Connect with us
Pubblicità

Benessere e Salute

Allarme obesità: in Trentino il 35% degli adulti sono a rischio

Pubblicato

-

Obesità e invecchiamento non vanno approcciati come una lotta individuale, bensì come una sfida sociale che riguarda tutta la popolazione.

Si è svolto nei giorni scorsi ad Hall in Tirolo all’UMIT – Università di Scienze della Salute, Informatica e Tecnologie Mediche, il primo workshop del progetto Euregio “Environment, Food & Health” (EFH), lanciato nel 2017 e coordinato dalla Fondazione Edmund Mach.

Operatori sanitari, medici, ricercatori e rappresentanti dei servizi sanitari si sono incontrati per discutere l’impatto socioeconomico dell’obesità e dell’invecchiamento.

Pubblicità
Pubblicità

I dati presentati sono allarmanti: l’incidenza degli adulti con problemi di peso in Trentino è del 35%, del 33% a Bolzano e del 40% in Tirolo.

All’incontro sono stati invitati speaker internazionali per discutere strategie di prevenzione e recenti indicazioni sul ruolo dell’alimentazione. Inoltre è stato fornito un aggiornamento sul progetto multidisciplinare “EFH” che coinvolge 9 enti tra ospedali, università e centri di ricerca dell’Euregio per diffondere l’importanza della relazione tra ambiente, alimentazione e salute.

Tra i campi della ricerca, si punta a valutare come il consumo di prodotti locali di alta qualità nutrizionale, a filiera controllata (ad esempio zuppe con cereali, verdure e legumi locali, snack a base di mela, more e lamponi, formaggi alpini, pesce d’acqua dolce e carne magra di bovini), possano essere vantaggiosi nell’efficacia delle diete non solo per la perdita di peso, ma anche per il miglioramento dei parametri infiammatori e metabolici legati all’obesità.

Pubblicità
Pubblicità

Un aspetto fondamentale è inoltre l’identificazione e l’analisi della percezione individuale dello stato di salute e di rischio di malattia nelle regioni Euregio.

Mirko Bonetti, statistico dell’Osservatorio per la Salute di Bolzano, ha presentato i dati regionali su sovrappeso e obesità: la prevalenza di persone con problemi di peso è pari al 35% in Trentino, al 40% in Tirolo e al 33% in provincia di Bolzano.

In ogni caso la zona Euregio si posiziona al di sotto della media nazionale del proprio Paese di riferimento (42% per l’Italia, 47% per l’Austria). “È necessario che i centri deputati all’analisi epidemiologica e statistica delle regioni Euregio collaborino per definire pratiche e strategie comuni”, ha sottolineato Bonetti. “A maggior ragione – ha aggiunto – perché i dati sui bambini sono ancora più preoccupanti: 23% di incidenza in Trentino, 15% in Alto Adige e 27% in Tirolo”. “Uno dei problemi da considerare è la sottovalutazione del peso della singola persona: più di due persone in sovrappeso ogni 5 e una obesa ogni 20 ha una percezione di peso distorta. Questo aumenta la sottostima del rischio per la propria salute”.

Riferendosi alle nuove generazioni, Bonetti ha messo in evidenza l’importanza di un’efficace gestione del peso nell’infanzia e nell’adolescenza per ridurre i rischi persistenti nell’età adulta.

Michael Laxy, esperto di prevenzione dell’obesità e del diabete dell’Istituto di Economia e Gestioni Sanitarie dell’Helmholtz Zentrum di Monaco, ha fatto una panoramica sull’efficacia e l’economicità delle diverse strategie di prevenzione e sulle implicazioni delle misure comportamentali.

I dati evidenziano come l’obesità sia associata ad una ridotta qualità della vita, ad un raddoppiamento dei costi legati alle cure sanitarie e ad una riduzione della produttività se confrontati con persone normopeso. A livello mondiale, la stima di queste spese raggiunge gli 870 miliardi di dollari per le spese sanitarie e i 450 miliardi di dollari legati alla ridotta produttività.

Riuscire a ridurre l’indice di massa corporea (BMI) medio anche solo di due punti significherebbe ridurre i costi socio-sanitari del 4.2%. Come ha sottolineato Laxy, “c’è spesso un conflitto tra efficacia, efficienza economica, impatto sulla popolazione e fattibilità politica degli interventi per la prevenzione del diabete e dell’obesità.

Gli interventi ambientali e regolatori hanno potenzialmente un forte impatto sulla popolazione e possono essere implementati a basso costo; tuttavia, il livello delle prove e l’accettabilità politica di tali misure è spesso basso. Al contrario, esistono evidenze positive da studi randomizzati per gli interventi sullo stile di vita, anche se questi interventi sono spesso costosi e hanno un basso impatto sulla popolazione.

Per affrontare il problema delle malattie metaboliche è quindi necessario un buon equilibrio tra gli interventi ambientali e quelli basati sullo stile di vita. Come comunità scientifica dovremmo quindi cercare di aumentare le evidenze alla base dell’efficacia della misura ambientale”.

Giuseppe Pasolini, medico del servizio di dietetica e nutrizione clinica dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento, si è soffermato sulla necessità di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dei comportamenti alimentari e della nutrizione nel determinare il rischio e nella prevenzione delle malattie.

“L’alimentazione e uno stile di vita sano sono fondamentali nel prevenire l’obesità e nel proteggere dalle malattie legate all’invecchiamento. Ad oggi, lo stile di vita mediterraneo sembra il più efficace”.

In quest’ottica, ha sottolineato Pasolini, l’industria alimentare ha un ruolo di primo piano riducendo il contenuto di grassi, zuccheri e sale negli alimenti trasformati, promuovendo la qualità nutrizionale degli alimenti, assicurando che scelte salutari e nutrienti siano accessibili a tutti i consumatori e, infine, praticando un marketing responsabile soprattutto per bambini e anziani.

L’aspettativa di vita, infatti, si sta allungando; i bimbi obesi o sovrappeso di oggi saranno la generazione adulta e anziana obesa e sovrappeso di domani. “Di conseguenza – ha evidenziato Pasolini – essi potranno soffrire di disabilità fisiche, problemi mentali e maggiori rischi di diabete, malattie cardiovascolari, cancro e malattie legate all’invecchiamento. I conseguenti impatti socio-economici pesano sulla società”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Fiemme, Fassa e Cembra8 ore fa

Vola con la macchina in un dirupo per 200 metri, gravissimo 88 enne di Predazzo

Fiemme, Fassa e Cembra9 ore fa

La storia di Michela: «La mia vita come un arcobaleno e un sogno da raggiungere»

Trento10 ore fa

Coronavirus: contagi in calo e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento17 ore fa

Loredana Ciccantelli, Confapi Trentino: «Il Trentino ha dimostrato di avere un piano di azione concreto per quanto riguarda l’accoglienza turistica»

Riflessioni fra Cronaca e Storia18 ore fa

Filosofia politica. Verità o autorità? Da dove origina la legge?

Telescopio Universitario18 ore fa

Amministrazione condivisa: verso un “Recovery Plan civico”. Convegno giovedì 20 a Giurisprudenza

Alto Garda e Ledro18 ore fa

La mostra ufficiale del Museo di Auschwitz-Birkenau a Riva del Garda

Arte e Cultura18 ore fa

Living Memory, la forza dell’impegno. In programma teatro, musica e testimonianze

Bolzano18 ore fa

Tentò di uccidere l’ex a Bronzolo: pena ridotta in appello per un nigeriano

Arte e Cultura18 ore fa

A Nogaredo presentato il volume “Capolavori” della Regione

Giudicarie e Rendena18 ore fa

Porte di Rendena: il Piedibus è già un successo

Bolzano19 ore fa

Rapina impropria, danneggiamento e aggressione alla Polizia: coppia di marocchini finisce in manette

Rovereto e Vallagarina19 ore fa

Uccisione cane da parte dei lupi: l’uomo è rimasto accerchiato in balia dei lupi per 30 minuti

Trento19 ore fa

Omicron: nel 53% dei casi il primo sintomo è il mal di gola. Ecco i nuovi sintomi

Val di Non – Sole – Paganella1 giorno fa

Altri 209 contagi da Coronavirus nelle Valli del Noce

Trento2 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento1 settimana fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento1 settimana fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le popolazioni dell’Altopiano…

Necrologi

Categorie

di tendenza