Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

Meglio il latte materno o quello artificiale? Un mercato che vale 290 milioni di euro

Pubblicato

-

Meglio il latte materno o quello artificiale?

Si tratta di una domanda alla quale non c’è una risposta certa, se non un concetto di base che è quello che per il neonato il contatto fisico è importante.

E’ un tema che divide da generazioni: da una parte chi considera il latte materno un momento di irrinunciabile fusione affettiva tra madre e figlio, riconosce lo spirito di sacrificio del ruolo e considera inarrivabile la qualità del latte.

Pubblicità
Pubblicità

Dall’altra si predilige il ruolo decisionale della mamma, rifiutando il senso di colpa che potrebbe derivare dalla scelta.

In tutti i casi a gennaio fece scalpore l’intervento del Ministro della Salute Giulia Grillo che a margine della Conferenza Nazionale sulla Protezione , Promozione e Sostegno dell’ allattamento affermò di allattare artificialmente il proprio figlio in quanto ministro e quindi impossibilitato ad assentarsi dal lavoro.

Quasi come se l’allattamento artificiale fosse consigliabile alle donne in carriera.

Ma di certo l’allattamento naturale influisce sui tempi di ritorno al lavoro da parte della mamma. Sulla scelta pesa anche il costo del latte artificiale che oltre a essere elevato, può comportare problemi di digeribilità che ovviamente si scoprono solo dopo le prime somministrazioni e va periodicamente cambiato in base alla crescita del neonato.

Quello del latte artificiale è un mercato che vale 290 milioni di euro, pari a 1200 euro a bebè.

Ma si tratta anche di una realtà nella quale non mancano di certo altri interrogativi.

Ad esempio la scelta del tipo di latte spetta unicamente alla mamma?

Praticamente si, perché si tratta di un impegno sia di tempo che di fatica che la riguarda in modo esclusivo.

L’intervento del medico può esserci in quelle situazioni nelle quali l’insicurezza decisionale della mamma potrebbe avere dei risvolti psicologici tali, da compromettere la presenza del latte stesso.

Oppure in caso di quantità insufficienti o di mancata crescita del neonato.

Tra i due qual’è il migliore?

Di certo quello materno, a parte i casi nei quali siano presenti patologie o terapie in corso incompatibili con l’allattamento al seno.

Fino a che età si può allattare ?

Il suggerimento è quello di allattare in modo esclusivo fino ai 6 mesi. Poi fino ai 12 mantenere due o tre pasti di latte materno con l’introduzione progressiva di altri alimenti.

Pubblicità
Pubblicità

economia e finanza

Gruppo Sandvik Coromant: rinnovata l’unità produttiva di Rovereto

Pubblicato

-

“Complimenti al gruppo Sandvik Coromant per gli investimenti fatti qui a Rovereto e per lo sviluppo dell’attività di ricerca, svolta in collaborazione con il territorio”.

Così l’assessore provinciale allo sviluppo economico e lavoro Achille Spinelli, che in mattinata ha partecipato, nella Città della Quercia, all’inaugurazione della rinnovata unità produttiva del Gruppo Sandvik Coromant, leader mondiale nella produzione di utensili da taglio per uso industriale.

“L’attività che svolgete qui è molto importante per il Trentino – ha detto – perché potete vantare grandi collaborazioni sul territorio, in particolare con l’Università di Trento, con la quale avete sviluppato importanti ricerche sui materiali. Inoltre, grazie ai vostri investimenti, avete sostenuto l’occupazione, creando una forza lavoro qualificata. L’amministrazione provinciale è fortemente impegnata su questo, in particolar modo per favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro ed è indubbiamente positivo poter collaborare con un partner così importante a livello mondiale, al quale noi daremo il nostro supporto, nell’ambito delle normative provinciali a sostegno dell’economia”.

PubblicitàPubblicità

Lo stabilimento di Rovereto produce frese in metallo duro, utilizzate in tutto il mondo, con un’aumentata capacità produttiva.

La struttura comprende anche un centro globale di Ricerca & Sviluppo oltre ad avere preziose collaborazioni con esperti ed istituti esterni.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

economia e finanza

Dolomiti Fruits: investimento di 4 milioni di euro su Mezzocorona

Pubblicato

-

Tecnologia, investimenti e internazionalizzazione pur nel radicamento sul territorio: sono le caratteristiche della Dolomiti Fruits, azienda situata a Nanno, in Val di Non, da oltre 10 anni attiva nella produzione di succhi, puree e polpe di frutta, che ieri pomeriggio ha ricevuto la visita dell’assessore provinciale allo sviluppo economico, ricerca e lavoro.

In vista l’espansione della sede produttiva, con un insediamento “rent to buy” a Mezzocorona, che comporterà un investimento di 4 milioni e 900 mila euro, per il quale è stato richiesto un finanziamento per circa 430 mila euro da contributo provinciale.

“Un’azienda che valorizza la filiera trentina nel settore agrifood, che richiede oggi sempre nuove soluzioni” ha commentato l’assessore riferendosi in particolare alla politica aziendale di Dolomiti Fruits, da sempre orientata all’acquisto di beni e servizi sul territorio e recentemente impegnata in partenariato con la Fondazione Mach nel Corso di Alta Formazione Professionale per Tecnico superiore della produzione, trasformazione e valorizzazione della filiera Agri-food comparto bevande.

PubblicitàPubblicità

L’assessore, accompagnato dal responsabile dell’ufficio di supporto allo sviluppo economico della provincia autonoma di Trento Roberto Dal Bosco, ha dapprima visitato i vari reparti di lavorazione, conservazione e confezionamento con la guida di Alessandro Cammelli, socio amministratore e responsabile amministrazione e logistica e successivamente ha preso parte all’incontro con Franz Schweigkofler, presidente del CDA, socio e responsabile vendite e con Maurizio Toniolli, socio e responsabile produzione e risorse umane della stessa azienda.

Sul tavolo non solo l’ampliamento della sede, in cui l’insediamento è previsto entro settembre 2019, ma anche la conseguente crescita della produzione e degli addetti, con nuove assunzioni che si prevede raggiungeranno le più 20 unità rispetto alle attuali occupate.

Dolomiti Fruits S.r.l., nasce nel 2008 da un’idea imprenditoriale di soggetti residenti ed operanti nelle province di Trento e Bolzano e la sua attività consiste nella produzione di succhi e cremogenati di frutta e ortaggi.

Occupa attualmente 25 addetti tra amministratori e dipendenti e fruisce di un servizio di logistica esterno, con una superficie complessiva di circa 10.000 mq di magazzini, ubicati nel comune di Trento.

Nel 2016 la società ha raggiunto un volume di ricavi di oltre 17 milioni di euro e oltre 20  milioni nel 2017.

La quantità prodotta supera le 25.000 tonnellate annue di frutta, prevalentemente di origine italiana.

La produzione ha una linea dedicata all’alimentazione per l’infanzia che utilizza frutta e ortaggi per lo più biologici e biodinamici.

Dolomiti Fruits opera soprattutto con i mercati esteri ed è un’azienda che fin dalla nascita ha investito nel perseguimento di standards di qualità, formalizzati anche attraverso certificazioni; l’azienda è autorizzata anche all’esportazione dei prodotti negli Stati Uniti avendo superato i controlli della FDA (Food and Drug Administration).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

economia e finanza

Bilancio Sait: nel 2018 fatturato stabile, utile record

Pubblicato

-

Nonostante lo scetticismo rilevato nel 2016 nel momento in cui venne ufficializzato l’inizio del percorso di ristrutturazione aziendale del Consorzio Sait, il bilancio 2018 recepisce il consolidamento in termini di risultati del percorso intrapreso in questi ultimi esercizi.

Il Consorzio presenterà alle Famiglie Cooperative nell’Assemblea prevista per il 21 giugno un bilancio con risultati al di sopra delle previsioni sia in termini di utile che di ristorni.

Tra sconti e ristorni il trasferimento raggiungerà il valore di 8,5 milioni di euro (+ 28% rispetto al 2017).

Pubblicità
Pubblicità

Un dato che contribuisce a trasformare, a parità di perimetro, il risultato delle Famiglie Cooperative da una perdita di 672.000 euro dell’esercizio 2016 ad un utile di 4.574.000 euro dell’esercizio 2018. Sommato all’utile del Consorzio di euro 2.486.000, il risultato del Gruppo è di euro 7.060.000 rispetto ai 219.000 euro del 2016.

“Un percorso di oltre 2 anni di lavoro che ha avuto impatti sulla cultura aziendale oltre che su tutti i centri operativi ed ha permesso di dare impulso all’attività commerciale all’interno di una politica di contenimento di tutti i costi aziendali- afferma il direttore Luca Picciarelli – Il risultato di questa attenzione alla gestione dell’impresa ha portato ad un risparmio consolidato di 6.358.000 euro nell’arco di due soli esercizi pari ad un 15% del totale dei costi.”

Migliora di 5,5 milioni di euro la posizione finanziaria netta attestandosi a 35.741.000 euro con un eccellente rapporto PFN/EBITDA di 2,46.

“Non riteniamo questi risultati la fine di un percorso, ma semplicemente una tappa intermedia, raggiunta con il contributo di tutti i collaboratori – afferma il presidente Renato Dalpalù –. Dopo il rilancio commerciale delle cooperative di consumo aderenti a Sait e cinque accordi sindacali che hanno reso sostenibile la ristrutturazione del Consorzio, oggi siamo di fronte ad un nuovo inizio. Il commercio è un cantiere continuo lastricato di rischi, ma ricco di opportunità. Consideriamo l’esercizio 2018 il trampolino per la ripresa dello sviluppo: l’acquisizione del 100% del Superstore di Trento è la prima tappa di questo viaggio.”

Dalpalù ha anche annunciato che sarà erogato per intero il premio ai dipendenti previsto dal contratto integrativo aziendale, anche se non tutti i parametri aziendali a cui è legato sono stati raggiunti.

“La rinnovata coerenza e credibilità del consorzio auspichiamo possa essere un’ulteriore motivazione per guardare al futuro con il giusto ottimismo; naturalmente per poterlo fare è necessario mantenere alta la concentrazione su risultati di sistema e valori cooperativi”, conferma il direttore Luca Picciarelli.

Amministratori e struttura del consorzio hanno condiviso il “progetto di ristrutturazione” di Sait per trasferire le risorse necessarie ai bilanci delle Famiglie Cooperative socie.  L’attenzione alla gestione dei punti vendita, al servizio al cliente ed al contenimento dei costi è una necessità per garantire prosperità e futuro ad un sistema che dà lavoro a migliaia di persone e sostegno ad altrettante famiglie.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza