Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Vigo di Fassa: 18 enne in gita scolastica precipita nella notte dal balcone di un hotel

Pubblicato

-

L’incidente successo nella notte poco prima della 4.00 è avvolto dal mistero.

Un 18 enne residente a Varese in gita scolastica presso l’hotel Dolomiti  di Vigo di Fassa è precipitato dal balcone del terzo piano della stanza d’albergo nella quale alloggiava.

Pubblicità
Pubblicità

Immediati i soccorsi, con 2 ambulanze del 118 e l’elisoccorso che ha trasportato il giovane al Santa Chiara.

Pubblicità
Pubblicità

Le sue condizioni sono gravissime ed è ricoverato nel reparto di rianimazione con alcuni funzioni vitali compromesse.

I Carabinieri stanno indagando sul fatto per capire bene la dinamica.

Una delle ipotesi – che sarebbe incredibile –  è che lo studente stesse cercando di calarsi dal balcone dell’albergo per uscire dalla struttura.

Era la 24 esima edizione di una settimana bianca organizzata dalla scuola.

Arrivati martedì scorso, gli studenti ripartiranno oggi in pullman, come da programma.

Un episodio che ricorda la vicenda di Domenico Maurantonio, lo studente padovano 19 enne precipitato dal quinto piano dell’hotel dove alloggiava il 10 maggio 2015, mentre insieme ai compagni era in gita a Milano per Expo.

L’inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti è stata archiviata: la morta del giovane è stata un incidente.

 

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Inaugurate a Cavalese le finali nazionali Crai Under 13 3×3: «Un’esperienza da vivere fino in fondo»

Pubblicato

-

Tutti insieme, stanchi ma pronti a darsi sportiva battaglia per il titolo italiano.

Le 28 squadre provenienti da tutte le regioni italiane ieri sera sono giunte a Cavalese, in Val di Fiemme, per il vernissage di inaugurazione delle Finali nazionali Crai Under 13 3×3 maschile.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo una giornata di viaggio i giovanissimi protagonisti di questa finale nazionale giovanile, la prima ospitata dal Trentino in quest’ultimo ventennio, sono saliti sul palco del PalaFiemme per l’atto inaugurale.

PubblicitàPubblicità

Accolti dal calore della Val di Fiemme, dall’ospitalità trentina e da una splendida giornata di sole che scalda le Dolomiti.

Un vernissage che ha rotto il proverbiale ghiaccio, in vista dell’inizio delle partite in programma alle ore 9 di venerdì allo Stadio del Ghiaccio di Cavalese per l’occasione trasformata in una grande arena per il volley 3×3 maschile con ben sette campi dove si giocherà venerdì e sabato fino alle ore 19. «Così come voi anche noi siamo una squadra – ha detto dal palco Massimo Dalfovo, presidente del Comitato regionale trentino della Fipav – e per l’organizzazione di questa finale nazionale giovanile è stato importantissimo il lavoro di squadra da parte di tutti. Dal Comitato ai volontari, dai tecnici agli amministratori locali, per creare un evento che voi possiate ricordare a lungo. Il nostro sport, il volley, è l’unico nel quale è obbligatorio passare la palla al compagno ed il concetto di squadra trova così il suo massimo significato».

Una alla volta i terzetti provenienti da tutte le regioni italiane sono salite sul palco del PalaFiemme, raccontando la propria voglia di vivere queste finali nazionali al massimo.

Sia dal punto di vista sportivo sia, soprattutto, dal punto di vista umano. «State vivendo un bel momento, godetevelo – ha aggiunto Franco Bertoli, l’ex “Mano di Pietra” della Panini Modena ospite speciale di questa inaugurazione – questo sport è portatore di valori importanti. Potendo vivere tre giorni in questo posto magnifico, pensate soprattutto a divertirvi e vivere questi giorni con lo spirito giusto».

Ovvero, provare ovviamente a vincere e conquistare il posto migliore possibile in classifica.

Ma, soprattutto, a vivere questa esperienza con tanta voglia di conoscere tanti coetanei, tanti nuovi amici, mettendo il divertimento anche davanti al risultato finale.

«Ragazzi vedo tanti di voi concentrati e pronti per questa esperienza – ha aggiunto Pino Mazzon, trentino nonché consigliere nazionale della Federazione italiana pallavolo – il mio augurio è di rivedere tutti voi l’anno prossimo alle finali nazionali Under 14, poi a quelle Under 16 e quindi a quelle Under 18». «Complimenti agli organizzatori – ha poi aggiunto Adriano Bilato, vice presidente nazionale della Federvolley – perché solo con un bel lavoro di squadra si può arrivare ad ottenere grandi risultati. Grazie a Crai, title sponsor di tutte le nostre finali giovanili da diversi anni a questa parte. L’augurio che vi faccio è che un giorno tutti voi possiate essere di nuovo protagonisti a Cavalese fra qualche anno, in questa località che è diventata ormai la casa del volley».

Circa 200 fra ragazzi e staff tecnico giunti oggi per queste finali, ai quali aggiungere genitori ed altri accompagnatori.

Che oltre a dar vita ad un appuntamento sportivo di livello nazionale, hanno anche portato tanti giovanissimi alla scoperta della Val di Fiemme, di quest’angolo di Trentino.

«Complimenti a tutti perché portate avanti uno sport che è davvero il più bello del mondo – hanno aggiunto Silvano Welponer, sindaco di Cavalese, e Paolo Gilmozzi assessore comunale allo sport – uno sport che ha in sé tanti valori e tanti sentimenti positivi, perché lo sport sano fa crescere i cittadini di domani».

«La parola più bella che ho sentito questa sera – ha aggiunto Maria Elena Gianmoena dell’Apt della Val di Fiemme – è stata “amicizia”. Bello vedere come voi intendente questa esperienza non solamente come evento agonistico ma anche e soprattutto come buona occasione per fare un’esperienza di vita, per conoscere ragazzi nuovi, per stringere nuove amicizie. Benvenuti in Val di Fiemme, con l’augurio di potervi rivedere anche quando sarete più grandi».

Nella serata di oggi è poi in programma la riunione tecnica, ultimo atto prima del via ufficiale alle gare in programma venerdì 24 maggio alle ore 9 allo Stadio del Ghiaccio di Cavalese.

Si giocherà mattino e sera nelle giornate di venerdì e sabato, prima delle finalissime di domenica che sarà trasmessa in diretta streaming sui canali social e web della Federazione italiana pallavolo.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Giovedì a Cavalese le finali nazionali Crai Under 13 3×3

Pubblicato

-

È tutto pronto in Val di Fiemme per il taglio del nastro.

Per l’apertura, in programma giovedì 23 maggio, a Cavalese delle finali nazionali Crai Under 13 3×3.

Pubblicità
Pubblicità

Allo Stadio del Ghiaccio di Cavalese, per l’occasione trasformata in una splendida arena dedicata alla pallavolo giovanile con l’installazione di sette campi da volley, si terrà la cerimonia di apertura di questa finale nazionale giovanile.

Pubblicità
Pubblicità

La prima, con la moderna formula, ospitata dal Trentino dopo quella Under 14 femminile giocata alle nostre latitudini un ventennio or sono.

I giovani campionissimi del domani stanno già iniziando ad arrivare in Val di Fiemme dove, alle ore 18, di giovedì 23 maggio è in programma al PalaFiemme la presentazione ufficiale delle 28 squadre qualificate per queste finali.

Sul palco del centro congressi di Cavalese, splendidamente ristrutturato per i Mondiali di sci nordico del 2013, sfileranno tutti i sestetti giunti per cercare di conquistare il titolo italiano.

Ospite speciale di questo vernissage, accanto a Massimo Dalfovo presidente del Comitato regionale trentino della Fipav, sarà Franco Bertoli.

L’ex “Mano di Pietra” della mitica Panini Modena e della nazionale italiana sul palco interagirà con i ragazzi e parlerà con loro di queste finali e della sua lunghissima carriera, mentre tutti quanti potranno iniziare a prendere confidenza con Cavalese e la Val di Fiemme.

In una prima giornata trentina che culminerà con la cena, alle ore 20, nei rispettivi alberghi prima della riunione tecnica in programma alle ore 21 al PalaFiemme.

Dalle ore 9 di venerdì il via alle partite, che proseguiranno nelle giornate del 24 e 25 maggio fino alle ore 19.

Domenica 26 maggio sarà la volta delle finali, per arrivare alle 12.30 alla sfida per il titolo italiano che sarà trasmessa in diretta streaming sui canali social e YouTube della Federazione italiana pallavolo.

Durante tutta la tre giorni di evento sarà possibile restare aggiornati sull’andamento del torneo attraverso il sito ufficiale della manifestazione e grazie agli aggiornamenti in tempo reale che saranno pubblicati sulla pagina Facebook, sui canali di YouTube e di Twitter e sul profilo Instagram della Fipav del Trentino

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Operazione ascolto e presa d’atto della realtà dei servizi alla persona della Val di Fiemme

Pubblicato

-

Sanità trentina: proseguono le visite di ricognizione.

Dopo l’incontro a Cavalese – su invito del presidente della Comunità territoriale della Valle di Fiemme – con i sindaci e rappresentanti dei Comuni della Valle (Cavalese, Predazzo, Castello e Molina, Valfloriana, Carano e Varena) e i due consiglieri provinciali (uno di maggioranza e uno di opposizione), lunedì l’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia ha visitato il presidio ospedaliero di Cavalese (seconda visita dopo quella del dicembre scorso), le due case di riposo di Tesero e di Predazzo.

Pubblicità
Pubblicità

Visite approfondite per constatare di persona e raccogliere, dalla voce di chi nelle strutture opera tutto l’anno, le esigenze e le informazioni volte a definire il quadro completo della situazione.

PubblicitàPubblicità

Il direttore medico dell’ospedale di Cavalese, Pierantonio Scappini e il responsabile del servizio professioni sanitarie Matteo Vezzoli, hanno accolto l’assessore alla salute illustrando la situazione del presidio ospedaliero sia dal punto di vista tecnico-logistico, dell’efficacia funzionale rivolta sia a residenti sia a turisti, sia dal punto di vista delle esigenze del personale medico e infermieristico.

Il confronto, anche con i medici (Fabrizia Tenaglia, Gerardo Liguori, Marco Molinari, Paolo Valduga, Rosi Patrizia, Roberto Moggio) dei vari reparti (pronto soccorso, punto nascite-ostetricia-ginecologia, ortopedia-traumatologia, chirurgia, medicina e day hospital oncologico), è stato ampio e dettagliato.

“La riorganizzazione sperimentale, voluta dall’azienda sanitaria, va avanti fino a fine dicembre, a noi serve per capire esattamente dove andare a modificare, a rivedere e come riorganizzare gli ospedali di valle. Noi in questi mesi lavoriamo in tal senso proprio per capire la riorganizzazione, le necessità dei territori e che cosa andare a modificare entro il 31 dicembre prima che scada la sperimentazione”. A proposito della necessità di nuovi spazi (come per esempio al pronto soccorso), l’assessore ha convenuto con i presenti che “il progetto va fatto con chi lavora in ospedale“.

Dopo la visita al presidio ospedaliero l’assessore ha voluto confrontarsi con il presidente, Diego Canal, e la direttrice, Roberta Bragagna, della Casa di riposo “Giovanelli” di Tesero.

Dopo un colloquio approfondito sulle necessità della Casa di Riposo riguardanti, fra l’altro, la difficoltà di fare budget, la precarietà dei lavoratori, le liste d’attesa e altre questioni tecnico-pratiche, l’assessore ha visitato la struttura e salutato alcuni ospiti. La Casa di riposo “Giovanelli” ne ospita 79.

Quindi, a Predazzo, l’incontro alla Casa di riposo “San Gaetano” è stato con il presidente Francesco Delugan, la direttrice (condivisa con la struttura di Vigo di Fassa) Alessia Daprà, la vicepresidente Elisa Piazzi e la vicedirettrice Cristina Dellantonio.

La struttura di Predazzo ospita 90 persone di cui 86 in convenzione. Anche qui il confronto è stato molto approfondito e, come già fatto nelle altre strutture visitate durante la mattinata, l’assessore ha chiesto ai responsabili di inviare al dipartimento promemoria di quanto discusso in modo che si possa continuare il confronto, rendendolo operativo, in sede di dipartimento e assessorato.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza