Connect with us
Pubblicità

Trento

Dopo la bocciatura, dietrofront del governo: il “Revenge Porn” sarà legge.

Pubblicato

-

Voteremo l’emendamento!” Lo annunciano dopo quasi 24 ore dalla discussione di Giovedì in aula i Ministri Salvini e Di Maio.

Dopo la bocciatura di giovedì pomeriggio alla Camera con 232 voti contrari, martedì prossimo la maggioranza appoggerà il ddl “codice rosso” che contiene la norma sul “revenge porn”.

Il “revenge porn”– tradotto “vendetta pornografica” indica la condivisione pubblica di immagini fotografiche o video intimi senza il consenso del protagonista.

Pubblicità
Pubblicità

La pubblicazione molte volte avviene per motivi di vendetta dell’ex amante. Alle immagini troppo spesso vengono associati elementi strettamente identificativi della persona presa di mira quali nome, indirizzo o profilo social.

Tutto questo avviene senza che la vittima ne sia a conoscenza al fine di umiliarla.

Famoso in Italia è l’evento che nel 2016 ha portato al suicidio Tiziana Cantone dopo la pubblicazione di alcuni suoi video privati.

A fronte di numerosi eventi di cronaca nera avvenuti in tutto il mondo legati proprio a questo fenomeno, diversi sono gli Stati che hanno messo in atto delle Norme legislative contro il reato del “revenge porn”.

Pubblicità
Pubblicità

Paesi come Germania, Canada, Regno Unito e 34 Stati degli USA hanno tutelato le vittime di questa violenza.

In Italia solo venerdì si è cominciato a discutere della “ vendetta pornografica” inserita nel ddl “ codice rosso”.

L’emendamento avrebbe introdotto il reato di pubblicare video o immagini private senza il consenso della persona interessata e puntato a rendere più rapide le indagini sui casi di violenza sulle donne.

Ma durante discussione alla Camera è andata diversamente dalle aspettative.

I’emendamento proposto dalle opposizioni di Forza Italia, Partito Democratico e Liberi Uuguali è stato respinto con 232 voti contrari e 218 favorevoli.

La bocciatura è arrivata unita con i voti del Movimento 5 stelle e della Lega.

Da subito sono nate discussioni, tanto che le deputate di PD e FI sono hanno duramente protestato raggiungendo i tavoli del Governo.

La discussione è stata sospesa e rimandata a martedì 2 aprile, giorno in cui sarà sicura l’approvazione dell’emendamento con i voti a favore anche di Lega e Movimento 5 stelle.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Pronto in Trentino il circuito dei mercatini di Natale

Pubblicato

-

In Trentino tutto è pronto per il circuito dei mercatini di Natale, inaugurato già sabato 9 con l’apertura di quello di Pergine.

Partiamo da Avio dove per il terzo anno consecutivo il Castello ospiterà il Mercatino di Natale all’interno delle proprie mura per una suggestiva cornice tutta da scoprire.

Mentre al Palazzo Baronale saranno organizzati esposizioni, concerti e spettacoli. Interessante la proposta del Fai proprietario del maniero che propone sentieri nascosti, enigmi da risolvere sulle pareti delle sue stanze, al cui interno verranno animate storie e leggende.

Pubblicità
Pubblicità

Ad Ala nei saloni dei palazzi barocchi del centro verranno ricreate botteghe antiche nelle quali artisti e artigiani daranno vita ad un esclusivo mercatino aperto dal 22 novembre al 22 dicembre.

Sempre ad Ala aperta un interessante mostra dedicata al Presepio Barocco Napoletano.

Detto delle proposte più originali passiamo a quelle tradizionali.

Sabato prossimo sarà inaugurato il Mercatino di Trento aperto fino al 6 gennaio.

Pubblicità
Pubblicità

90 casette in legno tra piazza Fiera e piazza Cesare Battisti con contorno di treni storici provenienti da Milano Lambrate, Lecco, Bergamo e Brescia.

A Rovereto il Natale sarà rappresentato anche dal gigantesco abete – 18 metri – donato dalla Magnifica Comunità di Folgaria.

Suggestivo il mercatino di Arco arroccato ai piedi del Castello ( 15 novembre – 6 gennaio) per 40 casette.

Momento clou l’8 dicembre quando con una moderna versione dell’antico filò sarà proiettato sulle mura di un palazzo la storia di quanto accadde centinaia di anni fa.

Negli week end ( 23 novembre – 15 dicembre) Levico ospiterà nel Parco degli Asburgo, le casette del Mercatino: spettacoli pirotecnici il 30 novembre, 7 e 14 dicembre.

Infine i portici, i volti e le piazzette di Rango e Canale di Tenno proporranno dei viaggi gastronomici in due borghi tra i più belli d’Italia.

Melodie natalizie diffuse tra i portici, laboratori e notti magiche.

A Canale di Tenno non ci si può dimenticare di un sapore nostrano come lo è la carne salada, piatto tipico che risale al 1500.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Fusione casse rurali: è scontro totale. Chiusa e poi riaperta la pagina facebook dei «ribelli»

Pubblicato

-

S’avvicina l’assemblea straordinaria della Cassa Rurale di Lavis, Mezzacorona e Valle di Cembra e non mancano le sorprese.

La Cassa Rurale nel timore di una bassa affluenza di soci ha pensato di indire una lotteria che metterà in palio tra gli altri due televisori 55 pollici , due iPhone, due iPad, due Macbook e altrettante scope elettriche ricaricabili per un monte premi complessivo pari a 11 mila e 330 euro.

Mentre chi si oppone al progetto di fusione ha dato vita ad una pagina Facebook “ soci cooperatori Giovo, Cembra e Rotaliana” che è già stata bloccata per le troppe segnalazioni, ma poi riaperta dopo la sospensione: 292 follower e 289 like.

Pubblicità
Pubblicità

Il simbolo è quello di una pecora sbarrata, che rappresenta i soci che non sono pecore nel seguire passivamente il consiglio d’amministrazione nel cammino della fusione. (clicca qui per entrare nella pagina)

Una pagina che conferma come i territori non siano per nulla favorevoli ad una fusione che pare essere una decisione di vertice e poco condivisa dalla base.

Specialmente quella della Cassa Rurale di Lavis, Mezzacorona e Valle di Cembra.

L’appuntamento del 22 novembre al PalaRotari non sarà una passeggiata e non sarà certo una lotteria, seppur dal ricchissimo montepremi, a rasserenare gli animi.

Pubblicità
Pubblicità

Intanto i soci contrari all’operazione si stanno organizzando e la pagina Facebook è solo una modalità di coordinamento. “ Lo sapevate che dopo questa fusione noi soci di Lavis Mezzocorona Val di Cembra saremo meno di un quarto??? Come potrà contare il nostro voto? Come potremo incidere sulle scelte che riguarderanno la nostra comunità della Rotaliana e di Cembra? Diventeremo sobborghi di Trento…”.

E’ uno degli interrogativi presenti nella pagina Facebook che è anche un tema reale di riflessione.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Giovane della Lega aggredito dagli estremisti della sinistra

Pubblicato

-

Nuovamente in azione i «fenomeni» dell‘estrema sinistra a Trento. 

Questa volta non se la sono presa con le vetrine dei negozi e non hanno nemmeno rovinato i muri della città, il tutto naturalmente fatto come al solito coperti dai passamontagna.

Mercoledì se la sono presa con un giovane militante della Lega, studente universitario.

Pubblicità
Pubblicità

5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra hanno aggredito il giovane leghista prima con le minacce e gli insulti e poi sono passati alle vie di fatto aggredendolo. 

A rendere nota la cosa è stato il coordinatore Leonardelli che ha diffuso sulla pagina facebook della Lega Giovani questo messaggio:

«Mercoledì sera in via Verdi a Trento un nostro giovane militante è stato aggredito da 5 persone appartenenti a gruppi dell’estrema sinistra che hanno accusato nelle ultime settimane la Lega di essersi associata con degli squadristi. Ci dobbiamo domandare ora chi siano gli squadristi, quelli che manifestano per la libertà di espressione o quelli che aggrediscono militanti di un partito libero e pacifico? Non ci resta che esprimere rammarico e aspettarci un netto intervento del rettorato, che deve limitare le azioni violente e criminali di gruppi antagonisti e garantire la sicurezza degli studenti. Ringraziamo il consueto pronto intervento dei carabinieri, Il nostro militante fortunatamente non ha riscontrato lesioni. È questa l’università che vogliamo avere a Trento? Bisogna agire subito! Non ci faremo intimidire, noi ci siamo!»

Fra i commenti sotto il post un commento laconico: «I soliti che accusano gli altri di fascismo» e un invito: «Che si faccia un po’ di pulizia della monnezza che c’è in giro cominciando a fare dei bei controlli sanitari e antidroga in alcuni locali del centro storico frequentati da questi illuminati estremisti di sinistra»

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza