prosa
Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

Al Teatro Sociale ragazzi di vita: Pasolini per la scena, miseria e risate

Pubblicato

-

Giro per la Tuscolana come un pazzo, per l’Appia come un cane senza padrone.

Dopo aver visitato il teatro Sociale a fine gennaio in qualità di interprete (Copenaghen), Massimo Popolizio ritorna fino a domenica come regista del pluripremiato atto unico Ragazzi di vita, che Emanuele Trevi ha tratto dall’omonimo romanzo di Pier Paolo Pasolini (1955). Produce il Teatro di Roma – Teatro Nazionale.

Adattare un romanzo di media lunghezza per uno spettacolo di meno di due ore ha ovviamente richiesto tagli, selezioni e adattamenti, ma Trevi ha ben selezionato il materiale, preferendo concentrare ulteriormente l’attenzione sul gruppetto di sottoproletari che vivono di espedienti centrali alla vicenda.

Pubblicità
Pubblicità

Vicenda divisa in episodi, legati più da temi e personaggi che da una stretta narrazione. Si comincia con i ragazzi da adolescenti: essi affittano una barca per andare sul Tevere, ma la sanno governare a malapena. Uno, Riccetto, scorge una rondine che sta annegando, e si tuffa per salvarla.

Le scene si susseguono: furtarelli, piccola prostituzione maschile, lutti nella comunità, incontri con prostitute. La mancanza di prospettive e di autoconsapevolezza erodono l’innocenza e l’umanità degli abitanti della zona, che arrivano a fomentare risse tra cani e perfino a dare fuoco ad un ragazzo.

Riccetto infine chiude il cerchio dell’abbrutimento: di fronte a un ragazzino che sta per annegare esita a tuffarsi, ripetendosi che non sarebbe cambiato niente. “Alla Tuscolana non abbiamo pietà per i vivi, figuriamoci per i morti”, si era detto in precedenza.

Il tutto è narrato con il contributo di un narratore alter ego pasoliniano: un personaggio di migliore estrazione, che tuttavia simpatizza con i diseredati del quartiere.

Lo interpreta Lino Guanciale (volto ben noto anche al pubblico televisivo e cinematografico, al momento visibile sulle reti RAI con La porta rossa), ottimo nel bilanciare la compostezza borghese con lo spirito giocoso che lo attrae verso questi popolani.

Spiega Popolizio: “Lo spettacolo è diviso in capitoli e il narratore ha il compito di portare la materia poetica dell’opera. Abbiamo usato del libro tutta la “ciccia teatrale” e abbiamo svolto un lavoro in progress. Abbiamo anche tagliato tanto, è stata una spremitura per arrivare a un nocciolo dove c’è humour”.

Posso solo generalmente elogiare l’ampio cast (diciannove in tutto), che valorizza ogni battuta, ogni momento del dramma raggiungendo l’obiettivo di fissare un carattere anche solo con poche battute e lavorando insieme con la scioltezza di un corpo di ballo.

In un cast dove ognuno interpreta più parti, è doveroso quantomeno segnalare la prova dell’unico, oltre a Guanciale, ad averne una sola. Lorenzo Grilli sembra effettivamente uscito da un film del primo Pasolini, innocente e malizioso al tempo stesso come Ninetto Davoli.

Riccetto rimane credibilmente sé stesso pur nella sua degradazione progressiva: era un emarginato capace di slanci di generosità da ragazzo, è divenuto un adulto cinico ed egoista ma ancora in qualche modo memore di quello che un tempo era stato.

Lo spettacolo si dipana a ritmo martellante: Popolizio e Trevi hanno congegnato una narrativa che procede a ritmo velocissimo, inframmezzata da strofe di canzoni d’epoca che concedono un necessario respiro oltre a dare al pubblico l’occasione di applaudire.

Molta attenzione è stata rivolta al lato fisico dell’interpretazione, e Ragazzi di vita incanta nel suo vitalismo sfrenato, nel dinamismo degli interpreti che si muovono incessantemente.

Altrettanto dinamismo si riscontra negli elementi scenici: le luci (di Luigi Biondi), i costumi degli anni del boom (di Gianluca Sbicca), le scene di Marco Rossi contribuiscono in modo vitale al senso di incessante attività che si percepisce.

Specialmente le scene, minimali, colpiscono: un paio di gabbie di legno, alcuni paraventi, qualche piattaforma e degli attrezzi bastano a consentire un cambio di scena per ogni capitolo dello spettacolo.

Ragazzi di vita è un romanzo importante, ed è diventato un pezzo di teatro di sicuro impatto. Al suo cuore c’è la lenta discesa da un’adolescenza vitale, dura ma ancora invigorita da slanci e allegria, verso la durezza di cuore, che un giorno probabilmente si cambierà nell’abbrutimento preconizzato da una scena in cui i genitori di un personaggio fanno volare gli stracci in pubblico.

Per quanto spesso riprovevole, è difficile non simpatizzare con questo Lumpenproletariat: la cultura della miseria crea comunità chiuse e prive di riferimenti esterni, nelle quali è impensabile che un individuo possa raggiungere il suo miglior potenziale. Restano il piccolo crimine e le zingarate, il primo per vivere, le seconde per sopravvivere.

Riccetto e gli altri non hanno certo letto Pasolini, altrimenti avrebbero potuto citare che:

Era l’unico modo per sentire la vita, l’unica tinta, l’unica forma: ora è finita.

Il pubblico, folto, ha applaudito spesso, e riso alle battute. Naturalmente il soggetto esclude l’opportunità di portare bambini allo spettacolo, ma a parte questo (e al netto di qualche parola in romanesco stretto poco nota nelle nostre zone) Ragazzi di vita coinvolge e diverte.

Il cast degli attori incontrerà il pubblico al teatro Sociale alle 17 e 30 di venerdì; lo spettacolo va in replica venerdì 8 e sabato 9 marzo alle 20 e 30 e ancora domenica 10 alle 16. La rappresentazione si è conclusa appena dopo le 22 e 30.

Pubblicità
Pubblicità

Spettacolo

Lunedì al cinema: “L’ultimo imperatore”

Pubblicato

-

Appuntamento con “Lunedì al cinema“, rassegna di film sotto le stelle dedicata al regista Bernardo Bertolucci, organizzata da Comune di Trento, Trentino film Commission e Opera universitaria.

Il 19 agosto è in programma “L’ultimo imperatore“.

Il prezzo del biglietto è di 5 euro (intero) e 3 euro (ridotto per ragazzi fino a 15 anni), la proiezione si terrà alle 21 nel cortile delle scuole Crispi di Trento, in caso di pioggia sarà sospesa; la vendita dei biglietti inizia alle 20.

Pubblicità
Pubblicità

Sinossi – La vera storia di Pu-Yi, incoronato nel 1908 all’età di tre anni imperatore della Cina.

Il colossal italiano più conosciuto al mondo segue le tappe della sua crescita nella Città Proibita, alternandole con il rimpatrio come criminale di guerra e la rieducazione impostagli dalla Cina maoista dopo la detenzione.

Alla sua morte, nel 1967, Pu-Yi è un cittadino qualsiasi della Repubblica Popolare Cinese. La pellicola, agli Oscar del 1988, ha fatto incetta di premi, aggiudicandosene ben 9 tra cui Miglior film, Miglior regia e Miglior fotografia.

I

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

L’addio alla Toffa nel Duomo di Brescia, grande folla. Don Patriciello: “Nadia non è morta”

Pubblicato

-

L’applauso della grande folla all’arrivo della bara nella cattedrale di Santa Maria Assunta a Brescia, la lunga e commovente cerimonia cominciata alle 10. 30 di questa mattina e conclusasi intorno alle 11.45, con la messa celebrata da Padre Maurizio Patriciello, il prete della terra dei Fuochi.

Un evento commovente, a tratti straziante quello dei funerali di Nadia Toffa, ai quali erano presenti vip e cittadini per l’ultimo saluto alla giornalista e conduttrice delle Iene, morta a soli 40 anni per un tumore al cervello contro il quale combatteva da quasi due anni.

Il feretro bianco ricoperto di rose è stato accolto da un lungo applauso da parte di centinaia di persone. Prima dell’inizio delle esequie l’autore delle Iene Davide Parenti ha deposto sulla bara chiara la cravatta nera, simbolo della redazione.

Pubblicità
Pubblicità

«Se qualcuno oggi ti dice “Nadia è morta”, non ci credere, è una menzogna», ha detto durante l’omelia don Patriciello ,ricordando la personalità di Nadia e la sua grande voglia di vivere e di lottare contro le ingiustizie.

«Abbiamo il dovere di ricordare a tutti la sua lotta. Dobbiamo raccogliere quello che ha lasciato perché nulla di quello che ha lasciato, nulla vada perduto», ha sottolineato il sacerdote.

Fuori dal Duomo, dopo i funerali, uno ad uno i colleghi della redazione della trasmissione di Italia 1 sono sfilati davanti al feretro per rendere omaggio alla collega. Il carro funebre ha poi lasciato piazza Paolo VI accompagnato da un altro commosso, interminabile applauso.

«È come perdere una sorella», ha affermato l’amico e collega Giulio Golia. «La gente l’amava perché era autentica e l’ha capito. Nadia ha reso concrete azioni per la giustizia in un’epoca di odio“, ha detto di lei Enrico Lucci.

Sui social oltre 10 mila persone hanno deciso di seguire l’evento.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Camera ardente per Nadia Toffa. In migliaia per renderle omaggio. Venerdì i funerali in cattedrale

Pubblicato

-

Resterà aperta fino a Ferragosto la camera ardente di Nadia Toffa, la conduttrice e inviata de “Le Iene” morta a 40 anni appena compiuti dopo una lunga battaglia contro il cancro. (qui articolo)

A dare l’ultimo saluto alla “guerriera” presso il teatro Santa Chiara di Brescia centinaia di persone arrivate da tutta Italia.

Nadia Toffa era nata a Brescia il 10 giugno 1079. Un tumore al cervello se l’è portata via in poco meno di due anni ma la lotta contro la malattia ha fatto di lei una testimone d’eccezione per resistenza e coraggio.

Pubblicità
Pubblicità

Ed era stato proprio in seguito ad un malore che la colpì nel dicembre del 2017, durante un servizio in Friuli, che la diagnosi era arrivata, inesorabile, come un fulmine a ciel sereno: tumore al cervello.

Le sue condizioni di salute si erano aggravate a maggio di quest’anno e agli amici aveva riferito di sentirsi sempre più debole. Da inizio luglio era ricoverata alla Domus Salutis, clinica della sua città natale, dove si è spenta ieri mattina alle 7:39.

Era insofferente alle ingiustizie, e non mollava mai“, ha detto di lei la storica Iena Enrico Lucci.

Commovente il post su Facebook pubblicato dalla redazione della trasmissione di Italia1:”Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi“.

Venerdì i funerali si svolgeranno alle 10.30 nella cattedrale di Brescia. Ad officiare sarà il parroco della Terra dei Fuochi, padre Maurizio Patriciello.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza