Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

«Con il bene vinci il male». Al PalaRotari la Divina Commedia spiegata da Vivaldelli

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La Divina Commedia molto spesso viene ignorata perché troppo lunga, non viene capita, viene lasciata come cimelio nelle biblioteche.

Quello di ieri sera al PalaRotari è stato un’affascinante viaggio nella Divina Commedia con un »Cicerone» d’eccezione; il professor Gregorio Vivaldelli.

La proposta è stata dell’Arcidiocesi di Trento, in collaborazione con la Biblioteca Vigilianum.

Il professore è stato in grado di dare una nuova vita a questo capolavoro straordinario (si fa fatica a  trovare aggettivi più grandi), ma non solo.

È stato in grado di attualizzarla fino ai giorni nostri, facendo capire come quattordicesimo e ventunesimo secolo in realtà hanno molto in comune.

La facilità nello spiegare concetti all’apparenza complicati, ha fatto sì che si creasse un ponte fra queste due epoche, la prima essenziale per capire la seconda.

Pubblicità
Pubblicità

Il professore descrive la Commedia con delle parole splendide “è un tuffo nella propria vita”.

In questa serata Vivaldelli si è occupato del VII cerchio dell’Inferno, riservato ai violenti.

Per chi fosse stata la prima volta di questo spettacolo, si è iniziato con un approfondito sommario introduttivo che raccogliesse brevemente i monologhi precedenti.

Leggendo il famoso verso “nel mezzo del cammin di nostra vita” Vivaldelli esordisce così: “il mezzo significa il momento in cui si ha la speranza e il desiderio di costruire la propria vita. Avviene quando io sono in mezzo fra gli altri, e capisco che nell’altro realizzo me stesso. Il troppo individualismo porta all’esclusione, al non essere più in mezzo, e all’essere narcisista”. L’esordio con queste parole sagge rende già l’idea del livello così alto che  in pochi minuti si riesce a raggiungere. La saggezza dantesca così nascosta, inizia ad emergere in maniera trionfante.

Dopo un sommario, che nonostante la parola limitativa, è stato veramente molto ricco, si giunge nel VII cerchio dell’Inferno.

In questo cerchio risiedono i violenti. L’ambiente puzza. È un odore che non si riesce a sopportare.

I violenti, i fraudolenti e i traditori sono i peccati più gravi dell’Inferno e vengono puniti molto ferocemente. L

a loro colpa è quella di aver usato l’intelligenza (un dono di Dio) per danneggiare gli altri. Per questo motivo sono divisi dagli incontinenti attraverso le mura della città di Dite.

A guardia dell’ingresso c’è il Minotauro, simbolo della violenza (primo girone).

Riprendendo frasi del professore “l’uomo diventa bruto quando si abbandona a sembianze bestiali. Non c’è nessun tipo di virilità nell’usare la violenza”.

Nel secondo girone risiedono  coloro che hanno fatto violenze contro se stessi: i suicidi e gli scialacquatori. Il professore fa notare che in questo luogo sia presente Pier della Vigna (1190-1249).

Era il più importante cancelliere di Federico II, ma attraverso delle cattive notizie (il professore ironizza come “fake news”) viene etichettato come un congiurato nei confronti del Re.

Il Re ci crede e lui (secondo Dante) si suicida per la vergogna. Condizione, purtroppo, attualissima di  tutti coloro che vittime di cattive dicerie, non vedono alternative migliori alla straziante idea di lasciar morire il proprio corpo.

Nel terzo girone si stanziano i violenti contro Dio (usurai, sodomiti, bestemmiatori), e nella pioggia di fuoco che fa patire attimi strazianti a tutti coloro che ne sono colpiti, uno sembra non piegarsi al dolore.

È Capaneo (nella Tebaide di Stazio era uno dei sei Re che assaltò Tebe). Sottolinea il professore come questo personaggio rappresenti l’arroganza e la superbia che sta alla base del male. Questi gravi comportamenti si scagliano addirittura contro Dio.

In questo caso il comportamento impertinente di Capaneo, impedisce a Dio di punirlo, e di fargli notare gli sbagli commessi. È la convinzione che una persona sia così e che non possa essere giudicata diversamente da nessuno. Nemmeno da Dio.

Il professor Vivaldelli ha descritto in maniera attualizzata alcuni gironi dell’Inferno con una capacità di dialogo straordinaria.

Il coinvolgimento emotivo da parte del pubblico è stato molto forte, tanto che la sala si è lasciata ad un lunghissimo applauso. L’auditorium strapieno faceva presagire che non sarebbe stata una serata qualunque, e difatti il professore è riuscito ad appassionare un pubblico di tutte le età.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina20 minuti fa

Lavarone: per Gabriele Kipewa missione compiuta, nuota sotto il ghiaccio per 18 metri in apnea

Sport31 minuti fa

Marcialonga: Vince Emil Persson, dominano gli scandinavi

Trento7 ore fa

Plastic Free 2023: premiati anche 6 comuni del Trentino

Trento8 ore fa

RSA, le famiglie scrivono all’azienda sanitaria: aprire alle visite e alla riforma

Telescopio Universitario8 ore fa

UniTrento – “Al museo mi diverto anch’io!” Aprire i musei alle persone con autismo: ecco come fare

Trento8 ore fa

Trasporto sanitario in urgenza-emergenza: approvate le modalità per la rendicontazione delle spese

Trento8 ore fa

A marzo terminato il Depuratore Trento 3, servirà 150 mila cittadini

Trento8 ore fa

Francesca Gerosa nominata nel direttivo nazionale di Federcasa

Trento9 ore fa

Anno giudiziario 2023: in Trentino Alto Adige aumentano tutti i reati

Italia ed estero11 ore fa

In Antartide rilevata l’emissione di notevoli quantità di gas serra dal suolo perennemente ghiacciato

Spettacolo11 ore fa

Due giorni a passo di tango con la Compagnia Naturalis Labor

Vita & Famiglia12 ore fa

Aborto. Pro Vita & Famiglia: «Il Parlamento è libero di modificare la Legge 194»

Val di Non – Sole – Paganella22 ore fa

Buoni legna a Cavareno, aperte le richieste

Trento23 ore fa

Giovanni Coletti a Tgcom24: «Crescita ragazzi autistici dramma mondiale»

Val di Non – Sole – Paganella23 ore fa

Denno: ecco come effettuare la pulizia (obbligatoria) dei camini e delle canne fumarie

Trento2 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Offerte lavoro3 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento1 settimana fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento1 settimana fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Trento4 settimane fa

Arrivano i saldi invernali: ecco quando inizieranno

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza