Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Val Rendena: scoperto il furbetto del cartellino. Si cercano i complici

Pubblicato

-

Peculato, truffa aggravata e falsa attestazione della presenza in servizio.

Sono queste le pesanti accuse che il procuratore Carmine Russo, dopo il fine indagine, ha lanciato ad un dipendente comunale della Val Rendena

Le indagini erano state avviate dalla Polizia Locale delle Giudicarie con la collaborazione della Polizia Locale della Valle del Chiese.

Pubblicità
Pubblicità

L’indagine era partita da un fatto accaduto oltre due mesi fa quando una pattuglia della Polizia Locale delle Giudicarie in servizio di controllo, aveva accertato  che un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena condotto da un dipendente circolava a Tione violando la segnaletica stradale.

I poliziotti si sono subito insospettiti, infatti la presenza del funzionario in quel luogo  sono sembrati da subito anomali soprattutto perché l’uomo non aveva apparente ragione di trovarsi con il veicolo di servizio in una via laterale che conduce alla zona industriale di Tione di Trento.

Gli agenti approfondivano la cosa visionando con le telecamere poste all’inizio di Tione gli spostamenti del veicolo e scoprivano che l’auto del funzionario non era mai passata da nessun accesso principale del paese materializzandosi no si sa come solo in quella strada.

Gli accertamenti proseguivano  e pochi giorni dopo gli operatori di Polizia rilevavano in sosta lo stesso veicolo nei pressi di un’abitazione privata nel proprio territorio di competenza.

Le verifiche divenivano via via più mirate, venivano organizzati alcuni servizi di osservazione che permettevano alle 2 Polizie Locali di accertare nell’arco di poche settimane ulteriori 8 luoghi insoliti ove veniva notata l’auto sempre in strade laterali, tra Sella Giudicarie, Tre Ville, di nuovo Tione, Comano Terme e Stenico.

Veniva allora acquisita dal comune da cui dipende l’impiegato la documentazione attestante la presenza oraria in servizio del dipendente. Dall’analisi delle timbrature emergevano diverse anomalie, alcune anche particolarmente sorprendenti.

E’ stato dimostrato che il dipendente, in alcune occasioni, abbia timbrato il cartellino presso la sede municipale mentre gli accertamenti lo collocavano in maniera inequivocabile in luoghi ben distanti dal Comune. Questo fa supporre la complicità di qualche collega e su questo si stanno sviluppando ora le indagini.

I riscontri hanno permesso di accertare come il soggetto utilizzasse il veicolo di servizio per scopi personali, ed essendo profondo conoscitore del territorio, in maniera scrupolosa, allungando considerevolmente i percorsi, procedesse su strade secondarie, non video sorvegliate con varchi specifici, in modo da eludere sistematicamente eventuali controlli da remoto.

Dagli accertamenti effettuati in un lasso di tempo limitato, si è attestato un utilizzo del veicolo di servizio per quasi 300 km (tra andata e ritorno tra i luoghi non autorizzati e la Sede Municipale), si ipotizza pertanto come il comportamento dell’uomo, sia stato sistematico, principalmente in ordine all’utilizzo del veicolo di servizio per fini personali e secondariamente, non per gravità, nell’attestazione della presenza in servizio.

Pubblicità
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Ruzzola sul sentiero e finisce sulla statale, grave un 74 enne

Pubblicato

-

Momenti di paura poco dopo le 10.00 del mattino per un 74 enne escursionista che a Carisolo dopo essere scivolato sul sentiero del bosco è ruzzolato fermando la sua corsa sulla carreggiata della strada statale 239 sottostante.

Per sua fortuna in quel momento non transitava nessun mezzo e quindi il 74 enne ha evitato danni peggiori.

Sul posto sono arrivati la Polizia Locale di Pinzolo – Madonna di Campiglio, i vigili del fuoco, un ambulanza di Trentino emergenza e l’elisoccorso che ha trasportato l’anziano al santa Chiara di Trento in codice rosso.

Pubblicità
Pubblicità

Le sue condizioni sarebbero gravi per via delle ferite riportate nella caduta ma non sarebbe comunque in pericolo di vita.

La strada è stata chiusa per permettere ai soccorsi di prestare le prime cure al 74 enne.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Pinzolo, potenziato il servizio prelievi a favore di residenti e turisti

Pubblicato

-

“Esprimo la mia personale soddisfazione e ringrazio per l’impegno l’azienda sanitaria che ha coordinato l’iniziativa con l’obiettivo di dare una risposta sia ai residenti che ai numerosi turisti, soprattutto anziani, che visitano il Trentino durante la pausa estiva”, così l’assessore alla salute Stefania Segnana nel presentare il potenziamento del servizio di prelievo presso la AFT (Aggregazione Funzionale Territoriale di Medicina Generale) di Pinzolo.

Dal 23 luglio e fino al 18 settembre sarà possibile sottoporsi a prelievo del sangue nelle giornate di – martedì, giovedì e venerdì – dalle ore 7.30 alle ore 8.30 –

A partire dal 19 settembre è previsto un calo dell’afflusso turistico e per tale motivo l’offerta del punto prelievi ritornerà ad essere attiva il martedì ed il venerdì.

Pubblicità
Pubblicità

Dai dati forniti risulta infatti che agli abituali utenti del punto prelievo di in via Genova, durante i mesi estivi si aggiungono numerosi turisti, pazienti che necessitano di controlli del sangue settimanali.

Per rispondere a questa esigenza è stato potenziato il servizio aggiungendo un giorno – il giovedì – al calendario già in essere.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Storo: motociclista sorpreso a 101 km/h nel centro abitato

Pubblicato

-

Durante il fine settimana la Polizia locale ha effettuato numerosi controlli sulla SS237 del Caffaro e sulla 240 della Valle di Ledro.

Sono state più di venti le multe accertate, per lo più contestate a motociclisti provenienti dalla provincia di Bergamo.

In cinque casi è stata contestata la modifica dello scarico che rendeva il veicolo molto più rumoroso, mentre le altre sanzioni hanno riguardato sorpassi azzardati e velocità eccessiva.

Pubblicità
Pubblicità

In centro abitato a Storo (limite 50 km/h) un motociclista è stato sorpreso a 101 km/h. Per l’uomo è scattato il ritiro immediato della patente, la sospensione da uno a tre mesi, la riduzione di sei punti dalla patente e una multa di 544 euro.

Il sindaco di Storo Luca Turinelli a nome della conferenza dei Sindaci è soddisfatto del lavoro della Polizia  locale con particolare riguardo  alla strada dell’Ampola, dove la forte presenza contemporanea di veicoli, moto e biciclette è da sempre causa di gravi incidenti.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza