Connect with us
Pubblicità

Trento

Sequestrati in piazza Dante due etti di droga. Arrestati due tunisini irregolari

Pubblicato

-

Guardia di Finanza  senza tregua che sta lavorando sul territorio senza un attimo di sosta e in modo incisivo e costante, ed è diventata una sorta di valore aggiunto e importante nella lotta contro la criminalità a Trento.

Le unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza di Trento continuano senza sosta la loro attività di contrasto alla microcriminalità legata allo spaccio e al consumo di stupefacenti: ieri sono stati sequestrati due etti di cocaina, hashish e marijuana, parte dei quali suddivisi già in dosi, arrestando due tunisini presenti irregolarmente sul territorio nazionale per detenzione di droga ai fini di spaccio.

La gran parte della droga, oltre un etto circa di hashish, è stata rinvenuta in Piazza Dante a Trento e sequestrata a carico di ignoti; come d’uso, alcuni spacciatori continuano a nascondere la sostanza stupefacente da smerciare, frazionandola, tra le siepi o nei vasi da arredo urbano, per poi recuperarla al momento opportuno ed evitare di esserne trovati in possesso in caso dei frequenti controlli da parte delle Forze dell’Ordine.

Pubblicità
Pubblicità

La droga non è però sfuggita all’infallibile fiuto di Apiol, Gabriel e Nabuco, i tre cani antidroga in forza alle Fiamme Gialle della Compagnia di Trento che, durante un giro di perlustrazione, hanno subito puntato l’odore dello stupefacente segnalandolo ai propri conduttori, che hanno così potuto trovare, sotto alcuni cespugli che delimitano la Piazza dal lato della Stazione, oltre un etto di marijuana e hashish, racchiuso in vari involucri di spesso cellophane.

Nel corso del servizio, i Finanzieri hanno notato in particolare un soggetto che alla vista dei militari ha iniziato ad allontanarsi in modo piuttosto rapido, destando gli immediati sospetti delle Fiamme Gialle, che gli si sono messe alle calcagna tra le vie del capoluogo: giunto in via Salita Sodogerio da Tito, al civico 2, il soggetto è salito velocemente nel proprio appartamento, mentre Apiol dava segni di nervosismo e puntava senza sosta nella direzione dove il soggetto si era recato, segno che il cane antidroga stava odorando la traccia “spenta” dello stupefacente.

Identificato l’appartamento dove il soggetto viveva, anche grazie a un rapido giro di domande ai vicini di casa, i Finanzieri sono acceduti per una perquisizione d’iniziativa antidroga, che ha dato i frutti attesi.

All’interno dell’appartamento – dove vivevano due nordafricani disoccupati, senza permesso di soggiorno e privi di documenti, C.Z. di 36 anni e H.A., 35 anni – è stato trovato un ulteriore etto di droga (cocaina ed eroina) già divisa in dosi, un bilancino di precisione e circa trecento euro in contanti, della cui legittima provenienza entrambi gli occupanti dell’abitazione non hanno saputo fornire giustificazioni e che sono pertanto stati ritenuti provento di spaccio.

I due soggetti sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di droga e sono stati entrambi condotti alle carceri di Bolzano in attesa del processo, mentre il denaro e lo stupefacente, del valore complessivo sul mercato illecito di circa settemila euro, sono stati sequestrati.

In meno di tre mesi dall’inizio dell’anno la Compagnia di Trento ha sequestrato cocaina ed eroina per un quantitativo complessivo che già costituisce il 70% di quanto sequestrato in tutto il 2018, a dimostrazione di quanto ancora il micro-spaccio costituisca una piaga nel capoluogo provinciale ma anche di come il presidio delle Fiamme Gialle sul territorio sia un forte segnale di deterrenza e repressione della piaga del consumo di sostanze stupefacenti pesanti.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Anziana furibonda devasta la sede della Cgil in via Muredei

Pubblicato

-

Ci sono volute 2 pattuglie della polizia Locale, 3 ambulanze di Trentino Emergenza  e alcuni dipendenti del Sindacato per fermare un’anziana signora che poco prima delle 18.00 è entrata negli uffici della Cgil in via Muredei furibonda cominciando a spaccare tutto ed inveire contro i presenti.

La signora, piuttosto robusta, che i testimoni dicono aver avuto una forza incredibile, prima di essere bloccata e sedata ha seminato il panico dentro gli uffici danneggiando qualsiasi cosa gli capitasse a tiro. Sconosciute per il momento le ragioni che hanno portato l’anziana donna a dare in escandescenza. 

Per fortuna alla fine nessuno si è fatto del male.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Le telecamere confermano: forzate due porte a vetri del palazzo della Provincia

Pubblicato

-

In relazione ai fatti avvenuti venerdì scorso nel palazzo della Provincia, l’Amministrazione provinciale ha potuto verificare oggi il video, già a disposizione delle forze dell’ordine, registrato dalle telecamere di sorveglianza installante all’interno della sede di Piazza Dante.

Il filmato conferma, come dichiarato alla stampa dal presidente, Maurizio Fugatti, che due porte a vetri, di prassi chiuse in entrata, da cui si accede passando dal parcheggio interno, sono state forzate da alcune persone.

Va, inoltre, rilevato che su quell’entrata sono affissi due cartelli, nel primo si precisa che le porte sono chiuse e nel secondo si chiede di non forzare le porte.

PubblicitàPubblicità

La Provincia procederà, pertanto, a segnalare all’autorità giudiziaria il comportamento illegale chi è entrato con tali modalità.

I sindacati, le associazioni, e gli esponenti del centro sinistra Trentino presenti avevano riferito che l’entrata da parte dei ragazzi dei centri sociali dentro il palazzo della provincia era avvenuta senza nessuna violenza ma in modo pacifico.

A quanto pare non sarebbe così.

Le immagini delle telecamere interne ed esterne infatti direbbero l‘esatto contrario.

Scoprire i responsabili ora non dovrebbe essere difficile, come risalire ai mandanti che di fatto hanno aizzato con tanto di megafono i ragazzi dei centri sociali contro gli assessori presenti al convegno. 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Tamponamento fra camion in A22, per ore traffico nel caos

Pubblicato

-

Credits © TgrTrento

L’incidente è successo verso le 6.00 di stamane sulla corsia sud fra Rovereto nord e Rovereto Sud in A22  all’altezza dell’abitato di Isera.

Il tamponamento ha visto protagonisti due camion, uno dei quali adibito al trasporto di generi alimentari e latte è rimasto distrutto, come si vede nelle immagini.

L’autista, un uomo di 43 anni, ferito lievemente, è stato medicato sul posto e ha rifiutato il trasporto in ospedale.

PubblicitàPubblicità

Incolume l’altro camionista.

Sul posto i vigili del fuoco di Rovereto, i permanenti di Trento e la polizia stradale.

Lo scontro ha subito creato gravi disagi per il traffico che è peggiorato ancora dopo un ‘ulteriore incidente avvenuto sulla tangenziale di Trento poco prima delle 9.00. (Coinvolta una 67 enne che è finita in ospedale in codice rosso)

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza