Connect with us
Pubblicità

Trento

Viabilità, aggiornamento della situazione in Trentino

Pubblicato

-

La perturbazione che dalla tarda serata di mercoledì ha interessato il territorio provinciale è in via di esaurimento.

Le precipitazioni a carattere nevoso hanno riguardato in modo diffuso le aree a quote superiori ai 700 -1000 metri, con accumuli fino a circa 150 centimetri sui passi con maggiore altitudine del Trentino Occidentale (Passo Tonale).

A causa dei rilevanti accumuli di neve, nella serata di ieri e durante la notte si sono registrate cadute di piante in alta Val di Sole, in Val di Fiemme e Fassa che hanno imposto la chiusura di alcune tratte stradali. La raccomandazione è quella di prestare attenzione.

Pubblicità
Pubblicità

A seguire il dettaglio per ogni settore

Strade sett 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA

Sono caduti fino a 60 cm sulla SP 85 in località Viote. Dopo il taglio di una pianta ad alto fusto in località Vaneze, la strada è stata riaperta ed è ripresa l’attività delle frese per completare gli allargamenti della carreggiata.

Non si registrano problemi per la viabilità.

Strade sett 5 – VAL DI NON E SOLE

Pubblicità
Pubblicità

La nevicata ha interessato la media ed alta Valle di Sole e l’Alta Valle di Non.

Gli accumuli di neve hanno raggiunto circa 120 cm a Passo Tonale, 90 a Passo Campo Calo Magno, 70-80 cm a Marilleva 1400 e Pejo, 30-40 cm in Alta Val di Non.

Al momento sono chiuse per consentire il controllo ed il taglio delle piante instabili la SS 239 di Campiglio nel tratto tra Folgarida e Passo C.C. Magno e la S.S. 42 tra Vermiglio e Passo Tonale.

La S.S. 42 è chiusa anche nel tratto compreso tra gli innesti della S.P. 19 di Ruffrè per caduta piante. Il traffico sulla relazione Ronzone Passo Mendola è deviato attraverso la S.P. 19 di Ruffrè.

Da segnalare anche alcuni smottamenti in bassa Val di Non, con puntuali restringimenti di carreggiata.

A causa dell’abbondante nevicata per buona parte della giornata saranno in attività i mezzi per lo sgombero neve ed in particolare le frese e turbine saranno impegnate per buona parte della giornata per completare le operazioni di pulizia del piano viabile e l’allargamento della carreggiata.

Non si registrano particolari problemi per la viabilità.

Strade sett 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato l’alta Val Rendena e le zone più in quota delle Giudicarie Esteriori (Passo Durone).

Sono caduti circa 80-90 cm nella zona di Madonna di Campiglio; 5-10 cm in località Passo Durone.

Non si registrano particolari problemi per la viabilità.

Strade sett 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA

La nevicata ha interessato solo le strade più in quota e cioè la parte della S.P. 127 nella zona di Tremalzo, dove gli accumuli di neve fresca hanno raggiunto i 50 cm.

Non si registrano problemi per la viabilità.

Strade sett 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Al Passo Rolle sono caduti 90 cm, al Passo Brocon 40 cm come al Passo Cereda, quota neve 750 m.

Passo Brocon chiuso per pericolo valanghe dal km 24+600 al passo (lato Vanoi).

Permane la chiusura del Passo Rolle per pericolo valanghe da San Martino di Castrozza (km 87 circa) al passo.

Si raccomanda l’utilizzo di attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura della S.P.31 del Passo Manghen dal km 14+400 a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

Si segnala la formazione di buche lungo la SS 47 della Valsugana.

Strade sett 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Nella notte nevicate fino a 800 m (più in basso pioggia). Sui passi dolomitici caduti fino a 100 cm, la neve è pesante ed il transito sui passi rimasti aperti è difficoltoso.

Sulla SP 71 tra Scancio e Segonzano (km 15 circa) a causa di un piccolo smottamento si transita a senso unico alternato.

Il Passo Lavazè (SS 620) precedentemente chiuso è stato riaperto fino al passo ma permane la chiusura sul lato Bolzano per pericolo caduta sassi.

Riaperta tutta la SS 48 fino a Canazei precedentemente chiusa in prossimità di Soraga per caduta piante.

Passo Pordoi e Passo Sella chiusi da Canazei, Passo Fedaia chiuso da Penia (Canazei).

Passo Valles chiuso per pericolo caduta piante.

Permane la chiusura del Passo San Pellegrino lato Veneto per pericolo valanghe.

Si raccomanda l’utilizzo di attrezzatura da neve.

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]

Categorie

di tendenza