Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Iniziato e rinviato il processo ai responsabili del caseificio di Coredo

Pubblicato

-

Iniziato e subito rinviato all’udienza del prossimo 14 giugno il processo che vede imputati Lorenzo Biasi, presidente del caseificio sociale di Coredo e Gianluca Fornasari, casaro e responsabile del piano di autocontrollo.

I reati contestati dal pubblico ministero dottoressa Maria Colpani sono «produzione e immissione in commercio prodotti caseari con cariche microbiche superiori ai limiti di legge (STEC ed Escherichia coli)».

In particolare all’imputato Fornasari l’omissione di «richiedere adeguati controlli» e «di richiedere a Trentingrana Concast di effettuare delle ispezioni sul campo al fine di verificare le condizioni igieniche delle stalle dei conferitori».

Pubblicità
Pubblicità

Per entrambi, il p.m. ha individuato anche il reato di cui all’art. 650 del c.p. in «relazione alla omessa ottemperanza alla disposizione impartita dall’U.O Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria di Cles» (a piè pagina copia del decreto di citazione a giudizio).

Legata al processo è la dolorosissima vicenda, di cui ci siamo occupati numerose volte, del piccolo Maestri, il bambino di Coredo (all’epoca di soli quattro anni) che si era sentito male dopo aver mangiato il formaggio “Due Laghi” (con latte crudo) prodotto e commercializzato proprio dal caseificio di Coredo con conseguenze gravissime per la sua salute.

Pubblicità
Pubblicità

All’udienza di stamane era presente Giovanni Battista Maestri, padre del bimbo, assistito dall’avvocato Paolo Chiariello, per la costituzione di parte civile, mentre assenti erano gli imputati, il cui difensore avvocato Gaetano Forte del foro di Ferrara, ha sollevato eccezioni procedurali, alle quali si sono opposti tanto il p.m. d’udienza quanto l’avvocato di parte civile Paolo Chiariello.

Sull’eccezione, si pronuncerà, quindi, il Tribunale nell’udienza del prossimo 14 giugno.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Cavareno, cade dal muretto di una stalla. 58 enne in rianimazione

Pubblicato

-

Ieri pomeriggio a Cavareno un 58 enne è caduto da un muretto esterno ad una stalla.

L’uomo ha fatto un volo di circa tre metri e mezzo.

Stava lavorando nell’azienda agricola di Giuseppe Battisti, un suo parente.

Pubblicità
Pubblicità

Nessuno ha assistito all’incidente, il 58 enne è stato trovato con il volto riverso a terra dopo la caduta.

Sul posto sono subito arrivati i soccorsi e da Mattarello si è alzato in volo anche l’elicottero. L’uomo è stato stabilizzato sul posto ed elitrasportato d’urgenza all’ospedale Santa Chiara dove è stato subito operato per un forte trauma cranico che preoccupa. Si trova ora nel reparto di terapia intensiva e la prognosi è ancora riservata. Durante il trasporto è sempre stato cosciente

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Skicross, Pascal Rizzi guarda con ottimismo alle prossime gare

Pubblicato

-

Pascal Rizzi (con la tuta blu della nazionale italiana) al cancelletto di partenza

Pascal Rizzi, atleta noneso appartenente alla squadra italiana di skicross, traccia un bilancio positivo della prima parte di stagione. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sulla neve della Predaia per una simpatica “Miniciaspolina”

Pubblicato

-

Aria pura, sole pieno, cielo azzurro e catene di montagne innevate sullo sfondo: è stata una giornata intensa ed emozionante quella vissuta dai bambini della Scuola dell’Infanzia di Taio, protagonisti di una simpatica “Miniciaspolina” sulla neve della Predaia. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza