Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Primiero, Cento anni dopo Schuetzen e Alpini ricordano i reduci di Isernia

Pubblicato

-

Alpini e Schuetzen hanno sfilato insieme domenica mattina a Primiero, per ricordare i reduci prigionieri ad Isernia nel 1918.

Una storia poco conosciuta, ma che nasconde tra le sue pieghe, il passato ancora vivo e molte sofferenze per una intera comunità.

A più di cento anni da quei giorni bui, la comunità locale ha deciso di dedicare un evento solenne agli ex combattenti austro-ungarici di Primiero, deportati nel campo di internamento a Isernia dal novembre 1918 alla primavera 1919.

PubblicitàPubblicità

Alla fine della Prima Guerra mondiale, quattrocentonovantotto trentini, orginari del Primiero e del Vanoi, già ritornati nei loro paesi al termine del conflitto, furono dichiarati prigionieri di guerra dall’esercito italiano e trasferiti ad Isernia, insieme a centinaia di altri trentini e veneti, che avevano combattuto con l’esercito austroungarico.

Considerati tedeschi dagli italiani e italiani dai tedeschi, vissero un durissimo periodo di incertezza e vennero costretti a lavorare in una terra per loro straniera.

La loro vicenda fu a lungo dimenticata e tramandata solo dalle famiglie che ne furono coinvolte.

LA COMMEMORAZIONE – La mattina è iniziata con una solenne celebrazione religiosa alle 10.30 – presieduta dal decano di Primiero, don Giusepe da Pra – nella Chiesa Arcipretale di Fiera alla presenza del presidente della Comunità di Primiero con i sindaci del territorio in fascia tricolore e i molti rappresentanti delle associazioni locali.

In prima fila anche il presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher, il Presidente del Consiglio provinciale, Walter Kaswalder e il direttore della Fondazione Museo Storico del Trentino, Giuseppe Ferrandi.

Al termine della solenne celebrazione liturgica, un lungo corteo – sulle note della banda di Primiero – con penne nere e cappelli piumati a sfilare insieme, fino alla chiesa della Madonna dell’Aiuto, dove sono intervenute le autorità presenti, ricordando l’importanza di questo evento.

Il presidente della Comunità di Primiero, Roberto Pradel si è soffermato sull’importanza e sul valore della pace, senza dimenticare il nostro passato e i personaggi che hanno unito popoli e generazioni.

Il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, ha evidenziato invece il valore della storia trentina, di fondamentale importanza anche per le nuove generazioni.

Il presidente del Consiglio regionale Roberto Paccher ha invece annunciato che sosterrà la richiesta di un atto formale, indirizzata al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, da parte degli abitanti del Primiero, per ricordare i reduci trentini che furono arrestati dopo la fine del primo conflitto mondiale e internati a Isernia, senza averne mai saputo le ragioni, “Un atto formale, ancorché simbolico, come segno di riconciliazione e ricompensa per l’ingiustizia subita dai cittadini di Primiero”.

“Quanto accaduto un secolo fa agli abitanti del Primiero – ha aggiunto Paccher – deportati senza nemmeno sapere le motivazioni, è stata solo una delle ingiustizie avvenute al termine di un lungo e doloroso conflitto e che la storiografia ufficiale ha voluto dimenticare per molto tempo. Abbiamo il dovere di ricordare: sono convinto che un atto formale di riconoscimento da parte della massima autorità dello Stato possa essere un gesto di riconciliazione con il passato. Oggi, a cento anni da quegli eventi, vedere sfilare insieme Schützen e Alpini è una preziosa testimonianza di fratellanza e amicizia e di un cambiamento della storia”.

“La memoria è il bene più prezioso che possiamo trasmettere alle nuove generazioni – ha concluso Paccher – come rappresentante delle istituzioni sento come un mio dovere quello di portare la testimonianza di tutta la comunità trentina e sudtirolese in un evento così significativo. Permettetemi di ringraziare tutti i sostenitori e i promotori di questa iniziativa. Il nostro pensiero va oggi dunque a tutti coloro che vissero questa tragedia e a tutte le vittime di quella guerra”.

Il direttore del Museo storico, Giuseppe Ferrandi ha ricordato quanto sia importante un evento come quello di Primiero per non dimenticare il passato, soprattutto alla luce degli eventi di cronaca di questi giorni, che richiamano periodi molto bui.

Dopo i discorsi delle autorità presenti, il Corpo musicale folcloristico di Primiero ha intonato le note dell’Inno europeo per la scopertura da parte di una giovane, di una lapide di ricordo dei reduci trentini, sulla torre civica di Fiera di Primiero.

Una memoria che rimarrà viva anche ai posteri, evidenziando la storia degli ex combattenti austro-ungarici di Primiero deportati nel campo di internamento ad Isernia nel 1918.

LA LAPIDE SULLA TORRE CIVICA – Particolarmente significativo il testo della lapide sulla Torre civica di Fiera di Primiero: “In memoria degli ex combattenti austro-ungarici di Primiero che qui radunati furono deportati nel campo di internamento di Isernia in Molise novembre 1918 – primavera 1919. Primiero ricorda riconoscente, marzo 2019”.

Nelle prossime settimane, si terrà anche un viaggio della memoria organizzato dagli Schuetzen di Primiero e della Valsugana – con altre cerimonie ufficiali a Isernia – per non dimenticare questa importante pagina di storia della comunità trentina.

A questo link la relazione storica sui “fatti di Isernia” inviata al Presidente della Repubblica

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]
  • Bonus vacanze 2020: i dettagli del bonus fino a 500 euro da spendere per le ferie italiane
    Mentre si iniziano a intravedere le prime aperture di stabilimenti balneari e spiagge, l’incognita vacanza è ancora viva su tutto il territorio italiano, insieme alle riaperture delle strutture ricettive, le limitazioni agli spostamenti tra Regioni e l’ormai noto bonus vacanze per le famiglie. Non è fatto nuovo che tra le ultimissime novità varate dal Governo […]
  • Ristrutturare casa a costo zero: Detrazioni fino al 110% grazie al nuovo Ecobonus
    In questo momento di grave crisi sociale ed economica causata dall’arrivo dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, è stato più volte immaginato e sospettato un’eventuale e inevitabile shock per gli investimenti privati ma sopratutto per il settore dell’edilizia. Per questo motivo, il Governo italiano con il recente Decreto Rilancio varato 13 maggio 2020 ha messo sul […]
  • Cena in serra: da Amsterdam la soluzione originale, romantica e perfetta per cenare in sicurezza
    L’attuale emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il mondo intero e la magica atmosfera di una cena romantica sono unite da un filo sottilissimo che passa dall’obbligo del distanziamento sociale, previsto per evitare il rischio di contagio da Covid – 19. In questo caso la misura è stata perfettamente reinventata e sfruttata per dedicare alle coppie […]

Categorie

di tendenza