Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Nel Comune di Primiero San Martino di Castrozza un giardino per ricordare Luigi Negrelli

Pubblicato

-

Sorgerà a breve nel cuore di Primiero, un giardino dedicato all’ingegnere di fama internazionale, Luigi Negrelli.

A 220 anni dalla sua nascita, (Primiero 23 gennaio 1799 – Vienna 1 ottobre 1858) ma soprattutto a 150 anni dall’apertura del Canale di Suez, questo progetto assume un significato davvero particolare per il territorio.

L’Amministrazione comunale di Primiero San Martino di Castrozza intende infatti valorizzare la figura di Negrelli con un’opera originale, che sorgerà nella zona compresa tra Via E. Koch e viale Piave a Fiera di Primiero.

Pubblicità
Pubblicità

In questo contesto, il Comune ha deciso di realizzare uno spazio espositivo dedicato all’ing. Luigi Negrelli, progettista del Canale di Suez, in occasione dei 150 anni dall’apertura della grandiosa opera. Il Giardino Negrelli intende raccontare la vita e le opere del più illustre tra i figli di questa terra, pioniere della ferrovia, indiscusso protagonista di un’epoca storica di grande sviluppo e innovazione nel campo tecnico e meccanico.

 Il progetto esecutivo redatto dai tecnici Luigi Boso e Michel Gaier è stato da poco appaltato con inizio lavori previsto per i primi giorni di aprile.

Pubblicità
Pubblicità

“Il sito – come spiegano i progettisti dello studio Boso & partners – è attualmente definito da un’area in pendenza con manto erboso che tramite tre livelli si raccorda con i marciapiedi di due vie. La zona ha inoltre valenza di raccordo tra l’antica Pieve e l’area intermodale della stazione autocorriere e del grande parcheggio pubblico adiacente.

La soluzione, condivisa con l’Amministrazione e definita a seguito di un processo partecipativo che ha previsto numerose ipotesi preliminari, prevede un collegamento verticale composto da una scala in porfido delimitata da elementi in acciaio Cor-ten posta in prossimità dell’attuale muro di confine lato sud, la creazione di un giardino della memoria dedicato alla biografia e alle opere di Luigi Negrelli, il ripristino delle superfici verticali dei due ordini di muri di sostegno, il rifacimento del muro di confine lato sud e la realizzazione di un’adeguata illuminazione artistica.

In posizione apicale della scalinata di collegamento è prevista la realizzazione di un belvedere, anch’esso in cor-ten, che si inserisce sul camminamento esistente in porfido di Rivetta Koch, con soletta a sbalzo e balaustra in cristallo”.

L’intenzione dell’Amministrazione è quella di utilizzare le zone a verde dei terrazzamenti come aree espositive di opere artistiche di scultura figurativa.

L’intervento si propone di limitare la varietà dei materiali impiegati: la scalinata e gli accessi collegati verranno realizzati prevalentemente in pietra di porfido con lastre di grandi dimensioni.

Per quanto riguarda la sagomatura verticale della scala si è optato per elementi in lastre di acciaio Cor-ten, materiale che per le sue caratteristiche cromatiche ben si presta ad un intervento diffuso, senza ingerenze visive con il paesaggio di fondo che comprende l’importante fronte del Palazzo delle Miniere. I due ordini centrali che delimitano i terrazzamenti verranno invece ripristinati con adeguato processo di nuova esecuzione di malte da restauro.

“Sulla porzione a valle del sito – spiegano i progettisti – verrà realizzata inoltre un’area a giardino delimitata da piante da frutto. La pavimentazione di quest’area è in ghiaia su sottofondo delimitato da corsi in cor-ten. Su quest’area verranno posizionati gli elementi verticali di comunicazione, che con logica di cronologia temporale guideranno lo spettatore attraverso le fasi di vita di Negrelli e delle sue principali opere.

Per quanto riguarda il progetto illuminotecnico, pur operando con diodi di ultima generazione ad alta efficienza, si è scelto di utilizzare una temperatura cromatica “calda” sia per il profilo della scala, sia per evidenziare i corsi murari e i percorsi pedonali”.

Proprio quest’anno si celebra il 150° della faraonica opera (inaugurata il 17 novembre 1869, al cospetto di capi del governo di tutto il mondo), che nel 2015 è stata ulteriormente allargata per il transito di numerose navi portacontainer.

Nel passato, grazie all’idea di Negrelli, Suez ha trasformato la storia facilitando i commerci e le relazioni fra Occidente e Oriente. Prima del canale, per arrivare in Oriente bisognava infatti circumnavigare l’Africa. Per celebrare l’anniversario, molti saranno gli eventi internazionali: sono già state allestite due mostre, a Parigi all’Institute du Monde Arabe e al Cairo.

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Evento a Paneveggio con i violini di Cremona. Il Trentino riceve in dono della Regione Lombardia cinque piantine di abete

Pubblicato

-

Si è svolto sabato 13 luglio nell’incredibile cornice del Parco di Paneveggio l’evento “I violini, la voce delle Alpi”, un’iniziativa simbolo di speranza e di rinascita dopo la tempesta Vaia e promossa da EUSALP (la macro regione che comprende 48 territori di sette Paesi dell’arco alpino) in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento, Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol e Regione Lombardia, che ha coordinato l’organizzazione e che da febbraio 2019 presiede Eusalp per l’anno italiano di presidenza.

La location scelta per questo straordinario evento è la Val Venegia, un luogo simbolo della devastazione provocata dal maltempo dello scorso ottobre, e dove nascono gli abeti rossi utilizzati dai liutai per la fabbricazione dei violini.

Al centro della giornata il concerto dell’Orchestra d’archi composta dai giovani dell’Istituto superiore di Studi musicali “Claudio Monteverdi” (Conservatorio di Cremona) diretta dal maestro Francesco Fiore.

Pubblicità
Pubblicità

A fare gli onori di casa è stato l’Assessore regionale agli Enti locali Claudio Cia, che ha portato il saluto del Presidente della Giunta provinciale Maurizio Fugatti e al termine del concerto, tra i prati ai piedi di Malga Venegia che ha ricevuto in dono dalla Regione Lombardia attraverso Ersaf (l’ente per le foreste) cinque piccoli abeti rossi da collocare nel parco a ricordo di questo evento, consegnati nelle mani dei nostri custodi forestali.

Un gesto simbolico per lanciare un messaggio di vita e speranza.

Pubblicità
Pubblicità

Grande apprezzamento è stato espresso dall’Assessore Claudio Cia per l’attenzione che Eusalp, la macro regione alpina, ha dimostrato nel voler tenere alta l’attenzione su quelle zone che, nel mese di ottobre del 2018, sono state colpite dai gravi fatti meteorologici e ambientali.

Cia ha ricordato come con questo evento la natura si fonda con la cultura, ed è certamente meritevole aver portato i famosi violini di Cremona tra le nostre montagne, il cui suono diventa una voce unica delle Alpi.

A fargli eco il delegato del Presidente della Lombardia Attilio Fontana, il sottosegretario alle relazioni internazionali Alan Rizzi, che ha sottolineato come Regione Lombardia sia sempre attenta a queste tematiche, mettendo a disposizione le sue eccellenze come la liuteria riconosciuta dall’Unesco come patrimonio universale immateriale e la musica dei suoi artisti.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

San Martino di Castrozza: successo per il Jeep Camp 2019

Pubblicato

-

Ieri è stata la giornata del Jeep Camp di San Martino di Castrozza.

Verso l’ora di pranzo 400 auto monomarca hanno sfilato per le vie del centro scortate da polizia e carabinieri.

Poi verso sera la manifestazione si è conclusa con la parata di 750 jeep.

Pubblicità
Pubblicità

La sfilata ha accolto 300 giornalisti da tutta Europa oltre ad una delegazione dal Medio Oriente, dal Giappone e dall’Africa del Nord.

Inoltre per il Jeep Camp 2019 sono arrivati anche 1.600 fan.

Pubblicità
Pubblicità

Un successo in termini di pubblico e di organizzazione, ma soprattutto a livello turistico.

A sfregarsi le mani infatti sono stati albergatori ed esercizi commerciali che hanno visto il tutto esaurito. Anzi, dopo la manifestazione c’è già chi ha prenotato le vacanze in settembre e per la prossima stagione invernale.

E molti jeeper hanno deciso di riassaporare la valle prenotando agritur, alberghi e ristoranti per la prossima stagione.

Pare che secondo Jeff Hines, numero uno di Jeep nel mondo, le strutture ricettive della zona abbiano avuto un’occupazione del 96% in un periodo ancora di bassa stagione.

In questa edizione il numero di Jeep ha raggiunto quota 800, 200 in più dell’anno scorso dove il raduno era stato organizzato in Austria.

Prima della data fatidica le polemiche non sono mancate ed hanno visto i consiglieri di minoranza Luca Coppola Paolo Ghezzi di Futura, Alessandro Manca,(pd) e Filippo Degasperi e Alex Marini (m5s) schierarsi apertamente contro l’evento.

Anche la SAT per voce della nuova presidente Anna Facchini si è dichiarata contraria. Tutti della stessa idea che non si può omologare la montagna ai desideri del business e del marketing turistico, soprattutto in un ambiente che è patrimonio dell’Unesco.

Ma va detto che tutti gli eventi non hanno riguardato l’uso del parco che quindi è stato salvaguardato totalmente.

A sostenere l’evento è invece stato l’assessore Roberto Failoni (lega)

Per la valle sicuramente è stato qualcosa di molto positivo in termini di visibilità, visto anche il lieve declino in termini turistici degli splendidi luoghi del Primiero negli ultimi anni

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Follia di un’automobilista sulla provinciale dei laghi della Valsugana. Il video

Pubblicato

-

Nuova folle manovra che poteva costare la vita di qualcuno oggi pomeriggio sulla strada provinciale dei Laghi della Valsugana. 

Il conducente di un’utilitaria di circa 25 anni ha sorpassato in curva un’automobile ferma semaforo rosso rischiando di travolgere qualcuno che proveniva dalle strade laterali che in quel momento avevano semaforo verde o chiunque in quel momento attraversasse la strada 

L’incrocio peraltro in questo periodo è molto frequentato da turisti che visitano i numerosi negozi presenti su quel tratto di strada.

PubblicitàPubblicità

Il conducente ha continuato la sua corsa e con un’altra manovra da ritiro di patente ha poi svoltato dentro il ristorante Ciolda

Il video è stato girato dalla dash cam (telecamera di sicurezza) installata a bordo dell’autovettura ferma al semaforo. Il nostro lettore è disponile a fornire alle forze dell’ordine il video e il numero di targa del veicolo. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza