Connect with us
Pubblicità

Trento

FEM e Udias, firmato un “patto intergenerazionale” per agevolare l’inserimento lavorativo dei giovani in agricoltura

Pubblicato

-

Si rafforza il legame tra la Fondazione Edmund Mach e UDIAS, l’associazione che raccoglie gli ex allievi di San Michele.

Con la sottoscrizione della convenzione, questa mattina in conferenza stampa, da parte dei presidenti Andrea Segrè e Lino Lucchi si rinsalda lo storico legame tra la scuola agraria e i suoi ex studenti, che con il loro lavoro hanno contribuito significativamente al miglioramento dell’agricoltura in Trentino e in varie parti del mondo.

Più iniziative in sinergia, dall’aggiornamento professionale alle attività di volontariato, con l’auspicio di poter dare più linfa all’associazione nata nel 1946 che conta oggi 350 iscritti.

Pubblicità
Pubblicità

La firma della convenzione cade contestualmente alla quarta edizione di Orientaday, la giornata di orientamento scolastico per le classi quarte e quinte, volta alla conoscenza delle professionalità richieste dal mercato del lavoro e in cui era presente anche UDIAS accanto ad una ventina di realtà e istituzioni in rappresentanza del mondo professionale, dell’istruzione universitaria, dell’alta formazione superiore, della ricerca e sperimentazione.

“ll senso di appartenenza all’Istituto agrario è una certezza secolare – ha sottolineato il presidente FEM, Andrea Segrè-. Questa convenzione con UDIAS vuole essere un passo ulteriore per catalizzare nuove energie, in particolare quelle dei giovani, portatori di nuovi stimoli e prospettive. L’associazione degli ex-diplomati funge da trait d’union tra gli studenti e chi è già nel mondo del lavoro: un’istanza, quella del patto tra generazioni, che in questo momento è ancora più importante”.

“La sigla della convenzione quadro che regolerà i già positivi rapporti tra la Fondazione Edmund Mach e l’Unione Diplomati – ha spiegato il presidente di Udias, Lino Lucchi- rappresenta un momento storico altamente significativo, tale da porre le basi per una solida, proficua e sinergica collaborazione a beneficio degli ex allievi e delle generazioni di studenti che nel prossimo futuro transiteranno per la scuola. Siamo consapevoli che per garantire le migliori condizioni per un futuro sostenibile sia necessario adottare un patto intergenerazionale anche in agricoltura, rispetto al quale anche la convenzione contribuisce a fornire occasioni e opportunità di dialogo costruttivo”.

L’auspicio è che l’accordo possa contribuire a dare nuova linfa e vitalità all’associazione degli ex allievi, che sia un accordo lungimirante, innovativo, un modello anche per altri istituti scolastici per coinvolgere sempre più i giovani nel volontariato.

Pubblicità
Pubblicità

“Il rapporto tra scuola e Udias è sempre stato sinergico e collaborativo – ha precisato il dirigente del Centro Istruzione e Formazione Marco Dal Rì. Con questa convenzione si formalizzano alcuni aspetti, in particolare si prevede il coinvolgimento di alcuni insegnanti per legare maggiormente Udias al mondo degli studenti con la conseguente opportunità per questi di interfacciarsi meglio con il mondo del lavoro”.

Tramite la storica associazione UDIAS e la collaborazione fornita da alcuni professori di San Michele gli ex allievi potranno avere un punto di riferimento chiaro presso il Centro istruzione e Formazione per rimanere connessi con la scuola. Gli studenti potranno avere opportunità di confronto e di trasferimento esperienziale con i soci UDIAS che già operano nel mondo del lavoro.

La scuola, tramite l’Unione diplomati, potrà di estendere il profilo temporale di contatto con gli ex allievi, oltre il diploma, incrementando le occasioni per sintonizzarsi sugli input provenienti dal mondo del lavoro.

Saranno potenziate le iniziative quali la reunion degli ex allievi, la cerimonia di consegna dei diplomi, potranno inoltre essere programmate iniziative sul territorio con visita alle aziende.

Saranno programmate occasioni di incontro e confronto con i referenti di altre associazioni di ex allievi delle scuole agrarie e iniziative per coinvolgere i giovani nel volontariato. Ci saranno opportunità per valorizzare la documentazione degli archivi storico-fotografici di UDIAS e dei singoli soci in collaborazione con la biblioteca della FEM.

UDIAS, Nata con finalità di socializzazione e di amicizia, per non disperdere il patrimonio conoscitivo fornito dalla scuola, l’Unione Diplomati dell’Istituto Agrario di S. Michele, in sigla UDIAS, conta 350 iscritti.

E’ un’associazione culturale, senza fini di lucro, costituita ufficialmente il 6 gennaio 1946 da un gruppo di ex alunni, a conclusione della frequenza all’Istituto, ma informalmente la nascita può essere fatta risalire al 20 marzo 1898, in occasione del Giubileo di Edmund Mach, primo direttore e docente dell’Istituto, occasione durante la quale i professori gli alunni e gli ex allievi sparsi in tutto il mondo hanno concorso assieme, ciascuno secondo le proprie possibilità, ad organizzare l’importante ricorrenza.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Confcommercio Professioni: ecco la lista per il rinnovo dell’Ordine degli psicologi

Pubblicato

-

Nella foto la Psicologa Psicoterapeuta Angela Rinaldi

Ci saranno anche rappresentanti di Confcommercio Professioni del Trentino nella lista di professionisti che si presenta per il rinnovo del consiglio dell’Ordine degli psicologi della provincia di Trento.

I cardini del programma per la prossima consiliatura sono la promozione della professione e dell’occupazione, la formazione e la tutela della deontologia.

Le urne saranno aperte da venerdì 22 novembre a domenica 24 novembre

Pubblicità
Pubblicità

Confcommercio Professioni del Trentino – SIPAP è presente nella lista “Dal dire al fare” che si presenta alle prossime elezioni del consiglio dell’Ordine degli psicologi del Trentino. «Nel programma con cui ci presentiamo ai colleghi – spiega il responsabile SIPAP Trentino Flavio Bortoli – vogliamo sottolineare alcuni aspetti fondamentali della nostra professione sui quali è importante che l’Ordine sia vigile: occupazione, mercato del lavoro, formazione. L’intento della nostra lista è quello di riconoscere con sempre maggior chiarezza i diversi profili professionali degli Psicologi, tenendo conto delle diverse forme lavorative e dei diversi contesti. Vogliamo dimostrare di avere un’attenzione particolare per le competenze professionali e per la qualità professionale, coltivare lo sviluppo del sentimento di colleganza all’interno delle reti territoriali anche per favorire l’incontro tra opportunità di lavoro e iscritti all’Ordine. Crediamo inoltre sia necessario tutelare la professione aumentando l’informazione ai cittadini e rinforzando l’etica e la deontologia degli Psicologi».

Lista – dal dire al fare.Psicologi per il cambiamento: Flavio Bortoli, Marisa Ciola, Angela Rinaldi, Sonia Schettino, Magali Pladys, Alessandro Turchetti Dellagiacoma.

È possibile votare presso la sede dell’Ordine a Trento in via Luigi Einaudi venerdì 22 novembre dalle 14 alle 20, sabato 23 novembre dalle 10 alle 18 e domenica 24 novembre dalle 10 alle 14.

Ciascun elettore ha la possibilità di esprimere sette preferenze.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

La Giunta ricorda il comandante Francesco Volpi

Pubblicato

-

Anche la Giunta provinciale ricorda la figura del comandante Francesco Volpi, che si è spento ieri sera a 105 anni.

Eroe di guerra, durante il secondo conflitto mondiale fu infatti insignito della Medaglia di bronzo al Valor Militare per aver portato a termine, in Russia e sul Mediterraneo, oltre 230 missioni di collegamento tra la base operativa e i punti avanzati del fronte, ha anche ricevuto l’Aquila di San Venceslao dall’amministrazione provinciale nel 2014.

“Con lui scompare una figura importante per il Trentino – è il ricordo del presidente Maurizio Fugatti e dell’assessore provinciale alla cultura Mirko Bisesti -, un uomo carismatico, di forte volontà, che dopo il servizio svolto nella seconda guerra mondiale si è distinto nel campo aeronautico in più riprese, ricordiamo ad esempio la fondazione dell’Associazione Piloti trentini di guerra nei primi anni ’50 la sua attività nell’Aero Club di Trento o la collaborazione nella progettazione dell’aeroporto di Mattarello. Attività che lo ha portato a tanti riconoscimenti, come quella di Gran Ufficiale della Repubblica Italiana o la stessa Aquila di San Venceslao ricevuta per i suoi cento anni. Con lui se ne va una persona straordinaria che aveva fatto del volo la sua vita”

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Michele Bezzi eletto nuovo segretario della Cisl del Trentino

Pubblicato

-

Nella foto il passaggio di consegne fra Lorenzo Pomini e Michele Bezzi

Inizia oggi la per Cisl Trentina il dopo Lorenzo Pomini. Stamane alla presenza di Annamaria Furlan il Consiglio Generale ha votato a larga maggioranza Michele Bezzi nuovo segretario generale della Cisl del Trentino che succede a Lorenzo Pomini.

In Segreteria entra come neo eletto Giuseppe Pallanch della Funzione Pubblica, uomo di grande esperienza e professionalità che sarà sicuramente un valore aggiunto.

Viene confermata Milena Sega.

Pubblicità
Pubblicità

Il sindacato quindi procede nel segno della continuità che rappresenta il naturale passaggio  dopo che Lorenzo Pomini ha raggiunto il limite massimo dei 20 anni di segreteria.

Michele Bezzi da anni in segreteria confederale come segretario organizzativo proviene dalla categoria edili. 

Il compito del nuovo segretario sarà quello di costruire il percorso che porterà la Cisl al congresso del 2021

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza