Connect with us
Pubblicità

Trento

No ai bambini «talpa»: una green school per creare bambini «radice»

Pubblicato

-

Cosa ci auguriamo per i nostri bambini?

Che siano bambini talpa, ovvero super adattati nel proprio contesto ma che perdono la rotta quando escono dalla loro tana per misurarsi con il mondo?

Oppure bambini radice?

PubblicitàPubblicità

Con una forte identità ecologica, biologica ed evolutiva. Bambini che si prendono cura di un albero, di una pianta. Di un altro essere vivente.

“La natura non deve essere solo una possibilità, ma il contesto prioritario di elezione per creare ambienti di apprendimento”.

A dirlo è Cristina Bertazzoni, professoressa dell’Università di Verona, all’apertura del convegno “Green School una scuola sotto il cielo” che si è tenuto a Trento e a cui hanno partecipato con entusiasmo oltre 140 persone tra dirigenti scolastici, maestri, professori, adulti interessati ad un argomento che evidentemente sta diventando centrale: quello della relazione tra natura ed educazione.

Un tema su cui è intervenuto in prima linea Fabrizio Bertolino, naturalista e pedagogista presso l’Università della Valle d’Aosta che negli ultimi anni se ne è occupato in modo preponderante. “Sei sono le principali criticità dei bambini di oggi che dovrebbero portare i servizi, la scuola, gli amministratori a ripensare l’approccio educativo. Prima, la solitudine dei bambini che sono circondati più da adulti che dai loro coetanei. Seconda, la vita al chiuso trascorsa tra casa, scuola, palestra. Terza, l’iperprotezione dove gli adulti anticipano qualsiasi problema o difficoltà che i bambini possono incontrare. Quarta: una agenda piena dove i bambini sono incanalati in istruzioni ben precise mentre avrebbero invece bisogno di fiducia per poter sperimentare. Quinta: una vita virtuale e sesta l’allontanamento dalle proprie radici biologiche, ecologiche, evolutive e culturali.”

“A questo punto – continua Bertolino – l’alternativa che ci si pone di fronte è tra l’avere bambini talpa, ovvero superadattati nel proprio contesto ma che perdono la rotta quando escono dalla loro tana per misurarsi con la vita, e bambini radice cioè con una forte identità ecologica, biologica ed evolutiva. Bambini che amano prendersi cura di un albero, di un pezzetto di terra, di un altro essere vivente.”

Pubblicità
Pubblicità

Dato lo scenario attuale dove ci sono più bambini iperprotetti che avventurosi, quello del futuro dovrebbe essere tragico. “Ma gli insegnanti devono essere ottimisti – afferma con entusiasmo Bertolino – e promuovere un cambio di rotta per far nascere “scuole e famiglie radice”.

COME SI CREA UNA GREEN SCHOOL – “Per costruire una green school non è necessario soltanto uno spazio esterno, che oggi molte scuole hanno, ma lo sviluppo di un sistema ecologico anche interno, tra i docenti, cioè una comunità professionale. Bisogna superare l’individualismo e la gelosia che talvolta si percepisce nelle scuole – spiega Cristina Bertazzoni che ha coordinato la sperimentazione in IC Giudicarie – per fare spazio all’interconnessione dei saperi di cui i bambini hanno bisogno. Farlo dentro è complicato perché l’aula è asfittica e non dà la possibilità di mettere insieme competenze scientifiche, matematiche, geografiche. Green school è una scuola dove l’insegnante di decentra e lascia spazio all’esplorazione autonoma, alla costruzione dei saperi e all’aspetto relazionale che durante la sperimentazione in Giudicarie ha dato dei risultati sorprendenti soprattutto nei bambini più fragili.

Secondo Giulia Valle, formatrice in ambito educativo, tra gli elementi riscontrati al termine della sperimentazione c’è un apprendimento più profondo, più duraturo e maggiormente interscambiabile tra le varie discipline. “Un’esperienza che dalla valutazione fatta è stata approvata non solo dai bambini e dagli insegnanti ma anche dai genitori.” “Ci auguriamo di portare questa esperienza in altre scuole – spiega Ida Pellegrini del Centro MeTe – accompagnando i docenti interessati per poter moltiplicare gli esiti positivi che questo progetto ha prodotto”.

A curare la parte naturalistico-scientifica sarà Laura Parigi, naturalista con anni di esperienza didattica alle spalle presso la cooperativa sociale Artico: “supporteremo i formatori della Green School e gli insegnanti nella giusta lettura dell’ambiente dove i bambini faranno attività didattiche. Attività che sono a disposizione sia di chi attiva il percorso di Green School sia di chi non può nell’immediato aderire al progetto.

Tra le attività, ad esempio, laboratori dove il mondo delle api diventa spunto per conoscere l’ambiente e rafforzare le competenze anche in altre discipline come geografia, geometria e storia.

LA SPERIMENTAZIONE PRESSO IC GIUDICARIE ESTERIORI – Il convegno nasce dalla sperimentazione realizzata l’anno scorso nell’Istituto Comprensivo Giudicarie Esteriori, dal centro MeTe di Tione con il sostegno dell’Istituto di Istruzione “L. Guetti”, il Parco Naturale Adamello Brenta ed il finanziamento di Fondazione Caritro.

La sperimentazione ha coinvolto 130 bambini e 21 insegnanti che hanno partecipato ad un piano di sviluppo e monitoraggio, per terminare con una mini sperimentazione di una settimana di lezioni all’aperto. Dubbi, perplessità e paure si sono poi trasformate in grande entusiasmo.

Il convegno è frutto della collaborazione tra il Centro MeTe di Tione e la cooperativa sociale Artico di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “CrowdWine”, l’originale sistema per sostenere le piccole cantine italiane
    In un momento storico in cui l’intero settore del vino italiano ed internazionale sta vivendo un profondo cambiamento strutturale, relazionale e sopratutto commerciale è nata un’idea per sostenere le piccole e medie cantine italiane. L’idea prende spunto direttamente dal più noto crowdfunding, tentando di avvicinare i consumatori con i produttori attraverso l’ormai utilizzatissimo sistema di […]
  • Coronavirus: un team di giovani donne progetta ventilatori polmonari con ricambi di automobili
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus ha colpito anche angoli di mondo già molto fragili come L’Afghanistan, Paese precedentemente dilaniato da decenni da guerre e dittature che, dopo l’arrivo del Coronavirus rischia di mettere definitivamente in ginocchio il fragile sistema sanitario. Nonostante il Governo di Kabul abbia adottato i più noti sistemi prevenzione, come il distanziamento sociale […]
  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]

Categorie

di tendenza