Connect with us
Pubblicità

Sport Trentino

Troppo forte la capolista: ad Arzignano finisce 2-0 per i veneti

Pubblicato

-

La capolista Arzignano Valchiampo non fa sconti e supera per 2 a 0 il Trento.

I gialloblù si difendono con ordine per oltre un’ora, poi ci pensa Maldonado a rompere l’equilibrio con uno splendido calcio piazzato che batte imparabilmente Barosi.

Pochi minuti dopo arriva il raddoppio firmato da Odogwu. Gli aquilotti provano a riaprire il match, sfiorano la marcatura con Mureno e Frulla ma non trovano la via del gol.

PubblicitàPubblicità

Domenica prossimo impegno casalingo al “Briamasco” contro il San Giorgio.

L’allenatore gialloblù, che deve fare a meno dello squalificato Sabato e dell’infortunato Cristofoli, si affida al “4-1-4-1”: tra i pali spazio a Barosi, mentre la linea difensiva è formata da Paoli e Mureno sulle corsie esterne con Panariello e Carella nel mezzo.

Zucchni agisce da mediano a protezione del reparto arretrato, con Trevisan e Baronio a presidiare le fasce, Sanseverino e Frulla in posizione centrale alle spalle di Bosio, unica punta di ruolo.

L’Arzignano Valchiampo risponde con un “4-4-2” decisamente offensivo con Valenti che agisce sulla fascia destra, a supporto del possente tandem offensivo formato da Odogwu e Pllumbaj.

Pubblicità
Pubblicità

I padroni di casa partono con il piede premuto sull’acceleratore e 4′ Carella è provvidenziale in ripiegamento difensivo su Odogwu.

Panariello chiude con prontezza sul centravanti veneto e al 20′ si vede anche il Trento con il traversone di Mureno che viene ben controllato dal portiere Tosi.

Il Trento è ben disposto in campo e l’Arzignano Valchiampo fatica a trovare spazi: ecco allora che i padroni di casa si affidano alle conclusioni da fuori area con Valenti (28′) e Odogwu (37′) che non trovano però lo specchio della porta.

In chiusura di frazione ci prova anche Maldonado su punizione, ma la sua “maledetta” è centrale con Barosi che blocca senza problemi.

Nella ripresa la capolista spinge ancora: la mischia in area trentina al minuto 55 viene sventata da Panariello, poi Barosi (59′) respinge il tiro da lontano di Maldonado.

Al 62′ sortita offensiva del Trento: veloce ripartenza orchestrata da Baronio che serve Trevisan, il cui tiro rasoterra viene deviato oltre il fondo dal portiere Tosi.

Si cambia fronte e arriva il vantaggio locale: Maldonado disegna una splendida parabola su punizione con la sfera che tocca la parte inferiore della traversa e s’insacca nella porta gialloblù.

Trascorrono cinque minuti e i veneti raddoppiano: Odogwu scappa alla difesa e poi infila Barosi con un diagonale rasoterra.

Il Trento si getta in avanti alla ricerca del gol che riaprirebbe il match: Mureno sfiora il palo con una potente punizione (71′), mentre al 79′ è Frulla a fare la barba al palo con un tiro cross che supera Tosi e si accomoda di pochissimo sul fondo.

Subito dopo arriva l’espulsione di Sanseverino per proteste e il match, di fatto, termina qui. L’Arzignano Valchiampo s’impone per 2 a 0: domenica prossima i gialloblù torneranno al “Briamasco” per affrontare il San Giorgio (ore 15) nel quintultimo impegno della stagione regolare.

ARZIGNANO VALCHIAMPO (4-4-2): Tosi; Spaltro, Bigolin, Ferri, Vanzan; Valenti (33’st Serroukh), Hoxha, Maldonado (36’st Burato), Parasecoli (22’st Forte); Odogwu (43’st Cavaliere), Pllumbaj.
A disposizione: Farina, Maronilli, Panzani, Munaretto, Antoniazzi.
Allenatore: Daniele Di Donato.
AC TRENTO (4-1-4-1): Barosi; Paoli, Panariello, Carella, Mureno; Zucchini (30’st Bertaso); Trevisan (27’st Ferraglia), Frulla (40’st Furlan), Sanseverino, Baronio (43’st Islami); Bosio.
A disposizione: Guadagnin, Badjan, Romagna, Petrilli, Roveretto.
Allenatore: Loris Bodo.
ARBITRO: Gianquinto di Trapani (Lisi di Firenze e Laici di Valdarno).
RETI: 19’st Maldonado (A), 24’st Odogwu (A).
NOTE: campo in perfette condizioni. Giornata calda e soleggiata. Spettatori 400 circa. Espulso Sanseverino (T) al 35’st per doppia ammonizione. Ammoniti Parasecoli (A), Trevisan (T) per gioco falloso. Calci d’angolo 4 a 1 per l’Arzignano Valchiampo. Recupero 0′ + 4′.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Pallamano serie A: la cura Fusina funziona, Pressano batte Bressanone

Pubblicato

-

Nella foto il nuovo allenatore del Pressano Alessandro Fusina

La cura Fusina fa subito effetto ed il Pressano vince il derby casalingo giocato col Bressanone, guadagnando due punti fondamentali per la classifica.

Il Bolzano batte Cassano e raggiunge il team brissinese a quota 22, a sei punti dalla capolista (Conversano) ed a quattro dalla seconda (Siena).

In coda inattesa sconfitta del Merano a Gaeta che con questa vittoria raggiunge l’Appiano sconfitto a Siena.

Pubblicità
Pubblicità

Si diceva della convincente prestazione del Pressano che dopo aver subito il 2 a 0 è stato in vantaggio per tutta la partita.

Dopo l’intervallo – punteggio parziale di 15 a 12 – i gialloneri hanno allungato sul 18 a 13, ma a quel punto si sono smarriti.

Tanto che Bressanone è rientrato in gioco sul 18 a 16.

Immediata la reazione del Pressano con un break di 6 a 1 ( 24 a 17) che di fatto chiude la partita.

Pubblicità
Pubblicità

Sabato prossimo sarà trasferta sul campo di Siena: una partita da vincere se si vogliono guadagnare punti per recuperare la zona play off. Mentre sarà scontro diretto tra Bolzano e Bressanone.

RISULTATI. Fondi – Cologne 22 – 21. Siena – Appiano 32 – 27. Bolzano – Cassano 26 – 18. Conversano – Sassari 19 – 18. Fasano – Trieste 29 – 26. Gaeta – Merano 31 – 28. Pressano – Bressanone 30 – 25.

CLASSIFICA: Conversano 28. Siena 26. Bressanone e Bolzano 22. Cassano 21. Sassari 19. Pressano e Fasano 15. Merano 13. Fondi 10. Appiano e Gaeta 8. Trieste 6. Cologne 4.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino, Ale Gentile la vince sulla sirena! Sassari espugnata 87-90

Pubblicato

-

La Dolomiti Energia Trentino vince al PalaSerradimigni di Sassari 87-90 e lo fa con la vendetta perfetta, pareggiando i conti con quella tripla della vittoria di Jerrells alla BLM Group Arena nel match di andata grazie ad una pazzesca conclusione di Alessandro Gentile che a fil di sirena ferma la striscia di nove successi consecutivi dei sardi con la tripla della vittoria.

I bianconeri giocano 40′ di energia, determinazione e qualità, trascinati da un fantastico Justin Knox da 23 punti (10-13 al tiro), cinque rimbalzi e tre stoppate: in vantaggio intorno alla doppia cifra di margine per buona parte dell’incontro, gli ospiti vengono raggiunti da una tripla di Michele Vitali che a quattro secondi dalla fine sembra condannare la Dolomiti Energia al supplementare.

Poi il “canestrone” di Gentile ammutolisce i 5000 del PalaSerradmigni e regala ai trentini due punti pesantissimi in trasferta che rilanciano le ambizioni dei ragazzi di coach Nicola Brienza (che ha festeggiato il quarantesimo compleanno nel migliore dei modi) anche in classifica.

PubblicitàPubblicità

«Siamo molto contenti, avevamo bisogno di fare una partita importante: l’abbiamo indirizzata bene fin dal primo minuto, mettendo in campo al meglio il nostro piano partita. Sappiamo che Sassari è un’eccellente squadra, siamo stati bravi nel limite del possibile a limitare le loro situazioni di gioco spalle a canestro in post e allo stesso tempo ad essere aggressivi sul loro tiro da tre, visto che sono la migliore squadra del campionato dall’arco. Abbiamo fatto extra sforzo a rimbalzo, alla fine determinante: all’andata loro avevano vinto per quella tripla di Jerrells ma anche perché avevano preso 18 rimbalzi d’attacco, stavolta siamo stati più bravi noi sotto i tabelloni, in difesa e in attacco. Bene così, ora sarà importante mettere stessa attenzione in casa domenica prossima e in settimana nella trasferta di Bologna in EuroCup». – Nicola BRIENZA, Allenatore Dolomiti Energia Trentino

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Coach Brienza: «A Sassari per riprendere a crescere e ripetere le performance che ci hanno permesso di espugnare campi tosti»

Pubblicato

-

La Dolomiti Energia domani sera (ore 20.30) affronta il Banco di Sardegna nel 20° turno di campionato: i sardi hanno vinto le ultime nove partite consecutive in Serie A, i bianconeri vogliono voltare pagina dopo la sconfitta contro Reggio Emilia.

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Sassari è un’eccellente squadra che gioca una bellissima pallacanestro, probabilmente oggi esprimono quella più efficace dell’intero campionato e i risultati lo dimostrano: vanno fatti i complimenti e riconosciuto il lavoro della società e di coach Pozzecco per il percorso che stanno portando avanti, e in cui la virtù principale dei giocatori in campo è la capacità e il piacere che hanno nel passarsi il pallone. Ogni giocatore si sente importante nel suo ruolo, hanno tutti grande fiducia nei propri mezzi. Noi avremo bisogno di uno sforzo extra per giocare una partita da provare a mettere su ritmi e “binari” a noi più congeniali senza dover inseguire Sassari giocando la sua pallacanestro. Ale Gentile? È in ripresa, nelle ultime settimane ha avuto un po’ di acciacchi e di situazioni non gravi ma che non gli hanno permesso di lavorare bene nel quotidiano, non sarà al top ma è della trasferta. Dopo una settimana difficile ci siamo allenati bene in questi due giorni e vogliamo fare una partita importante in trasferta, ripetendo il tipo di performance che quest’anno ci ha permesso di vincere partite toste lontani da casa su campi difficili e contro grandi squadre».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza