Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Al MUSE: «Not in my planet»

Pubblicato

-


Dal 12 aprile, al MUSE, la mostra “Not in my planet” espone una serie di opere fotografiche della pluripremiata fotografa Mandy Barker: immagini di grande impatto visivo composte da rifiuti – sfuggiti al riciclaggio – finiti nelle acque del mare e infine sulle coste.

Obiettivo, catturare l’attenzione e far riflettere su uno tra i principali problemi che affliggono i nostri giorni: l’inquinamento e l’incredibile abbondanza di rifiuti.

L’esposizione è frutto della collaborazione con l’Agenzia per la Depurazione della Provincia autonoma di Trento e con gli Enti gestori della raccolta dei rifiuti, nell’ambito di una campagna di informazione per la lotta all’inquinamento da plastica, articolata in varie iniziative che avranno corso durante tutto il 2019, fra cui visite guidate agli impianti di recupero/smaltimento dei rifiuti, convegni tematici, concorsi e campagne on-line.

PubblicitàPubblicità

La mostra è composta da 4 sezioni: Shoal, Soup, Indefinitive e Snow Flurry nelle quali l’artista stimola una risposta emotiva nello spettatore combinando la contraddizione tra attrazione estetica iniziale e successivo messaggio di consapevolezza. Le immagini, rielaborate, sono basate su fotografie di oggetti fisicamente ritrovati sulle spiagge o alla deriva nell’oceano.

SHOAL (banco): la serie SHOAL è una testimonianza del detrito plastico marino raccolto durante la Japanese Tsunami Debris Expedition che, nel 2012, ha navigato attraverso la distesa di detriti dello tsunami nell’Oceano Pacifico settentrionale. L’opera si concentra sulla plastica raccolta e fotografata tra Giappone e Hawaii.

SOUP (zuppa): ZUPPA è il nome che viene dato ai detriti plastici galleggianti in mare e – in particolare – alla massa che si è accumulata in una precisa area dell’Oceano Pacifico settentrionale, conosciuta come “Garbage Patch” (“macchia di rifiuti”).

INDEFINITE (indefinito): i detriti abbandonati e ritrovati lungo la costa, che per periodi di tempo differenti sono rimasti in mare, trasmettono collettivamente un messaggio sull’ambiente marino. Gli oggetti assumono le sembianze di creature marine, le stesse per cui – in mare – la plastica si rivela fatale. Per ogni fotografia, la didascalia riporta il numero di anni che ciascun materiale impiega a decomporsi e costruisce una narrativa nel tempo che si conclude con l’indeterminato, indefinito polistirolo.

SNOW FLURRY (raffica di neve): in natura, un fiocco di neve è formato da uno o più cristalli di ghiaccio e non esistono due fiocchi identici. I detriti plastici di colore bianco, recuperati in mare, sono una metafora dei fiocchi di neve in cui ciascun manufatto esibisce una diversa struttura. Sono stati tutti raccolti sul litorale della Riserva Naturale di Spurn Point (Gran Bretagna).

Pubblicità
Pubblicità

Arte e Cultura

Il Museo di San Michele aperto a Pasqua e il lunedì dell’Angelo

Pubblicato

-


Il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele resta aperto anche nel giorno di Pasqua e per il lunedì dell’Angelo, 22 aprile. Occasione propizia per visitare il Museo con le sue 43 sale.

Il ricco percorso espositivo del Museo attraversa ben 43 sale, snodandosi dal basso verso l’alto, in 25 diverse sezioni.

Con più di 12.000 oggetti esposti, tra i quali spiccano le grandi macchine ad acqua, mulino, fucina e segheria veneziana, il Museo si distingue per l’attenzione che dedica al sistema agrosilvopastorale della montagna trentina e alle lavorazioni artigiane di supporto al mondo contadino – legno, ferro, rame, ceramica, tessuti – fino alle testimonianze della religiosità, della musica e del folklore.

PubblicitàPubblicità

Si ricorda inoltre che anche giovedì 25 aprile e mercoledì 1 maggio il Museo è aperto al pubblico con i consueti orari.

Orario di apertura: 9.00 – 12.30 / 14.30 – 18.00

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

Il professor Stefano Zecchi nuovo presidente del MUSE

Pubblicato

-


Dopo quella di Vittorio Sgarbi al Mart, la giunta provinciale di Trento si è occupata di un’altra nomina ai vertici di uno dei più importanti musei del Trentino.

Nella seduta di ieri infatti, su proposta del presidente d’intesa con l’assessore alla cultura, l’esecutivo ha designato il professor Stefano Zecchi alla presidenza del Muse.

Nato a Venezia nel 1945, Zecchi è stato professore di estetica all’università degli studi di Milano, unendo all’attività di accademico e filosofo quelle di scrittore, giornalista ed opinionista,  cosa che gli è valsa la notorietà presso il grande pubblico che lo ricorda anche per i suoi interventi in alcune popolari trasmissioni televisive. “Siamo certi che le caratteristiche del professor Zecchi – commentano il presidente della Provincia autonoma di Trento e l’assessore provinciale alla cultura – sapranno dare il giusto apporto alla mission del Muse che accanto al rigore scientifico unisce la vitalità di continue proposte capaci di mantenere alto il potenziale attrattivo di un museo che ha finora dato grandi soddisfazioni, e per questo ringraziamo il board uscente porgendo nel contempo i migliori auguri a chi ora dovrà portare avanti la continua sfida dell’eccellenza”.

PubblicitàPubblicità

Come nel caso di Vittorio Sgarbi, anche il professor Zecchi non percepirà un compenso per svolgere il ruolo di presidente del Muse.

Accanto a Zecchi, indicato quale presidente, la Giunta provinciale ieri ha nominato anche il secondo componente del cda del Muse che – nel rispetto delle regole sull’equilibrio di genere – deve essere una donna.

Si tratta della giornalista Laura Strada, trentina, già responsabile della redazione RAI di Trento ed oggi inviata della TGR.

Siederà nel consiglio di amministrazione assieme all’ex sindaco ed ex vicepresidente della Provincia, Alberto Pacher designato dal Comune di Trento.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Arte e Cultura

Il S.A.S.S., il Museo Retico e il Museo delle Palafitte di Fiavé aperti a Pasqua, lunedì 22 aprile, 25 aprile e 1 maggio

Pubblicato

-


I musei e le aree archeologiche gestiti dalla Soprintendenza per i beni culturali sono pronti ad accogliere i visitatori anche nel periodo pasquale e in occasione dei ponti di primavera per un incontro con la storia più antica del Trentino.

Il S.A.S.S., Spazio Archeologico Sotterraneo del Sas, a Trento, sotto Piazza Cesare Battisti, il Museo Retico di Sanzeno e il Museo delle Palafitte di Fiavé saranno aperti la domenica di Pasqua, lunedì 22 aprile e nelle festività del 25 aprile e del 1 maggio. Sono inoltre visitabili liberamente le aree archeologiche di Monte San Martino ai Campi tra Riva del Garda e Tenno e Acqua Fredda al passo del Redebus.

Nel cuore del centro storico di Trento, il S.A.S.S. è un luogo di grande suggestione checonservai resti della Tridentum romana con un tratto di un decumano minore. Nel sito sono inoltre visitabili due mostre: “Ostriche e vino. In cucina con gli antichi romani” che getta uno sguardo sulle abitudini alimentari e la cucina in età romana sulle sponde dell’Adige e fino al 25 aprile “Amazzonia. Le custodi della biodiversità” a cura di Mandacarù.

Pubblicità
Pubblicità

L’orario di apertura è 9-13/14-17.30.

La visita al Museo delle Palafitte di Fiavé, aperto dalle ore 14 alle 18, è un vero e proprio viaggio nel tempo che permette di immergersi nell’atmosfera del villaggio palafitticolo di Fiavé di 3.500 anni fa. Alle aperture nei fine settimana e nelle festività si aggiungono due appuntamenti per approfondire i temi trattati in museo.

Mercoledì 24 aprile alle ore 15 è in programma “Al museo con Roberto Reperto”, un laboratorio per bambini a partire dai 6 anni per cimentarsi in prima persona con l’antica tecnica della lavorazione della ceramica. È legato ai prodotti locali delle Valli Giudicarie “Saperi e sapori dalle palafitte. Latte, sale e caglio” che si terrà venerdì 26 aprile alle ore 15. I partecipanti potranno visitare il museo in compagnia di un’archeologa e di un produttore locale e dialogare con loro sulla lavorazione del burro e la produzione del formaggio tra passato e presente.

Al termine merenda-degustazione a base di prodotti del territorio (informazioni e prenotazione tel. 0465 735019).

Al Museo Retico di Sanzeno, visitabile dalle ore 14 alle 18, è possibile ripercorrere la storia antica della Val di Non, dalla preistoria all’alto medioevo, attraverso il “pozzo del tempo” e conoscere aspetti e curiosità della vita quotidiana dei Reti la popolazione pre-romana che abitava la valle nell’età del Ferro. È inoltre esposta nel museo la ricostruzione in bronzo del “karnyx”, la tromba da guerra utilizzata dai Celti in battaglia per terrorizzare i nemici. Accanto alla ricostruzione sono in mostra i reperti originali risalenti alla seconda età del Ferro.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza