Connect with us
Pubblicità

Trento

Sardagna: 486 firme per dire no alla riattivazione della discarica della sativa

Pubblicato

-

486 firme raccolte su 600 elettori per un popolazione di poco superiore agli 800 abitanti: si può dire che Sardagna ha respinto nella sua totalità l’ipotesi di una ripresa di qualsiasi attività nella discarica attualmente di proprietà della Sativa che si trova a sud dell’abitato.

Il documento che accompagnava la petizione popolare presentato dal “ Comitato Raccolta Firme”, è stato approvato dal Consiglio di Circoscrizione di Sardagna con 8 voti favorevoli ed un solo contrario.

Le firme sono state spontaneamente raccolte all’Oratorio del paese e solo in un secondo tempo i promotori sono passata di casa in casa.

PubblicitàPubblicità

L’attuale ipotesi bloccata da un provvedimento temporaneo di sospensione della Provincia, prevederebbe il riempimento della cava con rifiuti. ” Se la saturazione poteva avere un senso quando c’erano da smaltire quantità significative di inerti derivanti dai lavori edili – precisa il presidente della Circoscrizione Pedrotti – con la situazione attuale arriverebbero solo rifiuti non pericolosi se non peggio. La cosa migliore però sarebbe quella di un passaggio di proprietà dal gestore privato alla Provincia che allontanerebbe tutte le ipotesi speculative sul sito”.

Nel documento approvato lunedì sera dopo la ricostruzione storica della cava, sono indicate anche delle precise richieste che saranno presentate all’amministrazione comunale perché se ne faccia portavoce in Provincia: ” Per indennizzare Sardagna dei gravi torti e disagi nel tempo subiti adottando le seguenti misure: promuovere gli idonei atti amministrativi volti ad impedire la ripartenza dei conferimenti di rifiuti in sito e contestualmente acquisire dalla ditta Sativa l’area di proprietà della stessa. Predisporre ed attuare un progetto di messa in in sicurezza dell’area. Predisporre e attuare un progetto di ripristino ambientale in modo che ne possano fruire, quantomeno, le future generazioni”.

Il “Comitato Raccolta Firme” ha organizzato per sabato mattina a partire dalle 10 una conferenza stampa – sit in in Piazza Dante davanti al Palazzo della Regione.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

«Trento nel cuore»: dal 21 a 26 giugno la 36° edizione delle Feste Vigiliane

Pubblicato

-

Giunte alla loro trentaseiesima edizione, la terza affidata all’organizzazione del Centro Servizi Culturali Santa Chiara, le Feste Vigiliane tornano a raccontare la Trento di ieri, di oggi e di domani: sei giorni (da venerdì 21 a mercoledì 26 giugno 2019) dedicati alla celebrazione del patrono cittadino, con un ricco programma spettacolare che abbraccerà, come consuetudine, le irrinunciabili manifestazioni tradizionali.

Un’occasione di festa, ma anche di riflessione sulla storia della città, sulla sua attualità e sul suo possibile futuro: un’impostazione già sperimentata con l’edizione dedicata a “La città sul fiume” nel 2017, e nel 2018 con il tema “Oltre le mura”.

La 36^ edizione delle Feste Vigiliane avrà quindi un nuovo tema: “Trento nel cuore – conoscere, amare, vivere la città” che pone al centro la città con il vissuto di chi la vive giornalmente.

PubblicitàPubblicità

La programmazione richiama il tema dell’edizione coinvolgendo molte realtà che in città si occupano di cultura e spettacolo, alcune delle quali festeggeranno in quest’occasione importanti traguardi della loro attività.

Allo stesso tempo, alcune delle piazze cittadine saranno affidate alla cura di associazioni e consorzi locali, con una proposta di intrattenimento rivolta a diverse tipologie di pubblico.

Parte del programma saranno anche visite guidate volte a valorizzare le zone meno conosciute della nostra Trento, tenuto anche conto che il 2019 è stato dedicato dal Ministero dei Beni culturali e del turismo alla lentezza e alla riscoperta dei tesori storici e ambientali meno battuti dal turismo di massa.

Da venerdì 21 a mercoledì 26 giugno, ogni cittadina e cittadino potrà riconoscersi nella “propria” Trento e nelle “proprie” Feste Vigiliane, mentre gli occasionali visitatori riceveranno un’immagine vivace e partecipata della nostra città, in costante evoluzione e in equilibrio dinamico tra passato e futuro.

Cardine di questa 36^ edizione saranno le immancabili manifestazioni tradizionali.

Le feste patronali avranno formalmente inizio venerdì 21 giugno con il “Trionfo Tridentino” dentro le mura del Castello del Buonconsiglio, e il Corteo storico per le vie della città.

Inoltre, lo stesso giorno, si svolgerà in Piazza Fiera l’atteso Tribunale di Penitenza, quest’anno affidato a Loredana Cont,  che lo ha pensato in chiave femminile.

Sabato 22 si svolgerà la dodicesima edizione della tanto attesa Magica Notte con un più ampio coinvolgimento di commercianti ed esercizi pubblici.

Domenica 23, dalle sponde del fiume Adige, si vedranno sfilare i 54 equipaggi che prenderanno parte al Palio dell’oca (più le due zattere apripista dell’Esercito e del Corpo Permanente Vigili del Fuoco Trento), la cui premiazione avverrà, dopo l’abituale Tonca, nella rinnovata cornice di Piazza di Piedicastello nel corso di una cena aperta al pubblico.

La 36^ edizione delle feste patronali si chiuderà mercoledì 26 giugno con la Processione di san Vigilio e la Messa Solenne, e l’entusiasmante Disfida dei Ciusi e dei Gobj in Piazza Fiera. A seguire, infine, spazio al pirotecnico spettacolo offerto dai Fuochi di san Vigilio 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Matteo Franceschini: a un trentino il Leone d’Argento per la musica

Pubblicato

-

Il 3 ottobre andrà in scena al teatro Toniolo di Mestre, in occasione della consegna ufficiale del premio, Songbook, spettacolo per quartetto rock, ensemble amplificato e live electronics.

Un’occasione semplice per dire grazie ad un ambasciatore trentino della cultura nel mondo.

Con questo spirito si è svolto questa mattina nella sala stampa di palazzo Geremia l’incontro con Matteo Franceschini, compositore trentino premiato alla Biennale di Venezia con il Leone d’Argento per la musica.

Pubblicità
Pubblicità

Accogliendo i presenti nella casa comunale il sindaco Alessandro Andreatta ha ricordato il percorso, ricco di riconoscimenti, del giovane musicista, che “concretizza una dimensione, una vocazione internazionale in cui la città di Trento si riconosce fermamente. Si parla spesso di beni materiali, meno di quelli immateriali, ugualmente importanti da far crescere e da valorizzare. Un grazie pieno di soddisfazione, orgoglio e in bocca al lupo per il futuro va a Matteo Franceschini, che con la sua musica porta Trento nel mondo.” Ha poi ringraziato la famiglia del compositore, e in particolare il padre, Armando, punto di riferimento fondamentale per la cultura della nostra città.

L’assessore alla cultura Corrado Bungaro, nel sottolineare la valenza internazionale del prestigioso premio ottenuto da Franceschini, ha affermato l’importanza di dare visibilità davanti alla comunità ai successi degli atleti della cultura, così come più spesso accade nel mondo dello sport e ha espresso l’intenzione di “creare un momento istituzionale di riconoscimento dedicato ai protagonisti che con i loro prodotti culturali portano Trento nel mondo e il mondo a Trento.”

Nel ringraziare sindaco e assessore, Matteo Franceschini, che da quindici anni vive a Parigi con la sua famiglia, ha sottolineato il rapporto fortissimo che lo lega e lo legherà sempre al Trentino, auspicando di poter ripagare in futuro le occasioni di cui ha potuto fruire in passato mettendosi al servizio del territorio.

In chiusura dell’incontro, una breve presentazione di Songbook, che andrà in scena il prossimo 3 ottobre al Teatro Toniolo di Mestre, in occasione della consegna ufficiale del Leone d’Argento.

Uno spettacolo dedicato alla forma “canzone”, dal Rinascimento ad oggi, per quartetto rock, ensemble amplificato e live electronics, che ben rappresenta il sincretismo sonoro che caratterizza la produzione di questo autore e interprete, nell’unione di stili, epoche e linguaggi diversi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Rinnovata la facciata sul condominio solidale di via Giusti

Pubblicato

-

Durante i giorni di Pasqua è stata rinnovata la facciata del condominio solidale che si affaccia su via Giusti che era deturpata da scritte e graffiti. (foto sotto)

I lavori di restauro sono stati eseguiti grazie ad un patto di collaborazione nell’ambito del regolamento per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani che ha accolto la proposta avanzata da Alan Vitti, in rappresentanza di un gruppo informale di cittadini, di realizzare sulla facciata del condominio un murales.

L’opera artistica ha come tema la comunità e la cooperazione, proponendosi così come uno speciale biglietto da visita per la casa dove quattro famiglie, riunite nell’Associazione Comunità e famiglia – Trentino, vivono secondo logiche di condivisione e solidarietà.

Pubblicità
Pubblicità

L’iniziativa è rientrata nelle attività che l’Amministrazione comunale ha messo in campo in questi anni per sostenere i cittadini che vogliono salvaguardare il decoro urbano, contrastando in particolare il vandalismo grafico che contribuisce in maniera sensibile ad aumentare il degrado urbano e il senso di insicurezza e a danneggiare il patrimonio culturale.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza