Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Pergine festeggia i 101 anni di don Guido Avi

Pubblicato

-

Don Guido avi festeggiato nel 2018 per i suoi 100 anni

Si festeggeranno oggi a Pergine i 101 anni di don Guido Avi, il sacerdote attivo più anziano della diocesi di Trento.

Ordinato sacerdote il 21 marzo 1942 dal vescovo Carlo de Ferrari, ha alle spalle 77 anni da parroco, sia in piccoli centri, che nel rione cittadino di Cristo Re che lo ricorda con il soprannome di “Don Torta”.

Proprio i vecchi residenti del quartiere di Cristo Re lo hanno soprannominato «il parroco inviato dal signore», appellativo coniato per tutto quanto ha fatto negli anni del suo impegno nel rione. (qui la sua intervista in proposito)

Pubblicità
Pubblicità

Don Guido Avi è stato il primo parroco del rione di Cristo Re, a lui si deve la costruzione della chiesa e il consolidarsi di una comunità uscita dalla seconda guerra mondiale frastornata, povera e affamata.

La sua arguzia, l’intraprendenza e la tenacia l’hanno portato a non essere mai stato dimenticato da chi, il rione l’ha costruito, vissuto e amato.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Per raccontare la sua storia, quella della chiesa di Cristo Re e del rione, hanno scritto anche un libro, ma per mettere per iscritto le peripezie e tutto quanto fatto per quel rione da Don Guido Avi non basterebbe in’intera enciclopedia.

Come lui stesso aveva annunciato un anno fa, durante il compleanno a due zeri, don Guido celebrerà con tutti i sacerdoti della zona una messa per poi proseguire la festa con un pranzo in compagnia dei confratelli.

Nonostante l’età avanzata svolge ancora attivamente il suo ruolo di parroco, oltre ad avere all’attivo due pubblicazioni, una del 2016 ed un’opera autobiografica nel 2018, il cui ricavato è stato devoluto a sostegno dei terremotati di Norcia.

Il sacerdote ha, a detta dei parrocchiani, una tempra davvero invidiabile, caratterizzata dal suo entusiasmo per la vita: “mi no g’ho fretta de nar, perché anca se el Signore el ciama, mi son sordo e no sento”, aveva affermato lo scorso anno durante l’omelia in concomitanza dei festeggiamenti.

La sua vitalità è ancora molto spiccata se teniamo conto che solo l’anno scorso non gli è stata rinnovata la patente di Guida.

Don Avi quindi ha guidato fino a 100 anni.

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Le suore «social» di Borgo ringraziano, servivano 50 mila euro: «Grazie per la vostra generosità»

Pubblicato

-

Le suore clarisse del convento di Borgo Valsugana avevano lanciato un appello per trovare almeno 50 mila euro per iniziare dei lavori di ristrutturazione urgenti per evitare che le mura del monastero cedessero.

Le simpatiche suore, decisamente «social» e quindi a spasso con i tempi avevano deciso di lanciare una campagna su facebook  per raccogliere le offerte.

Con molta sorpresa ieri sera hanno dato comunicazione sulla loro pagina facebook che l’obiettivo non solo è stato raggiunto ma anche superato.

Pubblicità
Pubblicità

«Grazie per la vostra generosità» hanno scritto per poi continuare:

Carissimi fratelli e sorelle, amici e amiche!

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Con grande gratitudine ora, alla riapertura delle banche dopo le feste pasquali, vi comunichiamo che la vostra generosità ci ha permesso di raggiungere e superare la cifra per la quale, solo lo scorso 28 marzo 2019, avevamo chiesto il vostro aiuto al fine di poter sostenere le spese per l’imprevisto e urgente intervento di demolizione e ricostruzione di parte del muro di cinta del monastero.

I 50.000,00 € di preventivo erano superiori alle nostre possibilità in questo momento, perché siamo impegnate nel saldo dei lavori edili iniziati un anno e mezzo fa e terminati proprio lo scorso mese di marzo… Quindi GRAZIE DI CUORE a tutti voi!

La vostra generosità ci ha permesso di raggiungere € 56.525,00

Grazie infinite per la vostra sollecitudine e vicinanza!

La loro felicità è stata talmente grande da voler pubblicare e ringraziare uno ad uno tutti coloro che hanno effettuato le donazioni.

«Desideriamo che – scrivono le suore –  il nostro grazie raggiunga tutti voi che vi siete fatti mano della Provvidenza del Padre! E desideriamo farci passare davanti al cuore tutti vostri nomi per affidarvi al Signore, uno ad uno»:

Loredana, Rita, Compagnia di S. Orsola, Rossella (Belgio), Liviana, don Paolo (Milano), Silvia, Antonio e Carla, Vanda, Ferruccio, Luisa, Giuseppe, Alessandra e Ezio, Sergio e Gemma, Olga e Luigia (Caserta), Chiara, Madre Monica e sorelle trappiste (Valserena).

strong>Valeria e Lorenzo (Frosinone), Virna (Bolzano), Re.Se.T (Torino), Maurizio e Franca, Fondazione Monasteri (Bologna), Maria OFS, Mattia, Daniela e Marisa, N.N., Fraternità Gesù Risorto, Mauro e Amelia, Claudio e Maria, don Francesco (Belluno), fr. Pietro (Assisi), Rosaria Maria, Patrizia, Michela, Eric e Sonya (Monza-Brianza), Roberto e Lucia, Graziana, Miriam, Sergio e Maria, Madre Anna e sorelle (Attimis), Ernesto e Carla (Milano), Gianfranco, Stefania e Roberto, Luigi e Lucia, Mariano, Maria Elena (Todi), Roberto, Rino e Margherita, Francesco e Graziella, don Giulio (Trento), Eugenio e Franca, Giampaolo (Roma), Gian Cesare e Alessandra (Roma), don Sergio (Trento), fr. Massimo e confratelli (Trento), madre Agnese e sorelle (Assisi), Marialina, Angela, Serena e Cesare, Madre Manuela e sorelle (Città delle Pieve), madre Amata e sorelle (Orvieto), madre Rosaria e sorelle trappiste (Vitorchiano), Eleonora e Francesco, H.S. (Bolzano), Claudia, N.N (Todi).

Luisa e Sergio, Suore di Maria Bambina (Telve), Annamaria e Margherita, Giancarlo e Teresa (Milano), Suore di Maria Bambina (Cles), Giorgio ed Elena, mamma Teresa con Giusy e Maurizio, Mario e Paola, madre Daniela e sorelle (Alcamo), Luca e Katia, Fraternità OFS del Bleggio, Roberto e Lorenza, Paola, Antonino, Marina e Marcello, Maria, fr. Germano e confratelli (Arco), Eliana, Fraternità OFS di Trento, Alberto, Maria Laura (Firenze), don Cornelio (Trento), Francesco, Katy (Venezia), Remigio, don Giambattista (Roma), Gianni e Bruna (Bassano del Grappa), Massimo e Angela (Monza-Brianza), mamma Rina con Corrado e Mariagrazia, madre Claudia e sorelle (Gubbio), Bruno e Teresa (Torino), madre Chiara Laura e sorelle (Camerino), Maria G., Fraternità OFS di Borgo, Clara e Oriano, Ilaria e Michele, Luciano e Benedetta, Attilio, Fraternità OFS di Zambana, Daria, Elio ed Enrica, madre Myriam e sorelle (Cademario), sorelle Canossiane (Verona), Giovanni B., Fabio e Aurora (Monza-Brianza), Giorgio (Bolzano), Carlo e Gemma, Davide e Daniela, Lorenza e Maurizio, Vittorino con Giulia e Paola e famiglie (Monza-Brianza), Francesco e Rosa, Arnaldo papà di Alice (Torino), Lucio e Luca, Gabriella (Bolzano), Luigi, Ruggero.

Alessandro e Alice, Attilio, Laura, Maria Gabriella, Riccardo e Maria, Dora, Mauro, Silvana, Fabiano e Monica (Monza-Brianza), Wilma e Paolo, PP. Dehoniani (Bergamo), Giacomo e Loredana, Silvano e Marina, Mauro, Madre e sorelle Clarisse di Vicoforte, Rina, Veronica (Germania), Paolo, Tiziana, Roberto e Adriano (Brescia), Assunta (Roma), Elena (Torino), Giovanni (Milano), Agostino e Serena (Monza-Brianza), Rossella, don Francesco (Trento), Francesco e Gregorio, Marco e Ornella, Benedetta e Roberto (Bolzano), Ivana, Elisabetta, Giovanni e Daniela, mons. Roberto (Mantova), Rossana, Devid, Anna, Vittorio e Annalisa, Marco e Giada (Monza-Brianza), Luca (Torino), Renato e Maria Luciana, Anna e Italo, Teresa, Zita, Teresina, Massimo e Laura, Vittorio e Annamaria, don Celestino (Trento), Valentina (Milano), Marcello e Emma, Paolo e Betty.

Il nostro grazie continua a farsi riconoscente preghiera al Signore perché largamente vi ricompensi secondo le vostre necessità e i desideri di bene che portate in cuore.

Ogni mese offriremo l’applicazione di una S. Messa per voi, per tutte le vostre intenzioni e per tutti gli altri nostri benefattori.

Con affetto e gratitudine, le vostre sorelle clarisse

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Spariscono dai domiciliari, denunciati per evasione due italiani

Pubblicato

-

Durante i controlli sul territorio i militari di Borgo Valsugana hanno ritirato 3 patenti di guida e denunciato per evasione due italiani.

La prima nei confronti di B.R., italiano 46enne, fermato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Borgo e sorpreso alla guida con un tasso alcolemico medio pari a 2,90 G/L, (5 volte più del consentito dalla legge) che ha comportato anche il sequestro dell’auto ai fini della confisca.

Stesso iter, è stato applicato nei confronti di G.A., italiano 35enne, fermato sempre dai militari del Nucleo Radiomobile e sorpreso con un tasso alcolemico medio pari a 1,56 G/L e V.C. italiano 46enne, fermato dai carabinieri della Stazione di Castel Ivano, risultante positivo al controllo etilometrico con valori medi di 2,46 G/L.. Per tutti, oltre la d.p.l. all’Autorità giudiziaria, ci saranno sanzioni amministrative che potranno raggiungere diverse migliaia di euro

Pubblicità
Pubblicità

I controlli alle persone sottoposte agli arresti domiciliari, hanno comportato il deferimento all’Autorità giudiziaria di 2 persone: V.M italiano 45enne e T.C. italiano, anch’egli 45enne.

I due infatti, che dovevano scontare una pena domiciliare, non risultavano nel domicilio indicato durante il controllo dei militari dell’Arma e venivano quindi denunciati per evasione.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Minacciati con la pistola mentre tagliano gli alberi, denunciato un 55 enne italiano

Pubblicato

-

Due persone si sono presentate presso la Stazione dei Carabinieri di Baselga di Pinè dicendo: “Siamo stati minacciati da un uomo armato di pistola”.

L’episodio sarebbe successo secondo quanto raccontato nel bosco.

I due denuncianti hanno raccontato ai militari di essere stati minacciati con la pistola da un uomo mentre tagliavano la legna.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo gli aveva intimato di andarsene perché infastidito dalla loro attività.

L’attività dei militari dell’Arma si concentrava nella identificazione della persona armata che veniva individuata.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

I militari poi procedevano alla perquisizione domiciliare e del veicolo di T.A., italiano 55enne.

Durante tale attività, veniva rinvenuta una pistola da softair riposta in un armadio, che veniva sequestrata.

Condotto in caserma, confermava di aver minacciato i denuncianti perché disturbavano il suo riposo.

L’uomo è stato denunciato all’Autorità giudiziaria in stato di libertà.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza