Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Il pericolo delle democrazie troppo umanitarie 2 – di Luigi Gatti

Pubblicato

-

Spett.le direttore,

rispondo all’invito di far sentire la mia a proposito dell’articolo pubblicato dal suo giornale in data 3 aprile a firma di Claudio Forti (Il pericolo delle democrazie troppo «umanitarie»)

Premetto che sono un signore di una certa età e ricordo bene il referendum sulla legge 194 del 1978, quando mi schierai a favore del mantenimento della suddetta legge, che come altre di quegli anni appariva a tutti gli effetti un passo avanti nel progresso civile della società.

Pubblicità
Pubblicità

A distanza di anni, però, ho avuto modo di riflettere e rivedere ampiamente la mia posizione, per cui se dovessi esprimermi adesso sul mantenimento della legge, non avrei esitazione a votare NO.

Ovviamente, faccio eccezione su casi gravi e comprovati, come potrebbe essere il rischio per la salute della madre, nel caso la gravidanza venisse portata avanti.

E in effetti era con questo spirito che la legge era nata, non per niente si ribadiva il rifiuto dell’aborto quale mezzo per liberarsi di gravidanze indesiderate.

In realtà col passare degli anni si è ricorso all’aborto con sempre maggiore leggerezza,tant’è verso che si sente spesso chiedere ad una donna non troppo contenta dell’avvenuto concepimento: “Che fai, lo tieni?”, come se il proseguimento di una vita già in essere dipendesse dal suo insindacabile giudizio.

Uno degli slogan più fortunati del vecchio movimento femminista era :”Il corpo è mio e lo gestisco io“, o in alternativa: “L’utero è mio e lo gestisco io”.

Affermazioni, certo, sacrosante, ci mancherebbe altro!

Se una donna vuole tagliarsi un dito o un piede, sono affari suoi, se vuole buttarsi da un ponte, libera di farlo; ma nel momento in cui nel suo corpo e nel suo utero, comincia a vivere una nuova vita, no: il corpo non è più soltanto suo, ma è anche di un altro essere vivente, desiderato o meno che possa essere, un altro essere che vive già di vita propria, minuscolo magari come un fagiolo, ma vivo!

E se è vivo, è già depositario del diritto inalienabile alla vita.

Mi si dirà: “Ma vive attraverso la madre, respira attraverso la madre, si nutre attraverso la madre“. E allora? Vive, respira, si nutre: questa è la realtà.

Anche una persona in coma respira e si nutre attraverso una macchina, ma non per questo schiacciamo l’interruttore e la mandiamo in malora.

La vita è qualcosa che non ci appartiene, non siamo noi a farla nascere, a dispetto degli esperimenti di laboratorio, e non siamo, né possiamo essere noi a decretarne la fine.

Mi è capitato di leggere anni fa un caso avvenuto a Venezia, credo: un uomo che aveva ucciso la sua compagna incinta.

Mi colpì il fatto che l’uomo venisse incriminato per “duplice” omicidio, in quanto il giudice ritenne il feto depositario del diritto insindacabile alla vita.

Perché, allora, mi chiedo, quello fu ritenuto depositario del diritto alla vita e gli altri, i tanti che la perdono nelle cliniche no? Chi è che detiene il diritto insindacabile di decidere della vita di un feto?

Luigi Gatti – Trento

«Io la penso così» – la rubrica dedicata ai lettori – (invia a redazione@lavocedeltrentino.it)

Pubblicità
Pubblicità

Io la penso così…

Ai miei figli insegno il rispetto della divisa – di Carlo Garbini

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

devo ammettere che questa epoca è decisamente impegnativa per noi genitori.

Io, papà di due ragazzi di 10 e 14 anni, ho cercato in questi anni di far crescere i miei ragazzi seguendo alcune semplici regole ed una di queste vorrei condividerla con Lei e i suoi lettori.

Pubblicità
Pubblicità

La regola principale è stata sempre questa. Avere rispetto della divisa.

Il rispetto non va confuso con la “paura” della divisa, che assolutamente non deve albergare nello spirito dei miei figli….ho cercato sempre, in questi anni, di spiegare e far capire che “della divisa” devono avere rispetto e non paura.

La paura è un sentimento che si ha nei confronti di quello che ci spaventa, ci preoccupa, ci fa appunto paura.

La divisa, ma soprattutto chi la porta, non evoca questi sentimenti e queste sensazioni….anzi, esattamente l’opposto. La divisa deve evocare sicurezza, tranquillità, aiuto, un porto sicuro dove ripararsi nei momenti di difficoltà.

Ecco, questo ho insegnato ai miei figli.

Gli ho insegnato che quando incontrano una persona in divisa devono salutare, sorridere, essere gentili sempre. Le persone che sono sotto quella divisa mettono a repentaglio ogni momento la loro vita per noi, per tutti noi.

Gli ho insegnato che ci sono gli “amici Carabinieri”, gli “amici Vigili”, i grandi “amici Pompieri” e non ci sono, invece, gli sbirri, i pulotti o la madama.

Ci sono “gli amici in divisa”. Punto.

I miei figli sanno che dagli amici possono e devono andare in ogni momento se hanno difficoltà, dubbi, problemi o necessità.

I miei figli sanno che su “loro” possono sempre contare. Sempre.

Ecco, volevo condividere solo questo. Se tutti i genitori si ricordassero di insegnare questo ai loro figli, forse, il nostro futuro sarà migliore….anzi, non il nostro, ma il loro.

Grazie “amici in divisa”, grazie di cuore.

Carlo Garbini 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Io la penso così…

A cento anni dagli eventi bellici sul Lagorai è tornato il silenzio. Lasciamolo così – di Massimo Mariani

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

da qualche mese si fa un gran parlare della “valorizzazione” del percorso escursionistico denominato TransLagorai, oltre ottanta chilometri di porfido a quote comprese fra i 2000 e i 2500 metri di quota lungo il quale cento anni fa correva il fronte della I Guerra Mondiale.

Secondo alcuni questa “valorizzazione” deve prevedere anche la  “riqualificazione” della Malga Lagorai  – posta a 1870 metri di quota – trasformandola in un ristorante-bar-rifugio strumentale a questo grande percorso. Chiunque conosca questi posti sa che la malga è troppo lontana dal cammino e nessuno sarebbe disposto a perdere circa 500 metri di dislivello per raggiungerla.

PubblicitàPubblicità

Ad una prima distratta occhiata quindi questo intervento appare insensato.

E invece sembra che una logica ci sia vista l’enorme quantità di soldi che girano dietro a questa operazione – si parla di 750 mila euro di fondi pubblici! . Tutte cose già viste centinaia di volte, il profitto di poche persone senza scrupoli a scapito del territorio che, nel caso del Lagorai, credo di non esagerare definendolo unico e insostituibile.

Ho letto anche della scellerata affermazione di un consigliere della Provincia che ha affermato di vergognarsi di essere trentino per la fatiscenza della malga. Per conto mio questa persona dovrebbe sì vergognarsi, ma del fatto di non farsi alcun scrupolo davanti alla volontà di distruggere l’ambiente in cui vive venendo meno al suo dovere di preservarlo.

Si vuole valorizzare il Lagorai? Bene, perché non restaurare alcune delle numerose tracce e testimonianze della permanenza delle truppe in alta quota durante la Prima Guerra Mondiale. Si potrebbe allestire una sorta di museo all’aperto come sopra a Cortina d’Ampezzo, tra il Lagazuoi, le 5 Torri e il Sasso di Stria.

Come sulla Croda Rossa, sopra Sesto Pusteria o le creste di Costabella, sopra il Passo San Pellegrino solo per citarne alcuni.

Magari allestendo all’interno di qualche caverna, proprio come nell’osservatorio italiano del Sasso di Costabella, una mostra fotografica che denunci gli orrori di quella guerra costata milioni di morti.

Raccontiamo di quelle distruzioni, delle fosse comuni, delle esecuzioni, delle mutilazioni e dei campi di battaglia devastati dall’artiglieria. Raccontiamo di queste crudeltà e portiamoci i ragazzi delle scuole, per non dimenticare.

A cento anni dagli eventi bellici sul Lagorai è tornato il silenzio. Lasciamolo così.

Non ha bisogno delle nostre “valorizzazioni” e se proprio vogliamo, entriamoci in punta di piedi, senza lasciare traccia del nostro passaggio.

Massimo Mariani

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Io la penso così…

Emendamendo semplificazione: «Nessun vil baratto» – di Luca Guglielmi

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

chiedo cortesemente di poter trovare spazio nella rubrica dedicata alle lettere del Suo giornale in merito al tanto discusso emendamento all’articolo 17 del ddl 18 di iniziativa giuntale per la semplificazione e la competitività della seduta consiliare di ieri.

Un emendamento che ho convintamente e assolutamente in buonafede presentato nel pieno delle prerogative di ogni singolo Consigliere.

Pubblicità
Pubblicità

Lo stesso peraltro è stato dichiarato ammissibile a seguito delle verifiche dei preparati uffici del Consiglio Provinciale, se così non fosse stato non sarebbe arrivato in aula e non sarebbe diventato per logiche politiche il casus belli della seduta consiliare di ieri.

Un emendamento che, tengo a precisare, andava nella direzione della semplificazione amministrativa e della competitività, giacché come ho dichiarato in Aula ero e sono tuttora convinto che all’esterno, che alla popolazione trentina, sia necessario dare un segnale di inversione di tendenza, di un’amministrazione pubblica maggiormente dinamica e meno ingessata.

Premesso quanto sopra, a seguito della discussione che questo emendamento aveva creato, nella Conferenza dei Presidenti dei Gruppi ho dichiarato l’intenzione di ritirare l’emendamento al fine di vedere il ddl 18 approvato senza lasciar passare ulteriore tempo e nel “limbo” norme e azioni necessarie ed impellenti per la nostra Provincia.

Nessun “vil baratto” come pretestuosamente affermato dal collega Ghezzi, tant’è che a verbale della Conferenza è chiaramente riportato che il sottoscritto ha dichiarato “ritiro l’emendamento perché non voglio che questo diventi il capo espiatorio per non arrivare alla votazione finale del disegno di legge”.

Tante sono state le reazioni dei consiglieri di minoranza in aula, altrettante sui social dove ad esempio il collega Dallapiccola mi ha degnato di menzione per non essere stato in grado di “spiegare a voce” l’intenzione dell’emendamento stesso.

Tutto lecito nella logica del dibattito politico, mi si permetta però di sottolineare come l’esplicazione dell’emendamento fosse chiara nel testo stesso.

Ritengo infatti che dotare la giunta provinciale di uno strumento fattivo ed effettivo volto a misure per l’accelerazione, la semplificazione dei procedimenti amministrativi e alla riduzione di oneri e vincoli per i trentini e le imprese (allo scopo di migliorare l’efficienza e l’efficacia della condotta pubblica) e per accrescere la competitività del sistema economico trentino sia cosa necessaria e di estrema attualità.

Non ritengo che tutto ciò sia un atto di lesa maestà anche se, responsabilmente, avendo un profondo rispetto di chi esercita il ruolo di minoranza, ho preferito ritirare l’emendamento al fine di riappacificare gli animi.

Mi duole constatare, sentendo e leggendo i diversi commenti della sinistra dell’emiciclo provinciale, che tale responsabile atteggiamento non sia stato ricambiato.

Concludo annunciando che il contenuto e l’indirizzo dell’emendamento rimane per me una priorità e che in quanto tale lo porterò avanti su altre strade ed in altri modi perché, la seppur comprensibile dialettica politica, non può e non deve ingessare la competitività economica o la semplificazione burocratica e amministrativa.

Sperando di trovare, nei tempi giusti e a ragionamenti fatti, l’appoggio anche di quella parte di minoranza che ieri in aula ha comunque condiviso l’indirizzo dell’emendamento.

Consigliere Provinciale – Luca Guglielmi

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza