Connect with us
Pubblicità

Trento

Sardagna: Sativa chiede l’apertura della discarica. Rischio rifiuti da tutt’Italia in Trentino

Pubblicato

-

Nonostante la protesta degli abitanti, Sativa prosegue il progetto di riattivazione della discarica di Sardagna.

L’ultimo atto è la domanda è quella di riattivare la procedura del riempimento della discarica tramite teleferica.

Un’iniziativa che ha allarmato i residenti che ora chiedono a gran voce un pronunciamento della politica che intervenga su due livelli: il primo dovrebbe essere un atto ufficiale e col secondo iniziare la procedura per l’acquisizione dell’area.

Pubblicità
Pubblicità

Nel documento presentato si ipotizzano 80 mila tonnellate di materiali inerti necessari per il riempimento della cava.

Un’operazione che durerebbe a pieno regime 17 anni.

Più realisticamente considerando che gli inerti smaltiti annualmente nelle discariche regionali sono sulle ventisettemila tonnellate, per la differenza si porterebbero in Trentino rifiuti da tutta Italia.

In più considerando che la legge ha alzato i parametri di calcolo per la definizione di rifiuti pericolosi, a Sardagna potrebbe arrivare davvero di tutto.

Pubblicità
Pubblicità

A rendere ufficiale l’atto della Sativa, è stato il capogruppo del Patt in Consiglio Comunale Alberto Pattini che ha diffuso una nota nella quale si evidenzia come il tracciato della teleferica incroci di fatto quello dell’ ipotizzata funivia Trento – Bondone.

Per questo chiede alla Provincia di attivarsi tenendo in considerazione anche il Consiglio Comunale che il 13 marzo ha deliberato di inserire nel Prg un collegamento strutturale veloce nella stessa zona.

A questo punto sarebbe interessante capire le intenzioni di Sativa che avendo speso una cifra significativa per la relazione tecnica allegata alla richiesta, non si è mossa di certo per niente.

Possibile che possa essere un tentativo per fare pressione nei confronti della Provincia che potrebbe essere spinta all’acquisizione dell’area della discarica.

A livello politico c’è un asse Bungaro – Tonina ( i due rispettivi assessori competenti) contrario alla riattivazione che dovrebbe garantire mosse comuni tra le due amministrazioni.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Trento: da lunedì il lavaggio strade. Ecco il calendario per evitare le multe

Pubblicato

-

A partire da lunedì 16 settembre e fino a giovedì 24 ottobre, dal lunedì al giovedì dalle ore 20.15 alle 4, il venerdì dalle 20.15 alle 2.30, Dolomiti Ambiente provvederà alle operazioni di spazzamento e lavaggio notturno delle strade.

Almeno quarantotto ore prima dell’intervento, nelle zone interessate verrà posizionata la segnaletica indicante il divieto di sosta e fermata dalle 19 alle 5 del giorno successivo all’intervento.

La polizia locale ricorda che la segnaletica collocata in via temporanea per imporre prescrizioni, come quelle previste in occasione del lavaggio delle strade, hanno priorità rispetto alla segnaletica esistente e collocata in via permanente.

Pubblicità
Pubblicità

Nella precedente tornata dei pulizia in primavera sono stati quasi 1.500 gli automobilisti sbadati che sono incorsi nella multe. Oltre 60 mila l’introito incassato dal comune in quel caso.

L’invito agli automobilisti quindi è pertanto di fare attenzione alla presenza di segnali temporanei e alle indicazioni riguardanti il giorno e l’ora in cui i divieti entrano in vigore e hanno efficacia.

La sanzione prevista ai sensi dell’articolo 7, commi 1 e 14 del codice della strada è di 41 euro. È possibile il pagamento con la riduzione del 30 per cento (28,70 euro) entro 5 giorni dall’accertamento.

Il calendario completo è pubblicato qui e sull’app Trento pulizia strade, in grado di mostrare giorno per giorno le strade interessate dalla pulizia e dai divieti di sosta e di inviare una notifica nei giorni che coinvolgono le vie di proprio interesse.

Pubblicità
Pubblicità

Le informazioni saranno visibili anche in «La mia Trento», la nuova app ufficiale del Comune di Trento pensata sia per residenti che per turisti, che verrà rilasciata il 20 settembre e presentata in occasione di Trento Smart City Week lo stesso giorno alle 17.20 nella Sala 2 del Villaggio Digitale in piazza Duomo.  Prenotazioni disponibili su www.eventbrite.it

Per vedere il calendario totale delle pulizia delle strade cliccare qui.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Calcio senza frontiere, il 21 settembre a Egna l’Euregio Cup

Pubblicato

-

Torna sabato 21 e domenica 22 settembre, alla zona sportiva di Egna, l’appuntamento con la Kerschdorfer Euregio Cup, il quadrangolare di calcio che vede affrontarsi le formazioni che hanno vinto le coppe provinciali di Alto Adige, Trentino, Tirolo del Nord e Tirolo dell’Est.

La novità di quest’anno è l’allargamento della manifestazione, che si disputa sotto l’egida del GECT Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino, anche alle squadre femminili.

Per quanto riguarda il torneo maschile, le squadre partecipanti sono Thal/Assling (Tirolo dell’Est), Schwaz (Tirolo del Nord), Termeno (Alto Adige) e Dro Alto Garda (Trentino), mentre tra le donne si sfideranno Rapid Lienz (Tirolo dell’Est), Stubai/Matrei (Tirolo del Nord), Red Lions Tarces (Alto Adige) e Azzurra S. Bartolomeo (Trentino).

PubblicitàPubblicità

Le semifinali di entrambe le categorie, che si disputeranno in contemporanea sui due campi della zona sportiva di Egna, inizieranno alle 14.30 e alle 16.45, le formazioni vincitrici si sfideranno domenica alle ore 11 per aggiudicarsi la Kerschdorfer Euregio Cup 2019.

All’inizio del torneo, i presidenti dei tre territori dell’Euregio, ovvero Arno Kompatscher, Günther Platter e Maurizio Fugatti, daranno il via alle prime semifinali, che si svolgeranno in contemporanea con la Festa Euregio “Dis-Egna le idee”.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Domani l’incontro fra il presidente Fugatti e il ministro Boccia

Pubblicato

-

Si terrà martedì prossimo – 17 settembre a Roma – l’incontro fra il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e il Ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia.

L’incontro era stato richiesto nei giorni scorsi dal Governatore del Trentino e costituirà l’occasione per iniziare ad impostare la collaborazione fra Ministero e Provincia autonoma, nel quadro generale disegnato dallo Statuto di Autonomia.

Si parlerà anche di Minoranze linguistiche.

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza