non sia ancora concluso: ne siamo tutti ovviamente molto felici”.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Salvatore Mercurio del gruppo sportivo TNT Mezzolombardo torna a casa con una medaglia di bronzo dal sapore d’oro

Pubblicato

-

Salvatore Mercurio il secondo da destra

Nell’ultimo fine settimana, a Verona si sono svolti i campionati italiani di tennis tavolo per persone con disabilità.

La nostra provincia presentava ai nastri di partenza l’atleta Salvatore Mercurio in forze al gruppo TNT di Mezzolombardo.

Ai campionati italiani di Verona hanno partecipato 150 atleti provenienti da tutta Italia in rappresentanza di una sessantina di sodalizi.

PubblicitàPubblicità

Il gruppo TNT di Mezzolombardo, presente solo con Salvatore Mercurio si è piazzato al trentaquattresimo posto della classifica a squadre.

La manifestazione è stata organizzata sotto l’egida della FITeT vale a dire la federazione Italiana tennis tavolo e dalla fondazione Bentegodi di Verona.

Al rientro dopo un anno travagliato a causa di una protesi al ginocchio destro, che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per un’intera stagione, il nostro atleta non si aspettava nulla da questa edizione targata 2019.

Inserito in un girone dove era presente la testa di serie numero 3, Salvatore Mercurio è riuscito ad ottenere due vittorie ed una sconfitta virgola lasciapassare al tabellone assoluto.

Per arrivare alla agognata medaglia, Il pongista Trentino, doveva superare l’ostacolo Stefano di Carlo atleta proveniente dalla confinante città di Belluno.

I due, che si conoscono molto bene, hanno giocato un’ottima partita.

Alla fine l’ha spuntata il nostro portacolori con un secco e perentorio 3 a 0 che lo ha portato direttamente a medaglia.

Il turno successivo doveva indicare quale colore avesse questa medaglia.

Se il bronzo, l’argento, o l’insperato metallo dorato, vinto l’ultima volta dal nostro atleta nel 2011.

Sulla sua strada si è presentato un certo Samuel de Chiara giocatore altoatesino che Milita in b2, che gioca in pianta stabile da diversi anni nella nazionale italiana.

Per Salvatore Mercurio in questa semifinale non c’è stata praticamente storia, il divario tra i due è sostanziale, sia tecnico che tattico, un 3 a 0 con i parziali di 11 4 11 9 11 6 hanno stroncato per il nostro atleta sogni di una medaglia di un colore diverso.

Un bilancio comunque positivo per l’atleta rotaliano che ha messo anima e corpo come il suo solito per raggiungere un risultato alla vigilia insperato tenuto conto delle sue condizioni fisiche precarie e dello scarso allenamento che ha avuto in questa stagione 2018-2019.

Per coloro che non hanno molta dimestichezza con gli sport con disabilità diciamo che nel tennis tavolo esistono 10 categorie.

Dalla categoria 1 alla categoria 5 ci sono gli atleti in carrozzina virgola la categoria 1 denota una maggiore disabilità virgola la categoria 5 significa che quella atleta ha una disabilità e dunque mobilità migliore punto

Dalla 6 alla 10 ci sono le classi dei giocatori in piedi virgola anche qui vale lo stesso discorso un giocatore in classe sei ha una Maggiore disabilità e, mentre, il giocatore in classe 10 virgola è un giocatore con una bassissima difficoltà motoria punto

Da qualche anno è entrata a far parte anche la classe 11 virgola classe dove ci sono atleti con disabilità intellettive.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia, domani sera è già tempo di gara 2 al Taliercio

Pubblicato

-

MESTRE (VE) – Messa in archivio una pazza gara-1, la Dolomiti Energia Trentino ha già la testa e lo sguardo rivolti a gara-2 in programma al Taliercio domani sera alle 20.45. I primi 40′ della serie dei quarti di finale fra i bianconeri e i padroni di casa della Reyer ha regalato emozioni e colpi di scena, facendo subito intendere che il Capitolo III della sfida infinita fra Trento e Venezia sarà intenso e travolgente quanto i due precedenti.

«E’ stata una partita di parziali: – ha detto Devyn Marble poco dopo la sirena finale – sappiamo che in campo ci sono due grandi squadre, sappiamo che quando scendiamo sul parquet non possiamo pretendere di vincere la partita in scioltezza o di dominare dal primo all’ultimo minuto».

Nel giorno di “pausa” fra i primi due episodi della serie, per i bianconeri a Mestre allenamento leggero nel pomeriggio e tante sessioni di fisioterapia e massaggi per presentarsi al meglio alla palla a due di domani sera. «Da gara-1 ci portiamo via l’ottimo impatto nella partita – commenta a “freddo” Davide Pascolo -, se giochiamo con intensità e a ritmi alti possiamo mettere in difficoltà la Reyer. Però allo stesso tempo dobbiamo migliorare la gestione dei momenti in cui i nostri avversari ci mettono in difficoltà. In quei frangenti dobbiamo cercare più soluzioni in attacco in maniera dinamica».

PubblicitàPubblicità

In una serata storta per i bianconeri, da segnalare il clamoroso impatto difensivo di Aaron Craft: il generale dell’Ohio, premiato la scorsa settimana come Miglior Difensore della Serie A, ha aggiornato il libro dei record del club di piazzetta Lunelli chiudendo la partita con 7 palloni recuperati. Il playmaker numero 13 pareggia un dato statistico nella storia dell’Aquila ottenuto solamente in due occasioni, da Trent Lockett nel 2016 e da Dominique Sutton (curiosamente proprio al Taliercio) in gara-1 di Finale Scudetto 2017.

Domani sera, come detto, si torna in campo al Taliercio, mentre giovedì 23 maggio alle 20.45 si alzerà la prima palla a due playoff alla BLM Group Arena di Trento: per gara-3 già venduti 3.500 biglietti, i tagliandi disponibili sono acquistabili su http://bit.ly/AquilaBTickets e presso l’Aquila Basket Store di piazzetta Lunelli.

TRENTO vs. VENEZIA

NEI PLAYOFF, ALL-TIME: Venezia avanti 6-5AL TALIERCIO: Venezia avanti, 4-2
ALLA BLM GROUP ARENA: Trento avanti, 3-2

IL CALENDARIO DELLA SERIE

Gara-1 | Dom 19.05 | Ore 20.45 | Taliercio
Gara-2 | Mar 21.05 | Ore 20.45 | Taliercio
Gara-3 | Gio 23.05 | Ore 20.45 | BLM Group ArenaGara-4 | Sab 25.05 | Ore 20.45 | BLM Group Arena * Gara-5 | Lun 27.05 | Ore 20.45 | Taliercio *
*se necessaria

LA SERIE FINO AD ORA

LBA Playoff Quarti di finale, Gara #1 – Venezia 67, Trento 57 — 19 maggio, Taliercio, Mestre (VE)

Venezia si porta sull’1-0 nei quarti di finale playoff vincendo gara-1 al Taliercio 67-57… Dolomiti Energia tenuta al 30.5% dal campo e al 15.4% da tre… Massimo stagionale di tiri liberi tentati per Trento (33, di cui 19 a segno)… L’Aquila vince la lotta a rimbalzo 42-39 con 12 di Hogue (5 offensivi), al massimo stagionale pareggiato… Terza partita consecutiva in doppia cifra a rimbalzo per Dustin (11 contro Milano, 10 contro Brindisi)… Miglior realizzatore del match Devyn Marble con 18 punti, cinque rimbalzi e due recuperi… 9 punti e record societario nei playoff con 7 recuperi per Aaron Craft… 35-6 per Venezia il confronto dei punti dalla panchina… 14 punti e cinque assist per MarQuez Haynes (5-12 FG, 2-8 3-PT), miglior realizzatore della Reyer.

Ryan Forehan-Kelly, un coach NBA all’Aquila Basket Summer Camp!

Il membro dello staff dei Brooklyn Nets nel ruolo di Player Development e assistant head coach dei Long Island Nets in G-League curerà i gruppi “Next Level” per alcuni giorni durante l’Aquila Basket Summer Camp a Stava di Tesero

L’Aquila Basket Summer Camp 2019 sarà davvero indimenticabile.

A poco meno di un mese dall’inizio della sua seconda edizione, il camp di pallacanestro più bello d’Italia si arricchisce giorno dopo giorno di fantastiche novità, ma questa rende se possibile ancora più uniche le due settimane che oltre 180 ragazzi passeranno a Stava di Tesero dal 16 al 29 giugno prossimi.

Allo staff tecnico che seguirà i giovani partecipanti del campo infatti oltre ai migliori allenatori e istruttori di Aquila Basket ci sarà anche Ryan Forehan-Kelly, ex giocatore professionista classe 1980 attualmente membro dello staff dei Brooklyn Nets in NBA nel ruolo di Player Development eassistant head coach della squadra di G-League associata alla franchigia newyorkese, i Long Island Nets.

Il californiano, uscito dal college di California nel 2002, è diventato allenatore dopo una lunga carriera che lo ha visto protagonista in Cina, Francia, Italia (a Scafati nel 2009), Venezuela e Giappone. Un percorso che da due anni a questa parte lo ha condotto all’interno del magico mondo del basket professionistico a stelle e strisce.

Coach Forehan-Kelly fra il 19 e il 26 giugno seguirà con particolare attenzione i due gruppi “Next Level”, la formula di camp più completa ed intensiva per chi vuole fare un passo in più e sfruttare l’estate per arrivare, appunto, al “livello successivo”.

«Sono davvero molto emozionato ed entusiasta di prendere parte all’Aquila Basket Summer Camp quest’estate – ha esordito il coach di Brooklyn in un video indirizzato agli iscritti del Camp -, mi sembra un camp fantastico e sono sicuro che sarà una grande esperienza per me e per tutti voi dentro e fuori dal campo. L’Italia è stato uno dei miei Paesi preferiti dove vivere e viaggiare da giocatore, ora nei panni del coach mi sento onorato di poter trasmettere un po’ delle mie conoscenze a giovani ragazzi che stanno cercando di raggiungere il proprio massimo potenziale. Ci vediamo presto!».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Campionato giovanile di società: rinviate molte gare a causa del maltempo

Pubblicato

-

Campionato di società giovanile che si è disputato al campo Covi Postal di Trento sabato e domenica.

Le gare sono però state contraddistinte dal forte maltempo che ha condizionato peraltro tutto il mese di maggio.

Erano presenti tutte le società principali trentine con i loro atleti della categoria ragazzi (12-13 anni) e cadetti (14-15 anni).

PubblicitàPubblicità

Il regolamento prevedeva la somma di 11 punteggi per i ragazzi e 15 per i cadetti, punteggi derivanti dai risultati delle gare previste da programma tecnico.

Mentre per il sabato, l’unica gara rinviata risulta essere stata l’ asta femminile, nella giornata di domenica la commissione tecnica composta dal referente dei giudici di gara, settore tecnico del comitato e società organizzatrice Atletica Valle di Cembra, ha deciso di proseguire unicamente con le gare di corsa e rinviare tutti i concorsi: salto in alto, in lungo, asta e i lanci del giavellotto e disco.

Domenica al termine delle gare quindi la classifica non è ancora completata e non è stato possibile assegnare alcun titolo.

Nei prossimi giorni verrà comunicato la data del recupero delle gare.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza