Connect with us
Pubblicità

Trento

Disordini in provincia: dietro al lavoro «sporco» dei centri sociali quello che rimane della sinistra trentina

Pubblicato

-

Dopo quello che è accaduto ieri sera nei corridoi del palazzo della Provincia, la sinistra in tutte le sue variegate sfumature, non dovrà nemmeno perdere il tempo a prendere le distanze da un’azione di forza che aveva come unico scopo quello di impedire il regolare svolgimento del convegno “ Donne e uomini” dichiaratamente contrario alla teoria gender e che avrebbe trattato “ la bellezza e complementarietà dell’uomo e della donna”.

Il convegno era organizzato dall’assessorato alle Pari Opportunità con la partecipazione degli assessori Bisesti e Segnana.

“Dura contestazione di femministe, studenti e sindacato Cgil oggi al convegno sull’identità di genere organizzato dalla giunta provinciale e dall’assessore Segnana”

Pubblicità
Pubblicità

Questo è un passo del lancio di ieri sera del quotidiano Adige che riporta nome e cognome di chi era presente.

Non si è  trattato di un presidio all’esterno del palazzo, ma di un’aggressione ad un convegno regolarmente autorizzato.

Al lato pratico il “ lavoro sporco” lo hanno fatto gli anarchici, ma il supporto lo hanno dato sinistra e sindacati.

Pubblicità
Pubblicità

La loro presenza fisica ha di fatto coperto l’azione anarchica, ha intralciato l’intervento delle Forze dell’Ordine contribuendo a creare quel caos utile all’azione.

Si è così venuto a creare un’asse tra tra le forze di sinistra tradizionale, sindacati, centri sociali e anarchici.

Sarà interessante sentire che spiegazione daranno dell’aggressione.

Quello di eri sera è stato un atto gravissimo che le forze di sinistra non potranno nemmeno condannare, perché lo hanno compiuto in prima persona.

Però, ci sono già i primi tentativi di giustificazione: gli agenti in assetto antisommossa avrebbero bloccato l’ingresso alle persone dichiaratamente – striscioni e cartelloni parlavano da soli – contrari al convegno. Per Ghezzi di Futura rivolto ai manifestanti“ ‘non siete stati certo voi a disonorare questo palazzo, ma sono stati altri”.

Sulla pagina facebook Sara Ferrari definisce «giovani inermi» i centri sociali e gli anarchici che forzano il cordone di polizia per entrare con la forza nel palazzo della provincia.

Claudio Cia aggredito verbalmente dai sindacati e solo per essere davanti al portone della provincia.

«Nel momento di maggiore tensione un personaggio vicino ai sindacati mi ha elegantemente apostrofato così: “Invece di farti le seghe in Consiglio provinciale, prendi posizione contro sta roba!”. Diciamolo chiaramente: chi non rispetta la libertà della persona, anche di fronte ad eventi che non sono di suo gradimento, non si può certo dire “democratico”, semmai una m…(omissis) con la differenza che quest’ultima serve a concimare e rivitalizzare la terra in primavera, mentre questi personaggi non servono a nulla» – Scrive il consigliere provinciale sulla sua pagina facebook

Un Cia che replica al segretario della Cgil Ianeselli: «Dice il falso quando afferma che non sono stato provocato. Inoltre io non ho “gridato ai quattro venti”… ma la mia reazione era indirizzata esclusivamente a chi mi aveva provocato».

Come al solito la sinistra ha sempre ragione, anche quando a nome di quel senso di democrazia che le è tanto caro, avrebbe voluto come minimo togliere la parola a chi democraticamente avrebbe avuto il diritto di esprimere la propria opinione e in considerazione della situazione che si era venuta a creare, nessuno dei “democratici” si sarebbe tirato indietro a menare le mani.

Il problema è che il reato oggi è parlare di famiglia e sessualità tradizionale.

La sinistra lo vieta, imbarazza il Vaticano col papa in prima persona e chi lo fa è omofobo, razzista ed a seguire una lista infinita di epiteti vari.

Probabilmente quello che è successo ieri sera in Provincia andrà in replica il prossimo fine settimana quando Verona ospiterà il Congresso Mondiale della Famiglia.

Ma l’idea di democrazia per la sinistra, i sindacati, centri sociali e anarchici è molto semplice: a poter essere espresse sono unicamente le loro idee.

A chi ne ha altre va tappata la bocca.

Democraticamente è ovvio, proprio com’è successo venerdì sera con una manifestazione che non era nemmeno autorizzata.

Per la sinistra trentina una pagina triste che ormai sancisce la sua lenta ed inesorabile fine.

Un autogol clamoroso che dimostra la poca visione politica di una classe dirigente che in Trentino è ormai alla frutta.

Bravo invece l’assessore Mirko Bisesti ad uscire dalla porta principale seppur scortato dalla Polizia.

Davanti a lui 30 ragazzini esaltati, confusi, e guidati dalla mano nascosta del centro sinistra, dietro di lui invece il grande consenso del voto del 4 marzo e del 21 ottobre 2018.

Un segnale forte e coraggioso di chi non ha paura di esprimere le proprie idee, democraticamente, e grazie soprattutto all’enorme consenso del popolo Trentino e nazionale.

Perché se a qualcuno fosse sfuggito, in Italia e in democrazia governa chi vince.

Per saperne qualcosa telefonate a Renzi, Gentiloni, Lorenzo Dellai e Ugo Rossi  

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero15 minuti fa

250 milioni con i video su YouTube: ha solo 10 anni il piccolo influencer più ricco al mondo

Cani Gatti & C19 minuti fa

Variante Delta: a Hong Kong verranno abbattuti circa 2.000 criceti e altri piccoli mammiferi causa epidemia

Piana Rotaliana1 ora fa

ASIA: ecco come raccogliere i rifiuti se si è in quarantena o isolamento

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Servizio civile, al via due nuovi progetti a Ville d’Anaunia

Valsugana e Primiero2 ore fa

Strada del “Castelet” a Pinè: dopo vent’anni di promesse l’avvio dei lavori

Valsugana e Primiero3 ore fa

Rissa fra ragazzi a Pergine: si tratta di un giovane aggredito dal branco – IL VIDEO

Trento4 ore fa

Il mercato dell’economia solidale torna in piazza Santa Maria Maggiore

Italia ed estero5 ore fa

Deliri no-vax, identificato e denunciato il fake «Ugo Fuoco» che ha diffamato David Sassoli dopo la sua morte

Trento5 ore fa

Circonvallazione, gli scavi che preoccupano gli ambientalisti: “Chiederemo il sequestro dei terreni inquinati a Trento Nord”

Trento5 ore fa

Circonvallazione per Trento, si chiude il dibattito. Esclusa l’ipotesi ‘destra Adige’. Previsti correttivi al progetto

Trento7 ore fa

Monitorati in Trentino 1.000 pazienti colpiti da Long Covid

Trento7 ore fa

Stefania Segnana ammette carenza di medici di medicina generale: in pensione in due anni 99 medici

Piana Rotaliana7 ore fa

Tre anni fa ci lasciava Rodolfo Borga: il ricordo commosso delle Civiche Mezzolombardo e Rotaliana

Piana Rotaliana8 ore fa

La stagione degli agrumi nel Giardino dei Ciucioi a Lavis

Valsugana e Primiero8 ore fa

La scultura come segno di manualità e le professioni artigianali nel Comune di Grigno

Trento3 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

Necrologi

Categorie

di tendenza