Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Religioni di pace o ideologie della dominanza: l’Occidente verso l’islamizzazione

Pubblicato

-

Argomentare sull’Islam in maniera approfondita e in poche righe di giornale è quanto meno presuntuoso. Però, con una sintesi, si può evidenziare la confusione che alberga nei paladini dell’Islam a tutti i costi, i quali dimostrano scarsa padronanza dei termini e delle parole che usano e, superficiale conoscenza della storia e della religione.

Nel libro del Corano le Sura specifiche contro l’unica vera Fede, quella cattolica, sono 17. L’islam per questo, oltre essere una religione per certi versi barbara, è anche discriminatoria, soprattutto verso le donne: sia d’esempio l’impostazione familiare. La famiglia musulmana è assolutamente differente da quella cristiana.

In arabo viene infatti definita harem.

Pubblicità
Pubblicità

L’harem, come tutti sanno, presuppone la poligamia (solo dal punto di vista maschile) in cui il concetto di sposa non è nettamente distinto da quello di domestica.

Il tipo classico di poligamia dove un uomo può possedere più mogli e concubine. E’ normale che il personale femminile dell’ harem si rinnovi per divorzio annuale, perfino mensile o settimanale. Per il diritto musulmano, il matrimonio è un mero contratto che ha per oggetto l’unione fisica e il godimento della donna da parte dell’ uomo.

Scrisse al riguardo un autorevole dottore coranico:”In un mercato si acquista una merce, nel matrimonio si acquista la zona genitale della donna (Trattato elementare del Diritto musulmano algerino, riportato sul quotidiano Il Tempo 10.02.1992”.

Il matrimonio può venir sciolto per volontà del marito (ripudio), per mutuo consenso (divorzio), per riscatto della moglie dal proprio marito con il pagamento di una certa somma (hul).

Essendo considerata come un essere inferiore la donna non viene ritenuta pienamente attendibile come testimone.

La donna è inferiore all’uomo o, per essere più precisi, ne vale la metà. Per ciò, in tribunale, due testimoni di sesso femminile ne valgono uno di sesso maschile”(Corriere della Sera , n. 101, marzo 1993, pag. 6).

La donna colpevole di adulterio va condannata ad una sorta di ergastolo domestico, viene cioè rinchiusa in casa finchè la morte la colga, secondo legge coranica. E che dire della macabra pratica che mutila l’organo genitale femminile, meglio conosciuta come infibulazione.

L’Islam è dunque, per i suoi presupposti culturali, praticamente incompatibile con la nostra cultura, perché una religione barbara. Senza voler scomodare la Storia, testimone della nocività dell’Islam per l’occidente, mi soffermo a ricordare le numerose Sura del Corano, che istruiscono i seguaci di Maometto ad ammazzare i cristiani e gli infedeli.

Gli islamici, sempre da insegnamento coranico possono avere rapporti sessuali con bestie, l’importante che dopo il rapporto sessuale non ne vengano mangiate le carni. La scrittrice somala Ayaan Hirsi Ali, citando le hadit che riferiscono del matrimonio celebrato tra il cinquantaduenne Maometto con Aisha di soli sei anni, consumato dal principale profeta islamico 3 anni dopo, dichiarò che “Maometto è, per gli standard occidentali, un pervertito”.

Per il momento in occidente è impensabile oltre che fuorilegge un matrimonio con una bambina, perché considerata pedofilia.

A tal proposito Random House, la più grossa casa editrice di lingua inglese, qualche anno fa non pubblicò il libro della scrittrice americana Sherry Jones, autrice di un libro che racconta della terza moglie di Maometto, Aisha, nel timore di rappresaglie da parte di islamici.

Con queste premesse, che sono la consuetudine per gli islamici, non si può che essere d’accordo con l’ex deputata al parlamento olandese Ayaan Hirsi Ali quando afferma: “il mondo degli ‘infedeli’ è lontano dalla perfezione, ma è comunque di gran lunga superiore al mondo offerto dall’Islam, se come dottrina l’Islam riduce l’uomo in uno stato di schiavitù”.

Sono convinto, più dei nostrani giannizzeri difensori dell’islam, che non bastino le Sura del Corano a dimostrare l’aggressività della religione maomettana, ma occorrano anche testimonianze dirette come quella maturata da Padre Charles de Foucauld missionario in nord africa.

Attraverso il suo biografo, René Bazin, possiamo apprendere come si esprimeva: “La storia di quattordici secoli, unita all’esperienza quotidiana di tutti i coloni che vivono in mezzo a popolazioni musulmane, ci insegna che l’animosità contro il cristiano è di fatto portata avanti attraverso l’insegnamento della legge coranica. (..).

Da tutto ciò possiamo dedurre che ogni atto del potere pubblico che tenda a sviluppare l’insegnamento del Corano viene compiuto contro di noi. Dobbiamo perciò evitare di prendere iniziative sulla libertà religiosa dei musulmani, lasciandoli liberi di professare il loro culto e di praticare i loro costumi e comportandoci in modo perfettamente giusto e buono verso di loro: se andiamo oltre, siamo deboli e anche un po’ di più che deboli”.

È vero inoltre che i problemi di convivenza con l’Islam sorgono con la nascita stessa dell’Islam, poiché quando Maometto era ancora vivo già le sue schiere di “fedeli” avevano iniziato la guerra santa per la conquista di popoli e territori alla nuova religione.

In breve i nuovi maomettani s’impadronirono delle coste del Nord Africa, fagocitando fiorenti cristianità e il Medio Oriente, poi penetrarono in Spagna costringendo l’Europa ad una guerra difensiva durata circa mille anni.

Potiers nel 732, Lepanto nel 1571, l’assedio di Vienna nel 1683, sono date della storia che ci ricordano questo attacco alla fortezza Europa.

Le Crociate furono spedizioni militari promosse dalla Santa Sede non per imporre la fede cattolica ai musulmani, ma solo per difendere le comunità cristiane perseguitate nel vicino Oriente e per liberare i luoghi santi ingiustamente invasi dalle armate maomettane.

Con buona pace delle vittime della scolastica giacobina-comunista anti clericale, le crociate (la prima crociata si ebbe nel 1099) furono una tardiva quanto necessaria risposta all’aggressività e ferocia degli islamici. Altresì, dobbiamo essere coscienti che l’attacco all’Europa da parte dei discepoli di Maometto continua anche oggi, anche se con armi diverse, non meno pericolose però, così come continuano da parte dell’Islam le persecuzioni contro i cristiani in varie parti del mondo.

La pianificazione di una islamizzazione dell’occidente non è un mistero ma esplicita: basta ricordare le parole del socialista ex presidente dell’Algeria Houari Boumedienne, quando a New York ad una conferenza dell’ONU nel 1974, così si espresse:

Un giorno milioni di uomini abbandoneranno il Sud del mondo per fare irruzione negli spazi relativamente accessibili dell’emisfero Nord alla ricerca della propria sopravvivenza. E questi milioni di esseri umani non verranno da amici. Non ci sarà bisogno di combattere saranno i ventri delle nostre donne che ci daranno la vittoria”.

Diretto e schietto anche lo sceicco Omar Bakri portavoce del Fronte Internazionale Islamico per l’Europa, il quale ha dichiarato: “Grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo, grazie alle nostre leggi religiose vi domineremo”.

Sempre lo stesso sceicco in una intervista apparsa su “La Repubblica” del 14 settembre 1998 (pag.16), ha testualmente affermato: ”Nessun musulmano dubita che l’Italia sarà islamizzata e che la bandiera dell’Islam sventolerà su Roma”.

Chi ha il coraggio di parlare apertamente e in maniera critica dell’islam è costretto a vivere sotto scorta, quando va male viene ammazzato. Ricordo l’ultima vittima illustre: il regista Theo Van Gogh. Si, l’Islam è una religione affabile di pace, si, quella eterna per chi l’ostacola!

Concludo, consapevole dei livelli di ignoranza, consigliando a chi fa della presunzione uno stile di vita di scrostarsi la patina di demagogia che li ricopre e di studiare la storia, ma non sui manuali del comintern.

Il contributo per La Voce del Trentino è di Emilio Giuliana, referente per l’associazione Progetto Nazionale (foto sotto).

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]

Categorie

di tendenza