Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Rinviati a giudizio il presidente e il casaro del caseificio sociale di Coredo

Pubblicato

-

nella foto Fornasari e Biasi, casaro e presidente del caseificio di Coredo

Dopo le indagini sul Caseificio Sociale di Coredo di cui ci siamo in passato diffusamente occupati, ci è giunta notizia che il p.m. Maria Colpani ha rinviato a giudizio, con provvedimento n. 3336/17-21 del 22 novembre 2018, il presidente del caseificio Lorenzo Biasi e il casaro Gianluca Fornasari per una serie di reati.

Gli imputati, difesi dall’avv. Gaetano Forte del foro di Ferrara dovranno comparire davanti al Tribunale di Trento, giudice monocratico, il 12 aprile p.v.

Il provvedimento del p.m. Maria Colpani è stata notificato anche alla parte lesa, cioè al papà (che esercita come genitore la patria potestà) del bambino colpito da Escherichia coli per aver mangiato il formaggio prodotto e commercializzato dal caseificio con conseguenze gravissime per la sua salute.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo l’atto giudiziario i prodotti caseari commercializzati dal caseificio sociale di Coredo contenevano “cariche microbiche superiori ai limiti di legge” (STEC Escherichia coli) e gli imputati inoltre omettevano l’osservanza di altre disposizioni e doveri.

Si chiude quindi un triste capitolo dove finalmente la verità squarcia il muro dell’omertà.

Pubblicità
Pubblicità

Sono state molte le interrogazioni presentate dalla minoranza, nella scorsa legislatura, che la giunta di centrosinistra autonomista guidata da Ugo Rossi ha insabbiato, evitando di rispondere totalmente o parzialmente agli interrogativi in esse contenuti. (qui articolo)

Non rispondere o rispondere solo parzialmente alle interrogazioni è inoltre lesivo delle prerogative dei consiglieri provinciali che rappresentano la comunità che sempre più rivendica per etica e per rispetto della legge la più ampia e diffusa trasparenza dell’agire amministrativo.

Pubblicità
Pubblicità

Ad esempio, almeno due sono le interrogazioni (n. 5489/XV e n. 6057/XV) presentate dal consigliere Filippo Degasperi per sapere chi sia il caseificio che ha venduto il formaggio di latte crudo che ha provocato gravissimi ed irreversibili danni ad una bambino della Valle di Non, quando sono state avviate indagini dalla procura, dai Nas e dall’APSS per accertare le responsabilità.

Ma mai la giunta Rossi ha fatto il nome del caseificio imputato.

Del caso, ci eravamo occupati diffusamente e con noi altri media. Tuttavia solo Trentino Libero e il nostro giornale hanno fatto il nome del caseificio di Coredo che non ha smentito.

Ora di due imputati dovranno difendersi in tribunale.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Cavareno, cade dal muretto di una stalla. 58 enne in rianimazione

Pubblicato

-

Ieri pomeriggio a Cavareno un 58 enne è caduto da un muretto esterno ad una stalla.

L’uomo ha fatto un volo di circa tre metri e mezzo.

Stava lavorando nell’azienda agricola di Giuseppe Battisti, un suo parente.

Pubblicità
Pubblicità

Nessuno ha assistito all’incidente, il 58 enne è stato trovato con il volto riverso a terra dopo la caduta.

Sul posto sono subito arrivati i soccorsi e da Mattarello si è alzato in volo anche l’elicottero. L’uomo è stato stabilizzato sul posto ed elitrasportato d’urgenza all’ospedale Santa Chiara dove è stato subito operato per un forte trauma cranico che preoccupa. Si trova ora nel reparto di terapia intensiva e la prognosi è ancora riservata. Durante il trasporto è sempre stato cosciente

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Skicross, Pascal Rizzi guarda con ottimismo alle prossime gare

Pubblicato

-

Pascal Rizzi (con la tuta blu della nazionale italiana) al cancelletto di partenza

Pascal Rizzi, atleta noneso appartenente alla squadra italiana di skicross, traccia un bilancio positivo della prima parte di stagione. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sulla neve della Predaia per una simpatica “Miniciaspolina”

Pubblicato

-

Aria pura, sole pieno, cielo azzurro e catene di montagne innevate sullo sfondo: è stata una giornata intensa ed emozionante quella vissuta dai bambini della Scuola dell’Infanzia di Taio, protagonisti di una simpatica “Miniciaspolina” sulla neve della Predaia. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza