Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

“7×7 ComunInsieme”: la bassa Val di Non tra condivisione, progettualità e sfide future

Pubblicato

-

Il Tavolo dei Sindaci di 7x7 ComunInsieme, riunitosi lunedì sera a Cunevo

Condivisione, giovani, progettualità. E ascolto del territorio, proposte che vengono dal basso, iniziative che tendono al coinvolgimento e al confronto.

Sono state queste le parole chiave emerse lunedì sera a Cunevo, durante il Tavolo dei Sindaci di 7×7 ComunInsieme, progetto nato in bassa Val di Non nel 2003 su iniziativa degli allora sette Comuni, diventati ora cinque (Contà, Campodenno, Denno, Sporminore e Ton), per avere una visione più ampia, condivisa, e andare oltre gli orizzonti comunali.

Nel corso dell’incontro i membri del Tavolo di Lavoro hanno illustrato ai primi cittadini e a tutti i presenti, tra cui la vicepresidente della Comunità della Val di Non Carmen Noldin, i risultati ottenuti lo scorso anno e gli obiettivi e i programmi per il 2019.

Pubblicità
Pubblicità

A introdurre la serata è stata Barbara Poletti, assessore di Contà, Comune capofila, che ha presentato il consuntivo per l’anno 2017: 28.535,62 euro la spesa totale, ripartita in 17.121 euro come contributo da parte della Comunità di Valle e 2.283 euro di quota per ogni Comune, con un leggero risparmio rispetto al preventivo.

La parola è poi passata all’operatrice di 7×7 ComunInsieme Federica Tolotti che ha fissato gli assi prioritari d’intervento per il 2019: sovracomunalità, inclusione e interculturalità, famiglie e giovani saranno i 4 macro ambiti d’interesse.

Pubblicità
Pubblicità

L’idea è di valorizzare il lavoro delle associazioni, di creare spazi dedicati ai genitori, sostenendo il loro protagonismo, e di promuovere il sistema 7×7 con una visione che vada oltre i confini comunali. L’intento è quello di offrire occasioni di scambio, partecipazione e condivisione – ha spiegato Federica Tolotti –. Quest’anno abbiamo poi vinto un bando provinciale nell’ambito delle pari opportunità che ci garantirà più di 9 mila euro di risorse aggiuntive alla comunità. Da sottolineare anche il lavoro prezioso che ci viene garantito col servizio civile da Ilaria Maurina, 19enne di Sporminore che per noi è un valore aggiunto”.

Per quanto riguarda i giovani, invece, a spiegare obiettivi e metodo di lavoro è stata Veronica Pedò, referente tecnico-organizzativo del Piano Giovani della Bassa Val di Non, strumento integrato al progetto 7×7 ComunInsieme dal 2011.

Pubblicità
Pubblicità

L’obiettivo è quello di rilanciare il Piano e attivare progetti che promuovano la conoscenza reciproca, coinvolgendo i gruppi, anche informali, già esistenti in zona che però non sono ancora entrati in contatto col Piano – ha detto Pedò –. Vogliamo dare valore al territorio mantenendo le tradizioni, anche attraverso azioni di formazione”.

Da sinistra Oscar Pedò, Fulvio Zanon, Angelo Fedrizzi, Fabrizio Inama, Carmen Noldin e Giovanni Formolo

Importanti, in questo senso, sono i numeri che 7×7 ha fatto registrare lo scorso anno e che aiutano a rendere l’idea dell’ampiezza del lavoro svolto: 10 progetti attivati, 515 persone e 62 realtà coinvolte, 62 incontri territoriali.

Da parte dei sindaci Fabrizio Inama di Denno, Angelo Fedrizzi di Ton, Fulvio Zanon di Contà, Giovanni Formolo di Sporminore e del vicesindaco di Campodenno Oscar Pedò sono arrivate parole d’elogio e di ringraziamento per l’impegno profuso finora dal Tavolo e per i programmi futuri. Rilancio, volontà e investimento saranno le parole chiave.

I primi cittadini hanno sottolineato l’importanza di saper leggere la realtà in cui si opera per lanciare proposte nuove ed evitare l’abitudine, rendendo i giovani protagonisti della società in cui vivono.

Negli ultimi anni il Tavolo è cresciuto, è diventato uno strumento vivace, simbolo della capacità di ragionare insieme, di condividere e di pensare a qualcosa di organico sul territorio della bassa Val di Non.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Riapre stasera la Statale 421 per Molveno

Pubblicato

-

Grazie all’impegno determinante del Servizio Gestione Strade della Provincia, a partire da questa sera sarà riaperta al traffico la S.S. 421 nel tratto tra S. Lorenzo in Banale e Molveno, chiusa dal 23 novembre scorso a causa di una frana staccatasi dalla parete rocciosa che costeggia la sede stradale

Gli interventi per ripristinare l’agibilità dell’arteria viaria sono stati avviati già all’indomani della frana dallo stesso Servizio Gestione Strade, in collaborazione con i geologi del Servizio provinciale e di una ditta specializzata in disgaggi.

La riapertura è avvenuta in tempi record, nonostante la situazione della parete rocciosa a monte della strada, l’entità della frana e le condizioni di intervento non certe.

PubblicitàPubblicità

Superato questo problema immediato rimane l’impegno, confermato dal presidente Maurizio Fugatti, di affrontare strutturalmente le condizioni della strada, per la quale sono già disponibili risorse a bilancio.

Al momento, oltre alla bonifica di un’ampia porzione del versante interessato dai crolli, si è provveduto allo svuotamento del materiale di frana trattenuto dalle barriere paramassi già in opera ed a realizzare una nuova barriera paramassi nella parte superiore delle alte pareti presenti.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, per accelerare la riapertura della strada in considerazione della sua valenza turistica e considerato che sono già in attività gli impianti delle stazioni sciistiche dell’Altopiano della Paganella, per un tratto di circa 80 metri, la sede stradale è stata provvisoriamente spostata più a valle, in modo da allontanarla il più possibile dalla base della parete della frana.

Ad ulteriore protezione del traffico è stata realizzata una barriera di elementi prefabbricati in cemento armato, sormontati da una rete metallica, in modo da contenere le eventuali proiezioni di frammenti che potrebbero essere rilasciati nella fase di completamento dei lavori, prevista per le prossime settimane.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

In Paganella ritorna lo Slalom Gigante della Coppa Europa Femminile

Pubblicato

-

Questo weekend, Andalo, da il via alla serie di gare italiane della Coppa Europa Femminile di Sci alpino.

E’ il settimo anno consecutivo che la Coppa Europa Femminile fa tappa in Paganella e quest’anno ospiterà le prime due gare della successione di competizioni che si terranno in Italia, per la precisione in Val di Fassa e in Alto Adige.

Due gare di Slalom Gigante Femminile che si terranno sabato 14 e domenica 15 dicembre 2019 selle nevi della Ski Area Paganella. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sarà rifatto il manto stradale in via al Doss a Vigo di Ton

Pubblicato

-

Da parte degli utenti di via al Doss, nell’abitato di Vigo di Ton, è stato segnalato che il manto stradale in asfalto presenta buche e avvallamenti in più parti. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza