Connect with us
Pubblicità

Trento

A Trento 7 dirigenti a giudizio per i treni «fracassoni» che disturbano i residenti

Pubblicato

-

È iniziato (e subito rinviato) in Tribunale a Trento il processo per i treni «fracassoni» che da oltre 10 anni disturbano la quiete notturna e diurna dei quartieri del centro città di Trento .

Al processo sono stati citati a giudizio come responsabili di disturbo alle occupazioni e al riposo delle persone, reato previsto dall’articolo 659 del codice penale sette dirigenti di società ferroviarie.

Si sono costituite parte civile 55 famiglie del centro città.

PubblicitàPubblicità

La prossima udienza è stata fissata al prossimo 22 maggio e quindi anche i tempi del procedimento saranno molto lunghi.

L’inchiesta era nata a seguito di alcuni esposti dei residenti in via Lavisotto e altri cittadini che abitano nel quartiere Cristo Re.

Dopo un primo procedimento penale che aveva vietato a Trenitalia l’utilizzo di 7 binari vicini alle abitazioni, pare che tali disposizioni non siano state rispettate.

Pubblicità
Pubblicità

In realtà i funzionari sul banco degli imputati avrebbero solo spostato il problema vicino ad altre abitazioni. Da qui il nuovo rinvio a giudizio dei sette dirigenti.

Il comitato ferrovia vivibile ritiene che comunque sia necessario che la Provincia Autonoma di Trento con il Comune di Trento intervengano per regolamentare la situazione del transito dei treni merci.

È necessario regolamentare e controllare la velocità dei convogli in quanto risulta che molti di essi nelle ore notturne continuano a superare abbondantemente il limite di velocità provocando forti vibrazioni e rumori sugli edifici.

In particolare il Comitato chiede alle Amministrazioni Provinciale e Comunale di mettere in atto le indicazioni già date dai Consigli Provinciale e Comunale;

L’impegno numero  94 del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento del 5 maggio 2011 infatti che impegnava la Giunta provinciale ad avviare, laddove possibile, una fase sperimentale, in accordo con “Rete Ferroviaria Italiana”, per individuare anzitutto la soluzione più adatta alla realtà locale e verificare, al contempo, la fattibilità, in tempi rapidi, di una sperimentazione su due binari per un tratto di due km di materiali specifici da posizionare nelle vicinanze dei binari per ridurre le vibrazioni nel tratto di corso Buonarroti e via Fratelli Fontana.

Poi le delibere del Consiglio comunale del 2012– 2015 – 2017 e in particolare l’ultima delibera del 23 maggio 2018 chiedevano di far eseguire monitoraggi delle vibrazioni in tempi stretti, pretendere il rallentamento dei treni merci, pretendere la verifica della velocità dei treni, pretendere posizionamento sperimentale di materiali specifici atti a ridurre le vibrazioni.

Il problema si discute ormai da molti anni. È anche evidente che il rumore e le vibrazioni provocate dal traffico ferroviario aumenteranno a causa delle sempre maggiori movimentazioni su rotaia che avvengono sulla ferrovia del Brennero, e l’apertura del tunnel del Brennero farà sì che queste movimentazioni con il passare del tempo rappresenteranno uno dei principali problemi ambientali soprattutto nelle zone densamente abitate come il centro storico di Trento.

In particolare, dal cavalcavia della ferrovia di San Lorenzo al sottopassaggio di via F.lli Fontana, la maggior parte degli edifici esistenti sono stati progettati e realizzati nei primi anni cinquanta e i risultati dello studio eseguito dall’Agenzia provinciale per la protezione del”ambiente, eseguiti lungo il tratto centrale della città hanno confermato le preoccupazioni degli abitanti.

I numerosi superamenti dei valori limite del rumore, soprattutto nelle ore notturne, sono da imputare al fatto che il limite notturno è superato perchè di notte viaggiano un maggior numero di treni merci, i quali sono più rumorosi dei treni passeggeri.

A questo disagio già segnalato fin dal 2007 con numerosi documenti approvati in Circoscrizione e in Consiglio Comunale, si è aggiunto anche il problema dei treni minuetto parcheggiati nei pressi delle abitazioni nelle ore notturne lasciati con il motore acceso per tutta la notte. I numerosi cittadini provenienti dal quartiere di corso Buonarroti e dagli edifici di via Dogana hanno tutti confermato che bisogna ridurre la velocità dei convogli per non provocare nel tempo danni agli edifici.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]

Categorie

di tendenza