Connect with us
Pubblicità

Trento

Verso il 22 marzo: tra Del Poggetto e Poggio non c’è partita

Pubblicato

-

Da sinistra: Barbara Poggio e Maria Cristina Del Poggetto

Da giorni il quotidiano on line, megafono dei centri sociali e di quello che rimane del PD Trentino ospita le invettive del suo direttore e di svariati personaggi della sinistra contro l’evento del 22 marzo, intitolato «Donne e uomini. Solo stereotipi di genere o bellezza della differenza?»

Le accuse sono molteplici, in perfetto stile ideologico: “chi sono, gli altri, per avere diritto di parola? La patente per poter parlare la diamo noi!”.

Per anni la Provincia, tramite l’assessore Sara Ferrari, ha propinato a tutti, in tutte le salse, senza mai un dibattito, una ben precisa visione del rapporto maschio-femmina; ha propagandato l’utero in affitto, ha dato uno spazio incredibile al mondo Lgbt, da cui evidentemente attinge non pochi voti, dimenticando del tutto ogni altra realtà pro vita e famiglia…

Pubblicità
Pubblicità

Ed ora, l’immancabile Sara Ferrari, l’Arcigay, Paolo Ghezzi eccetera eccetera, vorrebbero che la nuova amministrazione non abbia una sua visione, e che l’assessore Segnana si adegui ad obbedire ai loro diktat.

Che governino, o meno, devono comandare sempre gli stessi, deve risuonare sempre la medesima musica, altrimenti comincia la canea urlante e delegittimante.

Per fortuna, la democrazia dell’alternanza è un’altra cosa, e chi sino a ieri non ha mai avuto diritto di parola, alcuna possibilità di accedere allo spazio pubblico, da oggi speriamo possa farlo.

L’altra accusa che rimpalla di bocca in bocca, rilanciata soprattutto da Barbara Poggio, sociologa dell’Università di Trento, è la seguente: gli oratori del 22 marzo sarebbero persone senza arte ne parte, senza titoli accademici. Mica come lei!

Pubblicità
Pubblicità

Di fronte a tanta, ingiustificata spocchia, verrebbe da ricordare alla professoressisima Poggio almeno tre cosette.

La prima è che la sua assidua frequentazione con certe realtà, come l’Arcigay, la rende molto meno neutrale, credibile e super partes di quello che lei cerca di far credere.

La seconda è che al mondo non esistono solo gli accademici come lei: vi sono medici, magistrati, avvocati, teologi ecc… che non insegnano in Università, ma non per questo appartengono ad un mondo di “inferiori”, non legittimato a parlare perchè privo del bollino di qualità concesso dall’accademica Poggio!

La terza è che le due donne relatrici, verso cui l’esimia professoressa lancia i suoi strali, con ben poca solidarietà femminile, hanno tutte le carte in regola, anche più di lei, per parlare (per non dire nulla, per pietà, dei titoli a riguardo di Paolo Ghezzi e Sara Ferrari!)

Maristella Paiar, infatti, è un avvocato, e non risulta che il suo titolo valga meno della laurea in sociologia; inoltre il suo libro sul femminicidio è stato presentato, meno di due anni fa, presso il Liceo Classico Prati, con introduzione dell’allora assessore Sara Ferrari. (vedi locandina sopra, in fondo a destra)

Viene da chiedersi: l’avvocato Paiar va bene, ha tutte le carte in regola, se parla presente l’assessore Ferrari, ma non va più bene se al posto della pasionaria del Pd, vi è un altro assessore, sempre donna, come Stefania Segnana?

Quanto al Maria Cristina Del Poggetto, è il caso di dirlo: prof. Poggio, questa volta la ha fatta proprio fuori dal vaso.

Tra Del Poggetto e Poggio, a parlare di identità maschile e femminile, cioè di un tema che ha implicazioni biologiche, mediche e psicologiche, non c’è partita.

Perchè, se proprio dobbiamo stare ai titoli di studio (concezione perversa cui ci costringe l’ottica poggiolesca), la laurea in sociologia della Poggio non può neppure competere, scientificamente parlando, con i titoli della deprecata oratrice (con esperienza accademica anch’essa).

La Del Poggetto, infatti, oltre a possedere una laurea in Medicina e Chirurgia, una Specializzata in Psichiatria con lode presso l’Università degli studi di Pisa (forse la più prestigiosa in Italia, in questo campo), ed una Specializzata in Psicoterapia ad Indirizzo Sistemico-Relazionale, e oltre ad essere referente scientifico per l’area psichiatrica dell’Associazione Medico-Scientifica Promed Galileo, è stata co- docente all’IPR di Pisa (2006-1010) e Segretario-tesoriere della SIPR (dal 2008-2012), cioè la Società Italiana di Psicoterapia Relazionale.

La Poggio e gli amici Ghezzi, Tonini, Ferrari, insieme a direttori vari di quotidiani piombati in disgrazia dopo il 21 ottobre, ecc ecc… facciano uno sforzo: siano più tolleranti, più aperti al confronto, più umili (c’è persino gente più titolata di loro, al mondo, ma la vita può essere bella lo stesso) e per una volta vengano a sentire un’altra campana.

Fino ad oggi non ne hanno mai avuto occasione…

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Tempesta Vaia: un ddl per acquisire i beni interessati dalle situazioni di rischio elevato

Pubblicato

-

Punta a riconoscere alla Giunta provinciale un maggiore ambito di manovra in caso di eventi calamitosi, il disegno di legge che venerdì l’esecutivo, nella sua riunione a Luserna, ha approvato. Il ddl, come chiarito dal presidente Maurizio Fugatti, fa seguito a un emendamento che era stato presentato dalla maggioranza in Consiglio provinciale: “In seguito a un dibattito costruttivo avviato con le minoranze, abbiamo deciso di ripresentare l’emendamento, sotto forma di ddl: ora l’iter prevede la discussione in Commissione e quindi l’approvazione in Consiglio provinciale entro il mese di settembre”.

Il disegno di legge fa riferimento alla Tempesta Vaia e va a modificare la legge provinciale della Variazione al bilancio di previsione per gli esercizi finanziari 2019-2021.

Nei casi di situazione di rischio molto elevato che determinano l’impossibilità di utilizzare le strutture abitative e le infrastrutture private presenti prima dell’evento nelle aree a rischio, con questo ddl si prevede la possibilità di procedere all’acquisizione dei beni interessati di proprietà dei soggetti coinvolti e costretti ad abbandonare l’area.

PubblicitàPubblicità

In base al ddl approvato oggi dalla Giunta si prevede che in situazioni di rischio molto elevato, che determinano l’accertata impossibilità di utilizzare le strutture abitative e le infrastrutture private, destinate all’attività economica e presenti al momento dell’evento, la Provincia possa concedere uno specifico contributo; la Provincia può inoltre subordinare l’erogazione di una quota del contributo al riavvio nel territorio provinciale, da parte del beneficiario, di questa attività economica.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Trento: da lunedì il lavaggio strade. Ecco il calendario per evitare le multe

Pubblicato

-

A partire da lunedì 16 settembre e fino a giovedì 24 ottobre, dal lunedì al giovedì dalle ore 20.15 alle 4, il venerdì dalle 20.15 alle 2.30, Dolomiti Ambiente provvederà alle operazioni di spazzamento e lavaggio notturno delle strade.

Almeno quarantotto ore prima dell’intervento, nelle zone interessate verrà posizionata la segnaletica indicante il divieto di sosta e fermata dalle 19 alle 5 del giorno successivo all’intervento.

La polizia locale ricorda che la segnaletica collocata in via temporanea per imporre prescrizioni, come quelle previste in occasione del lavaggio delle strade, hanno priorità rispetto alla segnaletica esistente e collocata in via permanente.

PubblicitàPubblicità

Nella precedente tornata dei pulizia in primavera sono stati quasi 1.500 gli automobilisti sbadati che sono incorsi nella multe. Oltre 60 mila l’introito incassato dal comune in quel caso.

L’invito agli automobilisti quindi è pertanto di fare attenzione alla presenza di segnali temporanei e alle indicazioni riguardanti il giorno e l’ora in cui i divieti entrano in vigore e hanno efficacia.

La sanzione prevista ai sensi dell’articolo 7, commi 1 e 14 del codice della strada è di 41 euro. È possibile il pagamento con la riduzione del 30 per cento (28,70 euro) entro 5 giorni dall’accertamento.

Il calendario completo è pubblicato qui e sull’app Trento pulizia strade, in grado di mostrare giorno per giorno le strade interessate dalla pulizia e dai divieti di sosta e di inviare una notifica nei giorni che coinvolgono le vie di proprio interesse.

Pubblicità
Pubblicità

Le informazioni saranno visibili anche in «La mia Trento», la nuova app ufficiale del Comune di Trento pensata sia per residenti che per turisti, che verrà rilasciata il 20 settembre e presentata in occasione di Trento Smart City Week lo stesso giorno alle 17.20 nella Sala 2 del Villaggio Digitale in piazza Duomo.  Prenotazioni disponibili su www.eventbrite.it

Per vedere il calendario totale delle pulizia delle strade cliccare qui.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Calcio senza frontiere, il 21 settembre a Egna l’Euregio Cup

Pubblicato

-

Torna sabato 21 e domenica 22 settembre, alla zona sportiva di Egna, l’appuntamento con la Kerschdorfer Euregio Cup, il quadrangolare di calcio che vede affrontarsi le formazioni che hanno vinto le coppe provinciali di Alto Adige, Trentino, Tirolo del Nord e Tirolo dell’Est.

La novità di quest’anno è l’allargamento della manifestazione, che si disputa sotto l’egida del GECT Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino, anche alle squadre femminili.

Per quanto riguarda il torneo maschile, le squadre partecipanti sono Thal/Assling (Tirolo dell’Est), Schwaz (Tirolo del Nord), Termeno (Alto Adige) e Dro Alto Garda (Trentino), mentre tra le donne si sfideranno Rapid Lienz (Tirolo dell’Est), Stubai/Matrei (Tirolo del Nord), Red Lions Tarces (Alto Adige) e Azzurra S. Bartolomeo (Trentino).

Pubblicità
Pubblicità

Le semifinali di entrambe le categorie, che si disputeranno in contemporanea sui due campi della zona sportiva di Egna, inizieranno alle 14.30 e alle 16.45, le formazioni vincitrici si sfideranno domenica alle ore 11 per aggiudicarsi la Kerschdorfer Euregio Cup 2019.

All’inizio del torneo, i presidenti dei tre territori dell’Euregio, ovvero Arno Kompatscher, Günther Platter e Maurizio Fugatti, daranno il via alle prime semifinali, che si svolgeranno in contemporanea con la Festa Euregio “Dis-Egna le idee”.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza