Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Riva del Garda: dopo 3 mesi e mezzo Bonnie è tornata a casa. Era scappata per colpa dei botti di Capodanno

Pubblicato

-

È tornata a casa a Riva del Garda Bonnie, la cagnolina smarritasi il primo gennaio per colpa dei botti di Capodanno.

Trovata da alcuni escursionisti stremata e dimagrita si è riunita alla sua famiglia dopo quasi due mesi e mezzo.

Bonnie si era smarrita il primo gennaio dopo lo scoppio di alcuni petardi.

PubblicitàPubblicità

Era con la sua famiglia a spasso sul monte Comer nella zona di Gargnano, comune della provincia di Brescia.

Subito era stato lanciato l’annuncio di smarrimento, ripreso dalla LAV Trentino attraverso i suoi canali social.

Sono state organizzate anche delle ricerche, sia da parte della sua famiglia che da persone preoccupate per le sorti della povera Bonnie.

La LAV l’aveva cercata a più riprese, concentrandosi nella zona di Ledro, a nord rispetto al punto di smarrimento immaginando che Bonnie potesse cercare di trovare la via di casa verso Riva del Garda.

Ma in questi casi, sa bene chi ha vissuto questi difficili momenti, il pessimismo prende il sopravvento e la speranza si affievolisce.

Ma ecco che domenica scorsa arriva l’incredibile e lieta notizia: Bonnie è stata ritrovata da alcuni escursionisti sulle pendici del monte Stino (Valle Vestino), in effetti a nord ovest dal punto di smarrimento, quasi a dimostrazione che Bonnie cercava disperatamente di tornare a casa.

Aveva ancora la sua medaglietta così che i quattro ragazzi hanno potuto portarla a valle e avvisare al telefono la famiglia.

Ora Bonnie, molto magra e provata, si gode il calore della sua casa. Secondo il suo veterinario, non sarebbe potuta sopravvivere in quelle condizioni ancora per molto, al massimo un paio di settimane.

“La felice storia di Bonnie ci insegna due cose importanti”, dichiara Simone Stefani della LAV Trentino, “dobbiamo continuare la nostra attività di sensibilizzazione verso cittadini e amministrazioni comunali su quanto siano dannosi e pericolosi i botti, sia per gli animali che per le persone. Bonnie è stata fortunata ma ogni anno in Italia tantissimi cani e gatti che si smarriscono per la paura delle esplosioni non sono così fortunati e non ritrovano la via di casa o addirittura vengono investiti. L’altra cosa che Bonnie ci  insegna è che quando cani e gatti che amano la propria famiglia si smarriscono tendono a non arrendersi mai, mettendocela tutta per sopravvivere e cercare di riunirsi ai propri compagni di vita umani”.

E’ incredibile che malgrado ciò ogni anno in Italia centinaia e centinaia di animali vengano abbandonati.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Stupore in via Linfano, asino in mezzo alla strada

Pubblicato

-

Per qualche minuto ha girovagato lungo via Linfano ad Arco camminando a velocità d’uomo lungo la carreggiata fra lo stupore e un po’ di paura fra gli automobilisti.

Un stamane verso le 9.30 un asino, scappato dal recinto di qualche azienda agricola della zona, ha creato un po’ di scompiglio fra gli automobilisti e alcuni problemi al traffico.

Nel frattempo le forze dell’ordine allertate dopo qualche minuto di indagini sono riuscite ad accertare la provenienza ed avvisare i proprietari che nel pomeriggio sono arrivati per recuperare l’animale portarlo nel loro abituale recinto di casa. Per loro, i proprietari, scatterà una lieve sanzione amministrativa per il mancato controllo.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Scontro auto – moto in via Sabbioni, 54 enne finisce al pronto soccorso

Pubblicato

-

È ancora sconosciuta la dinamica  che ha portato allo scontro in via Sabbioni ad Arco fra uno scooter guidato da un 54 enne ed un’autovettura.

Quest’ultimo è stato ricoverato in codice rosso al pronto soccorso di Arco.

Lo scontro è avvenuto poco prima delle 13.00. Sul posto sono arrivate due ambulanze del 118 e le forze dell’ordine.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

“Ciclovia del Garda, completare al più presto il collegamento con la sponda bresciana”: il sopralluogo del presidente Fugatti

Pubblicato

-

“Siamo consapevoli che si tratta di un importante biglietto da visita per il Garda trentino che si affaccia verso la sponda lombarda e che, come è stato ribadito anche pochi giorni fa nell’incontro che la Giunta provinciale ha avuto con gli amministratori dell’Alto Garda e Ledro e della Vallagarina, il completamento del collegamento ciclabile con Limone è considerato prioritario. Oggi ho voluto dare seguito agli impegni presi con gli amministratori locali e verificare di persona lo stato delle cose e quali siano le soluzioni progettuali sul tavolo. Vogliamo fare presto e bene, senza nasconderci che l’opera è impegnativa”: il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha commentato così il sopralluogo che ha fatto questa mattina, accompagnato dall’ingegner Mario Monaco, dirigente del Servizio opere stradali e ferroviarie, sul tratto di strada che da Riva del Garda va verso Limone, sulla sponda bresciana del lago, per vedere sul posto quali siano le soluzioni progettuali possibili per completare il collegamento ciclabile con la sponda bresciana.

La Ciclovia del Garda è un anello che, una volta completato, sarà di circa 140 chilometri e collegherà tutte le sponde del lago.

Il progetto, che coinvolge i territori delle Regioni Veneto e Lombardia e della Provincia autonoma di Trento che si affacciano sul Garda, rientra nel Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche previsto dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

Pubblicità
Pubblicità

Se vogliamo andare avanti, come i sindaci ci hanno chiesto – ha aggiunto Fugatti – dobbiamo capire quali sono i progetti, quindi oggi, con i tecnici provinciali, siamo venuti a fare un sopralluogo sui vari lotti verso il confine lombardo perché crediamo che questa sia un’opera da portare avanti nel più breve tempo possibile, perché è utile ai territori, a fini turistici e per i collegamenti. Adesso si passa alla fase delle decisioni progettuali e del reperimento delle ulteriori risorse necessarie”.

E’ una fase, ha evidenziato il presidente Fugatti, che vedrà proseguire il dialogo con il territorio, anche perché si tratta di un intervento che comporta anche la sfida tecnica di coniugare efficienza strutturale con il rispetto di un paesaggio unico e conosciuto nel mondo.

Per quanto riguarda l’opera nel suo complesso sono due i tratti di competenza trentina, per collegarsi con le sponde bresciana e veronese: quello da Riva del Garda a Limone, di 6,648 chilometri di lunghezza, e quello tra Torbole a Malcesine, di 5,524 chilometri.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza