prosa
Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

“Tempi nuovi” e come sopravviverli: Cristina Comencini al teatro Sociale

Pubblicato

-

Fino a domenica va in scena al teatro Sociale Tempi nuovi (2017), scritto e diretto da Cristina Comencini e prodotto da Michele Gentile e Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale.

La commedia, un atto singolo, vuol essere un’indagine sull’effetto delle nuove tecnologie sulle famiglie e i loro componenti.

Il padre Giuseppe (Maurizio Micheli) è uno storico il cui rapporto con la tecnologia è a dir poco difficile: confonde i termini e riesce a mandare in crisi il macOS (il sistema operativo dei Macintosh) con allarmante regolarità.

PubblicitàPubblicità

Sua moglie Sabina (Iaia Forte), giornalista, ha invece dovuto seguire un corso – la scelta era tra adeguarsi e andarsene – e ora è in grado di comporre gli articoli rapidi ma ricchi di contenuto multimediale che le è richiesto; forte di questo, proclama la sua modernità ad ogni possibile occasione.

Con loro vive il figlio Antonio (Nicola Ravaioli), liceale. Vero figlio della contemporaneità, è abituato al ritmo degli smartphone nella comunicazione come nella vita (nella sua cerchia è la regola di non avere rapporti fissi, ragazzi e ragazze si accoppiano a seconda dell’occasione) ma la vicina maturità lo convince a ricercare l’aiuto paterno.

C’è ancora la figlia Clementina (Sara Lazzaro), ormai indipendente. Ha un paio di cose importanti da comunicare alla famiglia e non si tratta di faccende che si possono dire per posta elettronica.

Tempi nuovi è un’altra pièce assai parlata, che si affida molto agli attori per raggiungere il pubblico. Fortunatamente il cast è all’altezza della prova.

Maurizio Micheli (che ha ereditato il ruolo dallo scomparso Ennio Fantastichini) gioca con umorismo all’intellettuale un po’ polveroso, che vive in mezzo ai libri e se ne dice fiero.

Questo personaggio è professorale fino al midollo: per criticare la sessualità disinvolta del figlio non concepisce di meglio che brandire I dolori del giovane Werther (Goethe, 1774); per attaccare l’ossessione della velocità cita Gramsci (si suggerisce che il nome del figlio sia un omaggio); verso la fine della commedia cita, ovviamente in latino, Guglielmo di Occam.

Il suo atteggiamento è comprensibile: colto impreparato da una rivoluzione tecnologica che ha mutato la vita di tutti in Occidente, rifiuta di alzare bandiera bianca ed invece sceglie di combattere in un ruolo vicino al dotto di Salamanca come venditor di Apocalisse descritto da Umberto Eco.

“Al dotto di Salamanca — se vuole sopravvivere — a questo punto si propongono due alternative: o sottomettersi ad un corso di addestramento per acquisire sufficienti conoscenze tali da permettergli di essere maestro di cultura e di vita nel mutato orizzonte di rapporti, o costituire le basi di una nuova scienza, che consista nel sostenere la negatività morale e culturale della scoperta dell’America.

In questa disciplina egli potrebbe assurgere a dignità di esperto e diventare nuovamente maestro di vita per migliaia di discepoli”.

Iaia Forte ha dichiarato di aver accettato il ruolo per fare un cambio di passo rispetto ai consueti ruoli forti. Chi la ricordava in film come Luna e l’altra (ma anche i suoi film con Pappi Corsicato) non poteva dubitare che la sua Sabina avrebbe beneficiato molto dal suo temperamento e dalla sua energia.

Sabina, si è detto, padroneggia la tecnologia come deve, ed è legittimamente fiera di dirsi donna moderna, eppure sotto la pelle le cose stanno altrimenti.

Come Giuseppe anche lei ha dei libri che ama estrarre dalla libreria, ma si tratta degli album di famiglia (più di venti, dice), che conserva e aggiorna con impegno e devozione e che non vede l’ora di accrescere ulteriormente.

Udite le nuove della figlia, a stento nasconde lo shock e le serve un po’ di tempo per abituarsi ai cambiamenti.

Come in Indovina chi viene a cena?, proclamarsi avanzati risulta meno facile quando la realtà comincia a riguardarci.

Nicola Ravaioli offre al suo adolescente la bonomia e la rilassatezza di tanti pacifici e coccolati millennial che conosciamo.

Sara Lazzaro ha il ruolo di chi farà saltare gli equilibri consolidati della famiglia, e lo fa con tranquilla dignità e con una sicurezza che manca ai genitori.

Dopo l’annuncio di lei le cose non saranno più come prima: il più colpito sarà Giuseppe, che complice una breve convalescenza ospedaliera si tuffa nei nuovi media con l’ardore del neoconvertito, abiurando gli amati libri al punto di non tollerare nemmeno di udire il termine (la famiglia reagisce come se avesse perso il senno).

Un’autentica crisi di mezza età, solo con i social media al posto di un’amante e di una motocicletta.

Qui c’è forse un punto critico, ossia che amare i libri non implica in alcun modo che si debbano odiare i computer, e viceversa. Ma il tono è garbato, e Micheli in questa fase finale lascia briglia sciolta al suo talento comico.

Esiste ancora in lui abbastanza del professore per citare, come detto, Occam, filosofo noto al pubblico soprattutto per il concetto del rasoio di Occam: in soldoni, per risolvere un problema basatevi sulle ipotesi più semplici possibile (evitando di supporre infinite quanto inutili varianti).

Che è, credo, il senso della commedia come detto dalla Comencini stessa: “Non c’è una morale. L’importante è vivere la propria storia, perché le cose cambiano dentro di noi lentamente, non possono essere acquisite” (intervista a Repubblica; occhio che l’Autrice non condivide affatto la mia reticenza per i particolari della trama).

Una parola anche per la scenografia di Paola Comencini. Ritrae lo studio di casa, con altissime librerie, qualche poltrona e la scrivania.

Molto semplice, ma efficace: quando la si rivede con le librerie vuote, comunica in modo inequivocabile che niente sarà più come prima.

Ci si diverte con Tempi nuovi, opera brillante e leggera che ha spesso fatto ridere il pubblico in sala. I primi minuti forse sono stati un po’ rallentati dall’esposizione, ma in seguito lo spettacolo ha proceduto, arguto e agile, a dimostrare il suo umorismo intelligente.

La compagnia incontrerà il pubblico al teatro Sociale alle 17 e 30 di venerdì; lo spettacolo va in replica venerdì 5 e sabato 6 aprile alle 20 e 30 e ancora domenica 7 alle 16. La rappresentazione si è conclusa poco prima delle 22.

Pubblicità
Pubblicità

Spettacolo

Tentata truffa e falso, Ornella Muti condannata anche in Cassazione

Pubblicato

-

Confermata dalla Cassazione la condanna a sei mesi di reclusione e 500 euro di multa per tentata truffa aggravata e falso nei confronti di Ornella Muti.

Il verdetto convalida la decisione della Corte di Appello di Trieste del 6 luglio 2017.

All’attrice si contesta di aver cancellato uno spettacolo al Teatro Verdi di Pordenone, nel dicembre 2010, dandosi malata quando invece partecipò a una cena di gala in Russia con Vladimir Putin e Kevin Costner

Pubblicità
Pubblicità

Nella sua requisitoria il Pg della Cassazione Pietro Molino aveva chiesto ai supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte di dichiarare “inammissibile” il ricorso della difesa della Muti, come è avvenuto.

La sospensione condizionale della pena è subordinata al pagamento di una provvisionale di 30 mila euro al Teatro Verdi, ‘vittima’ del comportamento dell’attrice.

In primo grado, il 24 febbraio 2015, la Muti era stata condannata dal Tribunale di Pordenone a otto mesi di reclusione e 600 euro di multa, oltre alla provvisionale.

L’attrice diede forfait presentando un certificato medico per laringo-tracheite acuta con febbre, tosse e raucedine, con la prescrizione di cinque giorni di riposo e divieto di far uso della voce.

Le fotografie del gala di beneficenza la mostrarono a tavola con il premier Putin e il divo hollywoodiano Kevin Costner. 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Spettacolo

E’ stata un successo la prima puntata di “Undercut – l’oro di legno” su Dmax con protagonisti i boscaioli trentini

Pubblicato

-

Ieri sera la trasmissione Dmax “Undercut – l’oro di legno” ha fatto registrare l’1,6% di share, che per un canale tematico significa un +40%.

Protagonisti i boscaioli trentini e veneti che stanno lavorando per ripristinare gli alberi dopo la tempesta Vaia di ottobre.

Per il Trentino  due delle tre squadre protagoniste erano della Val di Fiemme: il team Giacomelli al lavoro presso Lavazè e il team Morandini operante a Predazzo.

Pubblicità
Pubblicità

La produzione è tutta trentina: Giuma appoggiata da Trentino Film Commission ha selezionato quattro squadre di taglialegna e le ha seguite nei loro cantieri (passo Vezzena, passo Lavazè  e Predazzo in Trentino, foresta di Cansiglio in Veneto).

Sono state otto settimane di riprese, iniziate a marzo e con qualsiasi condizione meteo (fino a venti gradi sottozero).

Le troupe televisive guidate dai registi Mario Barberi e Angelo Poli hanno affiancato costantemente i boscaioli, che saranno protagonisti di altre tre puntate.

Per saperne di più e guardare il trailer (qui l’articolo).

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Spettacolo

Il torneo medievale di Kaltenberg compie 40 anni

Pubblicato

-

Il torneo medievale di Kaltenberg festeggia quest’anno la sua quarantesima edizione. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza