Connect with us
Pubblicità

Trento

Dal Vietnam all’Italia in bicicletta per oltre 18 mila km: l’incredibile avventura di una 33 enne trentina

Pubblicato

-

La protagonista è la trentina Valentina Brunet, 33 anni di Tonadico nella Valle del Primiero, sui social conosciuta come “Valentinaonwheels” che da sola sta viaggiando in bicicletta dal 2017.

Il suo viaggio ufficialmente è iniziato nel 2016 con un biglietto di sola andata per il Giappone.

Pensava di essersi persa un po’ di caldo negli ultimi anni infatti già nel 2013 aveva lavorato, perfezionando il suo inglese in Nuova Zelanda ed Australia. Ho pensato che tra una cosa e l’altra avevo una voglia immensa di ritrovarmi nella migliore primavera della mia vita”.

Pubblicità
Pubblicità

Valentina cercando il caldo senza meta e senza un mezzo definito per lo spostamento si è diretta verso la sua avventura.

Prima di saltare sulla bici si è spostata in autostop in Giappone e Taiwan ma si è resa conto che stare chiusa all’interno di un veicolo non riusciva a darle le emozioni e l’indipendenza che tanto desiderava.

Così nel 2017 appena atterrata nel sud del Vietnam ha recuperato quella che da più di due anni è la sua inseparabile amica, la bicicletta “ Non sapevo dove sarei andata, sapevo solo che volevo pedalare”.

Ha già percorso 18.000 km, attraversato 14 Stati partendo dal Vietnam e viaggiato tra diversi Paesi fra cui Cina Hong Kong, Russia, Emirati Arabi, Tajikistan dove ha percorso la Pamir Highway (considerata la seconda strada più alta del mondo raggiungendo i 4665 mslm) e più di 4 stati dell’Asia Centrale.

Tutto questo senza volare, prendendo solo un paio di traghetti, il resto in sella alla sua bici.

Ogni giorno pedala dai 70 ai 90 km da quando è partita disegna il suo itinerario giorno per giorno in base ai cambiamenti climatici o semplicemente in base al posto da visitare.

Sulla bici, insieme a lei cinque 5 borse: Armadio e prodotti da bagno, cucina (gas, pentolino, cereali, spezie e legumi), casa (tenda, materassino, lenzuolo, sacco a pelo), ufficio (il telefono con il quale condivide tutti i suoi splendidi momenti sui social ed un e.-reader) e da non dimenticare ovviamente l’officina (pezzi di ricambio, attrezzi e kit da cucito).

Racconta che per il pernottamento cerca di evitare guesthouse ed ostelli.

Preferisce decisamente il campeggio se in presenza di buone condizioni climatiche, altrimenti moschee, chiese e piattaforme internet come couchsurfing o warmshowers (specifico per cicloviaggiatori) sono un ottima soluzione.

Ma anche la grande ospitalità di molte famiglie le stanno alleggerendo il viaggio.

Infatti in molte di esse ha potuto passare la notte ed imparare insieme alle donne della famiglia a cucinare ed a dilettarsi in varie faccende.

Questo, insieme ai paesaggi, ai tramonti, ai cieli stellati ed alle persone incontrate sono le cose che più le rimarranno nel cuore.

Valentina racconta come, una donna che viaggia sola venga vista diversamente nei vari Paesi.

In Medio Oriente per esempio dove le donne per motivi culturali e religiosi non viaggiano da sole ma solo accompagnate, e quindi non venga accettata.

Ma tutto questo spiega è colpa dei media che descrivono le donne occidentali come figure troppo lascive lasciando gli uomini liberarsi dei propri istinti primitivi.

Anche a lei successo lei di essere stata vittima di diverse sfumature di molestie sia fisiche che verbali.

Ma questo succede anche al contrario infatti l’Iran diversamente da quanto si potrebbe pensare è un Paese molto ospitale, ed essere donna le ha fatto essere partecipe a diversi momenti di vita quotidiana.

Valentina è la prima trentina e forse la prima donna italiana a pedalare dal Vietnam fino all’Italia.

Non sa quanti km dovrà ancora percorrere e neanche quanti e quali Stati attraverserà, sa solo che vorrebbe essere in Italia il 17 maggio per partecipare al BAM, un evento di ciclo viaggiatori.

Di un’altra cosa è sicura, vivere il viaggio della propria vita, magari non sarà l’ultimo e lo consiglia a tutti “ Ovviamente il tutto riesce molto meglio pedalando!

  

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Paolo Borrometi e la responsabilità dei giornalisti: “Mai perdere la bussola dell’impegno”

Pubblicato

-

Un dialogo serrato, che ha toccato temi importanti, a volte scottanti, a tratti anche intimo e personale, che ha rivelato al pubblico presente la personalità di un uomo e di un giornalista che non vuole scendere a compromessi perché crede fermamente in quello che fa e nel ruolo che riveste il giornalista nella nostra società: Paolo Borrometi, giornalista sotto scorta per minacce mafiose,  nella saletta del villaggio digitale di piazza Duomo ieri pomeriggio hanno parlato di informazione, verità, credibilità e notizie che viaggiano in rete e si diffondono a velocità inaudita.

“Il giornalista ha il diritto-dovere di informare, come previsto dall’articolo 21 della nostra Costituzione, così come il cittadino ha il diritto ad essere informato” ha detto Borrometi, ricordando la grande responsabilità di chi fa informazione, la necessità di recuperare credibilità, minata purtroppo da episodi negativi, il bisogno di raggiungere i giovani che si informano sui social. “Non dobbiamo mai perdere la bussola del nostro impegno” ha detto ancora Borrometi alla platea attenta, che annoverava anche molti colleghi e rappresentanti della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, fra cui il segretario regionale dello stesso sindacato Rocco Cerone, il vicesegretario regionale Lorenzo Basso e Roberto Rinaldi, portavoce per il Trentino Alto Adige di Articolo 21, l’associazione presieduta da Borrometi.

Nel giorno che ricorda l’assassinio di Rosario Livatino, ucciso appunto il 21 settembre 1990 da un’organizzazione mafiosa, il dialogo si è aperto con il ricordo del magistrato: “Ci sono uomini che hanno pensato di fare la cosa giusta e l’hanno difesa fino alla fine” ha detto Borrometi, “Noi possiamo ricordarli facendo camminare le loro idee sulle nostre gambe”.

Pubblicità
Pubblicità

Poi il racconto del proprio vissuto, le minacce di morte, l’aggressione che lo ha lasciato con una spalla frantumata, l’attentato sventato grazie ad una intercettazione. Il rapporto di Borrometi con la paura è quotidiano, “ma il giornalista deve scrivere, lo deve fare al di là delle possibili conseguenze” ha detto ancora, chiedendo un applauso per i 5 uomini della sua scorta che gli hanno salvato la vita e rischiano ogni giorno la vita con lui. Guidato dalle domande del relatore, Borrometi ha poi parlato dell’universo digitale, della rete e dei social, ricordando i numerosi pericoli che li attraversano, ma anche la loro enorme importanza, soprattutto per i giovani.

I social sono una straordinaria opportunità di confronto, ha detto, non possiamo passare i linguaggi d’odio, perché non devono essere la valvola di sfogo delle nostre ire, ma attraverso i social può diffondersi il rispetto delle differenze e di qualunque idea politica che abbia ognuno di noi”. Riguardo alle fake news Borrometi ha ricordato l’importanza di verificare sempre la fonte della notizia, non incoraggiando censure, ma puntando all’educazione dell’utente finale.

La deontologia del giornalista è naturalmente alla base di una corretta informazione, il segreto di un buon giornalismo è conciliare la necessaria velocità di diffusione con i criteri deontologici: “Meglio perdere un minuto in più, ma tutelare la dignità delle persone di cui stiamo scrivendo”, ha suggerito. Tra i tanti temi toccati, anche il ricordo di Antonio Megalizzi, la cui famiglia era presente all’incontro, il suo impegno, la sua volontà di approfondire i fatti,  spunto per ricordare anche la necessità di aprire ai giovani la strada della professione. In chiusura un invito a tenere sempre alta la guardia verso possibili presenze mafiose, in ogni territorio, perché “Le mafie nascono nell’arretratezza culturale, ma vogliono prosperare nelle comunità ricche”.

Riprese e immagini a cura dell’Ufficio Stampa

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Contratti di esternalizzazione, attenzione ad analizzare in maniera critica le offerte proposte

Pubblicato

-

In considerazione dell’avvicinarsi della stagione invernale le imprese trentine stanno attivandosi, anche con il supporto della Provincia, per reperire la manodopera necessaria a fornire i servizi che caratterizzano il nostro territorio.

Se la modalità di approvvigionamento del personale è diversa dalla tradizionale assunzione diretta e si decide di esternalizzare alcuni servizi, la Provincia, anche su stimolo delle associazioni di categoria e dei consulenti del lavoro, raccomanda alle imprese interessate di informarsi adeguatamente rispetto alle caratteristiche dei contratti. In particolare, il contratto di appalto deve presentare gli elementi tipici dell’organizzazione dei mezzi necessari, come personale, beni mobili, attrezzature e beni di consumo e dell’assunzione del rischio di impresa da parte dell’appaltatore.

In caso di contratti di somministrazione di manodopera l’impresa proponente deve essere iscritta all’apposito albo, l’iscrizione si può verificare al seguente link.

Pubblicità
Pubblicità

Si richiamano, quindi, alcune indicazioni che possono essere d’aiuto agli imprenditori per verificare quali aspetti approfondire qualora interessate a ricorrere a forme di esternalizzazione.

Innanzitutto è sicuramente possibile ricorrere all’appalto per lo svolgimento di alcune funzioni aziendali. Si ricorda, però, che se l’appaltatore non paga correttamente i propri dipendenti, anche l’imprenditore che utilizza le prestazioni dei lavoratori può dover rispondere del pagamento della retribuzione e del versamento di contributi e imposte, anche nel caso in cui abbia già effettuato il pagamento a favore dell’appaltatore.

E’ quindi essenziale valutare bene l’affidabilità dell’appaltatore o tutelarsi contrattualmente (ad esempio chiedendo dimostrazione dei pagamenti di quanto dovuto ai lavoratori) per non correre il rischio di pagare due volte.

Per essere sicuri che sia veramente un appalto bisogna ricordare che l’appaltatore deve organizzare il lavoro e mettere a disposizione eventuali mezzi o attrezzature necessari per compierlo. La messa a disposizione di personale la cui attività è poi coordinata dal committente (imprenditore) non è appalto. E se il giudice riconosce che quel contratto non è un vero appalto, l’imprenditore potrebbe essere obbligato ad assumere a tempo indeterminato i lavoratori formalmente dipendenti dell’appaltatore.

Solo le imprese autorizzate dal Ministero del Lavoro (verificabili al link sopra riportato) possono effettuare attività di somministrazione di manodopera, cioè possono offrire propri dipendenti ad un altro datore di lavoro affinché lavorino nella sua impresa.

L’autorizzazione può essere revocata qualora il Ministero rilievi delle irregolarità: è meglio quindi verificare periodicamente – e comunque sempre prima di ogni nuovo contratto – il permanere dei requisiti.

Neanche le imprese più grandi e strutturate possono ottenere un costo del lavoro non in linea con quello di mercato.

Si deve quindi assolutamente diffidare di proposte contrattuali in cui il costo orario è inferiore rispetto a quello comunemente pagato dai datori di lavoro del proprio settore.

Le imprese che offrono un costo del lavoro particolarmente ribassato potrebbero riuscire ad ottenere questo risultato non pagando i contributi ai lavoratori, oppure utilizzando tipologie di rapporto di lavoro non legittime o applicando contratti collettivi di lavoro non stipulati dalle Organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative (soprattutto nel caso di cooperative).

Attenzione perché, anche in questo caso, l’imprenditore che ha utilizzato i lavoratori non correttamente pagati può essere chiamato a versare in prima persona tutte le somme ancora dovute.

Da ultimo, va ricordato che ai lavoratori devono essere garantite condizioni di lavoro, vitto ed alloggio e soprattutto di retribuzione adeguate: sfruttare le condizioni di difficoltà di un lavoratore è un reato per cui può essere punito anche l’imprenditore che utilizza il lavoro di questo personale.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Accordo governo – regioni per la prevenzione e controllo dell’influenza

Pubblicato

-

Recepito venerdì dalla Giunta provinciale, su proposta dell’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana, l’accordo fra il Governo, le Regioni e le Province autonome in tema di prevenzione e controllo dell’influenza, con le raccomandazioni per la stagione 2019 – 2020.

Un documento – spiega l’assessore Segnana – ben presente all’Azienda sanitaria, che già da tempo adotta le misure indicate quale standard nazionale. A tal fine vale la pena ricordare che la vaccinazione contro l’influenza, offerta gratuitamente durante l’autunno ai soggetti che in base alle proprie condizioni sono esposti ad un rischio maggiore di complicanze, è uno degli accorgimenti, seppur il principale. Vi sono infatti misure di igiene e protezione individuale che rappresentano azioni importanti per limitare la diffusione del virus, la cui efficacia è stata riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della Sanità”.

L’influenza è una malattia infettiva che colpisce l’apparato respiratorio ed interessa tutte le persone, bambini e adulti, indipendentemente dallo stile di vita, dall’età e dal luogo di vita. Il virus dell’influenza si trasmette per via aerea o per contatto fisico.

Pubblicità
Pubblicità

Le misure di prevenzione sono finalizzate a diminuire la diffusione del virus e sono gesti semplici ed economici che possono essere osservati tutti come igiene delle mani (lavaggio accurato e regolare delle mani, utilizzo di disinfettante), igiene respiratoria, comprensiva dell’utilizzo di fazzoletti monouso, isolamento della persona influenzata, soprattutto nella fase iniziale della malattia, evitare il contatto fisico, utilizzo di mascherine da parte delle persone influenzate.

Accanto a tali semplici misure, si affianca la vaccinazione che è la misura più efficace e che è raccomandata in special modo per le persone a rischio, quali ad esempio, anziani di età pari o superiore ai 65 anni, donne in gravidanza, persone affette da malattie croniche dell’apparato circolatorio o di quello respiratorio, pazienti diabetici, pazienti oncologici, persone che per motivi di lavoro sono a contatto con animali, persone che lavorano nei servizi pubblici di primario interesse collettivo, ad esempio, vigili del fuoco, forze dell’ordine, operatori sanitari, ecc.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza