Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Presentata la Stagione 2019 di Fidal Trentino: programmati oltre 100 eventi

Pubblicato

-

Stamane presso la sede del Gruppo GPI di Trento, il Comitato FIDAL Trentino ha presentato quello che sarà il 2019 dell’Atletica Trentina con protagonisti di calibro internazionale come Yeman Crippa (Fiamme Oro), Angela Mattevi (Atletica Valle di Cembra), Lorenzo Paissan (Lagarina Crus Team), Mohad Abdikadar (Cs Aeronautica Militare), Lorenzo Pilati (Atletica Valli di Non e Sole) presenti in sala ed accompagnati da Yohannis Chiappinelli (Cs Carabinieri), in Trentino in vista della prossima partenza verso lo stage di allenamento a FlagStaff, Arizona, che scatterà domani e al quale il toscano medaglia di bronzo nei 3000 siepi ai Campionati Europei di Berlino 2018 prenderà parte insieme a Crippa e Abdikadar.

Accolti dalla responsabile dell’Area Comunicazione del Gruppo GPI Daniela Filbier e dal presidente di FIDAL Trentino Fulvio Viesi, ed alla presenza dell’assessore allo sport del Comune di Trento Tiziano Uez, i numerosi ospiti hanno potuto conoscere quello che sarà il 2019 dell’atletica trentina, annata che segue una scorsa stagione dai risvolti incredibile su ogni fronte e livello, che ha saputo proporre i trionfi europei di Yeman Crippa (bronzo nei 10.000 metri ai Campionati Europei di Berlino), Cesare Maestri (argento ai campionati europei di corsa in montagna), Nadia Battocletti (campionessa europea under 20 di cross), Angela Mattevi (campionessa europea under 20 di corsa in montagna) ed Aldo Andrei (argento ai campionati europei under 18 nella marcia), fino alle affermazioni sul territorio nazionale e non solo di Isabel Mattuzzi, Lorenzo Paissan, Lorenzo Ianes, Irene Baldessari e via dicendo.

Protagonisti che si presenteranno a caccia di soddisfazioni anche nel 2019, accanto a chi nei mesi scorsi ha dovuto vivere una forzata sosta ai box come Silvano Chesani, Giordano Benedetti o Norbert Bonvecchio, pronti a riprendere confidenza con risultati di grido su palcoscenici importanti.

PubblicitàPubblicità

Sarà ancora una volta una stagione intensa, con oltre 100 eventi (in allegato il calendario completo) allestiti sul territorio provinciale, tra pista, corsa in montagna, corsa su strada e cross, con numerosi appuntamenti di livello internazionale che saranno elencati di seguito, a partire dal Palio Città della Quercia in programma il 27 agosto prossimo nella rinnovata pista dello Stadio Quercia di Rovereto.

Un 2019 importante per gli impianti, per i lavori che – oltre al già citato Stadio Quercia – coinvolgeranno anche le strutture del Campo Scuola Covi Postal di Trento (conclusione dei lavori per l’Indoor con rifacimento di piste e pedane previsto per il 2020), Pergine (rifacimento pista e pedane) ed Arco (rifacimento pista e pedane).

“Il Gruppo GPI è onorato di poter supportare ed ospitare il Comitato FIDAL Trentino e porto con entusiasmo il messaggio del presidente Fausto Manzana, impegnato fuori regione da inderogabili impegni – è stato il saluto di benvenuto della dottoressa Daniela Filbier – perché in fondo la salute ed il benessere che trasmettono lo sport sono i cardini che sostengono la filosofia del Gruppo GPI anche attraverso i poliambulatori POLICURA di Trento e Rovereto”.

Il presidente Fulvio Viesi ha puntato l’attenzione e ringraziato “i tanti volontari ed organizzatori che consentono all’atletica trentina di vivere e di crescere ogni anno di più. E’ proprio grazie al loro lavoro – impagabile – se anno dopo anno i nostri ragazzi riescono a conquistare sempre più spazio a livello internazionale ed i risultati recenti degli atleti presenti in sala è una chiara dimostrazione di come si lavora bene in Trentino. L’Atletica Trentina è in salute, ma vuole fare sempre di più e non posso che ringraziare tutti i sostenitori e gli amici che ci permettono di proseguire su questo cammino”.

E nelle prossime ore entrerà definitivamente nel vivo anche la stagione estiva di Yeman Crippa e Yohannis Chiappinelli, attesi al decollo verso gli Stati Uniti.

“Per il terzo anno abbiamo scelto insieme al tecnico Massimo Pegoretti di effettuare l’allenamento in quota a Flagstaff – è stato il commento del poliziotto trentino Yeman Crippa che in questo 2019 ha già raccolto il titolo tricolore assoluto di corsa campestre – perché ci consente di lavorare al meglio, in un contesto conosciuto e soprattutto qualificato ed utilizzato da tanti protagonisti dell’atletica internazionale. Sarà un mese importante, cui seguirà un primo test agonistico nella seconda metà di maggio, probabilmente in Trentino, e successivamente l’impegno nei 5000 metri al Golden Gala. L’altro appuntamento fissato in agenda è quello con la Coppa Europa dei 10.000 metri in luglio: la speranza e l’obiettivo sono quelli di staccare in questi due appuntamenti i rispettivi minimi di partecipazione per i Campionati Mondiali di Doha e poi valutare su quale distanza concentrarmi nell’evento clou della stagione”.

Con lui partirà anche il senese Chiappinelli. “La medaglia dello scorso anno a Berlino è stata importante, ma il percorso di crescita non deve fermarsi lì – è stato il commento dell’allievo di Maurizio Cito – ed il raduno di FlagStaff sarà fondamentale in tal senso, per porre le basi di quello che sarà un 2019 importante e di progresso. Come per Yeman, il mio debutto internazionale sarà in occasione del Golden Gala, poi la stagione verrà calibrata in ottica Mondiali, anche sulla scorta dei primi riscontri ufficiali. Siamo un gruppo giovane di mezzofondisti che vuole fare bene e l’aver conquistato il podio a Berlino ha aumentato l’entusiasmo e la consapevolezza di poter raggiungere altri traguardi importanti”.

A completare il terzetto che dal Trentino volerà in Arizona ci sarà anche Mohad Abdikadar, laziale che da tre anni ha trovato casa a Trento per allenarsi con Yeman Crippa sotto i dettami di Massimo Pegoretti. “La condizione fisica non è ottimale, sto risolvendo alcuni problemi di salute, ma ho deciso di partire a mia volta per FlagStaff per poter iniziare quanto prima ad allenarmi e sfruttare il periodo in quota: l’obiettivo di questa prima parte di annata è inseguire il minimo per Doha nei 1500 metri”.

Fresca di proficua partecipazione ai Campionati Mondiali di Cross di Aarhus, Angela Mattevi invece si dividerà tra corsa in montagna e pista. “La corsa in montagna non verrà abbandonata: il gruppo di lavoro coordinato e diretto da Paolo Germanetto è davvero eccezionale e fare di tutto per non lasciarlo, ma in questo 2019 vorrei migliorare maggiormente in pista, soprattutto nei 5000 metri, con l’obiettivo di partecipare ai Campionati Europei Juniores su pista di Boras (Svezia, 18-21 luglio). Sul fronte del Mountain Running, i due momenti clou del 2019 saranno gli Europei di Zermatt dove sarò campionessa juniores in carica ed i Mondiali argentini di Villa La Agostura, a metà novembre”.

La stagione estiva targata FIDAL Trentino entrerà nel vivo già il prossimo fine settimana, con la prima prova del Grand Prix Giovanile Casse Rurali Trentine in programma sabato pomeriggio a Trento per l’organizzazione dell’Atletica Trento e la Riunione di Apertura su Pista di domenica, proposta come da tradizione dall’Us Quercia Trentingrana nella mattinata di domenica allo Stadio Quercia di Rovereto.

Scarica qui la Brochure illustrativa con tutti gli eventi

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

L’Itas Trentino perde gara 4, svanisce il sogno scudetto

Pubblicato

-

La (bella) stagione dell’Itas Trentino si conclude all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche in gara 4 di Semifinale Play Off Scudetto Credem Banca 2019.

Dopo la vittoria ottenuta a Pasquetta in rimonta, ai Campioni del Mondo non è riuscito il bis che avrebbe portato la serie con la Cucine Lube al match di spareggio da giocare di nuovo a Trento.

Facendo leva sul fattore campo, confermato oggi per la ventunesima volta in ventidue partite giocate in questa stagione, i marchigiani stasera si sono nuovamente imposti, stavolta per 3-0, chiudendo il discorso e guadagnando la qualificazione alla sesta Finale Scudetto della loro storia, la terza consecutiva.

Pubblicità
Pubblicità

All’Itas Trentino, capace di lottare sino alla fine con lo stesso coraggio e determinazione mostrate durante le cinquantun precedenti partite della sua annata agonistica, resta comunque l’orgoglio di aver venduto cara la propria pelle con un avversario fortissimo, che offre un valore aggiunto ad una stagione che verrà ricordata per i due titoli internazionali conquistati (Mondiale per Club e CEV Cup) ma anche per la costante competitività messa in mostra in ogni singola manifestazione a cui ha preso parte.

Le difficoltà in attacco ed in ricezione, evidenziate già nel primo set, non hanno comunque impedito a Giannelli e compagni di restare attaccati agli avversari sino in fondo, sfruttando la solita grande vena del muro (a segno nove volte, di cui quattro con Lisinac e tre con Giannelli) e gli spunti offerti durante il match da Vettori e Russell, in una serata difficile in attacco per Kovacevic. Dall’altra parte, il trio di palla Sokolov-Leal-Juantorena ha viaggiato su ottimi livelli in attacco, indirizzato definitivamente la qualificazione verso il versante marchigiano.

La cronaca di gara 4. Gli starting six proposti dai due tecnici ricalcano quelli visti in campo per buona parte del match giocato a Pasquetta alla BLM Group Arena.

Lorenzetti conferma Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic e Russell in banda, Candellaro e Lisinac al centro e Grebennikov libero. De Giorgi presenta la Cucine Lube con Bruno alzatore, Sokolov opposto, Juantorena e Leal laterali, Cester e Simon al centro, Balaso libero.

L’avvio di match è molto contratto da entrambe le parti; Trento parte meglio (5-3) ma sbaglia molto in battuta, consentendo agli avversari di rimanerle in scia e poi di mettere la freccia (9-12) quando Russell va in difficoltà in ricezione ed in attacco.

Il time out di Lorenzetti è molto produttivo perché alla ripresa del gioco i gialloblù risalgono la china sino al 14-14 grazie anche ad un ace di Giannelli su Balaso. La Lube fiuta il pericolo e riparte con Juantorena, che quasi da solo con attacco e servizio costruisce un nuovo +3 (16-19). Gli ospiti soffrono in ricezione e vacillano (17-21); una battuta punto di Russell ancora su Balaso li riporta in carreggiata (19-21), ma successivamente ci pensano Sokolov e Simon (muro su Kovacevic) a chiudere il conto nel primo set (21-25).

La lotta torna ad essere serrata, punto a punto, in avvio di secondo parziale (5-5, 8-8), poi un errore di Vettori e un muro di Simon su Kovacevic aprono la forbice fra le due formazioni (8-11) costringendo Lorenzetti ad interrompere il gioco. Alla ripresa Trento si riavvicina (11-12), ma la speranza di trovare la parità dura un attimo perché poi si scatena Sokolov (11-14) fra attacco e battuta.

L’Itas Trentino con Vettori cerca nuovamente l’aggancio, ma Simon non concede nulla ed abbassa la saracinesca proprio nel momento decisivo (16-20, muro sullo stesso opposto) e i gialloblù non rispondono più, travolti dagli ace di Sokolov (17-23, 19-25).

Nel terzo set i Campioni del Mondo si giocano il tutto per tutto e partono a razzo (4-2, 8-5), sfruttando l’incisività del proprio servizio e la buona vena di Vettori a rete. Il time out di De Giorgi consente alla Cucine Lube di ritrovare il filo del gioco e l’immediata parità a quota nove con Juantorena al servizio, Leal in attacco e Simon a muro. Trento riparte (11-9), ma viene subito stoppata ancora da Juantorena (15-16).

Il finale di set è tiratissimo (17-17, 20-20), gli iridati si guadagnano quattro palle set consecutive, senza però sfruttarle; la Lube alla terza chiude la serie con un attacco di Leal che tocca il nastro e beffa la difesa di Kovacevic (29-31).

Pur mostrando difficoltà, anche tecniche, abbiamo affrontato la partita con orgoglio e professionalità – è stata l’analisi a fine partita dell’allenatore di Trentino Volley Angelo Lorenzetti . Nei primi due set abbiamo sofferto troppo in ricezione, anche se ad onor del vero la Lube ci ha messo molta pressione in questo fondamentale, soprattutto nel secondo parziale. Non siamo riusciti a restare attaccati alla partita proprio in quella circostanza sprecando occasioni importanti. Nel terzo, poi, qualcosa è cambiato: abbiamo retto meglio e loro hanno sbagliato di più, ma non è bastato. Le sconfitte ti lasciano sempre l’amaro in bocca; dobbiamo però ammettere di aver trovato un avversario che ci ha portato al limite delle nostre capacità”.

Cucine Lube Civitanova-Itas Trentino 3-0
(25-21, 25-19, 31-29)
CUCINE LUBE: Juantorena 16, Simon 8, Sokolov 16, Leal 14, Cester 3, Bruno, Balaso (L); Kovar, D’Hulst, Cantagalli. N.e. Marchisio, Massari, Stankovic e Diamantini. All. Ferdinando De Giorgi.
ITAS TRENTINO: Candellaro 5, Vettori 13, Russell 12, Lisinac 7, Giannelli 6, Kovacevic 3, Grebennikov (L); Van Garderen, Nelli, Cavuto, Daldello. N.e. De Angelis, Codarin. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Sobrero di Carcare (Savona) e Braico di Torino.
DURATA SET: 28’, 27’, 42’; tot 1h e 37’.
NOTE: 4.040 spettatori, per un incasso di 65.449 euro. Cucine Lube Civitanova: 7 muri, 5 ace, 18 errori in battuta, 4 errori azione, 58% in attacco, 53% (20%) in ricezione. Itas Trentino: 9 muri, 4 ace, 15 errori in battuta, 8 errori azione, 41% in attacco, 31% (23%) in ricezione. Mvp Juantorena.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Semifinale Play Off Scudetto, giovedì l’Itas Trentino a Civitanova per gara 4

Pubblicato

-

Si gioca giovedì 25 aprile all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche gara 4 di Semifinale Play Off Scudetto Credem Banca 2019.

Per la seconda volta nella serie l’Itas Trentino sarà di scena nelle Marche, andando a caccia della vittoria in grado di pareggiare i conti ed al tempo stesso di annullare la seconda (di tre) opportunità per la Cucine Lube per chiudere il discorso qualificazione.

Fischio d’inizio previsto per le ore 18

PubblicitàPubblicità

Il successo ottenuto il giorno di Pasquetta di fronte al proprio pubblico ha rialzato le quotazioni della squadra Campione del Mondo, chiamata però subito ad un’impresa ancora più difficile per non dover chiudere in questa occasione la propria esaltante stagione.

Per riportare la serie alla BLM  Group Arena serve infatti la vittoria all’Eurosuole Forum, dove Trentino Volley non ha mai vinto in nove precedenti ufficiali.

“L’affermazione in gara 3 non rende comunque differente rispetto a prima la nostra situazione: ci troviamo ovvero di nuovo a giocare una sfida da dentro o fuori – ha chiarito l’allenatore Angelo Lorenzetti presentando l’appuntamento – ; siamo contenti di aver prolungato la serie ma siamo sotto per 1-2 e il nostro compito sarà sempre più difficile perché ora dobbiamo provare a conquistare un risultato che in passato non ci è mai riuscito a Civitanova. Vogliamo essere ancora protagonisti, prendendo spunto dalla precedente partita disputata nelle Marche, dove eravamo stati su buoni livelli solo per due dei quattro set giocati. Se riusciremo ad affrontare alla pari la Cucine Lube in ogni parziale potremo giocarci fino in fondo le nostre carte e sperare di arrivare a gara 5”.

La formazione trentina è partita già nel primo pomeriggio di oggi alla volta di Civitanova dopo aver sostenuto l’ultimo allenamento all’ora di pranzo alla BLM Group Arena.

Giovedì mattina all’Eurosuole Forum la classica rifinitura pre-gara; una sessione utile per verificare la condizione di tutta la rosa e decidere che tipo di schieramento adottare, tenendo conto che lunedì scorso il tecnico gialloblù ha ruotato buona parte degli effettivi per ottenere il risultato.

Gara 4 di Semifinale sarà la 52a partita stagionale di Trentino Volley, la 815a ufficiale della sua storia, la 118a nei Play Off Scudetto (bilancio 70 vinte e 47 perse).

La gara sarà diretta da Luca Sobrero (di Carcare – Savona, di ruolo dal 1996 ed internazionale dal 2004) e Marco Braico (di Torino, in massima categoria dal 2003).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Pioggia di titoli sul Pressano. Vinto anche il campionato provinciale under 15

Pubblicato

-

Per Pressano arriva un altro titolo giovanile ed è il terzo in questa fase finale dei campionati di categoria.

Dopo quello Regionale per l’Under 19 e Under 17 tocca ora a quello Provinciale per l’Under 15, guidata da Giuliano Merlo e Dinko Dedovic.

La formazione di Pressano è composta quasi totalmente da giocatori delle classi 2004 e 2005 ed a parte le “fuori quota” con Merano e Innsbruck, i baby gialloneri hanno giocato alla pari con tutti gli avversari ed alla fine si sono classificati al primo posto a livello Trentino.

PubblicitàPubblicità

Una prima piazza della classifica condivisa tra Pressano e Mori entrambi a quota 22.

A fare la differenza sono stati gli scontri diretti tutti vinti dal Pressano.

Le prime due classificate dell’Alto Adige e del Trentino si qualificano per le fasi finali di categoria e così anche l’Under 15 sarà di scena a livello nazionale con la possibilità di competere per il titolo di categoria.

Le finali si giocheranno a Misano Adriatico dal 2 al 7 luglio, nell’ambito del Festival della Pallamano 2019.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza