Connect with us
Pubblicità

Trento

Disordini in provincia: dietro al lavoro «sporco» dei centri sociali quello che rimane della sinistra trentina

Pubblicato

-

Dopo quello che è accaduto ieri sera nei corridoi del palazzo della Provincia, la sinistra in tutte le sue variegate sfumature, non dovrà nemmeno perdere il tempo a prendere le distanze da un’azione di forza che aveva come unico scopo quello di impedire il regolare svolgimento del convegno “ Donne e uomini” dichiaratamente contrario alla teoria gender e che avrebbe trattato “ la bellezza e complementarietà dell’uomo e della donna”.

Il convegno era organizzato dall’assessorato alle Pari Opportunità con la partecipazione degli assessori Bisesti e Segnana.

“Dura contestazione di femministe, studenti e sindacato Cgil oggi al convegno sull’identità di genere organizzato dalla giunta provinciale e dall’assessore Segnana”

Pubblicità
Pubblicità

Questo è un passo del lancio di ieri sera del quotidiano Adige che riporta nome e cognome di chi era presente.

Non si è  trattato di un presidio all’esterno del palazzo, ma di un’aggressione ad un convegno regolarmente autorizzato.

Al lato pratico il “ lavoro sporco” lo hanno fatto gli anarchici, ma il supporto lo hanno dato sinistra e sindacati.

Pubblicità
Pubblicità

La loro presenza fisica ha di fatto coperto l’azione anarchica, ha intralciato l’intervento delle Forze dell’Ordine contribuendo a creare quel caos utile all’azione.

Si è così venuto a creare un’asse tra tra le forze di sinistra tradizionale, sindacati, centri sociali e anarchici.

Sarà interessante sentire che spiegazione daranno dell’aggressione.

Quello di eri sera è stato un atto gravissimo che le forze di sinistra non potranno nemmeno condannare, perché lo hanno compiuto in prima persona.

Però, ci sono già i primi tentativi di giustificazione: gli agenti in assetto antisommossa avrebbero bloccato l’ingresso alle persone dichiaratamente – striscioni e cartelloni parlavano da soli – contrari al convegno. Per Ghezzi di Futura rivolto ai manifestanti“ ‘non siete stati certo voi a disonorare questo palazzo, ma sono stati altri”.

Sulla pagina facebook Sara Ferrari definisce «giovani inermi» i centri sociali e gli anarchici che forzano il cordone di polizia per entrare con la forza nel palazzo della provincia.

Claudio Cia aggredito verbalmente dai sindacati e solo per essere davanti al portone della provincia.

«Nel momento di maggiore tensione un personaggio vicino ai sindacati mi ha elegantemente apostrofato così: “Invece di farti le seghe in Consiglio provinciale, prendi posizione contro sta roba!”. Diciamolo chiaramente: chi non rispetta la libertà della persona, anche di fronte ad eventi che non sono di suo gradimento, non si può certo dire “democratico”, semmai una m…(omissis) con la differenza che quest’ultima serve a concimare e rivitalizzare la terra in primavera, mentre questi personaggi non servono a nulla» – Scrive il consigliere provinciale sulla sua pagina facebook

Un Cia che replica al segretario della Cgil Ianeselli: «Dice il falso quando afferma che non sono stato provocato. Inoltre io non ho “gridato ai quattro venti”… ma la mia reazione era indirizzata esclusivamente a chi mi aveva provocato».

Come al solito la sinistra ha sempre ragione, anche quando a nome di quel senso di democrazia che le è tanto caro, avrebbe voluto come minimo togliere la parola a chi democraticamente avrebbe avuto il diritto di esprimere la propria opinione e in considerazione della situazione che si era venuta a creare, nessuno dei “democratici” si sarebbe tirato indietro a menare le mani.

Il problema è che il reato oggi è parlare di famiglia e sessualità tradizionale.

La sinistra lo vieta, imbarazza il Vaticano col papa in prima persona e chi lo fa è omofobo, razzista ed a seguire una lista infinita di epiteti vari.

Probabilmente quello che è successo ieri sera in Provincia andrà in replica il prossimo fine settimana quando Verona ospiterà il Congresso Mondiale della Famiglia.

Ma l’idea di democrazia per la sinistra, i sindacati, centri sociali e anarchici è molto semplice: a poter essere espresse sono unicamente le loro idee.

A chi ne ha altre va tappata la bocca.

Democraticamente è ovvio, proprio com’è successo venerdì sera con una manifestazione che non era nemmeno autorizzata.

Per la sinistra trentina una pagina triste che ormai sancisce la sua lenta ed inesorabile fine.

Un autogol clamoroso che dimostra la poca visione politica di una classe dirigente che in Trentino è ormai alla frutta.

Bravo invece l’assessore Mirko Bisesti ad uscire dalla porta principale seppur scortato dalla Polizia.

Davanti a lui 30 ragazzini esaltati, confusi, e guidati dalla mano nascosta del centro sinistra, dietro di lui invece il grande consenso del voto del 4 marzo e del 21 ottobre 2018.

Un segnale forte e coraggioso di chi non ha paura di esprimere le proprie idee, democraticamente, e grazie soprattutto all’enorme consenso del popolo Trentino e nazionale.

Perché se a qualcuno fosse sfuggito, in Italia e in democrazia governa chi vince.

Per saperne qualcosa telefonate a Renzi, Gentiloni, Lorenzo Dellai e Ugo Rossi  

 

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza