Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Primiero, Cento anni dopo Schuetzen e Alpini ricordano i reduci di Isernia

Pubblicato

-

Alpini e Schuetzen hanno sfilato insieme domenica mattina a Primiero, per ricordare i reduci prigionieri ad Isernia nel 1918.

Una storia poco conosciuta, ma che nasconde tra le sue pieghe, il passato ancora vivo e molte sofferenze per una intera comunità.

A più di cento anni da quei giorni bui, la comunità locale ha deciso di dedicare un evento solenne agli ex combattenti austro-ungarici di Primiero, deportati nel campo di internamento a Isernia dal novembre 1918 alla primavera 1919.

Pubblicità
Pubblicità

Alla fine della Prima Guerra mondiale, quattrocentonovantotto trentini, orginari del Primiero e del Vanoi, già ritornati nei loro paesi al termine del conflitto, furono dichiarati prigionieri di guerra dall’esercito italiano e trasferiti ad Isernia, insieme a centinaia di altri trentini e veneti, che avevano combattuto con l’esercito austroungarico.

Considerati tedeschi dagli italiani e italiani dai tedeschi, vissero un durissimo periodo di incertezza e vennero costretti a lavorare in una terra per loro straniera.

Pubblicità
Pubblicità

La loro vicenda fu a lungo dimenticata e tramandata solo dalle famiglie che ne furono coinvolte.

LA COMMEMORAZIONE – La mattina è iniziata con una solenne celebrazione religiosa alle 10.30 – presieduta dal decano di Primiero, don Giusepe da Pra – nella Chiesa Arcipretale di Fiera alla presenza del presidente della Comunità di Primiero con i sindaci del territorio in fascia tricolore e i molti rappresentanti delle associazioni locali.

In prima fila anche il presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher, il Presidente del Consiglio provinciale, Walter Kaswalder e il direttore della Fondazione Museo Storico del Trentino, Giuseppe Ferrandi.

Al termine della solenne celebrazione liturgica, un lungo corteo – sulle note della banda di Primiero – con penne nere e cappelli piumati a sfilare insieme, fino alla chiesa della Madonna dell’Aiuto, dove sono intervenute le autorità presenti, ricordando l’importanza di questo evento.

Il presidente della Comunità di Primiero, Roberto Pradel si è soffermato sull’importanza e sul valore della pace, senza dimenticare il nostro passato e i personaggi che hanno unito popoli e generazioni.

Il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, ha evidenziato invece il valore della storia trentina, di fondamentale importanza anche per le nuove generazioni.

Il presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher ha invece annunciato che sosterrà la richiesta di un atto formale, indirizzata al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, da parte degli abitanti del Primiero, per ricordare i reduci trentini che furono arrestati dopo la fine del primo conflitto mondiale e internati a Isernia, senza averne mai saputo le ragioni, “Un atto formale, ancorché simbolico, come segno di riconciliazione e ricompensa per l’ingiustizia subita dai cittadini di Primiero”.

“Quanto accaduto un secolo fa agli abitanti del Primiero – ha aggiunto Paccher – deportati senza nemmeno sapere le motivazioni, è stata solo una delle ingiustizie avvenute al termine di un lungo e doloroso conflitto e che la storiografia ufficiale ha voluto dimenticare per molto tempo. Abbiamo il dovere di ricordare: sono convinto che un atto formale di riconoscimento da parte della massima autorità dello Stato possa essere un gesto di riconciliazione con il passato. Oggi, a cento anni da quegli eventi, vedere sfilare insieme Schützen e Alpini è una preziosa testimonianza di fratellanza e amicizia e di un cambiamento della storia”.

“La memoria è il bene più prezioso che possiamo trasmettere alle nuove generazioni – ha concluso Paccher – come rappresentante delle istituzioni sento come un mio dovere quello di portare la testimonianza di tutta la comunità trentina e sudtirolese in un evento così significativo. Permettetemi di ringraziare tutti i sostenitori e i promotori di questa iniziativa. Il nostro pensiero va oggi dunque a tutti coloro che vissero questa tragedia e a tutte le vittime di quella guerra”.

Il direttore del Museo storico, Giuseppe Ferrandi ha ricordato quanto sia importante un evento come quello di Primiero per non dimenticare il passato, soprattutto alla luce degli eventi di cronaca di questi giorni, che richiamano periodi molto bui.

Dopo i discorsi delle autorità presenti, il Corpo musicale folcloristico di Primiero ha intonato le note dell’Inno europeo per la scopertura da parte di una giovane, di una lapide di ricordo dei reduci trentini, sulla torre civica di Fiera di Primiero.

Una memoria che rimarrà viva anche ai posteri, evidenziando la storia degli ex combattenti austro-ungarici di Primiero deportati nel campo di internamento ad Isernia nel 1918.

LA LAPIDE SULLA TORRE CIVICA – Particolarmente significativo il testo della lapide sulla Torre civica di Fiera di Primiero: “In memoria degli ex combattenti austro-ungarici di Primiero che qui radunati furono deportati nel campo di internamento di Isernia in Molise novembre 1918 – primavera 1919. Primiero ricorda riconoscente, marzo 2019”.

Nelle prossime settimane, si terrà anche un viaggio della memoria organizzato dagli Schuetzen di Primiero e della Valsugana – con altre cerimonie ufficiali a Isernia – per non dimenticare questa importante pagina di storia della comunità trentina.

A questo link la relazione storica sui “fatti di Isernia” inviata al Presidente della Repubblica

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Bosentino: il rischioso sorpasso di un furgone

Pubblicato

-

Siamo sulla strada provinciale 1 che porta da Vigolo Vattaro a Caldonazzo. 

In prossimità del paese di Bosentino un furgone dopo essere uscito da una rotonda decide di sorpassare due autovetture. 

Lungo la strada, divisa dalla la linea continua, erano presenti anche degli «stradini» che si stavano occupando del disboscamento della carreggiata e un trattore, che nel rientrare il conducente del camion ha sfiorato di pochi centimetri. Il video è stato girato dalla Dash Cam (telecamera di sicurezza) installata sull’autovettura

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Forum per la ricerca: sabato 20 luglio, ad Arte Sella, la presentazione del documento finale

Pubblicato

-

Cinque sessioni plenarie, visite a centri di ricerca, confronti e dibattiti, momenti di ascolto delle categorie economiche e del territorio, 15 esperti di fama internazionale.

Al termine di tre mesi di lavoro Trentino Research Habitat, il Forum per la ricerca e l’innovazione istituito dalla Provincia autonoma di Trento e coordinato da Trentino Sviluppo, si prepara a vivere la sua giornata conclusiva.

Sabato 20 luglio, a partire dalle ore 10.00, nella suggestiva cornice di Malga Costa (Borgo Valsugana), porta di ingresso al percorso di Arte Sella, si terrà la presentazione del documento finale.

Pubblicità
Pubblicità

Una “Carta” contenente linee strategiche per lo sviluppo della ricerca scientifica e l’innovazione in Trentino che nelle intenzioni della Giunta provinciale contribuirà ad orientare le risorse verso gli ambiti che possono generale le ricadute più interessanti, sia sul versante economico che per la risoluzione di problemi reali e la creazione di nuove opportunità per l’intero territorio.

L’evento, aperto dal saluto di Maurizio Fugatti, presidente della Provincia autonoma di Trento, sarà moderato da Enrico Pagliarini, giornalista di Radio24, e trasmesso in diretta Facebook.

Pubblicità
Pubblicità

Il documento finale, sottoscritto dai 15 esperti componenti il Gruppo di lavoro del Forum, verrà presentato dal coordinatore scientifico Emil Abirascid e commentato da Achille Spinelli, assessore allo Sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia autonoma di Trento, che anticiperà alcune traiettorie di ricerca prioritarie, oltre al percorso strategico che la Giunta provinciale ha individuato per il sistema trentino della ricerca scientifica e dell’innovazione.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Rimangono gravi le condizioni del 19 enne rimasto ferito mercoledì sera a Roncegno

Pubblicato

-

Rimangono gravi le condizioni del 19 enne di Marter, Tommaso Paoli, che mercoledì sera in prossimità della pizzeria il Picchio ha perso il controllo della sua auto e dopo essersi ribaltato, si è schiantato contro un albero. Si stava recando proprio nella pizzeria il Picchio per ordinare delle pizze, ma non ci è mai arrivato.

Un testimone oculare ha riferito che il ragazzo stava viaggiando ad una velocità non proporzionata alla strada, e complice l’asfalto bagnato, non è più riuscito a controllare il mezzo. Nell’urto il giovane si è procurato gravi ferite, fra cui un trauma cranico.

Il personale sanitario lo ha trasportato con l’elicottero all’ospedale Santa Chiara dove è stato ricoverato nel reparto di rianimazione. La prognosi è riservata.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza