Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Villa Lagarina: adotta una fontana, un’aiuola, una fioriera

Pubblicato

-

Sono state recentemente rinnovate le convenzioni tra Comune e associazioni, operatori economici o semplici cittadini che, fin dal 2015, hanno aderito al progetto col quale è stata affidata la manutenzione di fontane, aiuole e fioriere pubbliche.

I contratti erano in scadenza a fine 2018 (l’impegno è triennale) e tutti hanno confermato l’adesione: «L’intuizione avuta dall’amministrazione ha colto nel segno. Sono alti, nella nostra comunità, il valore del volontariato, la sensibilità nel prendersi cura del bene comune, il senso di appartenenza al territorio in cui si vive e lavora» spiega la sindaca Romina Baroni.

Delle 18 fontane che il Comune ha reso disponibili all’adozione, attualmente 12 hanno trovato il loro custode mentre rimangono in attesa 6 fonti: ben 4 a Castellano (incrocio vialeLodron/via Don Zanolli; via Belvedere; via Miorandei; incrocio via DonZanolli/via di Roz); 1 a Pedersano (via A. Degasperi); 1 a Piazzo (via Oriola più annessa roggia).

Pubblicità
Pubblicità

Oltre alle adozioni formalizzate, ce n’è anche una informale, a carico della fontana che si trova all’incrocio tra via Sant’Antonio e via Cesare Battisti a Pedersano: fatta da un gruppo di cittadini che si riconoscono sotto il nome di “Amici della Piazza”.

Per quanto riguarda le 18 aiuole e fioriere, attualmente sono 10 quelle adottate mentre restano disponibili: a Pedersano, l’aiuola all’incrocio tra via R. Roberti e via C. Battisti, l’area verde sulla curva della strada per Cesuino, l’aiuola alla rotatoria in via Sant’Antonio, l’aiuola dell’incrocio tra via Sant’Antonio e via Abate Pederzani; a Piazzo, l’area verde attorno alla chiesa, il parco San Zeno, l’area verde della rotonda sulla strada provinciale; a Villa Lagarina, ancora, le aiuole di via R. Zandonai, l’area verde della rotonda autostradale è invece presa in carico permanentemente da A22.

Chi riceve in adozione la fontana deve effettuare alcuni interventi periodici: pulizia superficiale, di griglie e filtri, controllo generale del funzionamento. Tre volte l’anno dovrà svuotarla completamente per effettuare la pulizia approfondita.

Il lavoro è volontario, ma tutti i materiali e i prodotti occorrenti, oltre che gli interventi straordinari, sono a carico del Comune.

Per quanto riguarda fioriere e aiuole, si parla non solo di adozione, ma anche di “sponsorizzazione”.

La principale differenza rispetto alle fontane sta nella spesa per l’acquisto e la messa a dimora delle piante: a carico dell’adottante.

Gli interventi periodici prevedono taglio dell’erba, eliminazione degli infestanti (vietato il diserbo chimico), eliminazione e sostituzione di ciò che si è seccato, irrigazione e pulizia. I materiali, vegetali e non, sono a carico dell’affidatario, mentre tutti gli interventi di manutenzione non compresi tra quelli elencati sono a carico del Comune.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Domenica 15 settembre il Memorial di Pallamano “Sergio & Gigi”

Pubblicato

-

Ormai è quasi tutto pronto, il Memorial di Pallamano dedicato ai due indimenticabili Amici e valorosi atleti” Sergio & Gigi “, si disputerà al PalaMarchetti di Rovereto domenica 15 settembre 2019.

Quattro le squadre rigorosamente Over 40 che ci onoreranno con la loro presenza: Roma Trionfale, Vicenza, Mezzocorona e Rovereto.

Più una formazione giovane e fuori torneo della Pallamano Mori.

Pubblicità
Pubblicità

Ma ci saranno pure storici atleti provenienti da Trieste, Roma, Bologna e altre città.

Varie saranno anche le sorprese. In quella giornata sarà scoperta una gigantografia di un giovane e abilissimo Gigi Vecchio del 1975.

Quella di Sergio Normani è già presente al Palazzetto roveretano.

Il tutto inizierà verso le ore 9 e si giocherà sino alle 12.30; poi si riprenderà alle 15 fino alle 16.30.

Seguirà la premiazione in grande allegria e sincera amicizia. Gli arbitri saranno gli storici Eros Angeli, Gianni Scalzeri e Fabio Civettini.

Gli organizzatori auspichiamo la presenza di molti sportivi della città roveretana e non solo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Domani al Soardi Center di Mori ritorna il mercato del riuso

Pubblicato

-

All’insegna delle cinque R – ridurre, riutilizzare, riparare, riciclare, rallentare – ritorna al Soardi Center di Mori, lungo la strada statale, il mercato del riuso organizzato dall’Associazione Trentina Mercatino delle Pulci in collaborazione con il Comune di Mori.

L’appuntamento è in programma domani, venerdì 23 agosto, a partire dalle ore 8.30 e per tutta la giornata.

Sulle bancarelle – ne sono attese poco meno di trenta – si potranno trovare ed acquistare oggetti usati, di collezionismo, modernariato, oggetti di uso quotidiano che possono abbellire le case oppure che possono essere trasformati, anche riparati ed avere un altro riutilizzo.

Pubblicità
Pubblicità

Ci sarà inoltre, nello spirito del mercato del riuso, il “tavolo scambio” dove lasciando un oggetto sarà possibile prenderne un altro.

L’Associazione Trentina Mercatino delle Pulci è nata dall’esigenza di diffondere la pratica del riuso degli oggetti salvandoli dalla dismissione e dalla discarica e da quest’anno – oltre al nuovo appuntamento negli spazi aperti del Soardi Center – organizza il mercatino dei libri in via Suffragio a Trento e il mercatino delle pulci e dell’ingegno creativo a Pieve di Ledro.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Rovereto: donna anziana tenta di uccidere il compagno e la figlia

Pubblicato

-

È stata la stessa donna che ieri mattina poco prima delle 7 ha allertato la centrale operativa del 112 affermando di aver ucciso due persone.

Dopo la telefonata shock è caduta subito la linea, senza che l’operatore riuscisse a capire dove si trovava il luogo della presunta strage.

Fortunatamente poco tempo dopo è arrivata una seconda telefonata, dalla quale è stato possibile rintracciare l’indirizzo: Lizzana, case Itea.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto gli agenti hanno scoperto che quella stessa mattina un’anziana donna classe 1947 ha colpito con un martello il compagno e la figlia che stavano ancora dormendo.

L’uomo, pur dolorante e sanguinante, è riuscito a fermarla.

La donna è poi svenuta per un collasso nervoso. In realtà il compagno e la figlia erano stati colpiti, ma non in maniera grave rispetto a quando detto nella telefonata.

Dopo le cure al Santa Maria del Carmine per una ferita alla testa, la figlia è stata dimessa già questa mattina mentre il compagno è rimasto in osservazione, ma non è in pericolo di vita.

La donna, dopo il ricovero al pronto soccorso, è stata trasferita nel reparto di psichiatria ad Arco e affidata a uno psichiatra con il quale ha accettato di parlare.  Dal punto di vista giudiziario si va verso una denuncia per lesioni aggravate.

Secondo le prime indagini pare che la violenza sia sfociata in un contesto di grandi difficoltà: ludopatia, difficoltà finanziarie e scompenso psicologico. Inoltre proprio ieri si sarebbe dovuto compiere lo sfratto dalle case Itea.

La ludopatia, che ha afflitto la donna, l’ha portata ad avere problemi finanziari e a non pagare l’affitto per un anno e mezzo. Essendo il contratto a nome della signora, probabilmente il compagno e la figlia erano ignari dello sfratto.

Una delle ipotesi è che la donna abbia tenuto nascosti i problemi alla famiglia e ieri, vedendosi ormai alle strette, abbia reagito così.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza