Connect with us
Pubblicità

Alto Garda e Ledro

Medico sportivo tedesco risiedeva da anni a Torbole e gestiva un B&B ma era sconosciuto al fisco italiano

Pubblicato

-

La Guardia di Finanza di Trento nei giorni scorsi in collaborazione con la Tenenza di Riva del Garda (TN) ha concluso un’attività di servizio denunciando un medico donna di nazionalità germanica che gestiva un’attività di bed and breakfast a Nago Torbole per plurime violazioni alle leggi di Pubblica Sicurezza in materia di segnalazione degli alloggiati.

Estendendo poi i controlli, la dottoressa è risultata anche essere evasore totale per i redditi delle persone fisiche per alcuni anni pregressi, avendo effettuato attività professionali all’estero ma che – essendo residente in Italia – andavano dichiarate nel nostro Paese: constatati in tutto ricavi non dichiarati per 105.755,00 euro.

La dottoressa Z.T., 59 anni, nata in Germania e residente a Nago-Torbole dal 2012, specializzata in medicina sportiva, è stata individuata dalle fiamme gialle rivane nell’ambito delle costanti analisi di rischio nel settore delle locazioni di alloggi per turisti, controllando su internet le strutture alloggiative dell’Alto Garda che pubblicizzano se stesse sui più noti siti di intermediazione come “attività extra-alberghiere”, ossia come affittacamere, bed & breakfast, case e appartamenti per vacanze o locazioni per brevi soggiorni.

Pubblicità
Pubblicità

L’incrocio degli elementi acquisiti sul territorio con le informazioni desunte dalle banche dati in uso al Corpo della Fiamme Gialle ha fatto emergere, in particolare, l’esercizio dell’attività extra-alberghiera, da parte della dottoressa tedesca, in una villetta di Nago-Torbole, che il medico aveva ricevuto in eredità nel 2016 da un’anziana signora, ampiamente pubblicizzata sui siti di promozione turistica (come www.airbnb.it, www.gardatrentino.it) e con regolare SCIA presentata al Comune.

L’eredità è costituita da due unità immobiliari di modeste dimensioni che però godono di una posizione privilegiata tra gli uliveti che si affacciano sulla porzione trentina del Lago di Garda ed è risultata molto gettonata dai clienti dei siti turistici per alloggi brevi.

Pubblicità
Pubblicità

La professionista aveva però omesso di comunicare all’Autorità di Pubblica Sicurezza i nominativi e i dati relativi a diciotto persone alloggiate, come i Finanzieri, avvalendosi del prezioso aiuto dei colleghi della Questura di Trento, hanno riscontrato dall’esame incrociato delle prenotazioni effettuate sui siti turistici con i dati degli alloggiati conservati nel Centro Elettronico Nazionale di Napoli dove il Ministero dell’Interno raccoglie e memorizza le cosiddette “schedine di notifica”, che danno atto degli arrivi e delle partenze delle persone ospitate nelle varie strutture ricettive di ogni ordine e tipologia.

Pubblicità
Pubblicità

È scattata quindi la denuncia alla Procura della Repubblica di Rovereto, competente per territorio, per l’omessa comunicazione delle “schedine di notifica” di persone alloggiate, violazione penale punita dall’art. 109 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza con l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206,00 € (pena convertibile in sanzione pecuniaria).

Nel corso dell’attività ispettiva, poi, i Finanzieri hanno approfondito la posizione fiscale della dottoressa, identificandola come evasore totale in Italia, non avendo la stessa presentato la prescritta dichiarazione dei redditi nelle annualità 2013 e 2014, per le quali i Finanzieri hanno trovato le prove dello svolgimento da parte sua di un’attività professionale retribuita.

Infatti, oltre a risiedere abitualmente a Nago-Torbole , la dottoressa nel 2013 e 2014 ha continuato a svolgere la professione medica in Germania, in alcuni giorni del mese, occupandosi di assistenza medica sportiva con diagnosi delle prestazioni e il controllo della formazione delle Squadre Nazionali Tedesche di Nuoto, Boxe, Sollevamento Pesi e Atletica.

Poco più di centomila euro sono i ricavi percepiti in quelle annualità e quantificati dai Finanzieri di Riva del Garda attraverso una certosina analisi della documentazione acquisita e dei dati rilevabili dalle prenotazioni sul sito, in lingua tedesca, utilizzato per pubblicizzare l’attività professionale della dottoressa che risulta ancora attivo.

Parte degli elementi è stata fornita dalla stessa dottoressa, dettasi ignara degli obblighi dichiarativi, tanto che la stessa, correttamente, ha subito presentato la dichiarazione dei redditi riferita al 2017 nel cui corso aveva percepito ricavi dall’attività di affitto del suo bed & breakfast e che, senza il controllo della Guardia di Finanza, sarebbero verosimilmente rimasti “in nero”.

Siccome la dottoressa è stata iscritta all’Anagrafe della popolazione residente e ha nel territorio italiano il proprio domicilio, secondo la Convenzione tra la Repubblica Italiana e la Repubblica Federale di Germania per evitare le doppie imposizioni sul patrimonio e sulle imposte sui redditi, era tenuta a dichiarare in Italia anche i redditi prodotti in Germania.

Il principio di tassazione globale dei redditi (worldwide taxation principle) è applicato nella maggioranza dei Paesi del mondo, ivi compresi tutti i Paesi dell’Unione Europea (la Germania non fa eccezione), e prevede che una persona fisica residente in un determinato Paese paghi al Fisco di quel Paese le tasse in base ai redditi prodotti a livello globale, mentre se il soggetto non è residente in quel Paese paghi solo per i redditi in esso prodotti, potendo poi godere di un credito d’imposta nel proprio effettivo paese di residenza: l’entità di tale credito d’imposta ed eventuali agevolazioni sono lasciate all’accordo bilaterale tra Stati, nella forma delle cosiddette “Convenzioni per evitare le doppie imposizioni”.

L’attività Fiamme Gialle si inquadra nel più ampio contesto dei controlli sul mercato delle offerte alloggiative extra-alberghiere con la finalità di scovare l’economia sommersa e le distorsioni alla corretta concorrenza di mercato; le Fiamme Gialle rivane si erano già distinte nel novembre del 2017 con l’operazione “SOGNI D’ORO”, anch’essa rivolta al settore dell’attività extra-alberghiera irregolare, a conclusione della quale erano stati selezionati una cinquantina di soggetti irregolari, tredici dei quali denunciati a vario titolo per frode fiscale e inosservanza delle leggi di Pubblica Sicurezza in materia di segnalazione degli alloggiati, constatando violazioni tributarie per circa due milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]

Categorie

di tendenza