Connect with us
Pubblicità

Trento

Approvato il Piano della ricerca scientifica del Parco Naturale Adamello Brenta

Pubblicato

-

Le risorse più significative saranno destinate al progetto “BioMiti”

Il 2019 sarà un anno impegnativo per il Settore Ricerca scientifica ed Educazione ambientale del Parco Naturale Adamello Brenta. Nell’ultima seduta dalla Giunta esecutiva, è stato, infatti, approvato il Piano annuale della ricerca scientifica che contiene una lunga lista di progetti.

“Nei suoi trent’anni di vita – spiega il responsabile del Settore, Andrea Mustoni – il Parco ha dato un indiscutibile impulso alla ricerca scientifica, portando a conoscere meglio i propri ambienti naturali e il patrimonio ambientale della provincia. A partire dalle attività connesse al progetto di reintroduzione dell’orso bruno, la peculiarità del Parco è stata quella di realizzare le ricerche con il proprio personale e in collaborazione con istituti universitari e musei.”

Pubblicità
Pubblicità

“Il nostro obiettivo, ambizioso, ora è quello di riportare il Parco ad essere un’eccellenza anche nel settore della ricerca.”. Chiarisce il Presidente del Parco, Joseph Masè.

 “La Terra ci grida ogni giorno il proprio disagio e oggi, come mai in passato, c’è bisogno di un ente che faccia approfondimento, che studi il nostro patrimonio naturale, ne colga le fragilità e che trasmetta questa conoscenza alle nostre Comunità. E’ attraverso il sapere che si diffonde una consapevolezza dell’unicità del nostro patrimonio naturale e della necessità di curarlo, di rispettarlo, di preservarlo per noi stessi e per le future generazioni. Per questo motivo sono state destinate maggiori risorse alla ricerca, sono stati avviati progetti specifici e uniti i settori della ricerca scientifica e dell’educazione ambientale. Si è creata una bella squadra di “menti pensanti”, di persone altamente formate e capaci, che amano la Natura e la studiano.”.

“Con questi presupposti – prosegue Mustoni – nel 2019 il Parco incentrerà le proprie attività sul “Progetto Biomiti – Alla ricerca della vita sulle Dolomiti di Brenta”, un vasto progetto avviato lo scorso anno che si propone di tracciare una linea di indagine sulla quale si possano inserire ambiti di ricerca, volti a comprendere l’azione dei cambiamenti globali sulle comunità biotiche montane attraverso rilievi faunistici, vegetazionali e climatico/ambientali. Lo studio sarà condotto dal personale del settore, supervisionato dal gruppo di ricerca del Prof. Apollonio dell’Università di Sassari e realizzato in collaborazione con il MUSE e con altri Istituti di ricerca.”

Pubblicità
Pubblicità

Le aree di studio di BioMiti nel 2019 verranno raddoppiate.

Dalle 5 dell’anno scorso, collocate in fasce altitudinali differenti, si passerà a 10, tra la Cima Grostè e l’alta Val di Tovel. In queste aree, verranno raccolti campioni di specie vegetali, di fauna invertebrata come insetti, farfalle e falene, e di fauna vertebrata. Per quest’ultima saranno collocate foto trappole e allestiti punti di ascolto degli uccelli. Si prevede anche la cattura “a vivo” di piccoli mammiferi, come le arvicole, la cui presenza è chiaro indice di cambiamenti climatici in atto. Verranno fatte analisi del suolo e verrà elaborata una carta geomorfologica.

Pubblicità
Pubblicità

Grazie al posizionamento di sofisticati sensori, sarà possibile rilevare la temperatura e l’umidità nelle aree, da mettere in connessione con la presenza dei vari organismi viventi. I dati raccolti saranno quindi archiviati, analizzati e, infine, divulgati.

Oltre a BioMiti, nel 2019 verranno promosse molte altre linee di ricerca. Si aprirà una nuova fase del progetto “Incontri uomini-orso” che ha l’obiettivo di descrivere le reazioni degli orsi per poter informare meglio le persone sui comportamenti più corretti da adottare.

Proseguiranno le attività di monitoraggio faunistico mirato su 72 specie animali, individuate dal Piano faunistico del Parco nel 2006, valutando quindi lo stato di salute dell’ambiente.

Tra i monitoraggi faunistici vi saranno anche quello dello stambecco, animale reintrodotto dal Parco a partire dal 1995, e, in base all’accoglimento della richiesta di contributi del Piano di sviluppo rurale, sono in programma monitoraggi di aquila e francolino.

In appoggio al Servizio Foreste e fauna, è previsto il coinvolgimento in eventuali attività di censimento di ungulati e galliformi e nel monitoraggio genetico dell’orso attraverso 15 trappole per peli.

Infine, il Parco si metterà a disposizione di altri enti di ricerca come le Università, il Muse o la Fem, per sostenere le loro ricerche nell’area protetta, anche al fine di incrementare le sinergie e la conoscenza del territorio.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza