Connect with us
Pubblicità

Cani Gatti & C

A San Lorenzo i bambini “parlano cane”

Pubblicato

-

I bambini della seconda elementare di San Lorenzo in Banale hanno imparato a “parlare cane”, come loro stessi hanno detto.

Hanno infatti partecipato con entusiasmo esplosivo, ma calibrato dalla maestra Anita, al progetto “Impariamo a parlare… da cani” promosso da Zooway e condiviso con il Prof. Alberto Paris, dirigente dell’Istituto comprensivo Giudicarie Esteriori.

Zooway di Laura Nave è una realtà cinofila trentina che coinvolge educatori, istruttori cinofili e professionisti in interventi assistiti da animali (IAA), uniti dall’obiettivo di diffondere una cultura cinofila basata sul rispetto e la comprensione tra cani ed esseri umani.

PubblicitàPubblicità

L’obiettivo primario del progetto era tutelare i bambini dagli incidenti coi cani, di cui spesso si parla sulle prime pagine dei giornali.

I dati statistici, elaborati dal Codacons, affermano infatti che “ogni anno si registrano in media in Italia 70 mila aggressioni da parte di cani a danno dell’uomo”.

Queste aggressioni sono imputabili spesso a una scorretta gestione del cane da parte del proprietario e, molto spesso, a un’incapacità della maggior parte delle persone di comprenderne la comunicazione.

In altre parole: spesso i cani “urlano” il proprio disagio con posture del corpo o espressioni del muso, ma gli umani non li capiscono.

Così i cani si vedono costretti a ringhiare, mostrare i denti, fino ad arrivare a mordere.

E il morso, in genere, funziona: l’essere umano “analfabeta canino” si allontana dal cane.

Dal punto di vista del cane, il problema è in tal modo risolto, se non fosse che in genere, a seguito di questi episodi, per l’incompreso si spalancano le porte del canile.

Anche perché, quando la persona morsa è un bambino, le lesioni riportate possono essere molto gravi, in relazione alla statura dei più piccoli e alla loro minor capacità di contrastare l’aggressione.

I bambini che sanno “parlare cane” correttamente, difficilmente saranno aggrediti.

Tutte le attività svolte (simulazioni, giochi di ruolo, drammatizzazioni, giochi di gruppo, sensoriali, di squadra, psico-pedagogici e giochi di valutazione, esercitazioni pratiche e teoriche sui contenuti affrontati, visione di video e fotografie, giochi a squadre e quiz individuali e a squadre di rielaborazione) sono state indirizzate a sviluppare nei bambini la capacità di leggere e interpretare alcuni importanti segnali comunicativi utilizzati dai cani, imparando, assieme a loro, a comportarsi in maniera corretta nei confronti dei cani e sviluppando l’empatia verso l’animale, riuscendo a interpretare il suo stato emotivo.

Tutto questo ovviamente con l’aiuto, in alcuni momenti adeguatamente strutturati, dei cani in carne e ossa, presenza indispensabile per testare le competenze acquisite.

Una bella esperienza per tutti, all’insegna della prevenzione: in questo ambito, si può senza ombra di dubbio dire che prevenire è meglio che curare.

Pubblicità
Pubblicità

Cani Gatti & C

“Giornata Briard con le pecore”: l’evento cinofilo aggiunge la data del 22 giugno

Pubblicato

-

Si avvicina la data dell’evento cinofilo “Giornata Briard con le pecore“.

Sono rimasti ormai solo una decina di posti, quindi chi è interessato dovrà iscriversi al più presto per non rimanere “fuori“ dalla manifestazione.

Inizialmente l’appuntamento era previsto solo per domenica 23 giugno 2019, ma data la grande adesione, gli organizzatori aspettano tutti coloro che vorranno aderire anche nella giornata di sabato 22.

PubblicitàPubblicità

La manifestazione è organizzata dal Team Du Tchibo d’Ebene e si terrà a Brentino Belluno (VR) presso la “Tenuta la Casetta“.

Le attività saranno dirette dall’istruttore e giudice Enci Gianluigi Bertazzoli.

Sabato sera, sempre alla “Tenuta la Casetta“, si terrà una serata musicale aperta a tutti, anche a chi non parteciperà alla giornata Briard.

Tutte le informazioni sono disponibili sulla pagina Facebook Happy Briard.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Cani Gatti & C

Gli adorabili Zen e Peck sono in attesa di una nuova famiglia

Pubblicato

-

Se cercate un modo per non annoiarvi ecco Zen un cucciolo di tre mesi di due chili e mezzo che sembra che pensi cosa fare per farvi divertire: salta, gioca, fa gli scherzi e gli agguati ed è sempre in cerca di coccole.

Peck e un maschio, incrocio di Border Collie, nato il primo dicembre 2017, in stallo da quando era piccolo, castrato, pesa circa 16 chili.

Non ha mai avuto alcun problema, è cresciuto con i bambini che adora e una gatta che l’ha accudito sin da piccolo.

PubblicitàPubblicità

Mai litigato con nessun cane, mai avuto problemi alimentari o altro.

Essendo per lo più un pastore è molto amante della famiglia, ama la natura e correre, ma non si allontana fuori dalla vista anche se libero.

Sempre stato in casa. Molto affettuoso, lo chiamano nei dintorni ‘il cane “abbraccione”.

E’ in cessione gratuita agli amanti degli animali per problemi di salute della stallante che non le consentono più di seguirlo.

Per Zen e Peck telefonare a 393-4571252. Entrambi si trovano in stallo a Brentonico e saranno affidati dopo la visita di pre e post affido.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Cani Gatti & C

“Giornata Briard con le pecore”: un evento per conoscere i cani da pastore di Brie

Pubblicato

-

L’allevamento “Du Tchibo d’Ebene“, presso la tenuta “La casetta“ di Brentino Belluno, in provincia di Verona, organizza per il giorno 23 giugno 2019, la “Giornata Briard con le pecore“.

Lo scopo della giornata è avvicinarsi e conoscere il mondo dello “sheepdog” e nello stesso tempo divertirsi con i propri pelosi e condividere queste gioie con altri proprietari che hanno la stessa passione.

Diretto dall’istruttore Enci Gianluigi Bertazzoli, non si tratta di un evento agonistico, ma di un’occasione per passare del tempo in serenità.

PubblicitàPubblicità

Con inizio alle 8 del mattino, l’appuntamento prevede una pausa pranzo in loco verso le 13.00 e la possibilità di degustare prodotti tipici del territorio.

Alla fine della giornata verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Al Briard partecipante che proviene da più lontano, verrà consegnata una targa in memoria di James Bond Dalido “Tchibo“, capostite dell’allevamento “Du Tchibo d’Ebene“ .

Il Briard o “cane da pastore di Brie”

La prima descrizione del pastore di Brie appare nel 1809 in un’opera dell’abate francese Rozier, ma si deve attendere quasi un secolo per il primo standard e la prima iscrizione al Libro Briard Francese con il nome di “Pastore di Brie”. Nel 1897 il Club Francese del Cane da pastore stabilì alcune regole necessarie per una corretta selezione, ponendo termine a esperimenti che rischiavano di deteriorare la razza. Progressivamente scomparve la varietà a pelo lanoso e prese il sopravvento quello con pelo lungo e abbondante.

Si tratta di un cane molto forte e determinato che va educato fin da piccolo. Non richiede necessariamente un regolare addestramento, ma polso fermo che sappia contenere eventuali tendenze a essere dominante. Per sfogare la sua innata esuberanza, molti proprietari l’hanno avviato alla carriera nell’agility dog.

Il pastore di Brie è un cane molto intelligente, docile e obbediente. Se si instaura un rapporto di reciproco rispetto impara con facilità. Se ben allevato, presenta le caratteristiche dei cani da pastore, difende il suo gruppo familiare e può essere utilizzato anche per prove di lavoro e protezione civile.

“Du Tchibo d’Ebene”

Si tratta di un conosciuto allevamento ungherese che si occupa esclusivamente di Briard. Ha molti esemplari in tutto il mondo, di cui tre, prestigiosi e pluripremiati, si trovano in Trentino.

Sotto, James Bond Dalido du Tchibo, lo splendido campione alla cui memoria è dedicata la giornata.

Sotto, la location di “La Tenuta La casetta“ di Brentino Belluno dove si terrà l’evento.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza