Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Vince ancora la Rotaliana. Con il Calciochiese finisce 1-0

Pubblicato

-


Ultima spiaggia per il Calciochiese di agganciare il treno salvezza. Con la sconfitta di oggi rimangono nove i punti di distanza dalla permanenza in Eccellenza. Rotaliana obbligata a vincere per continuare a coltivare speranze nella promozione in serie D.

Si parte subito col botto. Al terzo minuto un calcio d’angolo dalla sinistra pesca Zentil, che con una spaccata  da ginnasta appoggia in porta. 1-0.

La Rotaliana prende fiducia e inizia a macinare gioco. Il lancio lungo è la specialità della casa. Il gioco è collaudato a memoria e passa essenzialmente dalle fasce, dove la velocità di Gasparini e Di Trocchio crea non pochi problemi.

Pubblicità
Pubblicità

Al decimo, il solito lancio lungo pesca Gasparini sulla destra. Dopo aver lasciato sul posto diversi difensori avversari, appoggia in area per Canali. Il tiro angolato viene respinto dal portiere Nezbedin.

La partita pare già indirizzata ma gli ospiti si rivelano molto aggressivi.

Improvvisamente da un calcio d’angolo biancazzurro Zentil s’inventa una rovesciata. Il gesto tecnico, che lascia di stucco i tifosi, finisce di poco alto.

I colpi pazzi non finiscono qua.

Pubblicità
Pubblicità

Dalla mezz’ora inizia uno show di Biaggini. Dopo un rinvio del portiere Nezbedin, il terzino stoppa e lancia al volo. Il tiro dai 50 metri finisce di poco fuori. Lo stesso Biaggini, non soddisfatto, pochi minuti più tardi ritenta il colpo dalla grande distanza. Il siluro, indirizzato sotto la traversa, viene smanacciato in angolo dal portiere.

 Alla sagra delle grandi giocate si unisce anche Canali che, entrato in area, inizia una serie di sombreri prima di appoggiare per Gasparini, che spreca tutto.

Il Calciochiese nonostante abbia subito l’impeto della squadra di casa ha resistito egregiamente. Complice una forte aggressività collettiva, è riuscita a chiudere tutte le trame di gioco costringendo la Rotaliana al solito lancio lungo. L’aggressività non è però bastata a creare pericoli. La difesa di casa, sollecitata maggiormente dalla parte di Ermon, ha sofferto molto poco.

Nel secondo tempo le giocate circensi sono solo un vago ricordo. La stanchezza da fine campionato domina sulla partita e non succede quasi nulla. La squadra ospite tenta di agguantare il pareggio con diverse conclusioni. I tiri di Franceschetti e Risatti vengono ribattuti nella stessa azione dal muro difensivo, mentre la conclusione di Boschi non inquadra il bersaglio. Sul finire un bolide di Conci viene respinto dal portiere.

Nel Calciochiese lo spirito battagliero non riesce a limare il gap tecnico. Un’ottima organizzazione a centrocampo e alcune parate del portiere hanno evitato che il passivo potesse essere più ampio. La Rotaliana gioca ormai con sicurezza, spesso con i reparti larghi  e con i terzini molto più presenti in fase offensiva. La posizione di classifica e la superiorità tecnica, hanno dato più spavalderia alla squadra.

Da sottolineare una foltissima presenza di pubblico, quasi con difficoltà nel trovare posti a sedere.

ASD ROTALIANA: Gionta, Ermon, Stefanelli, De Simone, Biaggini, Dauti, Di Trocchio (23°st Rizzi), Canali, Zentil, G. Conci, Gasparini. All: Bertoncini.
A.D. CALCIOCHIESE: Nezbedin, Festa (6°st Fanoni), M. Donati, Zaninelli (27°st. L. Donati), Rinaldi, Baronchelli, Boschi (32°st El Bouazzaaoui), Nicolussi, Franceschetti, Risatti, Rinaldi (1°st Bugna).
Reti: 3°pt Zentil (R)
Arbitro: Marco Mirabella
Note: spettatori 400 circa

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Coach Nicola Brienza: «Contro Reggio Emilia match importante per confermarci in crescita e sulla strada giusta»

Pubblicato

-


I bianconeri domani sera alla BLM Group Arena affrontano la Grissin Bon Reggio Emilia: palla a due alle 20.00, biglietti disponibili su aquilabasket.vivaticket.it e presso l’Aquila Basket Store di piazzetta Lunelli.

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Quella di domani contro Reggio Emilia per noi è una partita importante, c’è grande voglia e grande attenzione da parte della squadra perché vogliamo proseguire il percorso che abbiamo intrapreso e che nelle ultime settimane ci ha permesso di mettere in campo performance positive. Reggio arriverà alla BLM Group Arena con grandi motivazioni, per invertire la rotta dopo un paio di passaggi a vuoto, quindi a maggior ragione dovremo farci trovare pronti e determinati fin dalla palla a due: dobbiamo essere solidi per 40 minuti e vincere questa partita. Il ritorno di Buscaglia a Trento? Penso che sia giusto e corretto che i tifosi mandino un caloroso messaggio a Maurizio, mi unirò agli applausi che merita per quello che ha fatto qui e per quello che è, un grande allenatore. Lo sport in fondo è fatto di valori, sentimenti, relazioni. Poi però sarà partita vera, e sono sicuro che saremo tutti concentrati sul match e sul fare la miglior prestazione possibile. Oggi rispetto all’andata contro la Grissin Bon penso che siamo più squadra, abbiamo un’identità che vogliamo sviluppare ma che ci sta permettendo di essere più compatti anche nei momenti difficili: il prossimo passo è limare le lacune che ancora ogni tanto ci portiamo dietro, penso per esempio a qualche difficoltà di troppo a rimbalzo. In chiusura, ci tengo a ringraziare George King per il lavoro svolto in queste settimane, si sono create le condizioni per cui lui non aveva molto spazio ma ha lavorato in maniera professionale e sempre al massimo dell’attenzione lasciando solo ottimi ricordi».

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

George King lascia la Dolomiti Energia Trentino

Pubblicato

-


Dolomiti Energia Basket Trentino e George King hanno definito la rescissione consensuale del contratto che legava al club bianconero l’esterno statunitense.

King lascia Trento dopo aver giocato 28 partite tra campionato ed EuroCup (5,8 punti e 2,6 rimbalzi di media).

A George Aquila Basket rivolge sentiti ringraziamenti per il percorso fatto assieme e i migliori auguri per il prosieguo della carriera.

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

2020 inaugurato col rotondo 3-0 sul campo di Monza nel 15° turno di SuperLega: l’Itas Trentino torna al quarto posto in classifica

Pubblicato

-


Il 2020 dell’Itas Trentino inizia con una convincente vittoria esterna a Monza.

Questa sera alla Candy Arena i gialloblù hanno infatti imposto il 3-0 ai padroni di casa del Vero Volley nel match valevole per il quindicesimo turno di regular season SuperLega Credem Banca 2019/20, rilanciando le proprie ambizioni di classifica, che ora li vede nuovamente al quarto posto.

La lunga pausa di tre settimane del campionato ha evidentemente consentito alla squadra di Lorenzetti di presentarsi in campo con rinnovato smalto e soprattutto con una condizione fisicamente decisamente più brillante, come dimostrano le percentuali in attacco fatte registrare da molti effettivi (su tutti Russell col 78% e Lisinac col 69%) e la grande tenuta sfoggiata nel corso del secondo set, il più difficile da portare a casa.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo una buona partenza, Giannelli e compagni hanno infatti subito nel parziale centrale la reazione di Monza, passata per le mani di Sedlacek; sono riusciti a contenerla, vincendo ai vantaggi (31-29), grazie agli spunti individuali ma anche grazie alle ottime cose mostrate fra muro e difesa.

Il successo allo sprint di quel sey ha poi aperto la strada anche per il terzo periodo, vinto nuovamente in scioltezza sulla falsariga del primo.

Lo stesso Russell (best scorer con 16 punti ed mvp) è stato solo uno dei quattro trentini a terminare il match in doppia cifra; assieme a lui anche Lisinac (13), Vettori e Cebulj (11 a testa), a conferma di una direzione in regia di Giannelli molto efficace.

La cronaca del match. Alla Candy Arena Angelo Lorenzetti sceglie di iniziare il 2020 con Giannelli in cabina di regia, Vettori opposto, Russell e Cebulj in posto 4, Candellaro e Lisinac al centro, Grebennikov libero. Il Vero Volley Monza deve rinunciare a Kurek (non al meglio), Louati e Yosifov e risponde con Orduna al palleggio, Ramirez Pita opposto, Dzavoronok e Sedlacek schiacciatori, Beretta e Galassi centrali, Goi libero.

Pubblicità
Pubblicità

L’avvio è tutto di marca ospite, con Cebulj e Vettori che fanno la voce grossa in ricostruita offrendo lo spunto del 5-1 che costringe immediatamente i padroni di casa a rifugiarsi in un time out. Alla ripresa del gioco però i gialloblù continuano a dettare legge (9-3), dimostrandosi molto efficaci anche a muro (Candellaro a segno su Galassi).

Monza prova a rialzare la testa con Beretta (due primi tempi di fila per l’11-8), ma Lorenzetti ascolta il campanello d’allarme ed interrompe il gioco. In seguito Trento torna ad essere esplosiva in attacco (14-9, 17-12, ace di Lisinac), lanciandosi decisa verso il finale di frazione, che arriva sul 25-19 dopo che il Vero Volley era riuscito con Buchegger a ricomporre almeno in parte il punteggio.

Nel secondo set Soli sceglie Dzavoronok come opposto ed inserisce in banda Louati, mentre Yosifov trova posto al centro della rete; la mossa evidentemente disorienta l’Itas Trentino che va subito sotto (3-5, time out Lorenzetti) ma si riprende trovando la parità già a quota sette. Monza riparte con Sedlacek (10-12, 12-15), Trento dà l’impressione di poter nuovamente risalire la china (16-17), va sotto anche di tre lunghezze (16-19), prima di riprendersi definitivamente. Candellaro e Lisinac riescono a portare i gialloblù in parità a quota 22.

Il finale è al cardiopalma e si protrae sino ai vantaggi: Monza non sfrutta due palle set, gli ospiti ne guadagnano cinque e chiudono il conto sul 31-29 con un muro di Russell su Dzavoronok.
Nella terza frazione di gioco l’Itas Trentino guadagna subito un doppio vantaggio (4-2), che riesce a conservare costantemente nello sviluppo del periodo (6-4, 10-8), prima di allungare sul 16-12, sfruttando qualche errore non forzato dei brianzoli.

Soli spende tutti i time out a propria disposizione nel giro di pochi minuti senza però ottenere risultati positivi (19-15); Trento non si ferma più (21-16) e vola veloce verso il 3-0 che arriva già sul 25-21 (primo tempo di Candellaro).

“Abbiamo messo in mostra una buona pallavolo ma va anche considerato che siamo stati sicuramente aiutati nel nostro intento dall’assenza pesante di Kurek fra le fila di Monza – ha ammesso l’allenatore dell’Itas Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match – . L’atteggiamento della squadra è stato buono in ogni situazione ed è quello che conta di più stasera. Nel secondo set abbiamo mostrato carattere ma anche determinazione, lavorando bene fra muro e difesa dopo che gli avversari ci avevano messo in difficoltà in fase di cambiopalla. Il nostro ritmo deve necessariamente crescere, ma sicuramente siamo stati bravi ad uscire da una situazione che poteva farsi complicata”.

L’Itas Trentino è rientrata a Trento già nella notte, godrà dell’intera giornata di venerdì per ricaricare le pile e sabato inizierà a preparare il prossimo appuntamento, in calendario già per domenica 19 gennaio, in questo caso alla BLM Group Arena contro la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia (sedicesimo turno di regular season, fischio d’inizio ore 18).

Di seguito il tabellino della partita della quindicesima giornata di regular season di SuperLega Credem Banca 2019/20 giocata questa sera alla Candy Arena di Monza.

Vero Volley-Itas Trentino 0-3
(19-25, 29-31, 21-25)
VERO VOLLEY: Sedlacek 16, Beretta 7, Orduna, Dzavoronok 12, Galassi 2, Ramirez Pita 1, Goi (L); Louati 4, Yosifov 4, Buchegger 1, Calligaro, Federici (L). N.e. Kurek, Capelli. All. Fabio Soli.
ITAS TRENTINO:
 Candellaro 6, Vettori 11, Cebulj 11, Lisinac 13, Giannelli 2, Russell 16, Grebennikov (L); Michieletto, Djuric. N.e. Daldello, De Angelis, Codarin, Sosa Sierra, Kovacevic. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Tanasi di Noto (Siracusa) e Piana di Carpi (Modena).
DURATA SET: 27’, 40’, 29’; tot 1h e 36’.
NOTE: 1.863 spettatori, incasso non comunicato. Vero Volley: 5 muri, 2 ace, 15 errori in battuta, 7 errori azione, 44% in attacco, 41% (19%) in ricezione. Itas Trentino: 10 muri, 3 ace, 16 errori in battuta, 6 errori azione, 52% in attacco, 53% (42%) in ricezione. Mvp Russell.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza