Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Dino Zoff, 77 anni, lo “Scopone” e il portiere Mundial ‘82

Pubblicato

-

“Campioni del mondo, Campioni del mondo, Campioni del mondo” è la felice espressione, coniata dal telecronista della RAI Nando Martellini al triplice fischio dell’arbitro brasiliano Coelho.

A Madrid, 11 Luglio del 1982, l’Italia si laurea per la terza volta Campione del mondo. Gli Azzurri superano, in finale, la Germania Ovest (3-1) nel catino del Santiago Bernabeu.

Il portiere titolare e capitano di quella straordinaria spedizione è Dino Zoff.

Pubblicità
Pubblicità

La parata memorabile di SuperDino (al minuto 89), nel match tra Italia e Brasile, sul colpo di testa dello stopper Oscar consente agli Azzurri di accedere alla semifinale (poi vinta con la Polonia).

Alla veneranda età di 40 anni, si prende gioco del destino, sollevando al cielo e alle stelle il trofeo più prestigioso della sua formidabile carriera.

Quella partita è una fotografia indelebile, una pagina a lieto fine per il nostro Paese e rammenta con emozione quei personaggi, oggi delle vere icone, che non ci sono più: Sandro Pertini, Enzo Bearzot e Gaetano Scirea.

Zoff insieme all’indimenticato Gaetano Scirea forma la diga azzurra nel “Mundial” del 1982, entrando nell’olimpo del calcio italiano.

Pubblicità
Pubblicità

Enzo Bearzot è il vero condottiero, l’uomo che cimenta il gruppo con la sua ostinazione, tenacia e perseveranza friulana.

Rimane negli annali la partita a carte giocata in aereo durante il volo di rientro in Italia tra Sandro Pertini, Zoff, Causio e Bearzot.

Lo “Scopone” è vinto dalla coppia composta da Bearzot e il Barone, con il Presidente della Repubblica che s’infuria benevolmente con Zoff.

In realtà, stando alla versione dei protagonisti Causio inganna il Presidente con una “ballata ciucca”, come si dice in gergo, calando il 7. Pertini non raccoglie e il Commissario Tecnico chiude con il Settebello.

Nasce a Mariano del Friuli il 28 febbraio del 1942; nella settimana appena trascorsa, Dino compie 77 anni.

E’ un portiere di forte personalità con grande senso della posizione che concede poco ai fotografi. Non cerca la parata a effetto da copertina, concreto e affidabile.

Si contraddistingue per la sobrietà e moderazione fuori e dentro il green. E’ un uomo misurato, pacato, un leader indiscusso dello spogliatoio.

Il suo debutto nel calcio (stagione 1961-1962) con la maglia dell’Udinese, appende le scarpe al chiodo con la casacca juventina nella stagione 1982-1983.

Con Udinese, Mantova, Napoli e Juventus colleziona più di 600 presenze. Con la Vecchia Signora vince 6 scudetti, 2 Coppe Italia, 1 Coppa Uefa.

Raccoglie 112 presenze con la maglia della Nazionale italiana vincendo 1 Campionato europeo (1968) e 1 Campionato del mondo (1982). Vanta il record di essere l’unico giocatore italiano ad aver vinto entrambe le competizioni internazionali.

Dino Zoff è anche allenatore di Juventus, Lazio e Fiorentina; con i bianconeri vice 1 Coppa Uefa e 1 Coppa Italia.

Guida con sagacia la Nazionale italiana nell’Europeo del 2000. Gli Azzurri perdono la finale dopo aver cullato per 90 minuti la vittoria. L’Italia esce sconfitta contro la Francia (1-2), la rete decisiva con il “golden goal” segnata da David Trezeguet (al minuto 103).

L’orgoglioso friulano lascia l’incarico di CT dopo le critiche sin troppo severe dell’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

In verità, la squadra azzurra gioca con carattere, impeto e fierezza ma affonda sui titoli di coda, quando (al minuto 90) i giocatori e lo staff in piedi attendono a bordo campo l’epilogo del match dallo svedese Frisk.

Dino Zoff, 77 anni, lo Scopone e il portiere Mundial ‘82

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Giorgio Tosatti, il giornalista e la passione per il Grande Torino

Pubblicato

-

Era un mercoledì, un pomeriggio del 4 maggio del 1949. La storia del Grande Torino s’infrange alle ore 17.05 contro un terrapieno orientale della Basilica di Superga sulla collina torinese.

Il velivolo proveniente da Lisbona s’imbatte con la fitta coltre di nebbia e pioggia pungente.

Nella dolorosa circostanza perdono la vita 31 persone: i giocatori granata, lo staff tecnico, i dirigenti e 3 giornalisti al seguito.

Pubblicità
Pubblicità

Luigi Cavallero, Renato Casalbore e Renato Tosatti, inviati rispettivamente delle testate giornalistiche, La Stampa, Tuttosport e la Gazzetta del Popolo, sono i cronisti caduti svolgendo il proprio lavoro.

Giorgio Tosatti, il figlio di Renato, segue con orgoglio le orme del padre. Nato a Genova nel 1937 a pochi giorni dal Santo Natale, è stato un giornalista di razza. Muore a Pavia nel 2007.

Il piccolo Giorgio all’epoca della sciagura aveva 11 anni. Vive con angoscia e con gli occhi appassionati di un bambino quelle ore drammatiche.

Le lacrime davanti alla sede del giornale, i pensieri, i ricordi del papà al Filadelfia sulle gradinate di legno e un pallone firmato da Valentino Mazzola sono le immagini sbiadite del tempo.

Pubblicità
Pubblicità

Giorgio Tosatti rappresenta la carriera di un professionista, del giornalista che muove i primi passi per stare accanto, almeno nella memoria, al proprio padre. Condivide una professione difficile, ricca di soddisfazioni e amarezze.

E’ da ritenersi un maestro del giornalismo sportivo e un grande amante del calcio. Possedeva, tra l’altro, il tesserino di direttore tecnico conferito “ad honorem” a Coverciano. Dalla biografia emerge la sua fede per i colori rossoblù del Genoa, intrecciati dal vissuto con il colore granata del Torino.

Portava con sé il fardello, il dolore silente di un avvenimento che tocca, ancora oggi, le coscienze limpide e le anime candide degli sportivi italiani. La carriera professionale di Tosatti si descrive da sé: esperienze nella redazione di Tuttosport, in seguito si trasferisce in veste di caporedattore e direttore al Corriere dello Sport.

E’ abile opinionista in Rai alla Domenica Sportiva e sui canali Fininvest nella trasmissione Pressing condotta dall’indimenticato Raimondo Vianello.

Uomo lucido, si contraddistingue nel variopinto panorama editoriale per onestà intellettuale. Studiava sempre con ardore i dati e le statistiche che snocciolava durante le dirette tv. I numeri sono sostenuti da argomentazioni brillanti e coerenti, le sue analisi mai banali, descritte con pudore e umanità.

Giorgio Tosatti, il giornalista e la passione per il Grande Torino.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it             www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

La Sfera e lo Spillo

Il punto sulla Premier League inglese

Pubblicato

-

Nella Premier League inglese si è giocata nel weekend la sesta giornata di campionato.

Il Liverpool di Jurgen Klopp espugna Stanford Bridge. I Reds conquistano tre punti pesanti contro il miglior Chelsea della stagione.

Alla vigilia è una sorta di rivincita per i Blues dopo la finale di Supercoppa Uefa persa ai calci di rigore a Istanbul (del 14 agosto). Gli ospiti rifilano 2 reti in 30 minuti con Alexander-Arnold e Firmino. Gli undici di Lampard accorciano le distanze con Kanté sfiorando in seguito il pareggio.

Pubblicità
Pubblicità

Il Manchester United è sconfitto dal West Ham rimediando la seconda sconfitta stagionale. I Red Devils reduci dalla vittoria sul Leicester sono puniti dagli Hammers con le reti di Yarmolenko e Cresswell. La squadra di Solskjaer orfana di Pogba e Martial perde anche Marcus Rashford, costretto a uscire dal green per infortunio.

L’Arsenal ribalta l’Aston Villa; i Gunners vincono con un risultato pirotecnico (3-2). I dati statistici attribuiscono al team di Emery il meritato successo: supremazia territoriale (58%), tiri in porta (20 a 14) e calci d’angolo (9-4).

L’attacco più prolifico del torneo è di Pep Guardiola (24 reti all’attivo), mentre le difese meno perforate sono del Liverpool e Leicester (5 reti).

Nella classifica capocannoniere, Sergio Aguero comanda con 8 centri, podio d’argento per Tammy Abraham con 7 reti, piazza di bronzo per Pierre-Emerick Aubameyang e Teemu Pikki con 6 sigilli.

Pubblicità
Pubblicità

IL PUNTO Trentuno sono le reti realizzate nel fine settimana di Premier League.

Cinque, sono le vittorie tra le mura amiche (Leicester, Manchester City, Burnley, West Ham e Arsenal), tre i successi esterni (Bournemouth, Sheffield e Liverpool), due i pareggi (Newcastle-Brighton e Crystal Palace-Wolverhampton).

Ecco in dettaglio i risultati:

IL TABELLINO

Southampton-Bournemouth (1-3) -giocata venerdì-

Le partite del sabato:

Leicester-Tottenham (2-1)

Manchester City-Watford (8-0)

Burnley-Norwich (2-0)

Everton-Sheffield (0-2)

Newcastle-Brighton (0-0)

Gli incontri della domenica:

Crystal Palace-Wolverhampton (1-1)

West Ham-Manchester United (2-0)

Arsenal-Aston Villa (3-2)

Chelsea-Liverpool (1-2)

Dopo 540 minuti la classifica è la seguente: Liverpool (18) -Manchester City (13) – Leicester, Arsenal, West Ham (11) – Bournemouth (10) – Tottenham, Manchester United, Burnley, Sheffield, Chelsea, Crystal Palace (8) – Southampton, Everton (7) – Brighton, Norwich (6) – Newcastle (5) – Aston Villa, Wolverhampton (4) – Watford (2).

IL POST

Prossimo turno (7° giornata): Sheffield-Liverpool, Tottenham- Southampton, Wolverhampton-Watford, Bournemouth-West Ham, Aston Villa-Bournemouth, Chelesa- Brighton, Cristal Palace- Norwich, Everton-Manchester City.

Il punto sulla Premier League inglese.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

La Sfera e lo Spillo

Gaetano Scirea: uomo schivo, leader e leggenda

Pubblicato

-

“E’ inutile spendere parole su un uomo che si è illustrato da solo per tanti anni su tutti i campi del mondo, che ha conquistato un titolo mondiale con pieno merito e, soprattutto, era un campione non soltanto di sport, ma soprattutto di civiltà” citando il mitico Sandro Ciotti mentre annuncia la morte di Gaetano Scirea alla Domenica Sportiva.

Gaetano Scirea è coinvolto in un incidente stradale nei pressi di Babsk, frazione polacca del voivodato di Lodz. E’ un fosco pomeriggio domenicale del 3 settembre del 1989.

Per le tragiche pieghe del destino non è distante dallo spicchio di terra nel quale il compagno di squadra di mille battaglie Zbigniew Boniek (oggi presidente della Federcalcio polacca) muove i primi passi da calciatore.

Pubblicità
Pubblicità

Gaetano Scirea è all’epoca il vice allenatore della Juventus, il secondo di Dino Zoff nella stagione 1988-1989.

Durante il viaggio di ritorno verso Varsavia, Scirea è in compagnia dell’autista locale, dell’interprete e del dirigente del Gornik. La vettura (con taniche di benzina a bordo in caso di necessità) è tamponata da un camion. Gli occupanti rimangono bloccati nelle lamiere in fiamme. Si salva solo il dirigente polacco, mentre, a seguito dell’incidente, Gaetano Scirea muore a soli 36 anni.

E’ un addio prematuro, doloroso e scioccante. Oggi “Gai”, com’era soprannominato nello spogliatoio, avrebbe 66 anni.

Gaetano Scirea nasce nell’hinterland milanese a Cernusco sul Naviglio il 25 maggio del 1953. Si forma calcisticamente nella Serenissima San Pio X, piccola squadra di Cinisello Balsamo.

Pubblicità
Pubblicità

Il comune della Martesana è luogo di nascita di altri 2 ex giocatori di serie A, il paese dei “liberi” come Roberto Tricella e Roberto Galbiati, nonché dell’attuale terzino mancino dell’Inter Cristiano Biraghi.

Il numero 6 è da ritenersi un campione di sport, uno dei più grandi difensori della storia. Il suo stile di corsa è coordinato ed elegante, a tratti ricercato. Interpreta il ruolo di libero in chiave moderna sostenuto dal suo trascorso giovanile come interno della mediana.

Non è un difensore burbero, ma tempestivo, affidabile e sorretto da tecnica cristallina. Guida con maestria il reparto, con spiccato senso tattico e della posizione. E’ un uomo misurato, pacato, un leader silenzioso dello spogliatoio.

Simboleggia il regista difensivo a tutto tondo, con eccellente visione di gioco. Le sue movenze naturali in campo sono eseguite sempre a testa alta. Alle spalle dei difensori organizza con sapienza i movimenti del pacchetto arretrato.

Rappresenta l’icona, la personalità, il carisma e la forza del gruppo. E’ un personaggio schivo ed esemplare, corretto e leale. Non alza mai la voce, non impreca e non protesta (nella sua biografia non compare nemmeno un’espulsione sul green).

Gaetano Scirea narra appieno lo stile della Juventus, il contegno, la condotta, in altre parole la tradizione; con Virginio Rosetta e Giampiero Boniperti incarna l’appartenenza e l’integrità morale.

Indossa le maglie di Atalanta e Juventus collezionando più di 400 presenze e segnando 25 reti. Con la Vecchia Signora vince tutto ciò che un giocatore può ambire in carriera: 7 scudetti, 2 Coppe Italia, 1 Coppa Uefa, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa Uefa, 1 Coppa dei Campioni/Champions League, 1 Coppa Intercontinentale.

Veste con onore la giubba della Nazionale Italiana 78 volte, dal 1975 al 1986, vincendo 1 Campionato del mondo (1982).

L’indimenticato Gaetano Scirea, insieme a Dino Zoff, forma la diga azzurra nel “Mundial” del 1982, entrando a pieno titolo nell’olimpo del calcio italiano.

Gaetano Scirea: uomo schivo, leader e leggenda.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it             www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza