Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Subito il congresso provinciale, per una destra vera in Trentino – Piergiorgio Plotegher

Pubblicato

-

«Io la penso così» – Facci sapere anche tu come la pensi  la rubrica dedicata ai lettori – (invia a redazione@lavocedeltrentino.it)

Egregio direttore,

manca ormai da molti anni una voce di autentica destra nel Consiglio Provinciale di Trento. Sia chiaro che non intendo riferirmi ad un modello di destra liberal-democratica ma a quella destra sociale che, nata in Italia negli anni 20 del 900, ebbe in seguito la stessa impostazione ideologica con il Movimento Sociale di Giorgio Almirante nel dopoguerra.

Pubblicità
Pubblicità

Anche dopo alcuni mutamenti politici di vertice, più o meno felici, con la fondazione di Alleanza Nazionale, i Consiglieri Provinciali che hanno rappresentato la destra Trentina a livello Istituzionale sono sempre stati fedeli a quella Tradizione storico-politica, difendendo presupposti essenziali di amor di Patria e di ordine, anche all’ interno di una Autonomia peraltro troppo spesso tradita da un potere locale inefficiente e lontano dalle esigenze popolari.

Come spesso si verifica nella storia, una serie di accadimenti negativi, culminati nei ripetuti tradimenti di Gian Franco Fini, hanno pesantemente penalizzato l’immagine di una Comunità politica come quella della Destra Trentina affermatasi, malgrado le limitatissime risorse finanziarie, fino ad ottenere due consiglieri Provinciali nel 1998 ed a mancare solo per pochi voti la conquista del Comune di Rovereto nel 2000.

La linea politica seguita in Provincia e nei Comuni è sempre stata ispirata ad un irrinunciabile concetto di difesa della identità nazionale come premessa per la difesa della popolazione contro una sempre più minacciosa caduta dei criteri di sicurezza delle persone e per opporsi a un decadimento dei valori morali e civili, in diretto rapporto con la crisi ormai inveterata di Istituzioni basilari, come la Scuola, da troppi anni in balia del devastante pensiero unico della Sinistra all’insegna del falso progressismo che la caratterizza.

Nel novembre scorso abbiamo salutato con favore la fine del centro-sinistra-autonomista in Provincia augurandoci che il successo leghista di Fugatti ponga fine ad un Trento-Centrismo all’insegna di una sfrenata burocratizzazione, clientelare, nemica di ogni libero spirito di impresa e di efficienti realizzazioni decentrate. Registriamo con favore alcuni indicativi segnali di intervento nelle Scuole da parte dell’Assessore Bisesti, contro l’ambiguità della Giunta Rossi che aveva permesso l’entrata nelle Scuole di sostenitori di assurde e pericolose teorie come quelle del Gender.

Ci auguriamo che il nuovo Governo Provinciale prosegua decisamente nella sua azione di controllo dell’immigrazione gestita finora nel segno dello spreco e dell’assoluta indifferenza per la nostra Storia e le nostre Tradizioni premiando molte volte interessi personali o di fazione mascherate a gran voce da improbabili ed ipocriti proclami solidaristici.

La complementarietà di Fratelli d’Italia potrà concretizzarsi in maniera molto più incisiva se verrà al più presto risolta la crisi Istituzionale all’interno del Partito dove manca del tutto un direttivo provinciale dopo le dimissioni rassegnate la scorsa estate da Marika Poletti, oltretutto in maniera scorretta ed immotivata, a due mesi dalle elezioni Regionali.

Soltanto un Congresso Provinciale dove si discuta finalmente dopo anni sulla organizzazione e sulle finalità progettuali del Partito potrà dare allo stesso consistenza e attendibilità.

Soltanto un Congresso Provinciale potrà rafforzare anche l’organizzazione del Partito là dove lo stesso opera in Vallagarina con un Sindaco ad Avio e a Rovereto, con la presenza di 8 consiglieri di FdI in tutte le circoscrizioni della città.

Le potenzialità di Fratelli d’Italia sono notevoli in Provincia, soprattutto se saranno valorizzate presenze preziose come quella del Sindaco di Avio che ha ottenuto un notevolissimo numero di voti alle Regionali e di tanti altri preziosi militanti in tutta la Provincia non dimenticando mai i nostri storici contatti con gli italiani dell’ Alto Adige .

Si avvicinano importanti scadenze elettorali e mi auguro pertanto che ci si possa arrivare con una organizzazione provinciale di Partito tale da valorizzare ogni risorsa all’interno dello stesso ed attirando nuovi consensi mettendo in secondo piano in particolare le piccole beghe personali con un attento sguardo ad un futuro illuminato in queste ore dal grande successo del Partito e della coalizione nelle Elezioni Regionali di Abruzzo.

Piergiorgio Plotegher – già consigliere provinciale-regionale del MSI-DN e AN, consigliere circoscrizionale di FdI di Rovereto

Pubblicità
Pubblicità

Io la penso così…

Quella volta in cui gli alieni salirono alla corte dell’”Essere umano” – Di Michael Moser 

Pubblicato

-

Egregio direttore,

non è raro, anzi capita piuttosto di frequente sui suoi profili social, nei dibattiti televisivi o nell’Aula del Consiglio Provinciale, di vedere il Consigliere provinciale Paolo Ghezzi (Futura 2018) richiamare i propri colleghi a un maggiore impegno nella lettura.

Celebri i suoi: ”Lei legge ma non comprende!” o ”Suggeriamo un corso di educazione civica e storica per i rappresentanti della destra di Governo in Provincia di Trento e in Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol”.

Pubblicità
Pubblicità

È evidente che tali comportamenti potrebbero essere accettati dai suoi colleghi e dai cittadini trentini nel caso in cui il suo atteggiamento fosse impeccabile e la sua conoscenza illimitata, ma purtroppo (sic!) così non è.

La contraddizione è insita nello stesso epiteto “Essere umano” che il sopracitato consigliere si è auto-conferito, figlio della tradizione di sinistra radicale che, negli ultimi anni, ha trovato terreno fertile in Jeremy Corbyn e Bernie Sanders.

La scelta di questo appellativo, fatta per evitare di discriminare altri soggetti (migranti innanzitutto), rischia di essere fatale per chi – come il Consigliere Ghezzi – in questo e in molti altri casi ignora la scienza.

La tassonomia ci insegna che la classificazione viene effettuata per riunire varie entità in categorie in base a quello che hanno in comune.

Ciò, come si può facilmente intuire, porta necessariamente alla formazione di gruppi con caratteristiche diverse e quindi ad una “discriminazione” tra ciò che è, e ciò che non è.

Il Consigliere Ghezzi, scegliendo l’epitetoEssere umano”, sceglie deliberatamente di discriminare le c.d. specie aliene, ovvero “qualsiasi specie vivente che, a causa dell’azione dell’uomo (intenzionale o accidentale), si trova ad abitare o colonizzare un territorio diverso dal suo areale storico”, quindi proprio chi egli intendeva proteggere da discriminazione!

Noi di AGIRE per il Trentino, non abbiamo l’ardire di invitare il Consigliere Ghezzi a frequentare un corso di scienze, né quello di regalargli un libro di biologia, ma gli suggeriamo umilmente di rimuovere quell’appellativo dai suoi profili social, attendendo che la storia gliene consegni uno consono al suo “status”.

Michael Moser – Coordinatore territoriale Valle di Cembra, AGIRE per il Trentino

«Io la penso così» – la rubrica dedicata ai lettori – (invia a redazione@lavocedeltrentino.it)

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Io la penso così…

Il pericolo delle democrazie troppo umanitarie 2 – di Luigi Gatti

Pubblicato

-

Spett.le direttore,

rispondo all’invito di far sentire la mia a proposito dell’articolo pubblicato dal suo giornale in data 3 aprile a firma di Claudio Forti (Il pericolo delle democrazie troppo «umanitarie»)

Premetto che sono un signore di una certa età e ricordo bene il referendum sulla legge 194 del 1978, quando mi schierai a favore del mantenimento della suddetta legge, che come altre di quegli anni appariva a tutti gli effetti un passo avanti nel progresso civile della società.

Pubblicità
Pubblicità

A distanza di anni, però, ho avuto modo di riflettere e rivedere ampiamente la mia posizione, per cui se dovessi esprimermi adesso sul mantenimento della legge, non avrei esitazione a votare NO.

Ovviamente, faccio eccezione su casi gravi e comprovati, come potrebbe essere il rischio per la salute della madre, nel caso la gravidanza venisse portata avanti.

E in effetti era con questo spirito che la legge era nata, non per niente si ribadiva il rifiuto dell’aborto quale mezzo per liberarsi di gravidanze indesiderate.

In realtà col passare degli anni si è ricorso all’aborto con sempre maggiore leggerezza,tant’è verso che si sente spesso chiedere ad una donna non troppo contenta dell’avvenuto concepimento: “Che fai, lo tieni?”, come se il proseguimento di una vita già in essere dipendesse dal suo insindacabile giudizio.

Uno degli slogan più fortunati del vecchio movimento femminista era :”Il corpo è mio e lo gestisco io“, o in alternativa: “L’utero è mio e lo gestisco io”.

Affermazioni, certo, sacrosante, ci mancherebbe altro!

Se una donna vuole tagliarsi un dito o un piede, sono affari suoi, se vuole buttarsi da un ponte, libera di farlo; ma nel momento in cui nel suo corpo e nel suo utero, comincia a vivere una nuova vita, no: il corpo non è più soltanto suo, ma è anche di un altro essere vivente, desiderato o meno che possa essere, un altro essere che vive già di vita propria, minuscolo magari come un fagiolo, ma vivo!

E se è vivo, è già depositario del diritto inalienabile alla vita.

Mi si dirà: “Ma vive attraverso la madre, respira attraverso la madre, si nutre attraverso la madre“. E allora? Vive, respira, si nutre: questa è la realtà.

Anche una persona in coma respira e si nutre attraverso una macchina, ma non per questo schiacciamo l’interruttore e la mandiamo in malora.

La vita è qualcosa che non ci appartiene, non siamo noi a farla nascere, a dispetto degli esperimenti di laboratorio, e non siamo, né possiamo essere noi a decretarne la fine.

Mi è capitato di leggere anni fa un caso avvenuto a Venezia, credo: un uomo che aveva ucciso la sua compagna incinta.

Mi colpì il fatto che l’uomo venisse incriminato per “duplice” omicidio, in quanto il giudice ritenne il feto depositario del diritto insindacabile alla vita.

Perché, allora, mi chiedo, quello fu ritenuto depositario del diritto alla vita e gli altri, i tanti che la perdono nelle cliniche no? Chi è che detiene il diritto insindacabile di decidere della vita di un feto?

Luigi Gatti – Trento

«Io la penso così» – la rubrica dedicata ai lettori – (invia a redazione@lavocedeltrentino.it)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Io la penso così…

L’ennesimo errore del centro sinistra e l’addio di Andreatta – di Andrea Merler

Pubblicato

-

Spett.Le Direttore,

in Trentino dopo le elezioni del 2018 tutto è cambiato.

In Provincia è cambiata la guida politica dopo più di un ventennio di governo del centrosinistra-autonomista. Non è finita qui.

Pubblicità
Pubblicità

Dal prossimo anno anche nel Comune di Trento potrebbe governare un’altra maggioranza.

I recenti congressi del PATT e di Progetto Trentino dimostrano che è ancora il centrodestra a trazione leghista ad interpretare il ruolo della lepre.

Il centrosinistra arranca ancora imbrigliato dall’autolesionismo del Partito Democratico che ancora si illude di recuperare l’apporto del PATT. Non sarà affatto così e l’ex Presidente della Provincia Rossi l’ha detto oggi senza mezzi termini. Quella stagione è finita ad ottobre del 2018.

Qualcuno cercherà di sostenere che le elezioni comunali sono tutt’altra partita da giocare, ma se guardiamo le continue fibrillazioni della ormai risicata maggioranza c’è ben poco da stare sereni.

A mio modo di vedere l’esito delle elezioni del nuovo Sindaco di Trento appaiono perciò indirizzate alla vittoria scontata del centrodestra a trazione leghista con l’apporto del centro rafforzato figlio del prevedibile accordo elettorale – o forse anche qualcosa di più – tra Progetto Trentino e il PATT.

Questo rafforzamento del centrodestra credo che non lascerà scampo a questo centrosinistra.

Resta solo da capire dove vorranno collocarsi i cinque consiglieri “solitari” del nuovo gruppo #INMOVIMENTO anche se non posso pensare di vederli ancora nel centrosinistra che hanno formalmente abbandonato al suo destino.

E’ anche illusorio pensare che vi possa essere uno spazio politico “nuovo” al centro. “Nostalgia canaglia” del tripolarismo perché invece bisognerà pur sempre collocarsi all’interno di due opposte coalizioni per non frammentare un quadro politico che altrove si sta invece riequilibrando verso una nuova stagione del bipolarismo.

Il Movimento Cinque Stelle – che a Trento non ha mai veramente sfondato – pare invece destinato ancora di più all’irrilevanza politica.

Il puzzle sta per comporsi e resta solo da capire chi sarà in grado di proporre il candidato Sindaco.

Nel centrodestra-autonomista e Lega permettendo, potrebbero venire in rilievo le ambizioni mai sopite del PATT e in particolare del suo assessore Roberto Stanchina.

I distinguo di quest’ultimo periodo sono solo l’antipasto di quello che avverrà in seguito.

In questo quadro il centrosinistra s’illude ancora di dettare l’agenda politica e di imporre una sorta di continuità con il Sindaco Andreatta, ma sta facendo l’ennesimo errore politico perché collegare questa impalpabile consigliatura ad un legato vincolato ad un esponente del PD non permetterà certamente di ri-costruire una coalizione vincente.

Dobbiamo prendere atto che il centrosinistra ci ha forse preso gusto a farsi del male da solo con autogol clamorosi quando invece dovrebbe rilanciare proponendo un nuovo modo di agire politico che coinvolga ad esempio le varie liste civiche circoscrizionali.

Il post Andreatta si sta costruendo nelle due coalizioni in modo assai diverso perché il centrosinistra pare continuare nella sua linea autolesionista mentre il centrodestra-autonomista si sta potenziando ed è seriamente candidato a guidare anche il capoluogo.

Andrea Merler – Trento

«Io la penso così» – la rubrica dedicata ai lettori – (invia a: redazione@lavocedeltrentino.it)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

di tendenza