Connect with us
Pubblicità

Trento

Greta Thunberg come Ambra Angiolini e una «Bella ciao» di troppo

Pubblicato

-

Bloccare il trasferimento della Sandoz per motivi ambientali.

E’ cosa nota che delocalizzando la produzione dell’azienda farmaceutica di Rovereto in Cina, la sua attività industriale sarà priva delle regole antinquinamento in vigore in Occidente e la Sandoz andrà a incrementare le pessime condizioni ambientali della Cina.

Ma non succederà perché dietro alla mobilitazione mondiale per il clima che è andata in scena ieri, ci sono loro: lobby, multinazionali, poteri forti e occulti.

PubblicitàPubblicità

Greta Thunberg altro non è che la riedizione di Ambra Angiolini che andava in scena con auricolare e microfono per ripetere i suggerimenti di Boncompagni.

Greta fa altrettanto e la prospettata assegnazione del premio Nobel per la Pace, altro che non sarebbe che un ricco premio per la sua disponibilità.

Come non era credibile Ambra Angiolini, non lo è nemmeno Greta Thumberg che a 16 anni non può essere nè un leader, nè un’ esperta di problemi climatici e ambientali.

Quello che invece è possibile è che la mobilitazione internazionale alla quale abbiamo assistito porti alla nascita di un movimento come quello dei No Global che nacque nel 1999 a Seattle in contestazione alla riunione dell’Organizzazione Mondiale per il Commercio.

Ma oggi come allora non siamo di fronte ne a un movimento spontaneo, ne tanto meno trasversale come lo dovrebbe obbligatoriamente essere uno schieramento a difesa dell’ambiente e della natura.

La prova? A Trento, ma in tutta Italia l’inno dei manifestanti era “ Bella Ciao”, (ma che casualità) canzone popolare che i partigiani fecero propria nel dopoguerra.

Allora questa mobilitazione studentesca che ha reso possibile un ponte scolastico lungo fino a lunedì, ( per gli studenti una vera cuccagna) sembra mossa da tutt’altro spirito.

Ma chi c’è dietro a Greta Thunberg ? Sarà un caso che tutto questo “cancan” anticipi l’uscita del libro della mamma Melena Ernman cantante che nel 2009 partecipò all’Eurovision ?

Il suo burattinaio non sarà per caso quel Ingmar Rentzhog esperto di marketing che sta lanciando una sua start up?

Greta Thunberg è affetta dalla sindrome di Asperger, un disturbo che rientra nello spettro delle sindromi autistiche e che si manifesta fin dall’infanzia comprendendo una serie di difficoltà legate all’interazione sociale, alla sfera affettiva e motivazionale e all’area sensoriale e percettiva.

Greta potrebbe essere un soggetto manipolabile.

Ed allora ben vengano i buoni propositi ed un futuro impegno a favore dell’ambiente non politicamente di parte, ma trasversale.

Ma all’indomani della manifestazione potrebbe avere ragione chi dice che sarebbe già un successo, se qualche pacchetto di sigarette in più finisse nei cestini e non per terra.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Scuole Pigarelli Gardolo: molestate due bambine da uno sconosciuto

Pubblicato

-

Il bruttissimo e inquietante episodio è avvenuto presso le scuole elementari Pigarelli di Gardolo martedì mattina 21 maggio 2019.

Un uomo proveniente dal confinante parco Neufahrn si è avvicinato alla recinzione del giardino della scuola chiamando due bambine a se.

Quando le bambine di 6 anni si sono avvicinate, l’uomo si è calato i pantaloni mostrando le sue parti intime. 

Pubblicità
Pubblicità

Lo sconosciuto avrebbe anche chiesto alle due bimbe di essere toccato.

Le due bambine però si sarebbero subito allontanate.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e dopo aver sentito le testimonianze hanno raccolto anche la denuncia contro ignoti da parte di un genitore.

I militari hanno subito iniziato le indagini.

L’episodio ha creato paura all’interno della scuola a tal punto che oggi alle 16.30 tutti i genitori sono stati convocati dal dirigente per decidere il da farsi.

Sull’identità del molestatore ci sono due versioni diverse.

La prima versione che circola nelle chat di whatsApp dei genitori e nei social è che si tratti di una persona dalla pelle olivastra che potrebbe condurre ad un cittadino nord africano.

Un’altra versione parla invece di un uomo di carnagione bianca che è stato visto allontanarsi nei giardini ma che però non necessariamente avrebbe preso parte al triste evento.

Il parco Neufahrn, frequentato da spacciatori, disperati e stranieri, è diviso dal giardino della scuola da una staccionata molto bassa e superabile solo con un piccolo salto.

La paura dei genitori è quella che possa succedere qualcosa di ancora più grave come per esempio un rapimento.

Il problema esiste ormai da molti anni, e l’amministrazione comunale era a conoscenza dei rischi.

Molti genitori e maestri negli anni addietro avevano fatto presente al comune i rischi.

Al mattino peraltro non è raro trovare sulle panchine del giardino della scuola, rifiuti, avanzi di cibo e lattine di birra vuote.

Molti frequentatori del parco la notte bivaccano all’interno del giardino della scuola o si divertono a buttare i rifiuti dal parco dentro il prato che usano i bambini per giocare.

Una situazione che ormai negli ultimi anni è degenerata e che è diventata fuori controllo.

Ora questo episodio che aggrava ancora di più la situazione 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Roberto Dei Giudici ha contattato la famiglia e sta bene

Pubblicato

-

«Buongiorno, volevo ringraziare tutte le persone che hanno condiviso il post del ragazzo scomparso da Trento, dei Giudici Roberto. Volevo avvisarvi che ha contattato la famiglia e ha detto che sta bene. Grazie a tutti».

Con questa frase lanciata poche ore fa sulla sua pagina facebook una parente di Roberto mette la parola fine a questa tormentata vicenda che dopo le prime ore si pensava potesse finire peggio.

Roberto dei Giudici, il 35 enne trentino era scomparso alcuni giorni fa da Trento.  

Pubblicità
Pubblicità

Le forze dell’ordine l’avevano individuato la mattina alla stazione di Verona, ma non sapevano ancora della sua scomparsa.

Alcune ore più tardi saputo che era la persona cercata erano tornati alla stazione per verificare la destinazione del suo biglietto.

Le notizie lo davano in viaggio verso la Francia.

Poi il silenzio per 2 giorni. Alcune ore fa la telefonata liberatrice. Roberto sta bene.

Roberto era  uscito da casa alle 5.30 del mattino e dopo mezz’ora aveva lasciato la macchina nel piazzale di via Rienza a Gardolo dove risiede la ex moglie insieme ai figli.

Dentro la sua macchina era stato trovato il suo cellulare.

Roberto aveva messo la chiave dell’autovettura nella bussola delle lettere della sua ex moglie lasciando anche due lettere, una per la sua ex moglie ed una per i figli. 

Da quel momento Roberto era scomparso nel nulla senza più dare notizie ad alcuno

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Imis 2019, acconto entro il 17 giugno

Pubblicato

-

Nei prossimi giorni arriveranno ai contribuenti le informative relative all’Imis (imposta immobiliare semplice) per l’anno 2019.

L’imposta è dovuta dalla persona fisica o giuridica titolare di diritto reale di proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie ed enfiteusi. Nel caso di contratto di leasing è dovuta dal soggetto che acquisisce la disponibilità in godimento dell’immobile.

Il Comune di Trento ha confermato le aliquote già previste per l’anno 2018. In particolare, si conferma che, anche per il 2019, l’immobile e le relative pertinenze destinati ad abitazione principale (salvo le abitazioni di lusso) non pagano l’imposta. Sono inoltre confermate le agevolazioni a vantaggio delle attività produttive ed economiche.

PubblicitàPubblicità

Al contribuente verrà inviato :

l’elenco degli immobili di proprietà/possesso risultanti dalle banche dati, elaborato in base ai dati aggiornati alle variazioni catastaliin atti” fino a febbraio 2019.

Ciascun contribuente è invitato a verificare la correttezza dei dati riportati e le eventuali variazioni intervenute nella proprietà e/o negli utilizzi e a comunicarle all’ufficio Imposte.

Se dal calcolo è previsto che il contribuente debba pagare, il modello F24 precompilato con il calcolo dell’imposta dovuta sia per l’acconto da pagare entro il 17 giugno 2019 (primo giorno lavorativo successivo al 16 giugno) sia per il saldo entro il 16 dicembre 2019.

Per i contribuenti che hanno comunicato la scelta di ricevere l’invio dei dati e dei prospetti di calcolo dell’imposta attraverso la casella di posta elettronica, la mail perverrà dalla casella imis.comune.trento@imbalplast.com.

Gli altri contribuenti riceveranno le informative e i dati per effettuare il pagamento attraverso la consegna del cartaceo con posta ordinaria.

Nell’ottica di una strategia finalizzata a porre il cittadino al centro dei servizi e al loro continuo miglioramento, l’Amministrazione mette a disposizione dei contribuenti i dati Imis per il 2019 anche nell’Area del Cittadino del sito istituzionale.

Accedendo con Spid o la Carta provinciale dei servizi al servizio online (link) sarà possibile leggere la propria brochure informativa con calcolo Imis, con l’elenco degli immobili di proprietà e relativi dati di pagamento.

Per qualsiasi chiarimento l’ufficio Imposte in piazza Fiera, 17 rimane a disposizione dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12, il giovedì con orario continuato dalle 8 alle 16.

È possibile inoltre avere informazioni telefonando allo 0461/884872 (fabbricati) o 0461/884873 (aree). Per evitare code e attese è consigliato il contatto via e-mail all’indirizzo: tributi.comune.tn@cert.legalmail.it.

Allo stesso indirizzo i contribuenti che, per ragioni tecniche indipendenti dall’Amministrazione comunale, non riuscissero a ricevere correttamente l’invio dei dati attraverso la propria casella di posta elettronica, possono chiederne il reinvio.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza