Connect with us
Pubblicità

Hi Tech e Ricerca

Nanomnia, la startup trentina che combatte i danni causati dai pesticidi

Pubblicato

-

Da qualche mese c’è anche una startup trentina impegnata in prima linea per contrastare l’inquinamento ambientale causato dall’uso eccessivo di diserbanti, pesticidi e insetticidi.

Si chiama Nanomnia, è stata fondata dai biotecnologi veronesi Marta Bonaconsa, Michele Bovi e Pietro Vaccari, ed è insediata in Progetto Manifattura a Rovereto, l’hub delle green-tech di Trentino Sviluppo.

L’azienda ha brevettato un guscio organico per l’incapsulamento degli agrofarmaci: una tecnologia innovativa fa sì che la pianta malata riconosca il trattamento antiparassitario che le viene applicato come una parte di sé stessa e pertanto lo inglobi, riducendo il rischio di rigetto, facilitandone l’assimilazione e permettendo di utilizzare dosaggi fino a 100 volte inferiori rispetto agli standard tradizionali.

PubblicitàPubblicità

Nanomnia, la startup che cura le piante malate con un innovativo guscio organico per l’incapsulamento degli agrofarmaci, è pronta per questa nuova difficile sfida.

Dopo il progetto di ricerca sui parassiti della vite svolto in collaborazione con l’Università di Padova e il Consiglio per la Sperimentazione e la Ricerca in Agricoltura di Conegliano Veneto, l’impresa insediata nell’hub green di Trentino Sviluppo a Rovereto Progetto Manifattura – recentemente premiata con un grant da 30 mila euro al Premio Unindustria di Confindustria Lazio – si prepara infatti a dare battaglia anche a Xylella, il batterio killer che minaccia l’economia dell’ulivo in Puglia.

Nello specifico, Nanomnia applicherà in campo i propri gusci di nanoparticelle biodegradabili per l’inoculo di fitofarmaci nelle piante.

Ad oggi, infatti, meno dello 0,1% degli agenti curativi applicati in campo effettivamente raggiunge l’obiettivo.

La tecnologia brevettata dalla startup, invece, prevede l’incapsulamento tramite un guscio organico, biodegradabile e biocompatibile, che la pianta assimila considerandolo parte dei suoi stessi tessuti.

Così facendo – spiega la biologa Marta Bonanconsa, fondatrice di Nanomnia – facilitiamo l’assorbimento dell’agrofarmaco, che di conseguenza può essere somministrato in quantità fino a cento volte inferiori rispetto allo standard, con un notevole risparmio da parte dell’imprenditore, che potrà ridurre i propri acquisti di pesticidi”.

Il maggiore assorbimento garantirà inoltre una maggiore specificità nel trattamento, una più alta resistenza dell’agrofarmaco alla degradazione e al dilavamento e, non ultima, una più bassa dispersione di residui inquinanti nel terreno e nella falda acquifera.

Una tecnologia, quella della startup, che oltre all’Italia ha già conquistato il mercato svizzero e inglese e si prepara a sbarcare anche in settori molto diversi dall’agritech, come l’industria farmaceutica e biomedicale, la nutraceutica e la cosmetica.

Pubblicità
Pubblicità

Hi Tech e Ricerca

Il Trentino vincitore del BioInItaly Investment Forum 2019

Pubblicato

-

Organoo, idea imprenditoriale high-tech supportata da HIT e con tecnologia dell’Ateneo-CIBIO, vince il prestigioso premio 2019 di BioInitaly Investment Forum 2019

Il risultato è stato commentato positivamente dall’Assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia autonoma di Trento, come un’ulteriore dimostrazione di quanto la ricerca scientifica trentina di più alto livello – se ben accompagnata e supportata nelle delicate fasi di trasferimento tecnologico – possa farsi impresa e giungere rapidamente al mercato, arricchendo così il tessuto economico locale in una logica di filiera e generando occupazione altamente specializzata.

Il sistema trentino del trasferimento tecnologico ha ricevuto a Milano – nel corso dell’evento finale di BioInItaly Investment Forum, iniziativa strategica con la presenza di oltre 100 investitori privati del settore delle biotecnologie e scienze della vita, promossa da Intesa Sanpaolo Innovation Center, Assobiotec-Federchimica e il Cluster Tecnologico Nazionale della Chimica verde – un riconoscimento molto rilevante attraverso il progetto imprenditoriale di Organoo: una futura impresa high-tech accelerata da HIT- Hub Innovazione Trentino e nata dalle tecnologie sviluppate all’interno del Dipartimento di Biologia Cellulare, Computazionale e Integrata (CIBIO) dell’Ateneo trentino, premiata come il più rilevante e interessante progetto di startup a livello nazionale per le scienze della vita.

PubblicitàPubblicità

Il team trentino è stato infatti selezionato come il più promettente (vincendo il Novartis oncology award ed il Z-Cube award) all’interno degli oltre 150 progetti di impresa valutati nel corso degli ultimi mesi dagli organizzatori del programma nazionale, ma anche per le importanti ricadute sulle scoperte di nuove terapie per la cura del cancro.

Tra le 14 finaliste, Organoo era stata selezionata assieme all’altra startup trentina “Bruno Meat”. Organoo e Bruno Meat nascono da tecnologie sviluppate presso l’Università di Trento, Dipartimento CIBIO e sono supportate da HIT con un percorso intenso di accelerazione imprenditoriale dal laboratorio verso il mercato.

In particolare, Organoo prende avvio dagli studi e dalle ricerche sviluppate dal Prof. Luca Tiberi, responsabile del Laboratorio sulle malattie ed il cancro al cervello e giunto in Trentino qualche anno fa grazie ad una borsa di studio molto prestigiosa vinta da CIBIO e finanziata dalla Fondazione americana Armenise-Harvard.

L’idea di business intende costituire una startup per la produzione di kit per test farmacologici su organoidi per velocizzare il processo di scoperta di nuovi farmaci. Ciò permetterà di ridurre drasticamente il costo per il drug screening ed è già in grado di generare modelli di organoidi del cancro umano.

Bruno Meat nasce invece da una collaborazione con gli studi del Prof. Stefano Biressi, esperto in biologia molecolare, e si dedica allo studio di tecnologie biotech innovative per la creazione di carne sintetica in vitro sostenibile.

BioInItaly è dal 2008 l’investment forum di riferimento per l’innovazione nelle biotecnologie e life sciences in Italia.

Dal 2010 è affiancato all’Intesa Sanpaolo Start-up Initiative e dal 2015 viene preceduto da un roadshow nazionale finalizzato alla raccolta e alla selezione dei progetti più interessanti.

All’edizione 2019, hanno partecipato aziende e fondi investimento del livello di Novartis, Novamont, Ellen MacArthur Foundation, Stifel, LCA, Goodwin, LE2C, Bird & Bird, Z-Cube e ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Hi Tech e Ricerca

Cimec Rovereto: quando essere cavia aiuta la scienza e anche il portafoglio

Pubblicato

-

Immaginiamo la ricerca scientifica come una macchina in perenne movimento e quindi con un continuo bisogno di alimentazione.

Alimentazione che noi possiamo arricchire soprattutto attraverso le donazioni.

Oltre a donare una parte del nostro possibile reddito, esiste però un’altra concreta opportunità: cioè quella di investire interamente noi stessi, diventando delle vere e proprie cavie umane.

PubblicitàPubblicità

Tutto questo al CIMEC di Rovereto è possibile.

Il CIMEC (Centro Interdipartimentale Mente/Cervello) è formato da 5 dipartimenti: Psicologia, Scienze Cognitive, Lettere e Filosofia, Fisica, Matematica, Ingegneria e Scienze dell’ Informazione.

Il Centro si occupa di ricerca in diversi settori che spaziano dalla psicologia sperimentale ai metodi di acquisizione di neuroimaging, alle neuroscienze cognitive comprendendo la linguistica computazionale e la cognizione animale.

Se la semplice donazione in denaro non ci fa sentire abbastanza utili per la scienza, il CIMEC offre l’opportunità a persone di ogni sesso ed età di essere cavie per un giorno.

Esperimenti comportamentali elettroencefalogramma, risonanza magnetica, ed osservazione delle azioni sono alcuni degli esperimenti richiesti.

Durante le sessioni, al partecipante viene richiesto di fare vari tipi di esercizi: dai visivi agli uditivi. Riuscendo così ad individuare le risposte da parte del nostro organo principale.

In base al tipo di esperimento ed alla sua durata, la futura cavia riceverà un rimborso spese che potrà variare dai 5 ai 30 euro. Non sorprende infatti che siano in moltissimi a rispondere agli annunci dei ricercatori.

Esiste una vera e propria bacheca sui social all’interno della quale i ricercatori di ogni università possono pubblicare i loro annunci, descrivendone la posizione, i requisiti per partecipare ed il relativo rimborso, se presente.

Nonostante i requisiti di partecipazione siano piuttosto rigidi, (limiti di età, sesso ecc.) l’affluenza nelle risposte è singolare.

A rispondere, soprattutto studenti universitari e questo non sorprende. L’idea di un bonifico seppur minimo infatti, è molto accattivante.

Spesso infatti il mondo dell’università, tra libri, tasse e affitto risulta piuttosto costoso.

«Molti studenti stanno trovando un “comodo appoggio” in questa partecipazione – spiega Anna, studentessa del terzo anno di Lettere e Filosofia. “Perchè non approfittarne per pagarsi un libro?”».

Fare da cavia ad un esperimento scientifico, prestandosi alla scienza ed in cambio ricevere un compenso è comunque una soddisfazione.

In un certo senso è come aiutare il futuro e ritrovarsi a fine mese con quale soldo in più, unisce l’utile al dilettevole.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Hi Tech e Ricerca

Via libera al Forum per la ricerca

Pubblicato

-

Via libera dalla Giunta provinciale, su proposta dell’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro, al Forum per la ricerca, soggetto la cui missione è quella di analizzare gli ambiti più rilevanti della ricerca e dell’innovazione in Trentino valutando e orientando il loro impatto sul tessuto economico.

Entro il prossimo luglio il Forum dovrà produrre, attraverso il confronto con i diversi attori della ricerca ma anche con le categorie economiche, un documento di analisi, di visione e di proposta, in base al quale elaborare anche l Piano pluriennale della ricerca.

La gestione del Forum è affidata a Trentino Sviluppo.

Pubblicità
Pubblicità

Il Forum è composto da 15 membri, di cui almeno 2 di genere femminile. Otto di essi saranno individuati fra gli esperti in materia di ricerca scientifica e di conoscenza dei mercati; l’indicazione dei nominativi verrà concordata fra Trentino Sviluppo e l’Assessorato allo Sviluppo Economico, Ricerca e Lavoro. Due ciascuno saranno indicati rispettivamente dall’Università di Trento, dalla Fondazione Bruno Kessler e dalla Fondazione Edmund Mach. Infine, ne fa parte di diritto il presidente del Comitato per la ricerca e l’innovazione, prof. Mario Calderini.

Il documento che scaturirà, entro tre mesi, dal lavoro di questo nuovo soggetto, conterrà indicazioni importanti sugli ambiti di ricerca più significativi per lo sviluppo del territorio provinciale. Ciò permetterà di concentrare le risorse nelle direzioni che appaiono maggiormente convincenti, pur garantendo il necessario e imprescindibile sostegno alle attività di ricerca di base, libera e fondamentale.

L’obiettivo insomma è di evitare la dispersione e di fare massa critica negli ambiti che possono generale le ricadute più interessanti, sia sul versante economico sia per la risoluzione di problemi reali e la creazione di nuove opportunità, in ogni senso.

Tutto ciò confluirà poi nel nuovo Programma pluriennale della ricerca, principale documento di programmazione in materia.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza