Connect with us
Pubblicità

fashion

«Zeta», la generazione «offline» che mette al primo posto i genitori e l’amore

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Si chiama “ Generazione Z” e si riferisce ai nati dal 1995 al 2004 ed è decisamente in contro tendenza, ovvero si differenzia dai “nativi digitali” perché preferisce pensare. 

Una generazione che vede ben  chiaro il futuro ma che guarda anche ai valori del passato

Mentre tutto il mondo che li circonda dipende da tablet e smartphone e comunica condividendo immagini e scambiandosi messaggi, la “ Generazione Zeta” pur con l’87% degli intervistati che considera lo smartphone irrinunciabile – sta scoprendo la vita offline: l’amicizia, la vita e l’armonia familiare e la cura dell’ambiente.

Pubblicità
Pubblicità

E’ quanto emerge da uno studio commissionato da Bnp Paribas Cardif che evidenzia come per il 57% degli intervistati la famiglia sia una priorità, per il 47% lo sia l’amore, per il 42% la salute.

Il 74% nel tempo libero frequenta gli amici.

Generazione Z mette al primo posto tra i modelli di riferimento i genitori, al secondo personaggi dello spettacolo e dello sport e solo al terzo blogger, influencer e gli chef resi celebri dai format di settore.

Pubblicità
Pubblicità

Rispetto alla solitudine che caratterizza i Millennials, Generazione Z chiamata a anche iGeneration è più pragmatica, più sicura e meno individualista, ma anche più fragile sul piano mentale.

Una generazione attiva (solo il 9% né studia né lavora) che si trova a essere più esposta a fenomeni sociali come il bullismo, con oltre la metà che afferma di aver subito a scuola o sul lavoro discriminazioni, in particolare per la propria salute e forma fisica (soprattutto le donne).

Anche la loro vita social li porta alcune volte a commettere errori in prima persona, con il 47% che dichiara di aver pubblicato contenuti on-line di cui si è poi pentito, oppure ad aver avuto esperienza diretta o indiretta di cyberbullismo (oltre 40%). Ciò nonostante sono poco consapevoli e interessati alla reputazione digitale e hanno una debole percezione della serietà del tema.

Un dato interessante che emerge dall’indagine è quello della rivalutazione del ruolo del genitore che potrebbe tornare ad incidere nella crescita dei propri figlio, facendo leva prima di tutto sugli interessi come la cura dell’ambiente per diminuire il tempo comunque passato online.

Un obiettivo potrebbe essere anche quello di responsabilizzare maggiormente i figli sull’utilizzo della rete.

Infatti dalla stessa indagine è emerso come il 47% dei ragazzi intervistati, si sia dichiarato pentito di quello che aveva pubblicato.

Una singola indagine è insufficiente per trarre delle conclusioni, però evidenzia un’importante novità: la vita offline riprende a muoversi e si intreccia con quella online.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Trento2 settimane fa

Chico Forti, lo zio Gianni: «Perchè chi ha promesso non ha mantenuto la parola?»

Trento2 settimane fa

Stavano progettando un attentato, arrestati due Kosovari dell’ISIS a Rovereto

Trento3 settimane fa

Piazza santa Maria Maggiore: nascondono la droga sotto terra e nella Basilica – I VIDEO DEL DEGRADO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza