Urban Coffee Lab: la novità è di casa a Trento
Connect with us
Pubblicità

Food & Wine

Urban Coffee Lab: la novità è di casa a Trento

Pubblicato

-


Alle volte parte tutto da un’intuizione e la voglia di cercare qualcosa di nuovo in una città che sembra “spegnersi” sempre di più.

L’Urban Coffee Lab è nato così, quasi per caso, circa tre anni fa da un giovane insoddisfatto ma pieno di buona volontà e idee originali.

Ora, Emanuele Faes ha solo 23 anni ma è già titolare di due locali che stanno riscuotendo molto successo soprattutto tra gli studenti delle Scuole Superiori e gli studenti Universitari.

Pubblicità
Pubblicità

Complici i trend del momento, lo stile industriale degli interni e numerose proposte ideate ad hoc per attirare l’attenzione sui Social Network, l’Urban Coffee Lab è diventato in poco tempo un luogo di ritrovo per tantissimi ragazzi.

Ma da dove è partito tutto questo?

Tutto ha avuto inizio con una una lista.

Emanuele ha pensato di sedersi a tavolino e di stilare un elenco di ciò che mancava a Trento.

Valutazione e selezione hanno poi fatto tutto il resto.

A contendersi la finalissima di un progetto che era nato solo come una vaga idea erano stati un locale notturno ed una caffetteria americana, di quelle che vanno di moda nelle grandi città come Milano.

L’Urban Coffee Lab, quindi, è diventato il primo e unico locale di questo genere a Trento.

Non è stato un bar di immediata apertura. Prima del suo “debutto” è dovuto passare circa un anno di accurata progettazione e ricerca di fornitori.

La scelta non è stata facile, così come non è stato semplice capire che impronta dare al locale: Trento aveva bisogno di una novità, di una ventata di aria fresca, di qualcosa che attirasse i giovani e che portasse un po’ di calore in una città che sembra essere sempre più spenta e meno adatta agli Under25.

Il connubio perfetto tra Vegan e American Food ha portato l’UCL a diventare uno dei bar del centro più affollati sin dalla sua apertura avvenuta il 25 novembre 2016 in Via Cavour.

L’incredibile successo riscosso ha convinto il proprietario ad aprire un secondo lacale nel quartiere delle Albere lo scorso 2 febbraio.

E’ qui che l’innovazione ha incontrato una nuova idea sempre basata sulla vita nelle grandi città: il brunch, ovvero il tradizionale mix tra colazione pranzo servito generalmente tra le ore 11:00 e le 15:00 nei fine settimana soprattutto negli USA ed in Inghilterra.

La favorevole accoglienza degli studenti in Erasmus e di quelli che si recano abitualmente alla Biblioteca Universitaria, in aggiunta a tutto il microcosmo situato nel quartiere progettato da Renzo Piano ed il passaparola che ne è stato il filo conduttore, ha permesso l’affermazione di questa nuova location rendendola una delle novità più interessanti per le prossime stagioni.

“Come ipotetico obbiettivo ci sarebbe quello di aprire, un giorno, un locale a Rovereto ed uno a Bolzano. Per ora andiamo avanti giorno per giorno. Lo staff è formato da una decina di giovani e, insieme, stiamo lavorando per realizzare nuove idee. Attualmente, alle Albere, cerchiamo di organizzare un evento al mese con DJ set e artisti di vario genere. Nel nuovo quartiere è tutto in crescita: la scelta di aprire un nuovo locale qui è stata un vero e proprio investimento per il futuro. Gli uffici, il parco, il Muse, i locali… c’è sempre molto da fare e molto ancora da migliorare.Racconta lo stesso Emanuele, ammettendo di essere una persona che non si accontenta mai. “Alle Albere abbiamo un cuoco pasticciere che predilige l’utilizzo di frutta e verdura. Grazie a lui siamo riusciti a fondere cibi Americani e cibi vegani creando un qualcosa di nuovo e giovanile. Non volevamo essere “solo” un locale vegano o “solo” una caffetteria americana. Volevamo e potevamo essere entrambe le cose, ed è quello che abbiamo fatto. Ora, continueremo a lavorare e a realizzare novità sempre più interessanti da proporre alla nostra clientela.”

Che dire, a questo locale ed al suo titolare il potenziale di certo non manca e nemmeno la volontà di mettersi in gioco e di esplorare nuovi orizzonti.

Con l’arrivo della bella stagione, non ci sono dubbi sul fatto che l’Urban alle Albere diventerà un luogo di ritrovo fisso soprattutto per molti giovani.

Pubblicità
Pubblicità

Food and Wine

La spesa di Maggio: frutta e verdura di stagione

Pubblicato

-


Viste le temperatura glaciali degli ultimi giorni ero tentata di rivedere l’articolo e  proporvi stinco e polenta, castagne e brulè.

Ma il calendario parla chiaro, siamo a maggio… metà quasi e se ci guardiamo intorno al supermercato, siamo invasi da una varietà incredibile di meravigliosi ortaggi che si prestano ad innumerevoli ricette.

Dall’antipasto ai secondo, dai contorni al piatto unico, c’è spazio per tutti.

Cercando di documentarmi su quali sono i prodotti del mese mi sono imbattuta negli agretti.

Qualche tempo fa li avevo visto su un giornale di ricette vegane ma, non conoscendoli, non mi sono fidata.

Questa volta invece ho voluto dare una possibilità a questo insolito mazzetto verde e il risultato è stato strepitoso a mio avviso.

Non voglio farvi una noiosa lista di frutta e verdura di stagione, ve ne riporto solo alcuni. Fra la verdura e gli ortaggi cito oltre agli agretti, asparagi, fave, sedano e sedano rapa, zucchine, taccole, piselli, ravanelli, rucola e scalogno.

Per quello che riguarda la frutta è finalmente la stagione delle albicocche, delle fragole e delle ciliegie (che mi riservo di usare prossimamente) e ancora pere e kiwi.

Che dire… sbrizzarritevi. Le possibilità sono infinite e i risultati assicurati.

Quenelle di sedano rapa e topinambur

per due persone
100 gr di topinambur
200 gr sedano rapa
1 cucchiaio di formaggio spalmabili
2 cucchiaio di grana
sale

Per prima cosa sbucciare il topinambur e il sedano rapa, tagliarli a pezzi e lessarli, io ho usato la pentola a pressione (5 minuti dal soffio). Passarli ancora caldi in un robot da cucina ed azionare; le verdure devono essere tritate il più finemente possibile. Aggiungere i formaggi, regolare di sale e mescolare finchè tutti gli ingredienti non sono amalgamati, regolare di sale. Preparare le quelenne e adagiarle su un letto di asparagi precedentemente cotti al vapore.

Agretti e spaghetti
per 4 persone
250 gr di spaghetti
200 gr di agretti (o barba dei frati)
100 gr gorgonzola dole
poco latte

Innanzi tutto pulire gli agretti eliminando le radichette, lavarli bene; versare abbondante acqua in una pentola e quando bolle tuffare gli spaghetti e gli agretti contemporaneamente. Nel frattempo mettere il gorgonzola a pezzetti in un tegame insieme a qualche goccio di latte (o panna se preferite); far sciogliere a fiamma dolce; quando la pasta è cotta scolare e saltare nel tegame del condimento. Mescolare per amalgamare gli ingredienti e lasciar insaporire qualche istante sul fuoco, quindi impiattare e aggiungere grana, pepe o una granella di nocciole.

Polipo arrosto con crema di fave fresche
1 kg polipo – 400 gr fave fresche sgranate
1 cipolla bianca piccola – olio evo
sale

Lessare il polipo per 30 minuti, poi lasciarlo a raffreddare nella sua acqua di cottura; sbollentare le fave, scottarle poi immergerle in acqua fredda e pelarle. Affettare finemente la cipolla, farla appassire con un filo di olio quindi frullare con metà fave. Tagliare il polipo a tocchetti, arrostirlo 1 minuti in padella poi servirlo accompagnato sulla crema di fave, rifinendo il piatto con le fave fresche.

Crostata alla frutta
100 gr di burro
100 gr di zucchero
1 uovo grande
300 gr di farina di riso
Per la crema
500 ml di latte
100 gr zucchero
2 uova
40 gr di farina
Per la decorazione: fragole, albicocche, pere

Lasciare il burro a temperatura ambiente finchè non diventa  morbido, quindi trasferirlo in una ciotola e aggiungere lo zucchero.

Mescolare fino a quando non diventa una crema, aggiungere la farina e per ultimo l’uovo. impastare gli ingredienti finchè non sono amalgamati, formare una palla e lasciarla riposare per 10-15 minuti.

Trascorso il tempo di riposo, stenderla su un piano di lavoro infarinato, dargli una forma rotonda e sistemare nell’apposita teglia per crostata; cuocere a 180 gradi in forno preriscaldato per 20-25 minuti.

Intanto preparare la crema (io con il bimby) In un tegame versare il latte e lo zucchero e mescolare; togliere dal fuoco e aggiungere la farina e le uova, mescolare energicamente per sciogliere eventuali grumi di farina e riportare sul fuoco. Cuocere a fuoco medio per 1o minuti circa, la crema deve addensare.

Quando il guscio è completamente freddo versare la crema e decorare a piacere con la frutta.

Continua a leggere

Food & Wine

Cucina: Pasqua e Pasquetta ma senza pancetta

Pubblicato

-


Aprile mese di primavera e di frutta e verdura spettacolare e gustosa; ma è anche mese in cui festeggiamo la  Pasqua.

Volendo preparare un menù gustoso ero in dubbio se abbandonare  temporaneamente il mio viaggio alla scoperta dei prodotti del mese.

Alla fine ho deciso di affidarmi a prodotti top di questo periodo, tralasciando quelli già usati nei mesi precedenti, come broccoli e agrumi che abbiamo già visto in numerose ricette.
Protagonisti di questo mese sono sicuramente gli asparagi, ai quali ho dato ampio spazio utilizzandoli per ben due preparazioni.

PubblicitàPubblicità

Ma non solo; ad arricchire la nostra tavola arrivano anche  le fragole, meravigliose e golose, e le zucchine, saporite e versatili.

Fra gli altri  prodotti del mese devo ricordare porri, sedano, rucola, fave, ravanelli, finocchi,piselli; è ancora un buon periodo per gustare mele, pere, arance e limoni.

Devo ammettere che sono particolarmente orgogliosa del risultato di questi esperimenti culinari, spero che sarete altrettanto soddisfatti anche voi.  Perciò non mi resta che augurarvi buon appetito e una Pasqua serena e golosa.

Aperitivo al sedano, limone e zenzero

6 gambi di sedano
2 limoni
1 pezzettino di zenzero
acqua

Pulire il sedano eliminando la parte finale e tendendo da parte le punte per eventuali decorazioni.

Sbucciare il limone e lo zenzero; tagliare a pezzi frutta e verdura quindi inserirli nell’estrattore prelevando il succo.

Aggiungere  mezzo litro di acqua e un cucchiaio di zucchero se si desidera un gusto più dolce. Se invece si desidera una versione alcolica si può aggiungere del Prosecco. Mescolare con un cucchiaio di legno e servire.

Bruschette con pesto di asparagi e mozzarella
per il pesto
2 mazzi di asparagi (600 gr circa)
80 gr mandorle
30 gr parmigiano reggiano
50 gr olio evo
Per le bruschette
6 fette di pane
200 gr mozzarella fior di latte

Per prima cosa preparare il pesto: pulire gli asparagi, eliminare la parte finale più legnosa del gambo, cuocere a vapore per 12-15 minuti. A cottura ultimata metterli subito sotto l’acqua fredda cosi mantengono il colore vivo.

Tagliare le punte e tenerle da parte per la decorazione del piatto; versare il resto nel frullatore, aggiungere le mandorle, il parmigiano, l’olio e un pizzico di sale. Frullare fino ad ottenere la consistenza di un pesto cremoso.

Tostare il pane su entrambi i lati su una piastra o nel tostapane; rompere la mozzarella con le mani e sfilacciarla. Condire le fette di pane con il pesto di asparagi, unire un pò di mozzarella e completare con le punte di asparagi

Ravioli zucchini
4 zucchine medie
ricotta
1 uovo grande
parmigiano
aglio, sale e pepe, basilico

Per prima cosa spuntare le zucchine, tagliare la parte più esterna con un coltello poi con un pelapatate ricavare tante striscioline sottili e tenere da parte.
In una ciotola versare la ricotta, l’uovo e il pangrattato e mescolare fino ad amalgamare completamente gli ingredienti.

Disporre sul piano di lavoro due fettine di zucchine sovrapposte (in orizzontale) e due fettine di zucchine in verticale (devono formare una croce). Al centro mettere una pallina di ricotta e chiudere il raviolo facendo in modo che non si apra.

Preriscaldare il forno a 180 gradi, mettere i ravioli in una pirofila, aggiungere salsa di pomodoro (o besciamella se preferite) spolverare con della mozzarella (o formaggio a pasta filante)  e infornare per 20 minuti circa.

Cubetti di tonno all’aceto balsamico
600 gr di filetto di tonno
aceto balsamico di modena
olio evo
sale
per la crema di asparagi
500 gr di asparagi
olio evo
sale
pepe

Per prima cosa pulire il filetto di tonno e tagliare cubetti di 3 cm circa. Lavare gli asparagi, separare le punte dal resto del gambo e passare al vapore per 5 minuti.
Passare gli asparagi con un frullatore ad immersione insaporendo con un pizzico di sale, due cucchiai di olio e un pizzico di sale.

In una padella capiente scottare i cubetti di tonno con un filo d’olio e due spicchi di aglio per 30 secondi; aggiungere 4 cucchiai di aceto balsamico e cuocere su ogni lato (circa 1 minuto).
Versare la crema di asparagi nel piatto da portata, adagiare i cubetti di tonno e versare su ognuno di essi 1/2 cucchiaino di fondo di cottura.

Cupcake con frosting alle fragole
Per il frosting
200 gr formaggio fresco spalmabile
100 ml panna
75 gr zucchero a velo
fragole
Per i cupcake
275 gr di farina
130 gr di zucchero
300 ml di latticello
80 ml olio di semi
1 uovo3 cucchiaio di cacao – 3 cucchiai lievito per dolci

Per prima cosa preparare i cupcake.

Mescolare la farina, il lievito e il cacao; sbattere le uova, aggiungere lo zucchero, l’olio e il latticello.

Unire il composto a base di farine a mescolare. Distribuire l’impasto negli stampini fino a 3/4 quindi cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per 20 minuti. Mentre sono in forno dedicarsi alla preparazione del frosting.

Mettere il formaggio in una terrina, unire lo zucchero a velo e montare fino ad ottenere una crema liscia e morbida. In un’altra terrina montare la panna, poi unirla alla crema di formaggio.

Inserire le fragole nell’estrattore e tenere da parte il succo, aggiungerlo delicatamente al frosting per dargli colore e sapore. Per dare un bel colore rosa brillante potete aggiungere una punta di colorante alimentare (io ho usato quello in gel).

A cottura ultimata lasciare che i dolci siano completamente freddi prima di toglierli dagli stampini. Tagliare la parte superiore del cupcake, inserire il frosting alle fragole in una sac a poche e decorare a piacere.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Food & Wine

«Cabern…Est»: appuntamento allo Sputnik per degustare il vino cabernet

Pubblicato

-


“Cabern…Est” è l’appuntamento proposto per questa sera a partire dalle 19, in Piazza Garzetti 6 sede dell’associazione Sputnik alla quale fanno riferimento i cittadini russi residenti in Trentino.

Sarà un evento di presentazione e degustazione di cinque diverse tipologie di vino Cabernet provenienti dalla Georgia, Moldavia e Trentino Alto Adige.

Relatore dell’incontro sarà Vadin Goremykin esperto di filogenesi e ricercatore alla Fondazione Edmund Mach. L’assaggio sarà accompagnato da uno spuntino di prodotti tipici. L’appuntamento serale sarà anche occasione per conoscere l’attività dell’associazione

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza