Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Il pericolo delle democrazie troppo «umanitarie» – di Claudio Forti

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

Ascoltando i sempre più inascoltabili dibattiti televisivi che ora hanno per tema il Congresso Mondiale della Famiglia, sento dire da tutti, o quasi, che “,i diritti civili – compresa la legge che permette la libertà di aborto -, non si toccano”.

Si, probabilmente è meglio lasciare la 194 com’è, perché così si potrà far pressione affinché vengano rispettate le parti più positive, come il diritto all’obiezione di coscienza e quello della donna ad essere informata e supportata, perché la scelta possa essere davvero libera.

Pubblicità
Pubblicità

Vorrei però far notare una stridente e ipocrita contraddizione delle nostre “umanitarie” democrazie, con una domanda.

Giustamente gli Istituti scolastici europei mandano i loro studenti a visitare i campi di sterminio nazisti, perché, conservando nella memoria tali orrori, ne traggano insegnamento; come mai è invece un gravissimo “peccato” passibile di gravi sanzioni, se un insegnante mostra ai suoi studenti l’orrore di un corpicino innocente di una creatura umana in formazione, smembrata dall’aspiratore?

Sappiano i sostenitori di questa non libertà e di questa ipocrisia, che agendo così ci preparano per barbarie ben peggiori di quelle viste nel secolo scorso, e non solo dal nazi-fascismo, ma anche dalle dittature comuniste tuttora viventi!

Claudio Forti – Trento

«Io la penso così» – Facci sapere anche tu come la pensi – la rubrica dedicata ai lettori – (invia a redazione@lavocedeltrentino.it)

Pubblicità
Pubblicità

Io la penso così…

Tangenziale di Rovereto: «Troppi ritardi in Vallagarina, e intanto di denari vanno a risolvere i problemi della altre valli» – di Paolo Farinati

Pubblicato

-

L’argomento della tangenziale di Rovereto, ma che ha chiaramente valenza sovracomunale, è tornato di forte attualità.

Devo dire che la cosa mi fa piacere. Potrebbe essere che finalmente il sogno di liberare la città da parecchio traffico parassita è vicino all’essere realtà. Lo spero fortemente.

Ho avuto modo, con mio grande onore, di vivere da Assessore comunale la legislatura dal 2005 al 2010, Sindaco di Rovereto il prof. Guglielmo Valduga.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo varie valutazioni e discussioni con la PAT, la tangenziale di Rovereto e, quindi, di buona parte della Vallagarina, fu inserita nel PUP Piano Urbanistico Provinciale del Trentino nel 2008, sulla base di un preciso accordo tra la nostra Giunta comunale, il Presidente Lorenzo Dellai e l’Assessore Silvano Grisenti della PAT.

Il tracciato fu individuato con partenza dalla località Murazzi, a nord di Besenello, per proseguire a destra della ferrovia fino alla rotonda dello Stadio Quercia, per poi spostarsi verso ovest, oltrepassare l’Adige e proseguire lungo la A22 fino alla rotonda della Favorita a sud di Rovereto.

Invito i roveretani e i lagarini a recarsi a Noarna o a Patone e a disegnare col dito indice una possibile tangenziale di Rovereto. Il tragitto 9 volte su 10 corrisponderebbe a quello che ho appena in sintesi descritto.

Un’opera molto attesa, che risolverebbe per decenni i problemi della viabilità esterna a Rovereto e di gran parte della Vallagarina. Ricordo, inoltre, che quel tragitto è tuttora presente nel PUP del Trentino.

In questi giorni leggo che è tornata in auge quella che noi chiamammo la “secante”, ovvero una strada parallela all’odierna statale dell’Abetone. Un’arteria che spaccherebbe ancora di più in due la città. Inoltre si presenta di difficile realizzazione, stante i molti immobili presenti lungo quel tragitto.

Mi dispiace, ma dal 2008 vi sono state solo chiacchiere e veti incrociati tra i Comuni lagarini, i cui Sindaci, ritengo, ben poco o nulla hanno discusso nel frattempo dell’importante arteria. Nemmeno la Comunità di Valle se ne è preoccupata per oltre 11 anni. Vedremo ora cosa succederà. Ho la sensazione che prima delle vicine elezioni comunali della primavera 2020 non se ne farà alcunché. Peccato.

Non la si vuole fare? Ebbene, si abbiano almeno la coerenza e la responsabilità politico – amministrativa di toglierla dal PUP!

Ma in Vallagarina i ritardi su molti argomenti importanti e strategici sono da lungo tempo fisiologici.

Intanto i denari della PAT vanno da anni a risolvere i problemi viabilistici di altre valli trentine.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Io la penso così…

Valdastico: arriviamo alla chiarezza senza pregiudizi – di Paolo Farinati

Pubblicato

-

Ritorno a scrivere sul tema del completamento dell’autostrada A31, detta della Valdastico, verso il Trentino, per il quale sono da sempre favorevole, ritenendo in primis importante per il benessere futuro della nostra comunità, in particolare la mia più diretta ovvero quella lagarina, un veloce collegamento con il Veneto, da sempre una delle locomotive più efficaci e apprezzate per l’economia e per la cultura italiana.

Lo faccio anche perché giorni fa mi sono fermato, in centro di Rovereto, presso un punto di raccolta firme contro la realizzazione della suddetta arteria. Ero curioso di capire meglio le motivazioni alla base di tale pur rispettabile posizione.

Il dialogo è iniziato pacatamente con una persona lì presente.

Pubblicità
Pubblicità

Ma quando ho serenamente cercato di motivare la mia visione con aspetti anche legati al lavoro a Rovereto e in Vallagarina, affermando che siamo sotto di circa 3.000 buste paga rispetto all’inizio 2000, mi è stato risposto che la Valdastico non avrebbe evitato questo, che la A31 in Vallagarina non avrebbe evitato la chiusura di Grundig o di Sony o della Manifattura Tabacchi o di altre storiche aziende roveretane.

Ovvero con parole che io ho subito detto che condividevo. Ma come li recuperiamo quei 3.000 posti di lavoro rispetto al pre-crisi 2007/08? Il mio essere a favore del completamento della A31 è convinto proprio guardando al futuro, al voler dare una più celere via di esportazione verso il nord- est alle nostre aziende e al richiamare l’attenzione di altri imprenditori verso Rovereto, stante che diverrebbe punto strategico nord-sud ed est-ovest.

Allora, di risposta, mi si sono stati posti sul tavolo i problemi idrogeologici del Pasubio.

Orbene, avendo avuto l’onore e l’opportunità di essere stato dal 1990 al 2001 amministratore di ASM prima e poi di Trentino Servizi, ora Dolomiti Energia, mi sono permesso di affermare che le sorgenti di Spino e dell’Orco le conosco assai bene e mai mi sognerei di andare ad offenderle, stante la loro importanza vitale per l’intera Vallagarina.

Ho aggiunto solo che la risposta dovrà essere scientifica, geologica e non ideologica e di parte.

Il Pasubio è immenso e il tracciato potrebbe passare a sud, e non poco, dalle nostre preziose sorgenti. Qui aggiungo che esiste pure una soluzione approfondita a fine Anni ’90 dallo Studio Gentilini, che ipotizza di far passare l’arteria sotto il Finonchio, per arrivare in galleria presso il casello di Rovereto Nord.

Anche qui il tono e il contenuto delle risposte avute dai miei interlocutori sono state al limite dell’offesa personale e pregni di pregiudizi derivanti da significativa ignoranza sul tema e da quel velo ideologico che spesso e volentieri ha bloccato e blocca ogni intrapresa umana nella nostra Italia.

A questo punto, chiedo alla politica trentina, lagarina e roveretana di fare chiarezza e di prendersi le giuste e non delegabili responsabilità.

di Paolo Farinati

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Io la penso così…

Lacuna, negligenza o menefreghismo in ambito specialistico? – di Adriano Bertolasi

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

le falle del sistema sanitario nazionale sono ormai alla portata della quotidiana visibilità, ma nemmeno nel settore privatistico della medicina la maggior parte dei liberi professionisti (medici specialisti), si attengono ad un decreto legge che la maggior parte dei pazienti non conosce e credo soprattutto nemmeno una buona parte degli stessi professionisti.

Faccio riferimento dal decreto legislativo del 19/6/1999 n.229 art. 15 decies.

Pubblicità
Pubblicità

Tale decreto legislativo sancisce l’obbligo per tutti i medici specialistici di informare i pazienti sui medicinali e prestazioni erogabili con cure in carico al S.n.n, sia all’atto della dimissione ospedaliera che della visita specialistica ambulatoriale.

Oltre alle indicazioni cliniche, sono comunque fondamentali, quando si parla di appropriatezza, tutte quelle condizioni d’uso, quali ad esempio la posologia, le modalità di somministrazione, le controindicazioni o avvertenze, per le quali i benefici superano i rischi assumendo un impiego efficace e sicuro del farmaco.

Potenziali rischi possono derivare anche dalla contemporanea prescrizione di farmaci che interagiscono tra di loro.

E’ stato stimato, infatti che il 6-30% di tutte le reazioni avverse da farmaci (ADR) è causata da interazioni farmacologiche  ed in uno studio statunitense è stata rilevata un’incidenza di ricoveri probabilmente causata da interazioni fra farmaci del 2.8% con conseguenti notevoli costi per il servizio sanitario.

A questo punto riterrei che una maggiore deontologia professionale in questo ambito anche per certi luminari, che si fanno profumatamente pagare “visite specialistiche” di pochi minuti,  non guasterebbe affatto, ma renderebbe più empatico il rapporto tra medico e paziente, salvaguardando in effetti anche la salute di quest’ultimo.

Non di meno dovrebbe alla base del rapporto medico-paziente, esistere una maggiormente adeguata formazione farmacologica da parte degli specialisti prima di prescrivere dei farmaci, senza conoscere o peggio ancora ignorare come molte volte accade, da parte di una buona parte del settore, le potenziali interazioni negative e relative controindicazioni

Adriano Bertolasi – Trento

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza