Connect with us
Pubblicità

Trento

Garantire più esperienza e formazione ai medici specialisti che iniziano a lavorare nella sanità del Trentino. Claudio Cia deposita un ddl

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il Consigliere provinciale Claudio Cia (AGIRE per il Trentino) ha depositato un disegno di legge (n.9/XVI) per modificare la legge sulla formazione di medici specialisti.

La legge provinciale n. 4 del 6 febbraio 1991 “Interventi volti ad agevolare la formazione di medici specialisti e di personale infermieristico” propone come finalità una migliore qualificazione del servizio sanitario provinciale agevolando la formazione di medici specialisti. 

Tra le misure previste dalla legge in esame per favorire l’accesso alla formazione specialistica dei medici, la Giunta provinciale è autorizzata a conferire a università degli Stati membri dell’Unione europea risorse per il finanziamento di contratti annuali di formazione specialistica.

Il finanziamento è disposto per contratti di formazione specialistica che prevedano, per il beneficiario, l’obbligo di collaborare nel servizio sanitario provinciale per un periodo fino a due anni (art.4 comma 2).

 Il medico che, una volta conclusa la formazione, non adempie totalmente o parzialmente al predetto obbligo versa alla Provincia, a titolo di penale, una somma determinata secondo criteri e modalità definiti dalla Giunta provinciale.

La legge provinciale vincola quindi il finanziamento di tali contratti aggiuntivi all’obbligo che il medico beneficiario si assume, in sede di immatricolazione al primo anno di formazione, a collaborare nel servizio sanitario provinciale per un periodo “fino a due anni”, una volta conseguito il diploma.

Pubblicità
Pubblicità

Tale obbligo è stato previsto dal legislatore con l’obiettivo di poter avere medici professionisti qualificati e adeguatamente formati nelle strutture sanitarie del territorio provinciale.

 Non risulta però chiaro se il periodo di collaborazione obbligatorio decorra dalla data del diploma o che altro.

Tale incertezza è rimasta immutata nonostante la deliberazione 1564 del 26 luglio 2013 abbia approvato i criteri di applicazione della norma. L’interpretazione attualmente prevalente è quella che, in mancanza di altre indicazioni, il periodo “fino a due anni” sia da ritenersi “immediato”, quindi dalla data del diploma.

«Tale situazione risulta estremamente limitante per i nostri specialisti, – osserva Claudio Cia – impedendo loro di acquisire competenze ulteriori e fondamentali per la propria carriera, frequentando ad esempio altre strutture più specializzate o periodi all’estero. Nonostante gli obiettivi del legislatore, tali previsioni normative ci portano di fatto ad assumere specialisti meno qualificati di quanto potrebbero potenzialmente esserlo, precludendo la possibilità di poter beneficiare delle loro qualità una volta formati completamente».

Per i motivi sopra elencati, Cia propone una modifica della legge in questione, che mantenga sì l’obbligo di lavorare in Provincia di Trento, ma prevedendo un arco temporale entro il quale ciò dovrebbe svolgersi, nello specifico 10 anni. Inoltre si ritiene utile precisare meglio il periodo di collaborazione da svolgere, indicandone il limite minimo di “almeno due anni”.

Il presente ddl interviene quindi sul comma 2 dell’art. 4 della legge provinciale, in particolare:

  • introducendo un arco temporale che preveda che il periodo di collaborazione possa essere svolto “nel corso dei dieci anni successivi al conseguimento del relativo diploma”.

  • modificando il periodo di collaborazione obbligatoria prevista da un periodo “fino a due anni” a un periodo “di almeno due anni”;

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento5 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento5 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento6 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento7 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Bolzano7 ore fa

A fuoco il bosco sopra Marlengo, particolarmente difficili le operazioni di spegnimento a causa del forte vento

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

In fiamme due canne fumarie a Commezzadura e in Primiero

Alto Garda e Ledro8 ore fa

Investito da un camion in rotatoria, gravissimo ciclista 42 enne

Italia ed estero10 ore fa

Coesistere con i grandi predatori: un nuovo studio

Cani Gatti & C10 ore fa

Nasce “Quattro Zampe in Famiglia”, il nuovo motore di ricerca per adottare cani e gatti ospiti in canili e gattili di tutta Italia

Vita & Famiglia11 ore fa

Dalla 45ª Giornata per la Vita alla manifestazione del prossimo maggio – “Restiamo Liberi”, la rubrica settimanale di Pro Vita & Famiglia

Bolzano21 ore fa

Slavina in Alto Adige: investite due turiste tedesche, una purtroppo è rimasta uccisa

Piana Rotaliana21 ore fa

Poste chiuse a Mezzolombardo? Il “Progetto di Rete” accompagna gli anziani all’ufficio sostitutivo di Mezzocorona

Trento22 ore fa

Occupazione abusiva a Cognola, una storia di ordinaria follia

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena4 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza