Connect with us
Pubblicità

Trento

A Trento 7 dirigenti a giudizio per i treni «fracassoni» che disturbano i residenti

Pubblicato

-

È iniziato (e subito rinviato) in Tribunale a Trento il processo per i treni «fracassoni» che da oltre 10 anni disturbano la quiete notturna e diurna dei quartieri del centro città di Trento .

Al processo sono stati citati a giudizio come responsabili di disturbo alle occupazioni e al riposo delle persone, reato previsto dall’articolo 659 del codice penale sette dirigenti di società ferroviarie.

Si sono costituite parte civile 55 famiglie del centro città.

Pubblicità
Pubblicità

La prossima udienza è stata fissata al prossimo 22 maggio e quindi anche i tempi del procedimento saranno molto lunghi.

L’inchiesta era nata a seguito di alcuni esposti dei residenti in via Lavisotto e altri cittadini che abitano nel quartiere Cristo Re.

Dopo un primo procedimento penale che aveva vietato a Trenitalia l’utilizzo di 7 binari vicini alle abitazioni, pare che tali disposizioni non siano state rispettate.

In realtà i funzionari sul banco degli imputati avrebbero solo spostato il problema vicino ad altre abitazioni. Da qui il nuovo rinvio a giudizio dei sette dirigenti.

Pubblicità
Pubblicità

Il comitato ferrovia vivibile ritiene che comunque sia necessario che la Provincia Autonoma di Trento con il Comune di Trento intervengano per regolamentare la situazione del transito dei treni merci.

È necessario regolamentare e controllare la velocità dei convogli in quanto risulta che molti di essi nelle ore notturne continuano a superare abbondantemente il limite di velocità provocando forti vibrazioni e rumori sugli edifici.

In particolare il Comitato chiede alle Amministrazioni Provinciale e Comunale di mettere in atto le indicazioni già date dai Consigli Provinciale e Comunale;

L’impegno numero  94 del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento del 5 maggio 2011 infatti che impegnava la Giunta provinciale ad avviare, laddove possibile, una fase sperimentale, in accordo con “Rete Ferroviaria Italiana”, per individuare anzitutto la soluzione più adatta alla realtà locale e verificare, al contempo, la fattibilità, in tempi rapidi, di una sperimentazione su due binari per un tratto di due km di materiali specifici da posizionare nelle vicinanze dei binari per ridurre le vibrazioni nel tratto di corso Buonarroti e via Fratelli Fontana.

Poi le delibere del Consiglio comunale del 2012– 2015 – 2017 e in particolare l’ultima delibera del 23 maggio 2018 chiedevano di far eseguire monitoraggi delle vibrazioni in tempi stretti, pretendere il rallentamento dei treni merci, pretendere la verifica della velocità dei treni, pretendere posizionamento sperimentale di materiali specifici atti a ridurre le vibrazioni.

Il problema si discute ormai da molti anni. È anche evidente che il rumore e le vibrazioni provocate dal traffico ferroviario aumenteranno a causa delle sempre maggiori movimentazioni su rotaia che avvengono sulla ferrovia del Brennero, e l’apertura del tunnel del Brennero farà sì che queste movimentazioni con il passare del tempo rappresenteranno uno dei principali problemi ambientali soprattutto nelle zone densamente abitate come il centro storico di Trento.

In particolare, dal cavalcavia della ferrovia di San Lorenzo al sottopassaggio di via F.lli Fontana, la maggior parte degli edifici esistenti sono stati progettati e realizzati nei primi anni cinquanta e i risultati dello studio eseguito dall’Agenzia provinciale per la protezione del”ambiente, eseguiti lungo il tratto centrale della città hanno confermato le preoccupazioni degli abitanti.

I numerosi superamenti dei valori limite del rumore, soprattutto nelle ore notturne, sono da imputare al fatto che il limite notturno è superato perchè di notte viaggiano un maggior numero di treni merci, i quali sono più rumorosi dei treni passeggeri.

A questo disagio già segnalato fin dal 2007 con numerosi documenti approvati in Circoscrizione e in Consiglio Comunale, si è aggiunto anche il problema dei treni minuetto parcheggiati nei pressi delle abitazioni nelle ore notturne lasciati con il motore acceso per tutta la notte. I numerosi cittadini provenienti dal quartiere di corso Buonarroti e dagli edifici di via Dogana hanno tutti confermato che bisogna ridurre la velocità dei convogli per non provocare nel tempo danni agli edifici.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Federazione, si dimette il vicepresidente Marco Misconel

Pubblicato

-

“Un passo indietro per stimolare una ampia riflessione nel credito cooperativo trentino sui principali temi che riguardano il futuro delle Casse Rurali. Ho ritenuto necessario dare un segnale forte al movimento di credito cooperativo per rilanciare il ruolo delle Casse Rurali e della Federazione che le rappresenta”.

Il vicepresidente del credito della Federazione Marco Misconel motiva così le proprie dimissioni consegnate oggi alla presidente Mattarei, che ne ha preso atto.

La presidente Marina Mattarei porterà le dimissioni in consiglio di amministrazione convocato per lunedì prossimo.  “Comprendo e rispetto le motivazioni che hanno portato a questa scelta radicale – ha affermato la presidente della Federazione – e ringrazio il collega Misconel per l’impegno svolto fin qui con passione e competenza”. Misconel era stato eletto vicepresidente nel giugno del 2018 e consigliere del fondo comune delle casse rurali trentine il 25 ottobre 2019

Pubblicità
Pubblicità

Nomina del 08/06/2018

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Ciclisti in via Brennero, rischio incidente. Il Video

Pubblicato

-

Il video è stato ripreso con la dash Cam poco prima delle ore 19.00 di oggi venerdì 17 gennaio 2020.

Due ciclisti provenienti da Gardolo stanno percorrendo la via Brennero poco prima dello svincolo della tangenziale.

La loro manovra oltre che pericolosissima per se stessi e per le autovetture che transitano è vietata dal codice della strada.

Pubblicità
Pubblicità

Come si vede nel video, il conducente arrivato nei pressi dei due ciclisti deve rallentare vistosamente per evitare di investirli non potendosi spostare sulla corsia di sorpasso già occupata da altri veicoli.

I due ciclisti, pare di origine nord africana hanno poi imboccato lo svincolo che porta alla tangenziale. 

Nel video non è ben visibile se i fari sono in funzione o meno. Da ricordare che per raggiungere Trento da Gardolo ci sono comunque numerose alternative sia percorrendo delle strade comunali oppure prendendo la ciclabile.

L’episodio non sarebbe isolato, infatti gli avvistamenti nel merito sono numerosi e riguardano anche i ciclisti che viaggiano sulla tangenziale e anche di notte.  

Pubblicità
Pubblicità

Come tutti gli utenti della strada, anche i ciclisti devono rispettare precise regole di comportamento, sia in città, che nei percorsi extraurbani.

I Ciclisti possono pedalare su tutte le strade comunali, provinciali, statali. Non possono transitare sulle autostrade e sulle strade a scorrimento veloce o superstrade e in talune gallerie.

In proposito l’Art. 182 comma 9 del codice della strada recita: “I velocipedi devono transitare sulle piste loro riservate quando esistono, salvo il divieto per particolari categorie di essi, con le modalità stabilite nel regolamento”.

La violazione, se contestata è di 35 euro per non aver rispettato il divieto imposto dalla segnaletica

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Parcheggi selvaggi e viabilità poco chiara. I cittadini di Pergine protestano

Pubblicato

-

Da Pergine Valsugana arrivano due segnalazioni comprensive di fotografie al numero whatsApp della nostra redazione. (3922640625)

La prima riguarda Viale Dante  dove i mezzi traditi dal navigatore imboccano la via Maoro per raggiungere la tangenziale, ma arrivati a pochi metri dal passaggio a livello si ritrovano il divieto.

E in un budello poi si ritrovano a fare manovre assurde bloccando il traffico.

Pubblicità
Pubblicità

«Tutto questo – segnala il cittadino – perché da anni è stato richiesto un divieto per camion fino all’imboccatura. Inoltre la strada è stretta e senza marciapiede, e tutte le volte che c’è un incidente sulla statale 47 se ne approfitta per passare impedendo alle persone di uscire dai cancelli e chi va a scuola o al lavoro a piedi devono fare il segno della croce»

L’altra segnalazione riguarda i parcheggi selvaggi di via Bellini. «Ormai il fenomeno è giornaliero – osserva un altro cittadino – e succede anche quando i parcheggi regolari sono vuoti. Se proprio il Comune vuole far cassa, può mandare i vigili, così poi hanno i soldi per sistemare le buche delle strade del paese»

Nel merito rimane un mistero il perché le autovetture siano posteggiare sulla carreggiata in divieto invece che utilizzare il posteggio ex Cederna tanto acclamato dal sindaco che rimane sempre vuoto.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza