Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

SS 240 diramazione Nago-Arco: da mercoledì chiusura notturna di circa due chilometri

Pubblicato

-

Il Servizio Gestione Strade informa che mercoledì 13 marzo inizieranno i lavori di demolizione pareti rocciose in corrispondenza della futura rotatoria prevista sulla SS 240 diramazione Nago-Arco nel tratto in prossimità del Km 2,600 nel comune di Arco.

L’intervento interessa in particolare i tratti a monte e a valle della futura rotatoria prevista dal progetto che congiungerà la SS 240 con la galleria principale.

Le fasi di demolizione della parete, che per ragioni di sicurezza dovranno essere eseguite a strada chiusa al traffico, sono programmate esclusivamente in orario notturno, in modo da limitare i disagi per gli utenti.

Pubblicità
Pubblicità

Più in dettaglio, la sospensione della circolazione interesserà il tratto stradale lungo la SS 240 diramazione Nago-Arco tra il Km 1,800 e il km 3,760 (tratto compreso tra l’accesso alla discarica della Maza e l’abitato di Bolognano-Vignole) nelle ore notturne dalle 22 alle 6 a partire dalla serata dello stesso mercoledì 13 marzo e fino al 4 aprile, con esclusione delle notti del sabato e della domenica, quando il tratto stradale sarà regolarmente transitabile.

Il traffico sarà deviato attraverso l’abitato di Torbole.

In considerazione della limitazione di carattere permanente istituita sul tratto di SS 240 di Loppio e Val di Ledro, compreso tra il km 14,090 (rotatoria di Nago) e il km 15,970 (rotatoria di Torbole) nella direzione Nago-Torbole, i veicoli con massa a pieno carico superiore a 18 tonnellate indicata sulla carta di circolazione e gli autobus, esclusi quelli di linea, provenienti da Rovereto e Mori e diretti verso l’Alto Garda saranno deviati verso Trento attraverso A22, SS 12 o SP 90 e quindi indirizzati sulla SS 45 bis Gardesana Occidentale.

Pubblicità
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Soccorso Alpino: recuperati due giovani in difficoltà sul Monte Altissimo

Pubblicato

-

Nel pomeriggio di ieri l’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino è stata chiamata a intervenire per recuperare due escursionisti in difficoltà sul Monte Altissimo.

I due, un ragazzo e una ragazza della provincia di Verona, stavano salendo a piedi con il cane dal Rifugio Graziani a Malga Campei.

Tra malga Campo e Malga Campei si sono trovati a dover attraversare una lingua di neve e ghiaccio senza avere i ramponcini.

PubblicitàPubblicità

Nell’impossibilità di proseguire hanno chiamato il Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 14.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino ha mobilitato una squadra di 3 tecnici i quali hanno raggiunto i due escursionisti, grazie alle coordinate gps, salendo per un tratto di strada con il quod e proseguendo poi a piedi.

I soccorritori hanno dotato di ramponcini i due ragazzi e con una corda li hanno guidati lungo la lingua di ghiaccio e neve, per poi accompagnarli, incolumi, a valle.

Alle operazioni si recupero hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco di Brentonico.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Ieri l’ncontro fra la Giunta provinciale di Trento e quella comunale di Riva del Garda

Pubblicato

-

La ciclabile del Garda, le questioni degli affitti turistici, del Polo scolastico nel rione De Gasperi, della revisione dei criteri di finanziamento del Corpo di Polizia Locale intercomunale, dello spostamento della stazione delle autocorriere e dell’omogeneizzazione del sistema raccolta rifiuti dell’Alto Garda, oltre alla conferma del personale del Progettone per la custodia del Museo Alto Garda e del Forte Garda sul Monte Brione.

Sono molti i temi al centro dell’incontro fra la Giunta provinciale di Trento e quella del Comune di Riva del Garda, guidata dal sindaco Adalberto Mosaner, che si è tenuto ieri pomeriggio nel Capoluogo, secondo un modus operandi instaurato dalla nuova Giunta provinciale basato sull’ascolto e sul dialogo con le amministrazioni comunali, per affrontare con spirito collaborativo le principali questioni aperte.

“Si è trattato di un incontro conoscitivo molto proficuo – ha commentato al termine il presidente Maurizio Fugatti – servito a mettere sul tappeto le principali questioni che riguardano Riva, ma che hanno spesso anche una valenza importante per tutto il Trentino. Sulla necessità di completare la ciclabile del Garda verso Limone – ha detto il presidente che nei giorni scorsi aveva effettuato un sopralluogo – dobbiamo mettere in campo ogni sforzo per accelerare. Vogliamo fare presto e bene, senza nasconderci che l’opera è impegnativa, ma ben sapendo che si tratta di un biglietto da visita per il Garda trentino”.

Pubblicità
Pubblicità

Al centro del confronto fra le due giunte anche la questione della difficoltà, causa gli affitti turistici, a reperire appartamenti in locazione per i residenti. “E’ un tema complesso – hanno evidenziato il presidente Fugatti e l’assessore al turismo, Roberto Failoni – che riguarda anche altre zone del Trentino e che stiamo studiando al fine trovare una soluzione”.

L’incontro è terminato con l’impegno da parte della Giunta provinciale di esaminare ed approfondire, entro un mese, le varie richieste avanzate dall’amministrazione rivana e di verificare le eventuali soluzioni, che potrebbero poi essere definite puntualmente in uno specifico protocollo d’intesa.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Alto Garda e Ledro

Stupore in via Linfano, asino in mezzo alla strada

Pubblicato

-

Per qualche minuto ha girovagato lungo via Linfano ad Arco camminando a velocità d’uomo lungo la carreggiata fra lo stupore e un po’ di paura fra gli automobilisti.

Un stamane verso le 9.30 un asino, scappato dal recinto di qualche azienda agricola della zona, ha creato un po’ di scompiglio fra gli automobilisti e alcuni problemi al traffico.

Nel frattempo le forze dell’ordine allertate dopo qualche minuto di indagini sono riuscite ad accertare la provenienza ed avvisare i proprietari che nel pomeriggio sono arrivati per recuperare l’animale portarlo nel loro abituale recinto di casa. Per loro, i proprietari, scatterà una lieve sanzione amministrativa per il mancato controllo.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza