Connect with us
Pubblicità

Trento

Corsi gender, Bisesti e Dalzocchio: «Saranno cancellati e rimodulati in modo diverso, nessun confronto con i violenti»

Pubblicato

-

Dopo l’appello a riprendere i corsi gender, sottoscritto in una lettera da 285 membri dell’Università di Trento, arriva immediata la replica dell’assessore Bisesti e della capogruppo della lega in consiglio provinciale Mara Dalzocchio.

Mirko Bisesti è stato particolarmente irritato da un passaggio della lettera: «Non possiamo che reagire di fronte all’immotivata cancellazione, da parte del governo provinciale, di buone pratiche educative mirate a diffondere la cultura del rispetto e di fronte al rifiuto autoritario di confrontarsi sul piano del dibattito pubblico democratico».

L’assessore all’istruzione ha sottolineato ancora una volta che è pronto a confrontarsi sull’argomento senza problemi ma solo in modo costruttivo e non certo con chi si è comportato con violenza insultandolo, sfondando porte, e provocando scene dentro il palazzo della provincia che non si erano mai viste prima in Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

È inutile dirlo. Le scene di violenza avvenute durante il convegno dentro il palazzo della provincia hanno fatto precipitare le cose.

Un errore, da parte del centro sinistra, che ora pagherà caro.

Infatti come già detto dall’assessore Segnana e confermato anche da Bisesti i corsi gender non riprenderanno. «Vanno rivisti e riorganizzati per contrastare i fenomeni del bullismo e per contrastare le diversità.» – Dicono da sempre i due assessori

Va anche rilevato che il centro sinistra sta alzando un polverone per nulla.

La soppressione dei corsi Gender era nel programma che la Lega e tutto il centro destra ha presentato agli elettori prima dell’ultima tornata elettorale.

Gli elettori hanno premiato questo programma portando al governo il centro destra trentino, ed è chiaro che ora i protagonisti del nuovo governo debbano mantenere le promesse.

Nulla di strano quindi, almeno per chi crede nella democrazia e libertà.

Sull’argomento è intervenuta anche Mara Dalzocchio che ha ribadito che « non c’è nessuna immotivata cancellazione dei corsi gender ma solo una ridefinizione inclusiva»

«La petizione dei 285 accademici in favore della reintroduzione dei corsi di educazione alle relazioni di genere nelle scuole trentine lascia decisamente basiti. Numerose, infatti,  – aggiunge Dalzocchio – sono le criticità di un simile documento che, molto astutamente, tanto per cominciare prende di mira «teorie fondate su argomentazioni pseudoscientifiche» che avrebbero «effetti limitanti e negativi sulla vita delle singole persone e sulla convivenza civile», senza però specificare di quali «teorie» si tratti, arenandosi così nel comodo ma poco coraggioso terreno delle allusioni».

E ancora: «Trovo inoltre assai curioso il fatto che dei docenti sottoscrivano un simile documento in nome del pluralismo pochi giorni dopo che il Rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini, ha reso nota la sua volontà di organizzare «una conversazione pubblica e plurale sul tema del gender»: forse perché, fino ad oggi, una simile opportunità – in barba all’articolo 7 del Codice etico dell’Università di Trento, che parla di «cultura basata sul rispetto del pluralismo» – non era stata assicurata? Il dubbio, francamente, viene. Tanto più che se c’è qualcuno che minaccia il pluralismo non è certo la Giunta Fugatti bensì, semmai, i violenti che lo scorso 22 marzo hanno preso d’assalto il palazzo della Provincia».

Dalzocchio poi contesta l’imprecisione di espressioni come «immotivata cancellazione» di corsi che – come gli Assessori provinciali Segnana e Bisesti hanno già ripetuto fino alla noia – sono stati semplicemente sospesi in vista di una rimodulazione.

Nessuna «immotivata cancellazione» di corsi scolastici, dunque, – per Mara Dalzocchio – ma solo «una pausa per ripristinarli in modo diverso, più inclusivo e attento ad armonizzare le relazioni tra maschi e femmine sulla base delle loro differenze e della bellezza delle stesse. Il tutto con maggiore attenzione al primato educativo delle famiglie, cui spetta prioritariamente il diritto di formare i propri figli su quelli che sono temi estremamente delicati. Non vedo come un simile approccio possa suscitare tutte queste perplessità; mi viene quindi il sospetto che esse siano animate da chi cerca lo scontro, anziché il confronto con la realtà delle cose».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]

Categorie

di tendenza