Connect with us
Pubblicità

Trento

57 licenziamenti presso la Glas Vetro Alpin e la Pulisprint: «L’idea è create 2 coop per rilevare le attività decotte»

Pubblicato

-

Un nutrito gruppo di lavoratori è stato accolto ieri dal presidente del Consiglio provinciale e ha potuto incontrare dieci consiglieri al termine dei lavori in aula.

Si tratta di 57 lavoratori e rispettive famiglie che da un giorno all’altro si sono ritrovati senza nessun sostentamento economico.

In particolare, i 31 lavoratori e lavoratrici licenziati dalla ditta nuova pulisprint, che lo scorso 21 febbraio 2019 è stata dichiarata fallita dal tribunale di Rovereto, sono senza alcun sostentamento economico dal mese di novembre 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Per i 26 lavoratori della Glas vetro Alpin la situazione non si presenta migliore.

Oggi, giovedì 11 aprile, nell’incontro che si svolgerà presso il servizio lavoro per la conclusione delle procedure di licenziamento collettivo, verranno tutti espulsi dalla fabbrica e dal lavoro e si ritroveranno disoccupati senza un reddito.

Nella manifestazione di ieri iniziata sotto il palazzo della regione in piazza Dante è’ stata denunciata la situazione dei rispettivi licenziati alla Pulisprint di Nago e alla Glas Vetro Alpin di Trento sud.

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente del Consiglio ha assicurato ascolto e sostegno, pur nella consapevolezza che le soluzioni devono nascere dalle dinamiche di mercato.

Fulvio Flammini del Sindacato di base multicategoriale ha spiegato che Pulisprint lavorava bene ma è fallita, gli stipendi non vengono pagati da novembre.

Glas Vetro è altresì una crisi senza possibile sbocco.

La proposta allora è “creativa”: fondare due cooperative di produzione e lavoro, per rilevare le attività decotte, che hanno ancora buone prospettive e mercato.

Occorre aprire un tavolo di lavoro e prevedere corsi di formazione ad hoc per i lavoratori, molto mirati sulle necessità di questo progetto.

Il presidente ha raccolto questo input, promettendo di girarlo opportunamente al governo provinciale, che ha la competenza per supportarlo.

Da Futura 2018 è venuto un elogio per questa reazione proattiva alla crisi, che va incoraggiata.

Dalla Lega la richiesta di alcuni dettagli concreti sulla situazione di capannoni e attrezzature e contratti aperti delle aziende in questione.

Un grazie per la tenacia dal Movimento 5 Stelle, a fronte di crisi aziendali dai contorni inspiegabili, viste le ottime condizioni in cui le ditte potevano lavorare.

L’ipotesi di operazioni con intento speculativo non è peregrina. Un’altra preoccupazione: che il trasferimento dei macchinari possa rendere molto problematico far ripartire le attività produttive.

L’auspicio: che si attivino corsi ad personam, differenziati a seconda delle mansioni da assumere nelle ipotizzate cooperative.

Un consigliere del Pd ha invece chiesto se è stato attivato un rapporto con la Giunta provinciale.

Flammini ha risposto che il sindacato non guarda al colore dei governi e ha spiegato tutti i passaggi di una delicata triangolazione Provincia-azienda-sindacato tuttora in corso.

Agire per il Trentino ha tratto la conclusione politica che occorre evitare in futuro il meccanismo perverso dei finanziamenti Pat ad aziende che poi chiudono e licenziano.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza